La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Università degli Studi di Catania Facoltà di Scienze Politiche A.A.2004-2005 Sociologia della comunicazione a cura di Graziella Priulla e Mariaeugenia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Università degli Studi di Catania Facoltà di Scienze Politiche A.A.2004-2005 Sociologia della comunicazione a cura di Graziella Priulla e Mariaeugenia."— Transcript della presentazione:

1 1 Università degli Studi di Catania Facoltà di Scienze Politiche A.A Sociologia della comunicazione a cura di Graziella Priulla e Mariaeugenia Parito

2 2 La modernità Le importanti trasformazioni strutturali subite dai processi comunicativi nel corso della modernità hanno costretto gli studi, a partire dal secolo scorso, a un totale rinnovamento. Si è trattato di incremento della facilità di accesso moltiplicazione dei canali semplificazione e automazione del loro funzionamento, grazie a nuove tecnologie accelerazione delle modalità comunicative aumento esponenziale del raggio dazione e di influenza dei mezzi di comunicazione.

3 3 Le discipline della comunicazione E a partire dalla metà del 900 che la comunicazione viene assunta come oggetto di studio autonomo da parte di discipline specifiche. La teoria dellinformazione fornisce gli strumenti per misurare linformazione trasmessa linformatica studia i metodi e le tecniche di elaborazione automatica dellinformazione e della comunicazione la semiotica (scienza dei segni) studia i fondamenti dei processi di comunicazione e la natura dei linguaggi

4 4 Le discipline della comunicazione la massmediologia studia i mezzi di comunicazione di massa e il loro rapporto con la sfera sociale e culturale la linguistica (che ha origini più remote) studia il linguaggio verbale e le sue manifestazioni nelle lingue naturali la narratologia analizza lattività di raccontare e comprendere storie. Lelenco potrebbe continuare, fino a comprendere molte branche delle discipline psicologiche e alcune specializzazioni della politologia (ad esempio, lanalisi del linguaggio politico).

5 5 La comunicazione interpersonale I Modulo

6 6 Argomenti Definizioni e assiomi generali Tipi di comunicazione Caratteri della comunicazione interpersonale Comunicazione verbale e non verbale

7 7 Alcuni concetti centrali … Significazione : - condizione di ricchezza di senso Informazione: - trasmissione di segni - riduzione dincertezza Comunicazione (dal greco koinòo e dal latino communis, cum+munus) : - produzione, trasferimento, percezione, costruzione di senso condiviso.

8 8 … e le loro relazioni Si può dare significazione anche in assenza di comunicazione. Al contrario, ogni processo di comunicazione tra esseri umani presuppone come condizione necessaria un sistema di significazione.

9 9 Alcuni assiomi della comunicazione (P.Watzlawick) Non si può non comunicare (la comunicazione è un bisogno fondamentale degli esseri umani in quanto animali sociali). In ogni comunicazione ci sono aspetti verbali e aspetti non verbali. In ogni comunicazione cè un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione.

10 10 Tipi di comunicazione Per frequenza: - discontinua, episodica; - seriale, abituale - continua, routinizzata Per estensione: - extrapersonale (meccanica, tecnologica) - intrapersonale (interiore) - interpersonale: - binaria - di gruppo - globale.

11 11 Caratteristiche del processo comunicativo La comunicazione è un processo circolare: gli eventi non hanno andamento lineare, ma ciascuno fa parte di un continuum in cui ogni segmento è effetto dello stimolo e stimolo alla fase successiva. Gli scambi di comunicazione possono essere simmetrici o complementari: simmetrici quando gli attori tendono a un rapporto paritetico(es. medico/medico); complementari quando uno dei soggetti assume una posizione superiore e invita laltro ad assumere la posizione inferiore (es. medico/paziente).

12 12 Comunicazione interpersonale Nella comunicazione tra le persone si utilizzano messaggi verbali : ciò che si dice messaggi paraverbali: intonazioni e modulazioni della voce (volume, timbro), inflessioni, pause, ritmi, silenzi messaggi non verbali: distanze contatti corporei posture e movimenti gestualità espressioni del volto sguardi abbigliamento,acconciatura,trucco…. -

13 13 Alcune percentuali (indicative…..) Influenzano il nostro interlocutore: comunicazione verbale 7% comunicazione paraverbale 38% comunicazione non verbale 55% Se quello che vogliamo dire è 100 quello che diciamo è 70 quello che viene ascoltato è 40 quello che viene recepito è 20 quello che viene ricordato è 10

14 14 Caratteri distintivi Comunicazione non verbale in gran parte inconsapevole, non intenzionale e non controllabile fornisce informazioni sul soggetto che la esprime è poco idonea ad esprimere concetti è ambigua ha grande efficacia nelle relazioni Comunicazione verbale per lo più consapevole e intenzionale fornisce informazioni sugli argomenti espressi è idonea a veicolare descrizioni, argomentazioni, narrazioni è meno rilevante nelle relazioni

15 15 La comunicazione non verbale (la ricerca risale agli anni 60: intervengono etologia, psicologia, antropologia, sociologia) prende riferimento e valore dal contesto in cui si svolge non ne è distaccabile i suoi vari aspetti sono compresenti e sinergici interagisce con la comunicazione verbale o confermandola o contraddicendola.

16 16 Funzioni della CNV Svolge una funzione relazionale di base: gestisce le situazioni sociali comunica la presentazione di sé comunica le emozioni definisce, cambia, mantiene, difende le relazioni di potere influenza i processi di persuasione può sostituire la comunicazione verbale.

17 17 La competenza sociale Rispetto alla comunicazione non verbale applicata nellefficacia reale delle quotidiane interazioni umane, si sviluppano abilità e competenze differenziate a seconda dei gruppi e degli individui. Ne sono componenti importanti: a sensibilità percettiva verso gli altri la flessibilità di adattamento alle situazioni e alle persone la consapevolezza emotiva di sé la capacità di gratificare linterlocutore.

18 18 Classificazione dei segnali non verbali (M.Cook, 1971) Aspetti statici volto conformazione fisica timbro di voce abiti, acconciatura, trucco, ecc. Aspetti dinamici orientazione distanze postura, gesti, movimenti espressione del volto direzione dello sguardo tono di voce ritmo delleloquio

19 19 Contesti spaziali Il modo in cui è organizzato lo spazio sociale può determinare a monte il comportamento comunicativo. Esistono spazi centrifughi, che tendono a mantenere le persone in isolamento reciproco ( ad es. stazioni ferroviarie) spazi centripeti, che favoriscono incontri e socialità (ad es. bar, ristorante).

20 20 Prossemica: il comportamento nello spazio Le persone comunicano con il modo di gestire lo spazio. Elementi da considerare: la distanza tra gli interlocutori lorientazione (la posizione reciproca delle persone) il modo di muoversi nellambiente lorganizzazione dello spazio e degli oggetti. E.Goffman (1971) introduce concetti come riserve territoriali, contrassegni spaziali, violazioni territoriali, trasgressioni spaziali.

21 21 Prossemica: lorientazione Le due principali orientazioni che le persone possono assumere nel corso di uninterazione sono: frontale (faccia a faccia) di fianco. La scelta è orientata da criteri di ruolo e di status: collaborazione gerarchia intimità.

22 22 Prossemica: le distanze La distanza che le persone assumono è indice dei loro rapporti sociali e dei loro sentimenti reciproci. Può essere (E.Hall) intima personale sociale pubblica

23 23 Cronemica: la dimensione temporale La cronemica è il modo in cui gli individui percepiscono ed usano il tempo per organizzare le proprie attività e per scandire la propria esperienza. Esiste una differenza tra le culture (culture veloci / culture lente). Ogni individuo è portatore di uno specifico ritmo personale. La comunicazione tra soggetti che hanno ritmi biologici, culturali e psicologici differenti può provocare distonie, sfasamenti, disagio.

24 24 La cinesica: comunicare con i gesti Categorie di gesti: emblematici (emessi intenzionalmente, spesso convenzionali) illustratori ( a commentare il linguaggio verbale) regolatori ( a sincronizzare gli interventi) indicatori ( di stati danimo) adattatori (a regolare la propria posizione rispetto ad altre persone o agli oggetti)

25 25 La postura Allinterno di ogni sistema esistono regole più o meno implicite che stabiliscono la correttezza delle posture. Rispetto ai rapporti possono essere: dominanti/sottomesse di amicizia /ostilità di formalità/informalità di autonomia/cooperazione/competizione. Rispetto allindividuo dipendono da: situazione e attività stato danimo ed emozioni.

26 26 Verso gli altri

27 27 Un rapporto circolare (A.Bandura) Corpo Mente Emozioni

28 28 Condizioni emotive e gestualità Inibizione: movimenti di ritiro-stereotipati- immotivati Depressione: movimenti scarsi-evitanti-nascosti- lenti-ritratti Euforia: movimenti rapidi-ostentati-enfatici-bruschi Ambivalenza: movimenti oscillatori Ansietà : movimenti irrequieti-agitati-tormentati.

29 29 Espressioni del volto Indicano: caratteristiche della personalità (tipiche e costanti) emozioni (entro 7 tipi principali: felicità, sorpresa, interesse, paura, tristezza, disgusto, collera) reazioni di interattività ( alla comunicazione altrui o al contesto).

30 30 Lo sguardo Diretto Alla fine di unespressione altrui = rinforzo Durante espressioni proprie = enfatizzazione Mentre si pongono domande = invito alla confidenza Prolungato = gradimento, invito oppure minaccia Indiretto, sfuggente Segnala ansia, imbarazzo, insincerità, paura

31 31 Innatismo o ambientalismo? Un dibattito antico e non risolto Lespressione e la percezione delle emozioni sono universali o peculiari di ogni cultura? Esistono somiglianze interculturali, nel sistema neuromotorio umano e nelle esperienze comuni della specie, tuttavia è probabile che lapprendimento sociale modelli le risposte alle emozioni espresse gli stimoli che le provocano le regole che presiedono alle loro manifestazioni.

32 32 La conversazione La forma più diffusa di interazione diretta, è intenso canale di scambio umano. In situazione naturale è orale simultanea semioticamente paritaria senza piani prestabiliti concatenata.

33 33 Le regole della conversazione (P.H.Grice, 1975) La conversazione è regolata secondo il principio della cooperazione, definito da 4 massime: quantità (fornisci tante informazioni quante te ne sono richieste) qualità (non dire ciò che credi falso e ciò per cui non hai prove) relazione (sii pertinente) modo (evita prolissità, ambiguità, oscurità, disordine).

34 34 Le regole della cortesia (R.Lakoff, 1987) Non timporre Offri delle alternative Metti il destinatario a suo agio E.Goffman (1967) analizza i rituali che segnano i rapporti interattivi tra estranei in situazioni pubbliche.

35 35 Il feed – back (retroazione) Può essere considerato un fattore di controllo della comunicazione, perché consente di verificare leffetto che i messaggi producono su chi li riceve. Il feed-back positivo è un messaggio di conferma: tu esisti e sono daccordo con te Il feed-back negativo è un messaggio di negazione o di critica: tu esisti, ma non sono daccordo con te La disconferma è un tipo patologico di comunicazione perché risponde senza prendere in considerazione laltro. In sostanza significa: tu non esisti.

36 36 Lascolto La capacità di ascolto è indispensabile perché la comunicazione sia tale: si manifesta nella reattività di posture, gesti, atteggiamenti nellevitare di interrompere nel riassumere ogni tanto con altre parole ciò che linterlocutore sta dicendo.

37 37 I livelli di ascolto Ignorare Fingere di ascoltare Ascoltare a tratti Sentire le parole Porre attenzione Ascoltare empaticamente

38 38 Anche lascolto è attivo (M.Sclavi, 2002) Il ricevente compie un lavoro, la cui qualità rende più o meno buono lascolto. Alcune regole: - quel che percepisci dipende dal tuo punto di vista. Per riuscire a vedere il tuo punto di vista, devi cambiare punto di vista. - Se vuoi comprendere quel che un altro sta dicendo, devi assumere che ha ragione e chiedergli di aiutarti a vedere le cose dalla sua prospettiva. - Le emozioni sono strumenti conoscitivi fondamentali. Informano non su ciò che si vede, ma su come si guarda. - Un buon ascoltatore è un esploratore di mondi possibili. - Un buon ascoltatore è capace di autoironia.

39 39 Anche la comunicazione non verbale si apprende: differenze culturali Alcuni esempi: Espressioni del viso: i giapponesi le controllano, ad esempio usano la risata per nascondere rabbia o dolore I popoli mediterranei manifestano più liberamente le emozioni. Distanza: i popoli nordici parlano a distanza maggiore rispetto agli altri. Sguardo: due arabi che conversano si guardano di più rispetto a due inglesi o due americani. Contatto: gli arabi ( e in parte gli italiani e altri popoli mediterranei) si toccano mentre discutono.


Scaricare ppt "1 Università degli Studi di Catania Facoltà di Scienze Politiche A.A.2004-2005 Sociologia della comunicazione a cura di Graziella Priulla e Mariaeugenia."

Presentazioni simili


Annunci Google