La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

POSIZIONE GEOGRAFICA CONFINI OROGRAFIA IDROGRAFIA CLIMA FAUNA E FLORA ECONOMIA PROVINCE CURIOSITA’ AUTORI Clicca sulle frecce uscita.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "POSIZIONE GEOGRAFICA CONFINI OROGRAFIA IDROGRAFIA CLIMA FAUNA E FLORA ECONOMIA PROVINCE CURIOSITA’ AUTORI Clicca sulle frecce uscita."— Transcript della presentazione:

1

2 POSIZIONE GEOGRAFICA CONFINI OROGRAFIA IDROGRAFIA CLIMA FAUNA E FLORA ECONOMIA PROVINCE CURIOSITA’ AUTORI Clicca sulle frecce uscita

3 Le Marche si trovano nell’Italia centrale N S O E

4 MAR ADRIATICO S. MARINO EMILIA-ROMAGNA TOSCANA UMBRIA LAZIO ABRUZZO CARTA DI IDENTITA’ SUPERFICE: 9694Km 2 POPOLAZIONE: ab. DENSITA’: 151ab. per Km 2 N S O E

5 La regione ha la forma di un quadrilatero che si estende dalle cime dell’Appennino umbro-marchigiano (a ovest) fino alle acque dell’Adriatico (a est). APPENINO UMBRO-MARCHIGIANO M. PENNINO M. FEMA M. SIBILINI M. VETTORE M. CONERO MONTEFELTRO N S O E

6 I fiumi, che scendono dall’Appennino, sono numerosi e dal corso breve (in genere, meno di 100 chilometri). I più importanti sono il Foglia, il Metauro, il Potenza, il Chienti e il Tronto, e hanno tutti carattere torrentizio. L’irregolarità delle precipitazioni durante l’anno fa sì che i fiumi abbiano periodi di piena durante l’inverno e di magra durante l’estate. La regione ha un solo lago, di origine glaciale, il Lago Pilato. FIUME FOGLIA F.METAURO F.POTENZA F. CHIENTI

7 CLIMA COSTIERO CLIMA INTERNO Il clima varia man mano che si procede verso l’interno. Dove il paesaggio è montuoso, le temperature sono piuttosto rigide e, salendo in altitudine, le precipitazioni nevose sono più frequenti. Lungo la costa invece, il clima è di tipo mediterraneo, con estati calde ma ventilate, inverni più miti e precipitazioni meno frequenti. N S O E

8 Nelle marche le specie vegetali più comuni sono il leccio, il faggio (nelle zone montuose), il castagno e la quercia (nelle aree submontane). Nell’ area appenninica cresce anche la rara rosa alpina, mentre verso il promontorio del Conero è diffusa la macchia mediterranea sempreverde (con lecci, corbezzoli, lentischi, allori, olivi). Tra gli animali selvatici, troviamo le specie tipiche dell’ Appennino, come la volpe, lo scoiattolo, il picchio e il pettirosso. Nelle zone protette si possono ammirare il falco pellegrino e l’aquila reale.

9 L’economia marchigiana si è sviluppata negli ultimi decenni nei settori industriale e terziario, che ha assunto maggiore rilevanza. I prodotti agricoli più coltivati sono il frumento, gli ortaggi, la frutta, le olive, l’uva da vino e la barbabietola da zucchero; la pesca ha maggior peso rispetto all’allevamento. L’industria è fiorente soprattutto nel settore cartario, oltre che in altre branchie. Il turismo si concentra sulle località balneari e su alcune città d’interesse storico ed artistico.

10 PROVINCIA DI PESARO PROVINCIA DI ANCONA PROVINCIA ASCOLI PICENO PROVINCIA DI MACERATA N S O E

11 Carlo Magno quando dominò, divise il territorio feudi i confini furono chiamati Marche in tedesco Marck cioè segno del confine. Nelle Marche viene anche apprezzato un tipo di lasagne chiamate Vincisgrassi Le olive ascolane o olive fritte sono uno dei piatti più golosi e noti. Vicino ad Ancona ci sono le grotte di Frasassi

12


Scaricare ppt "POSIZIONE GEOGRAFICA CONFINI OROGRAFIA IDROGRAFIA CLIMA FAUNA E FLORA ECONOMIA PROVINCE CURIOSITA’ AUTORI Clicca sulle frecce uscita."

Presentazioni simili


Annunci Google