La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZERO BRANCO AUTOVALUTAZIONE DEI PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2012-2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZERO BRANCO AUTOVALUTAZIONE DEI PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2012-2013."— Transcript della presentazione:

1 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZERO BRANCO AUTOVALUTAZIONE DEI PROGETTI ANNO SCOLASTICO

2 2 SCUOLA DELL’INFANZIA 1/2 LETTURA: la scuola dell’infanzia ha aderito al più ampio progetto d’istituto anche se, a causa dei tagli del FIS, non ha partecipato alla mostra. I lavori sono comunque stati svolti e resi pubblici durante la festa di fine anno. Il tema è stato “Oh che bel castello” e si è scelto di lavorare per classe, soprattutto con il gruppo dei medi. Buona la ricaduta. LES: il progetto è stato svolto nei primi mesi dell’anno, in modo da non sovrapporsi ad altri. Le attività scientifiche, su miscugli e soluzioni, sono state legate al tema della programmazione di plesso (aspetto “magico”) e ciò ha permesso di tenere alta la motivazione. Positiva la collaborazione con il Consorzio Priula e Energoclub. EDUCAZIONE STRADALE: l’attività, proposta in due lezioni, è stata rivolta ai bambini grandi e ha visto la partecipazione del Vigile che ha illustrato le regole da tenere in strada, in macchina, nel pulmino e negli ambienti affollati.

3 3 SCUOLA DELL’INFANZIA 2/2 RADAR: il progetto prevede l’osservazione sistematica dei bambini all’interno del gruppo classe. La psicopedagogista è divenuta in questi anni una figura importante e di riferimento sia per le docenti che chiedono consulenza sia per le famiglie che chiedono di affrontare in modo sereno le eventuali situazioni di disagio dei loro figli. CONTINUITA’: è stata realizzata un’attività di canto e lettura di una storia. I bambini sono stati accolti alla primaria di Scandolara e a Zero Branco per conoscere i nuovi ambienti. Positiva la collaborazione e la disponibilità di tutte le insegnanti. IPDA: il progetto è stato rivolto ai bambini di 5 anni. Si è lavorato sui pre- requisiti implicati nella meta- fonologia e nella letto-scrittura per identificare eventuali difficoltà di apprendimento. La difficoltà maggiore è stata la gestione degli spazi, insufficienti per poter ospitare il laboratorio. Il progetto migliora qualitativamente il processo INSEGNAMENTO- APPRENDIMENTO.

4 4 SCUOLA PRIMARIA “PASCOLI” 1/1 LETTURA: gli alunni sono stati coinvolti nella lettura e nell’approfondimento della poesia, sviluppando il testo anche dal punto di vista grafico- pittorico e ludico- espressivo. Positiva la ricaduta sui bambini. NATALE TRA NOI: spettacolo di canti, poesie e filastrocche che ha permesso agli alunni di ricevere attenzione e approvazione dai compagni.

5 5 SCUOLA PRIMARIA “FERMI” 1/ 2 PEDIBUS: sono state attivate tre linee, due a S.Alberto e una a Scandolara, ciascuna con un genitore referente, per un totale di 28 alunni. L’esperienza è stata positiva sia per i genitori sia per gli alunni. E’ stata pure compilata la scheda per il calcolo del risparmio di CO 2 tratta dal concorso “La scuola va in città” promosso dalla Provincia di TV. LES: tutte le classi del plesso hanno partecipato al progetto con lavori diversi: la luffa (cl. terza), la lievitazione (quarta), la piramide alimentare (quinta). E stato realizzato anche un mercatino con vendita dei prodotti dell’orto e manufatti costruiti dai bambini. Ogni singolo alunno ha potuto esprimersi al meglio nelle diverse proposte di lavoro. TEATRO DANZA: le classi sono state coinvolte nella drammatizzazione ispirata al testo “L’inventore dei sogni” che ha permesso agli alunni di conoscere un nuovo modo di esprimersi e di rapportarsi con i compagni.

6 6 SCUOLA PRIMARIA “FERMI” 2/ 2 I NUOVI MAESTRI: la collaborazione con le cooperative “La Scintilla” e “La Rosa dei Venti” ha permesso di avvicinare i bambini a questa realtà e di comprendere che ognuno può essere esperto in un ambito e diventare guida per gli altri. NATALE: il progetto ha permesso di realizzare alcuni momenti di condivisione, incontro e riflessione rispetto al particolare momento dell’anno. Gli alunni hanno partecipato all’inaugurazione dei mercatini di Natale sia con canti sia con manufatti. MANI CREATIVE: il laboratorio di costruzione di oggetti con materiale riciclato si è protratto per tutto l’anno scolastico ed ha visto il miglioramento della collaborazione e della socializzazione tra gli alunni. CANTO CORALE: le esperienze di musica e ritmo condotte da un esperto esterno hanno destato entusiasmo e ottima partecipazione di tutte le classi.

7 7

8 8 SCUOLA PRIMARIA “MARCONI” 1/5 LETTURA: il progetto ha sviluppato il tema della poesia secondo percorsi didattici adeguati all’età e alle peculiarità della classe. Hanno partecipato 14 classi della primaria “Marconi” producendo per la Mostra del Libro elaborati vari e rappresentazioni. RIME E FILASTROCCHE DI UN TEMPO: il progetto ha visto la collaborazione con le educatrici e gli anziani della Casa di riposo di Zero Branco sul tema della poesia e si è arricchito durante il percorso con l’incontro nonni- bambini. Gli alunni hanno vissuto l’iniziativa in modo partecipe e produttivo. LA POESIA COME GIOCO / IMMAGINAZIONE: il progetto legato alla poesia e alla canzone prevalentemente in inglese si è concluso con l’esibizione ricca di espressività dei bambini all’inaugurazione della Mostra del Libro. Buone anche le riflessioni sulle tematiche affrontate. LA MIA POESIA: poesie di autori classici sono state memorizzate e illustrate dagli alunni che hanno accolto la proposta con interesse. Le produzioni sono state esposte alla mostra del libro.

9 9 SCUOLA PRIMARIA “MARCONI” 2/5 ANIMASTROCCHE: proposta di filastrocche che sono state illustrate, animate e memorizzate dai bambini. L’attività motivante e coinvolgente si è conclusa con la partecipazione alla mostra del libro e con una recita aperta ai genitori. CIPI’ INVENTA POESIE: il testo di Mario Lodi è stato letto, trasformato in poesia ed illustrato. E’ mancata la fase della registrazione delle poesie, ma è stata comunque positiva la partecipazione dei bambini sia nella fase creativa sia in quella artistica. Il gioco dell’oca prodotto è stato esposto alla mostra del Libro. TEATRIAMO: a partire dall’opera “L’isola degli smemorati” di Bianca Pitzorno è stato attivato il progetto “Un mondo di diritti”che ha permesso ai bambini di acquisire in modo ludico e piacevole nuovi concetti e valori sia dal punto di vista didattico sia educativo.

10 10 SCUOLA PRIMARIA “MARCONI” 3/5 MERCATINO DI NATALE: Le classi hanno prodotto manufatti che i genitori hanno venduto al Mercatino di Natale. Il ricavato è stato ripartito tra l’aiuto a scopo benefico e l’autofinanziamento per il plesso. Positiva la ricaduta per l’aspetto educativo- didattico e valido l’aiuto da parte dei genitori. ARTE E LETTERATURA: Il progetto ha permesso ai bambini di utilizzare diversi canali di comunicazione- gestualità corporea, musica, colore- per rappresentare poesie. Lavoro presentato alla Mostra del Libro e alle referenti del progetto “A scuola di Guggenheim”. ORTO e GIOCANDO CON LE RIME: gli alunni hanno partecipato con interesse alle attività proposte (merenda a scuola, laboratorio della luffa, semina di bulbi e ortaggi) e hanno realizzato con impegno gli elaborati esposti alla mostra del libro.

11 11 SCUOLA PRIMARIA “MARCONI” 4/5 IMPARIAMO INSIEME: laboratorio di manipolazione con la guida di alcuni ospiti della cooperativa “La scintilla” di Zero Branco e della “Rosa dei venti” di Mogliano. I bambini hanno mostrato interesse e spirito di collaborazione ed hanno saputo interagire con questi “speciali” esperti esterni in modo produttivo. GIOCO SPORT: il progetto ha interessato diverse discipline sportive, grazie all’intervento di qualificati istruttori di società locali, coinvolgendo positivamente alunni e insegnanti. La scuola ha aderito anche a questi progetti: “Più sport a scuola” (Regione) e “I valori scendono in campo” (FIGC). CANTO CORALE: L’esperienza di fare musica utilizzando la propria voce e il proprio corpo ha favorito l’integrazione, lo spirito di collaborazione e ha contribuito a sviluppare le capacità di ciascuno. Il progetto ha richiesto l’intervento di un esperto esterno a carico delle famiglie. MUSICA, MUSICA: diversi progetti di musica hanno proposto attività finalizzate ad avvicinare i bambini al linguaggio musicale. Gli interventi di esperti esterni sono stati accolti con entusiasmo ed hanno prodotto buoni risultati.

12 12 SCUOLA PRIMARIA “MARCONI” 5/5 CONTINUITA’ PRIMARIA- SECONDARIA: in commissione si è deciso di far svolgere agli alunni di quinta una lezione alla scuola media. Si sono resi disponibili ad accogliere le classi docenti di musica, ed. fisica, arte, scienze. Durante le varie ore di lezione i bambini hanno lavorato con entusiasmo con i ragazzi ed hanno conosciuto la nuova scuola. VAJONT: il progetto aveva lo scopo di promuovere le relazioni tra pari e l’integrazione di bambini con disagi di tipo socio- comportamentale. Il progetto di teatro – danza nelle metodologie usate ha favorito notevolmente tale obiettivo con risultato ottimo. RINFORZO LINGUISTICO PER ALUNNI STRANIERI: sono stati costituiti 8 gruppi (2 alla secondaria e 6 alla primaria) di alunni stranieri con diverse conoscenze e abilità linguistiche e per questo suddivisi in livelli.

13 13

14 14 SCUOLA SECONDARIA “EUROPA” 1/4 SIPARIO SUL RICORDO: l’attività laboratoriale linguistico- teatrale attraverso diverse modalità espressive (parola, canto, suono, danza, recitazione) ha permesso di coinvolgere tutti i ragazzi delle classi terze in due rappresentazioni, una per gli altri alunni della scuola media al mattino, una per genitori e territorio la sera. La serietà e l’impegno evidenziati dagli alunni, nel breve tempo utilizzato per la preparazione, hanno prodotto un esito positivo evidente e momenti di autentica emozione. VIAGGIO NEL TEATRO: l’attività laboratoriale rivolta ai ragazzi della prima a tempo prolungato si è composta di diverse fasi: propedeutica al teatro, scelta copione, individuazione delle caratteristiche dei personaggi, sceneggiatura, allestimento, messa in scena. Il lavoro ha permesso il consolidamento del gruppo, il recupero di ruoli e il riconoscimento di identità di alcuni alunni. Difficoltosi sono stati i quattro allestimenti diversi, in aula video per i bambini della scuola primaria, nel teatrino di S. Cristina per la rassegna teatro, nel teatro di Villa Guidini per i genitori, nella tensostruttura della Pro Loco per i ragazzi di prima e seconda media.

15 15 SCUOLA SECONDARIA “EUROPA” 2/4 UN’ESCA PER AMICA: la pesca è l’esca che cattura l’attenzione degli alunni per parlare di rispetto ambientale, di anatomia dei pesci, di ecologia. Il progetto, perfezionato nel corso degli anni e adattato alla programmazione di scienze, si è ben integrato con le altre attività proposte da Contarina, Energoclub e Civiltà dell’Acqua. NAT’S: le classi seconde e terze hanno seguito un percorso di Educazione alla mondialità incentrato sulla cittadinanza attiva e il protagonismo giovanile. La prima parte di riflessione, conoscenza, scambio di idee è stata seguita da una seconda parte pratica, con la realizzazione di circa 100 borse di tela decorate. La vendita a scuola e in paese serviva a finanziare progetti umanitari in difesa dei diritti dei bambini lavoratori. Buona la risposta dei genitori che hanno collaborato o acquistato le borse, più difficile è stato coinvolgere i negozi del paese. Quasi tutte le classi hanno lavorato con entusiasmo e impegno.

16 16 SCUOLA SECONDARIA “EUROPA” 3/4 SAGGIO MUSICALE: lo spettacolo è stato l’elemento finale di un lavoro condotto in tutte le classi della scuola media. Quest’anno sono stati introdotti brani vocali di solisti e assieme. Buona l’organizzazione e numerosa la partecipazione dei genitori. Sarebbe utile un tecnico per il service. PROGETTO BENESSERE- PERCORSO RELAZIONALE AFFETTIVO- SPAZIO ASCOLTO: in alcuni periodi dell’anno i due interventi si sono accavallati a causa della concentrazione degli incontri, compromettendo così talvolta lo svolgimento delle normali attività didattiche. I lavori proposti si sono rivelati utili per gli alunni che hanno sperimentato nuove forme di relazione e per i docenti che hanno partecipato a momenti insoliti in cui i ragazzi comunicano in modo diverso e lanciano messaggi agli adulti. LETTORE MADRELINGUA: sono state svolte tre ore di lezione per ogni classe terza. La ricaduta sugli allievi è stata molto positiva sia a livello di apprendimento che di motivazione.

17 17 ORIENTAMENTO: sono stati svolti Incontri con gli alunni per presentare le scuole superiori Somministrazione di test Incontri con alunni e genitori per l’illustrazione e la lettura dei risultati Incontri con gli artigiani del territorio Distribuzione di materiale informativo L’attività necessita di attenzione da parte di tutto il consiglio di classe. La ricaduta è stata positiva e costruttiva. GIORNATA DELLO SPORT: buona la partecipazione degli alunni ed utilissima la presenza dei genitori. SCUOLA SECONDARIA “EUROPA” 4/4 KET: esame che valuta la capacità di comunicazione quotidiana nella lingua scritta e parlata. Visto l’alto numero di domande è stato necessario fare un test di selezione. I 22 alunni delle terze ammessi al corso hanno risposto con entusiasmo e interesse alle lezioni.

18 18 E altro ancora…


Scaricare ppt "1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZERO BRANCO AUTOVALUTAZIONE DEI PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2012-2013."

Presentazioni simili


Annunci Google