La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 1 Processi decisionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 1 Processi decisionali."— Transcript della presentazione:

1 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 1 Processi decisionali inclusivi Prof. Rosario Faraci Seminario del 7 luglio 2006

2 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 2

3 3 Processi decisionali inclusivi Sono processi nei quali è utile, conveniente o necessario, allargare la base decisionale ad un numero più ampio di attori per ottenere più ampio consenso Sono processi per i quali è fondamentale comprendere la dimensione strategica (a cosa servono) e quella organizzativa (come vanni strutturati).

4 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 4 Presupposti generali L.Habermas e i concetti di sfera pubblica ed agire comunicativo (1996) Il concetto di democrazia deliberativa (Elster, 1998) e il tema della negoziazione integrativa (Fisher & Ury, 1995) Larte di ascoltare (Sclavi, 2003)

5 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 5 Esempi… Patti territoriali Piani strategici Agenda 21 Locale Accordi di programma Conferenze di servizi Contratti di quartiere Prusst Strumenti di programmazione negoziata

6 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 6 Le parole chiave Consultazione Concertazione Negoziazione Partecipazione Tavolo Accordo Consenso

7 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 7 La legislazione vigente Quella italiana prevede una gamma molto vasta di strumenti consensuali Le leggi non dicono quello che le amministrazioni devono effettivamente fare, ma si limitano a fissare condizioni generali e procedure di massima. Come intervenire nelle situazioni concrete? Cosa fare? Come farlo?

8 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 8 Rilevanza dal punto di vista aziendale LEconomia Aziendale studia il funzionamento delle aziende (di consumo, miste e di produzione) che rappresentano lordine economico degli istituti (Famiglia, Stato, Impresa) LEconomia Aziendale studia i fenomeni aziendali dal punto di vista della rilevazione, della gestione e dellorganizzazione.

9 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 9 Processi decisionali inclusivi Interrogativi di fondo –(a) In quali casi? –(b) Quando? –(c) Con chi? –(d) Come? –(e) Con quali esiti?

10 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 10 A. In quali casi? Quando lintervento produce rilevanti effetti esterni (esternalità negative) Quando le analisi tecniche e scientifiche non sono in grado di dissipare lincertezza sulla portata di tali effetti (incertezza) Ricerca dellapproccio consensuale –Per anticipare i conflitti –Per migliorare la qualità degli interventi

11 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 11 A. In quali casi? Rischi di una ricerca a tutti i costi dellapproccio consensuale –Può dare troppo spazio alle posizioni localistiche e particolaristiche (reazione NIMBY) –Può aumentare a dismisura i tempi della decisione o addirittura renderla impossibile –Può aumentare i costi dellintervento

12 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 12 B. Quando? Il percorso per la formulazione di un piano è: idea strategica ipotesi di intervento alternative progettuali progetto di massima progetto esecutivo apertura dei cantieri (processi decisionali a razionalità limitata a la Simon) Il più presto possibile (concertazione precoce) Evitare di cadere nella sindrome DAD (decisione-annuncio-difesa) Le resistenze culturali dei progettisti-tecnici QUANDO CI SONO ANCORA ALTERNATIVE

13 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 13 C. Con chi? Rilevanza del concetto di stakeholders Individuazione delle poste in gioco Comunicazione del progetto e delle alternative progettuali Ascolto e dialogo (reach out) Mappa degli attori –Istituzioni pubbliche rappresentative –Gruppi organizzati –Cittadini non organizzati (partecipazione volontaria e campione casuale)

14 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 14 D. Come? Caratteristiche fondamentali –Strutturazione –Informalità –Trasparenza Strumenti –Brain storming –Simulazioni –Analisi multi-criteri –Negoziazione

15 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 15 D1. Come? Caratteristiche fondamentali –Strutturazione (situazione opposta: convocazione delle assemblee pubbliche) –Informalità (situazione opposta: le osservazioni ai piani urbanistici) –Trasparenza (situazione opposta: la negoziazione duale ed occulta fra gli interessi): il problema del linguaggio comprensibile

16 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 16 D1. Come? Il problema della regia –Ruolo di facilitatore e/o di mediatore fra le diverse parti: orchestrator –Chi può fare il regista? Qualsiasi soggetto istituzionale o non che possieda i seguenti tre requisiti: a) non abbia specifiche preferenze sul merito della decisione; b) sia riconosciuto come neutrale e affidabile dalle parti; c) possieda specifiche competenze in merito alla gestione dei processi e dei conflitti

17 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 17 D2. Come? Strumenti –Brain storming –Simulazioni –Analisi multi-criteri –Negoziazione Distributiva Integrativa

18 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 18 E. Con quali esiti? Esiti raggiungibili Ridefinizione delle poste in gioco (ridefinizione del problema, individuazione di nuove alternative progettuali,…) Frazionamento delle poste in gioco (ove possibile, nelle opere infrastrutturali no!) Allargamento delle poste in gioco (si rende più complesso il problema e si allarga la torta)

19 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 19 Possibili obiezioni Costi e tempi Esautoramento dei politici Rilevanza delle culture nazionali

20 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 20 Modalità di svolgimento dellesame Condizioni generali di riferimento: dimostrare la conoscenza del volume di L.Bobbio (2004), A più voci. Amministrazioni, imprese, associazioni e cittadini nei processi decisionali inclusivi, ESI, Napoli (disponibile in pdf) TESINA da inviare allindirizzo con specificazione delloggetto

21 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 21 Prova desame 1° modalità (per una valutazione compresa tra 18 e 24) –Redazione di un Reaction Paper (di lunghezza compresa fra 10 e 15 pagg., con illustrazione delle principali tematiche ricomprese nel documento e loro valutazione critica).

22 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 22 Prova desame 2° modalità (per una valutazione compresa tra 25 e 27) –Redazione di un Research Paper (di lunghezza compresa fra 15 e 20 pagg, con indicazioni delle fonti bibliografiche consultate, con illustrazione degli obiettivi del lavoro, con approfondimento di una parte specifica del Manuale A più voci)

23 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 23 Prova desame 3° modalità (per una valutazione compresa fra 28 e 30) –Redazione di un Working Paper (di lunghezza compresa fra 25 e 35 pagg., con indicazione delle fonti bibliografiche consultate, con illustrazione degli obiettivi del lavoro, e documentata descrizione di un caso reale di processi decisionali inclusivi)

24 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 24 Format del lavoro Carattere testo: 12 Times New Roman Carattere note, tabelle e bibliografia: 10 Times New Roman Interlinea: 1,5 Margini: dx e sx 1,5 cm; idem sup e inf. Indicazione del nome, cognome e numero di matricola in ciascuno dei fogli Numerazione delle pagine nel lavoro. Citazione delle pagine Internet ove consultate e naturalmente delle altri fonti (articoli, libri…)

25 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 25 Penalità Il mancato rispetto del format previsto comporterà 1 punto di penalizzazione per ciascuna delle omissioni riscontrate La riproduzione fedele di testi e documenti, non citati, configurandosi come plagio, comporterà lannullamento della prova La incompleta citazione delle fonti bibliografiche comporterà 2 punti di penalizzazione

26 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 26 Criteri di valutazione Proprietà del linguaggio e forma stilistica Struttura dellelaborato (introduzione- svolgimento-conclusioni) Conoscenza delle tematiche Capacità critica Capacità di raccordare il tema specifico a tematiche di ordine più generale Capacità di documentarsi

27 Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 27 Valutazione La valutazione in 30 sarà riportata sul sito del corso di laurea La valutazione in dettaglio comprensiva del giudizio sarà disponibile contattando il docente allindirizzo Questi fornirà un giudizio più completo sullelaborato


Scaricare ppt "Corso di laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni – Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese – Prof. Rosario Faraci 1 Processi decisionali."

Presentazioni simili


Annunci Google