La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRESCRIZIONI DI NORMATIVA PER EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE IN MURATURA SECONDO IL D.M. 14/01/2008 (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRESCRIZIONI DI NORMATIVA PER EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE IN MURATURA SECONDO IL D.M. 14/01/2008 (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate."— Transcript della presentazione:

1 PRESCRIZIONI DI NORMATIVA PER EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE IN MURATURA SECONDO IL D.M. 14/01/2008 (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate sono tratte dal testo: “Metodi di calcolo e tecniche di consolidamento per edifici in muratura” – Michele Vinci – Flaccovio Ed.

2 Parametri meccanici – muratura nuova Valutazione dei parametri meccanici Per definire i parametri meccanici della muratura di nuova costruzione occorre seguire le prescrizioni riportate nel punto del D.M. 14/01/2008. Secondo il suddetto punto, i parametri meccanici della muratura si calcolano in funzione della resistenza caratteristica del singolo blocco (f bk ) dichiarata dal produttore e della resistenza media della malta. Per i blocchi deve essere fatta la prova di accettazione in cantiere. Occorre esaminare almeno tre campioni, ognuno dei quali composto da tre elementi. Date le resistenze medie dei tre campioni f 1, f 2, f 3, con f 1 < f 2 < f 3. Affinché sia superata la prova, devono essere soddisfatte le due seguenti relazioni:

3 Valutazione dei parametri meccanici Le prestazioni meccaniche di una malta vengono definite mediante la resistenza media a compressione f m. La categoria si definisce da una lettera M seguita da un numero che indica la resistenza espressa in N/mmq. Per le murature portanti non sono ammesse malte con resistenza inferiore a 2.5 N/mmq. Muratura di nuova costruzione

4 Valutazione dei parametri meccanici Noto f bk e la resistenza della malta f m, è possibile determinare i parametri meccanici della muratura. Resistenza caratteristica a compressione f k per elementi artificiali pieni e semipieni Per valori non contemplati si procede con interpolazione lineare. In nessun caso sono ammesse estrapolazioni. Muratura di nuova costruzione

5 Valutazione dei parametri meccanici Resistenza caratteristica a compressione f k per elementi naturali di pietra squadrata Per valori non contemplati si procede con interpolazione lineare. In nessun caso sono ammesse estrapolazioni. Muratura di nuova costruzione

6 Valutazione dei parametri meccanici La resistenza caratteristica a taglio f vk0 si ottiene dalla seguente Tabella, sia per elementi artificiali che naturali Per valori non contemplati si procede con interpolazione lineare. In nessun caso sono ammesse estrapolazioni. Muratura di nuova costruzione

7 Valutazione dei parametri meccanici Dalla resistenza caratteristica a compressione f k si ottengono anche i moduli elastici (E, G) secondo le seguenti relazioni: E = 1000∙f k G = 0.4 ∙ E Le tensioni di calcolo si ottengono da quelle caratteristiche secondo le seguenti relazioni: Muratura di nuova costruzione

8 Esempio Calcolare le caratteristiche meccaniche della muratura secondo il D.M. 14/01/2008. Si assume una malta di classe M10 Muratura di nuova costruzione

9 Esempio In funzione della resistenza del blocco (f bk ) e della malta (M10), si ricava la resistenza caratteristica a compressione: Muratura di nuova costruzione

10 Esempio In funzione della resistenza del blocco (f bk ) e della malta (M10), si ricava la resistenza caratteristica a taglio (f vk0 ) in assenza di carichi verticali: Muratura di nuova costruzione

11 Esempio Calcolo dei moduli elastici: Tensioni di calcolo: Muratura di nuova costruzione

12 Regole di dettaglio Ad ogni piano deve essere realizzato un cordolo continuo all’intersezione tra pareti e solai. I cordoli devono: avere altezza minima pari a quella del solaio; avere larghezza pari a quella del muro (è ammesso un arretramento massimo pari a 6 cm sul filo esterno); avere armatura longitudinale minima pari ad 8 cmq (4  16); avere diametro delle staffe maggiore o uguale a 6 mm; avere interasse delle staffe minore o uguale a 25 cm. Travi metalliche o prefabbricate del solaio devono entrare nel cordolo per almeno metà dello spessore (almeno 12 cm) ed opportunamente ancorate. Muratura di nuova costruzione

13 Regole di dettaglio In corrispondenza di incroci d’angolo tra due pareti perimetrali sono prescritte, su entrambe le pareti, zone di parete muraria di lunghezza non inferiore a 1 m, compreso lo spessore del muro trasversale. Al di sopra di ogni apertura deve essere realizzato un architrave resistente a flessione efficacemente ammorsato alla muratura. Muratura di nuova costruzione

14 Verifiche elementi di nuova costruzione Le pareti devono rispettare i requisiti previsti dalla Tabella 7.8.II delle NTC Muratura di nuova costruzione

15 Pressoflessione per carichi laterali La verifica tiene conto delle instabilità che possono creare i carichi verticali applicati sulla parete in modo eccentrico. La verifica si ritiene soddisfatta quando è verificata la seguente relazione: dove N Sd è la forza assiale sollecitante di progetto; N Rd è la forza assiale resistente di progetto; f d è la resistenza di calcolo a compressione della muratura; A è l’area della sezione trasversale del pannello murario. Muratura di nuova costruzione

16 Pressoflessione per carichi laterali Il coefficiente  t si ottiene dalla seguente Tabella, riportata nel punto delle NTC, n funzione della snellezza (l) della parete e del coefficiente di eccentricità dei carichi (m). Muratura di nuova costruzione

17 Pressoflessione per carichi laterali (coefficiente di eccentricità dei carichi) 0 ≤ m ≤ 2 (valori ammessi per il coefficiente m) Per m = 1 andamento triangolare delle tensioni Per 1 < m < 2 sezione parzializzata Per m < 1 sezione interamente compressa Per m = 2 la sezione per metà dello spessore è parzializzata Muratura di nuova costruzione

18 Pressoflessione per carichi laterali L’eccentricità dei carichi si ottiene dalla combinazione di tre contributi: e s : eccentricità dei carichi sulla testa del muro; e a : eccentricità dovuta ai difetti di esecuzione della parete; e v : eccentricità dovuta ai carichi orizzontali; Le suddette eccentricità devono essere combinate come segue: Per la verifica sulla testa del muro Per la verifica in mezzeria Muratura di nuova costruzione

19 Pressoflessione per carichi laterali L’eccentricità e s si ottiene dalla somma di due aliquote: dove N 1 è il carico verticale trasmesso dal muro del piano superiore; N i è il carico verticale trasmesso dal i-esimo solaio che grava sul muro oggetto di verifica; d 1 è l’eccentricità di N 1 rispetto al piano medio del muro oggetto di verifica; d i è l’eccentricità di N i rispetto al piano medio del muro oggetto di verifica. Muratura di nuova costruzione

20 Pressoflessione per carichi laterali L’eccentricità e a si ottiene convenzionalmente come segue: h è l’altezza della parete espressa in cm L’eccentricità dovuta ai carichi orizzontali si ottiene dalla seguente: dove M v è il massimo momento dovuto alle azioni orizzontali; N è lo sforzo normale nella sezione di verifica. Muratura di nuova costruzione

21 Pressoflessione per carichi laterali La snellezza si ottiene dalla seguente: dove h 0 è la lunghezza libera di inflessione del muro pari a  ∙ h; h è l’altezza della parete; t è lo spessore della parete;  è il fattore laterale di vincolo dato dalla Tabella successiva; a è l’interasse tra due pareti ortogonali che irrigidiscono la parete esaminata. Muratura di nuova costruzione

22 Pressoflessione per carichi laterali Inoltre, devono essere verificate anche le seguenti condizioni: Secondo le precedenti, l’eccentricità dei carichi non deve superare 1/3 dello spessore della parete (m = 2) Muratura di nuova costruzione

23 Pressoflessione per carichi laterali Esempio Peso specifico della muratura (  )=1800daN/m 3 ; Spessore della parete da verificare (t 1 )= 60cm; Spessore della parete al II piano (t 2 )= 30cm; Altezza della parete da verificare (h 1 )= 300 cm; Altezza della parete al II piano (h 2 )= 270cm; Lunghezza delle pareti (l)= 300cm; Peso proprio dei solai (q p )= 300 daN/m 2 ; Carico di esercizio dei solai (q a )= 200daN/m 2 ; Area influenza solai (A s )= 7.5m 2 ; Altezza dei solai (h s )= 25cm; Tensione di calcolo della muratura (f d )= 8daN/cm 2 ; Azione del vento (q v )= 60daN/m 2. Muratura di nuova costruzione

24 Pressoflessione per carichi laterali Muratura di nuova costruzione I pesi caratteristici sono di seguito riportati: Peso della parete al II piano:N 1,k =  · h 2 · t 2 · l = 4374 daN Peso proprio del solaioN 2,p,k = N 3,p,k = q p · A s = 2250 daN Carico d’esercizio del solaioN 2,a,k = N 3,a,k = q a · A s = 1500 daN Peso della parete da verificareN 4,k =  · h 1 · t 1 · l= 9720 daN Eccentricità: (Eccentricità parete al secondo piano) (Eccentricità solaio piano I) (Eccentricità solaio piano II) Verifica in testa

25 Pressoflessione per carichi laterali Muratura di nuova costruzione Secondo i carichi caratteristici, l’eccentricità dei carichi assume un valore negativo (sul lato sinistro del piano medio della parete) Per incrementare il valore dell’eccentricità, occorre moltiplicare i carichi sul lato sinistro con coefficienti di combinazione sfavorevoli, e quelli collocati sul lato destro con coefficienti di combinazione favorevoli.

26 Pressoflessione per carichi laterali Muratura di nuova costruzione N 1,d = (1.3) ∙ N 1,k = (1.3) ∙ 4374 = 5686daN N 2,p,d = (1.0) ∙ N 2,p,k = (1.0) ∙ 2250 = 2250daN N 2,a,d = (0.0) ∙ N 2,a,k = (0.0) ∙ 1500 = 0daN N 3,p,d = (1.3) ∙ N 3,p,k = (1.3) ∙ 2250 = 2925daN N 3,a,d = (1.5) ∙ N 3,a,k = (1.5) ∙ 1500 = 2250daN

27 Pressoflessione per carichi laterali Muratura di nuova costruzione Calcolo della snellezza

28 Pressoflessione per carichi laterali Muratura di nuova costruzione  t = 0.563

29 Pressoflessione per carichi laterali Muratura di nuova costruzione Verifica in mezzeria

30 Verifica fuori piano Muratura di nuova costruzione

31 Verifica fuori piano Muratura di nuova costruzione  1 è il fattore di importanza della struttura (assunto pari ad 1); q a è il fattore di struttura dell’elemento assunto pari a 3; p p è il peso della parete su metro lineare; P o è il peso degli orizzontamenti;  è il rapporto tra l’accelerazione massima del terreno a g su sottosuolo tipo A e l’accelerazione di gravità g; Sè il coefficiente che tiene conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni topografiche; Zè la quota del baricentro della parete da verificare, misurata a partire dal piano di fondazione; Hè l’altezza della costruzione, misurata a partire dal piano di fondazione; T a è il periodo di vibrazione dell’elemento; T 1 è il periodo del primo modo di vibrare dell’intera struttura nella direzione considerata.

32 Verifica fuori piano Muratura di nuova costruzione T a = 0 (se la parete rispetta i requisiti della Tabella riportata nel punto del DM) La verifica si ritiene soddisfatta quando è soddisfatta la seguente:


Scaricare ppt "PRESCRIZIONI DI NORMATIVA PER EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE IN MURATURA SECONDO IL D.M. 14/01/2008 (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate."

Presentazioni simili


Annunci Google