La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Si definisce amminoacido un qualunque composto organico in cui sono presenti un gruppo amminico e un acido carbossilico Lunione di più amminoacidi dà i.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Si definisce amminoacido un qualunque composto organico in cui sono presenti un gruppo amminico e un acido carbossilico Lunione di più amminoacidi dà i."— Transcript della presentazione:

1 Si definisce amminoacido un qualunque composto organico in cui sono presenti un gruppo amminico e un acido carbossilico Lunione di più amminoacidi dà i peptidi e le proteine

2 Tra i numerosi amminoacidi, solo 20 partecipano alla formazione delle proteine e, quindi, sono definiti amminoacidi proteogenici.

3 Gli amminoacidi proteogenici: Sono tutti ( la funzione NH2 è legata al C adiacente alla funzione carbossilica ) Sono tutti chirali (eccetto la glicina) Presentano stereochimica L ( il C chirale ha la stessa configurazione del C chirale della L-gliceraldeide ) Il C chirale ha una configurazione assoluta S ( ad eccezione della cisteina, che è R)

4 Inoltre, gli amminoacidi: si differenziano tra loro per la natura del gruppo –R, definito residuo amminoacidico o catena laterale si presentano come zwitterioni, cioè come ioni dipolari, in cui sono presenti, contemporaneamente, una carica positiva e una negativa

5

6

7

8 Proprietà acido-basiche degli amminoacidi Gli amminoacidi sono zwitterioni (sali interni). Hanno momenti dipolari elevati Sono, generalmente, solubili in H2O Sono sostanze cristalline con alti punti di fusione

9

10 Il comportamento in soluzione acquosa viene influenzato dal pH

11 Se un amminoacido in soluzione viene sottoposto allazione di un campo elettrico esterno tenderà : A migrare verso il catodo (elettrodo negativo) se è in forma cationica A migrare verso lanodo (polo positivo) se è in forma anionica A non migrare se si trova al suo punto isoelettrico (PI)

12 Per gli amminoacidi con una carica (+ o -) nel residuo R, il PI è: la media dei valori di pK a più bassi, se R è un residuo acido la media dei valori di pK a più alti, se R è un residuo basico

13 Alcuni metodi di sintesi racema 1) Sintesi di amminoacidi da alogenoacidi 2) Sintesi di Strecker 3) Sintesi di Gabriel

14 1)da -alogenoacidi: La reazione di amminazione fatta con NH 3 dà rese basse, a causa della polialchilazione. In alternativa, si utilizza la sodio azide, che per idrogenazione catalitica, o con NaBH 4 si riduce ad ammina.

15 2) Sintesi di Strecker

16 3) Sintesi di Gabriel (della glicina)

17 PEPTIDI Il legame che si instaura fra gli amminoacidi per formare i peptidi e le proteine è un legame ammidico, detto legame peptidico

18

19 Per formare il legame peptidico, un amminoacido mette a disposizione il proprio gruppo –COOH, mentre laltro amminoacido interviene con il suo gruppo –NH 2, con formazione di una molecola di H 2 O. dipeptide Il dipeptide è il più semplice peptide, formato dallunione di due amminoacidi

20 I dipeptidi si indicano scrivendo i simboli dei due residui amminoacidici che li costituiscono.

21 Per convenzione, i peptidi sono rappresentati ponendo a sx l'amminoacido con il gruppo amminico libero (a.a. N-terminale) e all'estremità di dx quello con il gruppo carbossilico libero (a.a. C-terminale)

22

23 Sintesi dei peptidi Attivazione del COOH

24 protezione del gruppo NH 2

25

26 La protezione del gruppo NH 2 consiste nel rendere lN del gruppo amminico meno reattivo, cioè meno nucleofilo.

27 Terz-butossicarbonile (Boc) Viene introdotto facilmente facendo reagire l-NH 2 con il di-terz-butil dicarbonato (Boc-anidride), e rimosso facilmente per idrolisi acida Alcuni esempi di gruppi protettori dell-NH2

28 Carbobenzilossi cloruro (benzilcloroformiato) Viene facilmente introdotto sul gruppo amminico (SNacilica), in presenza di basi per neutralizzare lHCl che si forma, e rimosso altrettanto facilmente per idrogenazionecatalitica

29 Fluorenilmetossicarbonil cloruro Viene rimosso facilmente tramite idrolisi debolmente basica

30

31 La sintesi di una catena peptidica per addizione sequenziale di un amminoacido richiede un processo accurato di purificazione del prodotto ottenuto, poiché ad ogni passaggio sintetico è necessario isolarlo dal solvente, dai sottoprodotti, dalleccesso di reagenti

32 Resina più usata: Granuli di polistirene-divinilbenzene contenenti gruppi clorometilici. Ha lo svantaggio di dover essere rimossa in condizioni acide drastiche (HF) Resine più innovative: non hanno bisogno di un acido forte per essere rimosse

33 Passaggi della sintesi in fase solida 1)Un amminoacido (es. valina) N-Boc protetto si lega alla resina per reazione con i gruppi clorometilici. 2) Lamminoacido viene lavato per liberare dalleccesso di reagente e trattato con acido trifluoroacetico per rimuovere il –Boc.

34 3) Il secondo amminoacido N-Boc protetto e –COOH attivato condensa con il primo amminoacido (valina) 4) Il dipeptide N-Boc-Val-Phe viene lavato e trattato con acido trifluoroacetico per rimuovere il Boc. Il ciclo si ripete n volte, fino allottenimento del peptide desiderato

35 5) Lultimo passaggio prevede il distacco dellamminoacido dalla resina, ad opera di HF che rimuove anche il Boc.

36 Proteine: Sono formate da lunghe catene amminoacidiche. Queste catene possono assumere conformazioni diverse, così che si hanno quattro livelli di struttura: Struttura primaria delle proteine, costituita dalla sequenza degli amminoacidi nella catena

37 Struttura secondaria delle proteine, costituita dalla conformazione ordinata che i vari segmenti della catena possono assumere

38 Struttura terziaria delle proteine, data dai ripiegamenti che le varie proteine assumono per generare la loro forma Struttura quaternaria, che descrive come le varie subunità che eventualmente costituiscono la proteina si assemblano fra loro

39 Determinazione della struttura primaria di peptidi e proteine Identificazione degli amminoacidi presenti Identificazione della quantità degli amminoacidi presenti Identificazione della sequenza degli amminoacidi presenti

40 Identificazione della composizione amminoacidica di un peptide: si effettua attraverso reazioni di degradazione Scissione dei ponti disolfuro (reazione di riduzione) Scissione dei legami peptidici (a 110°C in HCl acquoso: idrolisi dei legami ammidici) Lanalisi della miscela di amminoacidi ottenuta dallidrolisi si effettua tramite cromatografia (HPLC), o gascromatografia, dopo averli trasformati in esteri metilici

41 Identificazione dellamminoacido N-terminale: degradazione di EDMAN Consente di scindere selettivamente l'amminoacido N-terminale, lasciando il polipeptide accorciato di un'unità. Il reattivo di Edman è il fenilisotiocianato, che trasforma l'amminoacido N-terminale in una tiourea ciclica. tiourea ciclica con il suo gruppo R identificabile

42 Meccanismo : Vantaggio: lascia intatta la restante catena peptidica, così lanalisi può essere ripetuta.

43 Identificazione dellamminoacido N-terminale: degradazione di SANGER Utilizza il reattivo di Sanger : 2,4-dinitrofluorobenzene (2,4D) Dopo aver marcato il peptide con il reattivo di Sanger, si idrolizza in ambiente acido ottenendo lamminoacido N terminale marcato dal 2,4 D, che viene separato e identificato

44 Identificazione dellamminoacido C-terminale L'identificazione dell'amminoacido C-terminale di una sequenza amminoacidica viene effettuata impiegando un enzima, la carbossipeptidasi, in grado di idrolizzare il legame peptidico a partire esclusivamente dall'unità C-terminale


Scaricare ppt "Si definisce amminoacido un qualunque composto organico in cui sono presenti un gruppo amminico e un acido carbossilico Lunione di più amminoacidi dà i."

Presentazioni simili


Annunci Google