La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Strutture delle rocce magmatiche intrusive ed effusive.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Strutture delle rocce magmatiche intrusive ed effusive."— Transcript della presentazione:

1 Strutture delle rocce magmatiche intrusive ed effusive

2 La grande varietà di strutture e tessiture che le rocce magmatiche esibiscono riflettono i numerosi fattori che influenzano la cristallizzazione di un magma cristallizzazione in un intervallo di temperatura che può raggiungere anche alcune centinaia di gradi; numero di fasi solide che si formano dal liquido; frequenti episodi di disequilibrio; spesso la cristallizzazione non giunge a completamento.

3 La struttura definisce: -Il grado di cristallinità la proporzione tra cristalli e vetro; -la grana dei minerali -la forma dei minerali La tessitura definisce: - le relazioni spaziali tra i vari minerali costituenti la roccia

4 Proporzione tra cristalli e frazione vetrosa olocristallinaipocristallina o oloialina ipoialina 100% cristalli 100% vetro

5 Rocce plutoniche rocce che iniziano e completano la cristallizzazione allinterno della crosta terrestre; Rocce effusive rocce che possono iniziare la cristallizzazione in condizioni intratelluriche, ma che in ogni caso la completano in condizioni superficiali.

6 Struttura fanerocristallina o faneritica cristalli distinguibili ad occhio nudo (o mediante lente dingrandimento) Struttura afanitica cristalli non distinguibili ad occhio nudo. I termini fanerocristallino ed afanitico sono termini da usare esclusivamente per osservazioni mesoscopiche

7 Una roccia plutonica risulterà avere una struttura olocristallina granulare Olocristallina = assenza di frazione vetrosa; Granulare = presenza di cristalli di dimensioni faneritiche;

8 Dimensioni della grana a grana grossa, quando i singoli minerali hanno dimensioni superiori a 5 mm; a grana media quando i cristalli hanno dimensioni comprese tra 5 ed 1 mm; a grana minuta, quando i cristalli hanno dimensione inferiore ad 1 mm.

9 Per descrivere una roccia con granuli di dimensioni simili si usa il termine omeogranulare; per descrivere una roccia in cui i granuli hanno dimensioni sensibilmente differenti si usa il termine eterogranulare

10 Forma dei cristalli In molte rocce, al microscopio, è possibile riconoscere una sequenza di cristallizzazione: minerali euedrali o idiomorfi ben formati, contorno che ripete labito cristallino; minerali anedrali o allotriomorfi non hanno un contorno regolare, cristallizzati negli spazi residui.

11 Struttura ipidiomorfa Struttura in cui è possibile riconoscere la sequenza di cristallizzazione delle varie specie mineraliche Presenza di cristalli euedrali, subeuedrali e anedrali

12 Struttura autoallotriomorfa o xenomorfa Struttura in cui non è possibile riconoscere un ordine di cristallizzazione; i minerali presenti sono tutti anedrali cristallizzati nel medesimo momento

13 In una roccia magmatica effusiva, spesso, una specie cristallina spicca per dimensioni rispetto ad una matrice denominata pasta di fondo o mesostasi struttura porfirica. I minerali di dimensioni maggiori, visibili ad occhio nudo, si chiameranno fenocristalli.

14 Tipologie di mesostasi: microcristallina i cristalli sono riconoscibili allanalisi microscopica criptocristallina i cristalli sono troppi piccoli anche per losservazione microscopica, la loro indagine deve essere effettuata mediante microscopia elettronica oppure diffrattometria


Scaricare ppt "Strutture delle rocce magmatiche intrusive ed effusive."

Presentazioni simili


Annunci Google