La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo studio della famiglia 1. La famiglia 2  La famiglia è un’organizzazione complessa di relazioni di parentela che HA una STORIA e CREA una STORIA. (Scabini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo studio della famiglia 1. La famiglia 2  La famiglia è un’organizzazione complessa di relazioni di parentela che HA una STORIA e CREA una STORIA. (Scabini."— Transcript della presentazione:

1 Lo studio della famiglia 1

2 La famiglia 2  La famiglia è un’organizzazione complessa di relazioni di parentela che HA una STORIA e CREA una STORIA. (Scabini E)

3 Famiglie 3 Le famiglie sono costituite da membri che hanno un passato ed un futuro comune. Racchiudono l’intero sistema emozionale di tre, quattro generazioni, legati da vincoli di sangue e/o storici

4 LA FAMIGLIA E’ UN PICCOLO GRUPPO NATURALE CON STORIA E’ UN SISTEMA CHE INTERAGISCE CON IL SUO CONTESTO SOCIO CULTURALE HA UNA STRUTTURA GERARCHICA E UNA CHIARA CONNOTAZIONE SOCIALE- ISTITUZIONALE 4

5  LA FAMIGLIA COME SISTEMA, MOSTRA LA SUA NATURA RADICALMENTE RELAZIONALE, I SUOI NESSI LOGICI E VITALI, CON I PROPRI MEMBRI E CON GLI ALTRI SISTEMI CIRCOSTANTI 5

6 STUDI SULLA FAMIGLIA 1. come sistema di relazioni che si costituiscono sia all’interno, tra i membri, sia all’esterno con l’ambiente sociale; 2. sotto l’aspetto evolutivo, considerandone i cicli vitali, 3. sotto quello organizzativo, analizzandone la struttura 4. attraverso la metafora del gioco familiare 6

7  LA FAMIGLIA COME ORGANIZZAZIONE TIENE INSIEME LE DUE ESIGENZE FONDAMENTALI DI STABILITA’ E DI CAMBIAMENTO 7

8 RISPONDE AD OBIETTIVI:  INTERNI- PROTEZIONE DEI SUOI MEMBRI  ESTERNI- TRASMISSIONE DELLA CULTURA 8

9  SENSO DI APPARTENENZA: sentirsi parte di un insieme stabile coeso e protettivo sviluppa identità e competenze  DIFFERENZIAZIONE:incentiva lo sviluppo di capacità personali, sviluppa autonomia 9

10 APPROCCIO STRUTTURALE (MINUCHIN)  LA FAMIGLIA SI ARTICOLA IN SOTTOSISTEMI (COPPIA, GENITORI, FIGLI)  TRA I SOTTOSISTEMI VANNO DEFINITI CONFINI CHIARI  LA FAMIGLIA STRUTTURA DELLE REGOLE DI FUNZIONAMENTO (ESPLICITE O IMPLICITE) 10

11 I Confini  La chiarezza dei confini è un utile parametro per la valutazione di un sistema familiare 11

12 Famiglie invischiate (S.Minuchin) La famiglia concentra il suo interesse all'interno:  si ha un progressivo coinvolgimento dei componenti  le distanze diminuiscono e i confini si confondono 12

13 Famiglia invischiata (S.Minuchin) 13 È caratterizzata da un ravvicinamento emotivo estremo “uno per tutti, tutti per uno” L’attenzione è concentrata all’interno e vi sono pochi rapporti con l’esterno per cui le transazioni evolutive o le perdite diventano eventi particolarmente problematiche.

14 Famiglie disimpegnate (S.Minuchin) Presentano lo sviluppo di confini eccessivamente rigidi tra i sottosistemi:  le comunicazioni diventano progressivamente difficili  le funzioni di difesa risultano danneggiate, anche se permettono o tollerano un'ampia gamma di comportamenti individuali.  è caratterizzata da separatezza fisica ed emotiva. “Ognuno per se” 14

15 Famiglie Bilanciate (S.Minuchin) 15 Manifestano abilità nel risolvere tensioni. Sono coinvolte in attività del mondo esterno e da questi rapporti sanno arricchire la propria vita familiare.

16 REGOLE Ogni famiglia instaura regole specifiche di funzionamento, che possono variare a seconda del momento storico (tempo) che sta attraversando e del contesto nel quale sono inserite (spazio). Le regole "non" possono essere modificate, trasgredite senza ridefinire le relazioni tra i membri. 16

17 ORGANIZZAZIONE 17 L'insieme delle regole che, formatesi nel tempo, strutturano l'organizzazione interna della famiglia

18 MITI FAMILIARI E DIMENSIONE SIMBOLICA Sono costituiti da «[...] un certo numero di opinioni ben sistematizzate, condivise da tutti i componenti della famiglia, concernenti i reciproci ruoli familiari e la natura della loro relazione». (FERREIRA,1963) Favoriscono lo sviluppo di un meccanismo di difesa collettivo che ha l’effetto di ridurre al minimo i cambiamenti del sistema, anche di fronte alla necessità di una riorganizzazione introdotta da un evento critico 18

19 ALLEANZA  «l'alleanza porta in sé il concetto di una comunanza di scopi e di sforzi, e deve essere collegata all'obiettivo o alle funzioni a cui serve» Reid (1982, p. 125) 19

20 DIVERSE FORME DI ALLEANZA DUE A FAVORE DI UNO COALIZIONE : due contro uno COLLUSIONE : alleanza coperta e nascosta TRIANGOLAZIONE : alleanza tra due membri di diverse generazioni contro un terzo 20

21 IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Prospettiva multi- generazionale per la spiegazione delle dinamiche familiari La famiglia nucleare è vista come sottosistema che interagisce all'interno di un più vasto sistema trigenerazionale. 21i

22 ASSE DIACRONICO Asse verticale lungo il quale vengono trasmessi di generazione in generazione i modelli di relazione e di funzionamento, rappresenta l’asse del tempo 22 i

23 ASSE SINCRONICO 23 Asse orizzontale che raccoglie gli stress che la famiglia incontra nel proprio cammino nella contemporaneità del tempo, adattandosi, più o meno attivamente, ai cambiamenti e alle modificazioni provocate dal superamento dei vari stadi

24 Sull'asse orizzontale vengono ricondotte anche tutte quelle tensioni derivate da accadimenti assolutamente imprevedibili e imputabili sia a eventi accidentali (morti, malattie, handicap) sia derivanti da fattori legati al sistema sociale (crisi economiche, trasferimenti, emigrazioni ecc.) 24i

25 Evento critico Elemento che consente di definire la scansione e di fronte al quale la famiglia si trova nella necessità di rivedere le proprie modalità di funzionamento per integrare la nuova informazione entrata nel sistema. 25


Scaricare ppt "Lo studio della famiglia 1. La famiglia 2  La famiglia è un’organizzazione complessa di relazioni di parentela che HA una STORIA e CREA una STORIA. (Scabini."

Presentazioni simili


Annunci Google