La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASSISTENZA E CONSULENZA PREVIDENZIALE SPORTELLO CIA PER LASSISTENZA AGLI IMMIGRATI VAI AVANTI ASSISTENZA E CONSULENZA FISCALE ASSISTENZA E CONSULENZA PER.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASSISTENZA E CONSULENZA PREVIDENZIALE SPORTELLO CIA PER LASSISTENZA AGLI IMMIGRATI VAI AVANTI ASSISTENZA E CONSULENZA FISCALE ASSISTENZA E CONSULENZA PER."— Transcript della presentazione:

1 ASSISTENZA E CONSULENZA PREVIDENZIALE SPORTELLO CIA PER LASSISTENZA AGLI IMMIGRATI VAI AVANTI ASSISTENZA E CONSULENZA FISCALE ASSISTENZA E CONSULENZA PER TRATTAMENTO PAGHE E CONTRIBUTI ASSISTENZA PER TRASFERIMENTO RIMESSE ASSIAGRI S.R.L. Aggiornato al 22 giugno 2010

2 MENU PRINCIPALE SELEZIONA LARGOMENTO CHE TI INTERESSA INGRESSO NEL TERRITORIO DELLO STATO ITALIANO MEZZI DI SUSSISTENZA IL NULLAOSTA IL VISTO DINGRESSO COSA FARE APPENA ARRIVATI ISCRIZIONE ANAGRAFICA – DOCUMENTO DIDENTITÀ IDONETA ALLOGGIATIVA PERMESSI DI SOGGIORNO CITTADINI COMUNITARI PERMESSO DI SOGGIORNO CE (ex carta di soggiorno) PERMESSO DI SOGGIORNO CE ( LA CITTADINANZA LAVORO I LAVORATORI DOMESTICI PERDITA DEL LAVORO SALUTE PREVIDENZA E ASSISTENZA SE TORNO NEL MIO PAESE PRESTAZIONI SOCIALI REATO DI CLANDESTINITA (ingresso e soggiorno illegale) REATO DI CLANDESTINITA INGRESSO NEL TERRITORIO DELLO STATO ITALIANO MEZZI DI SUSSISTENZA IL NULLAOSTA IL VISTO DINGRESSO COSA FARE APPENA ARRIVATI ISCRIZIONE ANAGRAFICA – DOCUMENTO DIDENTITÀ IDONETA ALLOGGIATIVA PERMESSI DI SOGGIORNO CITTADINI COMUNITARI PERMESSO DI SOGGIORNO CE (ex carta di soggiorno) PERMESSO DI SOGGIORNO CE ( LA CITTADINANZA LAVORO I LAVORATORI DOMESTICI PERDITA DEL LAVORO SALUTE PREVIDENZA E ASSISTENZA SE TORNO NEL MIO PAESE PRESTAZIONI SOCIALI REATO DI CLANDESTINITA (ingresso e soggiorno illegale) REATO DI CLANDESTINITA ESPULSIONE DIRITTO ALLA CASA I DIRITTI DELLA DONNA I DIRITTI DEL RIFUGIATO LA PROTEZIONE SUSSIDIARIA: I DIRITTI LA PROTEZIONE SUSSIDIARIA: I DIRITTI RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE I DIRITTI DEI MINORI I DIRITTI DAI 18 ANNI SPOSARSI IN ITALIA STUDIARE IN ITALIA IMPARARE LITALIANO ESPULSIONE DIRITTO ALLA CASA I DIRITTI DELLA DONNA I DIRITTI DEL RIFUGIATO LA PROTEZIONE SUSSIDIARIA: I DIRITTI LA PROTEZIONE SUSSIDIARIA: I DIRITTI RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE I DIRITTI DEI MINORI I DIRITTI DAI 18 ANNI SPOSARSI IN ITALIA STUDIARE IN ITALIA IMPARARE LITALIANO COME INVIARE IL DENARO A CASA COME INVIARE IL DENARO A CASA I RAPPORTI CON IL FISCO COME DIVENTARE IMPRENDITORE AGRICOLO COME DIVENTARE IMPRENDITORE AGRICOLO

3 INGRESSO NEL TERRITORIO DELLO STATO ITALIANO 1.MOTIVI PER ENTRARE E DOCUMENTI OCCORRENTIMOTIVI PER ENTRARE E DOCUMENTI OCCORRENTI 2.PAESI DI PROVENIENZA: DOCUMENTIPAESI DI PROVENIENZA: DOCUMENTI 3.CHI NON PUO ENTRARECHI NON PUO ENTRARE 4.MEZZI DI SUSSISTENZA: COME DIMOSTRARLIMEZZI DI SUSSISTENZA: COME DIMOSTRARLI 5.LIMPORTO RICHIESTO PER DIMOSTRARE I MEZZI DI SUSSISTENZA VARIA A SECONDA DELLE TIPOLOGIE DINGRESSO: - affari – cure mediche – sport – motivi religiosi – turismo - lavoro subordinato - lavoro autonomo - familiari al seguito e ricongiungimento familiare - studio 1.MOTIVI PER ENTRARE E DOCUMENTI OCCORRENTIMOTIVI PER ENTRARE E DOCUMENTI OCCORRENTI 2.PAESI DI PROVENIENZA: DOCUMENTIPAESI DI PROVENIENZA: DOCUMENTI 3.CHI NON PUO ENTRARECHI NON PUO ENTRARE 4.MEZZI DI SUSSISTENZA: COME DIMOSTRARLIMEZZI DI SUSSISTENZA: COME DIMOSTRARLI 5.LIMPORTO RICHIESTO PER DIMOSTRARE I MEZZI DI SUSSISTENZA VARIA A SECONDA DELLE TIPOLOGIE DINGRESSO: - affari – cure mediche – sport – motivi religiosi – turismo - lavoro subordinato - lavoro autonomo - familiari al seguito e ricongiungimento familiare - studio SOTTOMENU RITORNA AL MENU PRINCIPALE

4 INGRESSO Lavoro Studio Motivi familiari Ricongiungimento familiare Asilo politico Protezione sociale Turismo Attività Sportiva Dimora Tirocinio Culto Cure mediche Missione Affari Invito VAI AVANTI PUOI ENTRARE NEL TERRITORIO ITALIANO PER : 1.Passaporto 2.visto dingresso 3.disponibilità di mezzi finanziari 4.superato i controlli sanitari DEVI AVERE : RITORNA AL SOTTOMENU

5 INGRESSO NELLO STATO ITALIANO Germania, Francia, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo, Italia, Portogallo, Spagna, Grecia, Austria, Danimarca, Finlandia, Svezia, Norvegia, Islanda e la Svizzera. Dal 21/12/2007 hanno aderito Estonia, Repubblica ceca, Lituania, Ungheria, Lettonia, Malta, Polonia, Slovacchia e Slovenia Se sei un cittadino appartenente ad uno degli Stati Schengen o membro della Unione Europea puoi circolare con un semplice DOCUMENTO DI IDENTITÀ. Stati firmatari accordo SCHENGEN Se non provieni dai suddetti Stati per entrare in Italia devi avere: 1.passaporto, o di documento equipollente in corso di validità;documento equipollente 2.visto dingresso; 3.superato i controlli sanitari previsti dalla normativa vigente in materia di profilassi internazionale; 4.disponibilità di mezzi finanziari. RITORNA AL SOTTOMENU Paesi aderenti allUnione Europea Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Rep. Slovacca, Slovenia, Ungheria, Cipro e Malta. Dal 1/01/2007 Bulgaria e Romania.

6 DOCUMENTI EQUIPOLLENTI Esempio: documento di viaggio per apolidi, documento di viaggio per rifugiati, titolo di viaggio per stranieri impossibilitati a ricevere un valido documento di viaggio dall'Autorità del paese di cui sono cittadini, lasciapassare delle Nazioni Unite o documento individuale rilasciato da un Quartier Generale della NATO, ecc. Sottomenu documenti equipollenti RITORNA AL SOTTOMENU RITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE

7 CHI NON PUO ENTRARE IN ITALIA 1.espulso e hai lasciato l'Italia da meno di dieci anni a meno che nel divieto despulsione non sia stato previsto un termine più breve, in ogni caso non inferiore a cinque anni; 2.segnalato come soggetto pericoloso in base ad Accordi Internazionali; 3.considerato una minaccia per l'ordine pubblico, per la sicurezza dello Stato o per uno dei Paesi aderenti all'Accordo di Schengen; 4.condannato per reati che riguardino gli stupefacenti, la libertà sessuale, il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, lo sfruttamento alla prostituzione o di minori. Non puoi entrare nel territorio dello Stato italiano se sei stato: RITORNAAL SOTTOMENU

8 MEZZI DI SUSSISTENZA Per poter entrare e soggiornare nello Stato italiano devi dimostrare la disponibilità dei mezzi finanziari sufficienti attraverso: a)l 'esibizione di denaro contante; b)fideiussioni bancarie; c)polizze fideiussorie; d)equivalenti titoli di credito; e)titoli di servizi prepagati o di atti comprovanti la disponibilità in Italia di fonti di reddito. Inoltre, devi indicare: 1.Lesistenza di unabitazione sufficientemente grande per ospitarti secondo la legge italiana; 2.disponibilità della somma occorrente per il rimpatrio, che puoi dimostrare anche con lesibizione del biglietto di ritorno. RITORNA AL SOTTOMENU segue

9 Mezzi di sussistenza per: affari, cure mediche (anche per l'eventuale accompagnatore), gara sportiva, motivi religiosi, turismo. Classi di durata del viaggioUn partecipante Due o più partecipanti Da 1 a 5 giorni: quota fissa complessiva 269,60 212,81 Da 6 a 10 giorni: quota a persona giornaliera 44,93 26,33 Da 11 a 20 giorni: quota fissa 51,64 25,82 Quota a giornaliera a persona 36,67 22,21 Oltre i 20 giorni: quota fissa + 206,58 118,79 Quota a giornaliera a persona 27,89 17,04 Segue mezzi di sussistenza RITORNA AL SOTTOMENU segue

10 LAVORO SUBORDINATO Nella proposta di contratto di soggiorno il datore di lavoro deve assicurarti: 1.lesistenza di una abitazione sufficientemente grande per ospitarti secondo la legge italiana ; 2.il trattamento retributivo e assicurativo, nel rispetto delle leggi vigenti e dei Ccnl evidenziato nel contratto di soggiorno; 3.il pagamento delle spese di ritorno nel tuo Paese. Segue mezzi di sussistenza la disponibilità dei mezzi di sussistenza e di idonea sistemazione sono A CARICO DEL DATORE DI LAVORO che effettua la richiesta. RITORNA AL SOTTOMENU segue

11 LAVORO AUTONOMO 1.disponibilità di 388,00 euro per il pagamento del contributo previsto per liscrizione al Servizio sanitario nazionale oppure di una polizza assicurativa per cure mediche e ricovero ospedaliero valida per il periodo di soggiorno; 2.lesistenza di una abitazione sufficientemente grande dove risiedere secondo la legge italiana; 3.disponibilità della somma occorrente per il rimpatrio, che puoi dimostrare anche con lesibizione del biglietto di ritorno. Segue mezzi di sussistenza I mezzi di sussistenza sono a carico del lavoratore che deve dimostrare: Deve possedere la disponibilità di 8.500,00 euro. Straniero in possesso di attestato di formazione per corsi approvati dal Min. Del lavoro italiano Straniero NON in possesso di attestato di formazione ….. Deve possedere una somma pari a 2.674,94 euro per lanno RITORNA AL SOTTOMENU segue

12 FAMILIARI AL SEGUITO E RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE FAMILIARI AL SEGUITO E RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE Se possiedi un titolo per lingresso e il soggiorno in Italia puoi fare richiesta per lingresso di un familiare a seguito o il ricongiungimento familiare, purché dimostri di possedere: 1.una abitazione sufficientemente grande da ospitare te e la tua famiglia secondo la legge italiana; 2.un reddito annuo di almeno 8.024,83 euro per lanno 2010 per un familiare, di ,78 euro per due familiari, di ,72 euro per tre familiari. Se il ricongiungimento è richiesto per più di un figlio minore di 14 anni, il reddito da dimostrare deve essere solo pari a ,78. Segue mezzi di sussistenza la disponibilità dei mezzi di sussistenza e di idonea sistemazione sono a carico del lavoratore. RITORNA AL SOTTOMENU segue

13 STUDIO Devi dimostrare di possedere: 1.la somma di 350,57 euro per ogni mese di durata dellanno accademico (anche mediante esibizioni di mezzi personali o familiari); 2.lesistenza di una abitazione sufficientemente grande per ospitarti secondo la legge italiana; 3.la disponibilità della somma occorrente per il rimpatrio, che puoi dimostrare anche con lesibizione del biglietto di ritorno; 4.la somma di 149,80 euro per il pagamento del contributo previsto per liscrizione al Servizio sanitario nazionale o polizza assicurativa per cure mediche e ricovero ospedaliero valida per il periodo di soggiorno. Segue mezzi di sussistenza la disponibilità dei mezzi di sussistenza e di idonea sistemazione sono a carico dello studente. Il possesso di eventuali borse di studio è considerato sufficiente se corrisponde allimporto del contributo sanitario, e concorre alla formazione dei mezzi di sussistenza, se di importo inferiore. RITORNA AL SOTTOMENU RITORNA AL VISTO PER STUDIO

14 IL NULLA OSTA RITORNA AL MENU PRINCIPALE INVIO DELLA DOMANDA: la richiesta di nulla osta può essere presentata presso il PATRONATO-INAC e inviata al SUI esclusivamente per via telematica. Lo Sportello Unico per lImmigrazione (SUI) rilascia SU RICHIESTA il nulla osta per i seguenti motivi di ingresso nel territorio italiano: LA RICHIESTA VA PRESENTATA da un datore di lavoro italiano o straniero in ITALIA nellambito delle quote annuali previste dal Decreto flussi per la prima assunzione di un lavoratore straniero residente allestero LA RICHIESTA VA PRESENTATA da un familiare per il rilascio del visto per motivi di ricongiungimento familiare o familiare al seguito LAVORO SUBORDINATO MOTIVI DI FAMILIARI Il nullaosta è il documento necessario per ottenere il visto di primo ingresso per motivi di lavoro subordinato e il visto per motivi familiari. Il nullaosta rilasciato dallo Sportello Unico viene consegnato al datore di lavoro oppure al familiare che ne ha fatto richiesta, che lo spedisce al lavoratore o al familiare allestero (su richiesta lo Sui lo spedisce direttamente al consolato allestero). Con il nullaosta lo straniero, entro e non oltre 6 mesi, deve ritirare presso il Consolato italiano il VISTO DINGRESSO ed entrare in Italia. Il nulla osta al ricongiungimento familiare è rilasciato entro 180 giorni dalla richiesta.

15 IL VISTO DINGRESSO SOTTOMENU COME RICHIEDERLO E I DOCUMENTI OCCORRENTI PAESI ESENTI DALL'VISTO PAESI CON OBBLIGO DI VISTO TIPOLOGIE DI VISTO COME RICHIEDERLO E I DOCUMENTI OCCORRENTI PAESI ESENTI DALL'VISTO PAESI CON OBBLIGO DI VISTO TIPOLOGIE DI VISTO RITORNA AL MENU PRINCIPALE

16 VISTO PER LINGRESSO Alla domanda devi allegare: 1.passaporto o altro documento di viaggio equipollente in corso di validità;documento di viaggio equipollente 2.foto formato tessera; 3.documentazione che dimostri che hai la disponibilità di mezzi di sussistenza sufficienti per la durata del soggiorno e per il rientro in patria (comprovante anche dal possesso del biglietto di ritorno);mezzi di sussistenza sufficienti 4.documentazione che dimostri dove sei diretto, il motivo e la durata del tuo soggiorno; 5.documentazione necessaria per il tipo di visto richiesto; 6.le condizioni di alloggio; 7.per i familiari al seguito documentazione comprovante il grado di parentela, di coniuge, la condivisione della minore età o di invalidità al lavoro; 8.Nullaosta nei casi di primo ingresso per motivi di lavoro subordinato o motivi di famiglia. Per richiedere il Visto devi fare la domanda alla rappresentanza diplomatica o consolare italiana presente nello Stato da cui provieni. Il visto, ti verrà rilasciato entro 90 giorni. RITORNA AL SOTTOMENU

17 PAESI SENZA OBBLIGO DI VISTO I cittadini di alcuni Paesi non sono obbligati a richiedere il visto dingresso per soggiorni per turismo, missione, affari, invito e gara sportiva purché non superiori a 90 giorni. RITORNA AL SOTTOMENU Elenco: Andorra, Argentina, Australia, Bolivia, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, El Salvador, Giappone, Guatemala, Honduras, Hong Kong, Israele, Malesia, Macao, Messico, Monaco, Nicaragua, Nuova Zelanda, Panama, Paraguay, Singapore, Stati Uniti, Uruguay, Venezuela. Dal 1 gennaio 2010 non si applica più l'obbligo del visto esclusivamente ai cittadini dellex- Repubblica Jugoslava di Macedonia, Serbia e Montenegro in possesso di un passaporto biometrico, in cui nel microchip sono registrate le impronte digitali. La misura della esenzione del visto si applica inoltre ai: Cittadini britannici titolari del seguente documento di viaggio: British nationals (Overseas) Cittadini di Paesi sottoposti ad obbligo del visto, con permesso per il traffico frontaliero Rifugiati statutari (Recognised Refugees), Apolidi. I cittadini di San Marino, Città del Vaticano e Svizzera sono esenti dallobbligo di visto in ogni caso.

18 PAESI CON OBBLIGO DI VISTO Elenco: Afghanistan, Albania, Algeria, Angola, Antigua e Barbuda, Arabia Saudita, Armenia, Azerbaijan, Bahamas, Bahrein, Bangladesh, Barbados, Belize, Benin, Bhutan, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Centrafrica, Ciad, Cina, Colombia, Comore, Congo, Congo (Repubblica Democratica), Corea del Nord, Costa d'Avorio, Cuba, Dominica, Dominicana (Repubblica), Ecuador, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Eritrea, Etiopia, Fiji, Filippine, Gabon, Gambia, Georgia, Ghana, Giamaica, Gibuti, Giordania, Grenada, Guinea, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Guyana, Haiti, India, Indonesia, Iran, Iraq, Kazakistan, Kenia, Kirghizistan, Kiribati, Kuwait, Laos, Lesotho, Libano, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Maldive, Mali, Marianne del Nord, Marocco, Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Myanmar, Moldova, Mongolia, Mozambico, Namibia, Nauru, Nepal, Niger, Nigeria, Oman, Pakistan, Palau, Papua-Nuova Guinea, Perù, Qatar, Repubblica Federale di Iugoslavia (Serbia e Montenegro), Ruanda, Russia, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Salomone, Samoa Occidentali, Sao Tomé e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Siria, Somalia, Sri Lanka, Sud Africa, Sudan, Suriname, Swaziland, Tagikistan, Taiwan (entità territoriale non riconosciuta), Tanzania, Thailandia, Timor Orientale, Togo, Tonga, Trinidad e Tobago, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina, Uganda, Uzbekistan, Vanuatu, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe. RITORNA AL SOTTOMENU

19 TIPOLOGIE DI VISTO Lavoro subordinato Lavoro autonomo Ricongiungimento familiare Familiare al seguito Studio Cure mediche Motivi religiosi Turismo Vacanze lavoro Adozione Affari Gara Sportiva Invito Diplomatico Missione Residenza elettiva Transito Trasporto Reingresso RITORNA AL SOTTOMENURITORNA AL MENU PRINCIPALE

20 VISTO PER ADOZIONE 1.autorizzazione nominativa rilasciata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali; 2.dichiarazione di idoneità all'adozione, rilasciata dal tribunale italiano dei minorenni competente per distretto di appartenenza dei genitori adottanti; 3.provvedimento di adozione o di affidamento pre-adottivo emesso dalla competente autorità straniera in conformità alla legislazione locale; 4.dichiarazione di conformità del provvedimento alla legislazione dello Stato straniero, emessa dall'autorità consolare italiana competente per luogo d'emissione del provvedimento. Ti consente di adottare o prendere in affidamento un minore straniero per un soggiorno permanente. Requisiti: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO Una volta arrivato in Italia il minore straniero adottato o affidato a scopo di adozione NON DEVE RICHIEDERE IL PERMESSO DI SOGGIORNO ma acquisisce automaticamente la cittadinanza italiana.

21 VISTO PER AFFARI 1.la condizione di "operatore economico-commerciale" del richiedente; 2.la finalità economico-commerciale del viaggio per il quale e' richiesto il visto; 3.l'esistenza e l'effettiva attività svolta in Italia dagli eventuali operatori economici che richiedano il rilascio del visto in favore dell'operatore straniero; 4.adeguati mezzi di sussistenza. Ti consente l'ingresso per contatti o trattative.Requisiti: Il visto per affari può essere rilasciato anche per gli accompagnatori, purché siano documentate le ragioni di lavoro. La pratica sarà più veloce se gli operatori stranieri sono in possesso di una "dichiarazione di invito da parte di un'impresa del settore manifatturiero o dei servizi connessi all'industria, regolarmente operante in Italia. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO Una volta in Italia NON DEVI RICHIEDERE IL PERMESSO DI SOGGIORNO ma sei obbligato a compilare una dichiarazione di presenza presso la Questura competente entro 8 giorni lavorativi dallingresso.

22 VISTO PER CURE MEDICHE 1.dichiarazione della struttura sanitaria italiana prescelta che indichi il tipo di cura, la data di inizio e la durata; 2.attestazione dellavvenuto deposito di una somma cauzionale, tenendo conto del costo presumibile delle prestazioni sanitarie richieste; 3.documentazione per la disponibilità di vitto e alloggio per laccompagnatore. Ti consente l'ingresso, se hai la necessità di sottoporsi a trattamenti medici presso istituzioni sanitarie italiane, pubbliche o private accreditate. Requisiti: Il visto per cure mediche può essere rilasciato anche per laccompagnatore, in presenza di adeguati mezzi di sussistenza. Lo straniero (accompagnatore) autorizzato a soggiornare in Italia per assistere un minore che ha problemi psicofisici, può ottenere un permesso di soggiorno per assistenza minore, che consente di lavorare ma non può essere convertito in permesso per motivi di lavoro. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

23 VISTO DIPLOMATICO Il visto diplomatico e' rilasciato anche agli stranieri componenti lo stretto nucleo familiare convivente del titolare. passaporto diplomatico o di servizio, destinato a prestare servizio presso le rappresentanze diplomatico- consolari del tuo Paese, in Italia o presso la Santa Sede. Il visto diplomatico per accreditamento o notifica ti consente l'ingresso in Italia se titolare di: Le richieste dovranno essere avanzate per le vie diplomatiche, con nota verbale, e la concessione del visto sarà sempre subordinata al preventivo nullaosta rilasciato dal servizio del cerimoniale del Ministero Affari Esteri. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

24 VISTO PER FAMILIARE AL SEGUITO 1.la disponibilità di un alloggio sufficiente per ospitarti secondo la legge; 2.un reddito annuo di almeno 8.024,83 euro per lanno 2010 per un familiare, di ,78 euro per due, di ,72 per tre familiari. Per più di un figlio minore di 14 anni, il reddito da dimostrare deve essere pari a ,78 euro; 3.documentazione attestante i rapporti di parentela (es. certificazione di stato civile e anagrafica del familiare richiesto), la minore età e lo stato di famiglia, invalidità o gravi motivi di salute, inabilità al lavoro, rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero e autenticaticata dallautorità consolare italiana; 4.certificato di idoneità igienico-sanitaria rilasciato dallAzienda unità sanitaria locale competente per territorio e certificato rilasciato dallUfficio tecnico del Comune di residenza.certificato di idoneità igienico-sanitaria Il visto ti consente lingresso, al seguito di un familiare titolare di: visto per lavoro subordinato relativo a contratto non inferiore a un anno; visto per lavoro autonomo non occasionale; visto per studio; visto per motivi religiosi; permesso di soggiorno CE (ex carta di soggiorno). Che dimostri di avere: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO Tale visto viene rilasciato in seguito alla richiesta di nullaosta, da parte di un familiare o anche da un procuratore speciale. La richiesta di nullaosta può essere presentata al PATRONATO-INAC

25 VISTO PER GARA SPORTIVA 1.comunicazione scritta del C.O.N.I. o della Federazione sportiva italiana che confermi la notorietà della competizione e la partecipazione dell'atleta o del gruppo sportivo; 2.lista ufficiale di nominativi o eventuali lettere di segnalazione presentatele dagli enti sportivi stranieri, con l'indicazione della qualifica di ciascuno dei componenti stessi. 3.adeguati mezzi di sussistenza.mezzi di sussistenza 1.sportivo; 2.allenatore; 3.direttore tecnico- sportivo; 4.preparatore atletico; 5.accompagnatore. Ti consente l'ingresso, per partecipare a singole competizioni o ad una serie di manifestazioni sportive, sia a carattere professionistico che dilettantistico, se sei: Requisiti: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

26 VISTO PER INVITO Ti consente l'ingresso Se invitato da enti, istituzioni, organizzazioni pubbliche o private ma notorie, come ospite di particolari eventi e manifestazioni di carattere politico o scientifico-culturale 1.spese di soggiorno a carico; 2.indica la durata del visto. ENTE INVITANTE RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

27 VISTO PER LAVORO AUTONOMO 1.risorse adeguate per lesercizio dellattività che intendi intraprendere, tali risorse non devono essere inferiori all'importo annuale dell'assegno sociale (disponibilità in Italia di 5.349,89 euro per il 2010); 2.requisiti previsti dalla legge italiana per lesercizio della singola attività e dove richiesto liscrizione in albi e registri; 3.attestazione dellautorità competente, in data non anteriore a tre mesi, che dichiari che non ci sono motivi ostativi al rilascio dellautorizzazione o della licenza prevista per lesercizio dellattività che vuoi svolgere; 4.dimostrare di disporre di idonea sistemazione alloggiativa; 5.dimostrare di disporre un reddito annuo, di importo superiore al livello minimo previsto dalla legge per lesenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria (euro 8.500,00). Ti consente l'ingresso in Italia, se vuoi esercitare un'attività' professionale o lavorativa autonoma. Requisiti: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

28 VISTO PER LAVORO SUBORDINATO 1.generalità del datore di lavoro; 2.generalità del lavoratore; 3.limpegno di assicurare allo straniero il trattamento retributivo ed assicurativo previsto dai Ccnl di lavoro di categoria; 4.la sede in cui verrà svolta lattività lavorativa; 5.le modalità di alloggio. Ti consente l'ingresso, se sei stato chiamato in base al Decreto flussi annuale, in Italia da un datore di lavoro per un lavoro subordinato. Requisiti 1.Documento di viaggio in corso di validità 2.Nullaosta al lavoro subordinato La richiesta di nullaosta al lavoro del datore di lavoro deve contenere: Alla richiesta devono essere allegati: 1. Fotocopia del documento di identità del lavoratore straniero; 2. Fotocopia del documento di identità del datore di lavoro. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO Il datore di lavoro può presentare la richiesta di nulla osta al lavoro presso il PATRONATO-INAC

29 VISTO PER MISSIONE Stranieri che rivestano cariche governative o siano dipendenti di pubblica amministrazione, di enti pubblici, o di Organizzazioni internazionali, invitati in Italia nellespletamento delle loro funzioni, ovvero i privati cittadini che per l'importanza della loro attività e per gli scopi del soggiorno possano ritenersi di pubblica utilità per le relazioni tra lo Stato di appartenenza e l'Italia. Ti consente l'ingresso, se devi recarti in Italia per ragioni legate alla tua funzione politica, governativa o di pubblica utilità. E rilasciato alle seguenti categorie: Analogo visto per missione può essere rilasciato agli stranieri componenti lo stretto nucleo familiare convivente del titolare. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

30 VISTO PER MOTIVI RELIGIOSI 1.l'effettiva condizione di "religioso"; 2.documentate garanzie circa il carattere religioso della manifestazione o delle attività addotte a motivo del soggiorno; 3.nei casi in cui le spese di soggiorno dello straniero non siano a carico di enti religiosi, l'interessato deve disporre di mezzi di sussistenza sufficienti. 1.religioso straniero con ordinazione sacerdotale; 2.ministro di culto appartenente ad una organizzazione iscritta nell'elenco del Ministero dell'interno; 3.partecipante a manifestazioni di culto; 4.eserciti attività ecclesiastica, religiosa o pastorale. Requisiti Ti consente l'ingresso, se: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

31 VISTO PER RESIDENZA ELETTIVA 1.disponibilità di un'abitazione da eleggere a residenza; 2.ampie risorse economiche autonome, di cui si possa supporre la continuità nel futuro (es. pensioni, vitalizi, possesso di proprietà immobiliari, titolarità di stabili attività economico- commerciali o da altre fonti diverse dal lavoro subordinato). Ti consente l'ingresso, se intendi stabilirti in Italia e sei in grado di mantenerti autonomamente, senza esercitare alcuna attività lavorativa. Al coniuge, ai figli minori, ai figli maggiorenni conviventi ed a carico, ed ai genitori conviventi a carico del titolare di visto, potrà essere rilasciato analogo visto solo a condizione che le suddette capacità finanziarie siano adeguate. Requisiti: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO Se sei pensionato puoi avere un permesso di soggiorno per residenza elettiva

32 VISTO PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE a)Coniuge, solo se maggiorenne; b)figli minori, o maggiorenni con invalidità totale; c)genitori a carico o con più di 65 anni con assicurazione sanitaria o iscrizione al SSN se altri figli in patria non possono provvedere a loro; d)figli stranieri maggiorenni in adozione da parte di cittadini italiani, in presenza di un provvedimento definitivo adottato in tal senso dall'Autorità' giudiziaria italiana competente. 1.possesso Permesso di soggiorno CE (ex carta di soggiorno) oppure permesso di soggiorno non inferiore a un anno, per lavoro subordinato, autonomo, asilo, studio o motivi religiosi; 2.disponibilità di un alloggio; 3.reddito annuo di almeno 8.024,83 euro per lanno 2010 per un familiare, di ,78 euro per due familiari, di ,72 euro per tre familiari. Per più di un figlio minore di 14 anni, oppure se il richiedente è titolare dello status di protezione sussidiaria, il reddito deve essere pari a ,78 euro. Per la determinazione del reddito si tiene conto del reddito complessivo dei familiari conviventi del richiedente. Può essere richiesta per i seguenti familiari: Requisiti RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO Tale visto viene rilasciato in seguito alla richiesta di nullaosta e ti consente l'ingresso, se intendi riacquistare lunione con un familiare regolarmente soggiornante in Italia. La richiesta di nulla osta può essere presentata al PATRONATO-INAC

33 VISTO PER STUDIO 1.Documento didentità in corso di validità; 2.documentate garanzie circa il corso di studio, formazione professionale o attività culturale da svolgere (es. iscrizione allUniversità); 3.adeguate garanzie circa i mezzi di sussistenza sufficienti (pari a non meno 350,57 euro per ogni mese di durata dellanno accademico) o borse di studio;mezzi di sussistenza sufficienti 4.Dichiarazione circa la disponibilità in Italia di un idoneo alloggio; 5.La somma occorrente per il rimpatrio (comprovabile anche con il biglietto di ritorno aperto); 6.Copertura assicurativa per cure mediche e ricoveri ospedalieri, laddove lo straniero non abbia diritto all'assistenza sanitaria in Italia in virtù di accordi o convenzioni in vigore con il suo Paese; 7.età maggiore di anni 14. Ti consente l'ingresso, se vuoi seguire corsi universitari, di studio o formazione professionale presso istituti riconosciuti o comunque qualificati, oppure se sei chiamato a svolgere attività culturali e di ricerca. Requisiti: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

34 VISTO PER TRANSITO 1.alla sussistenza dei requisiti minimi richiesti, in generale, per il rilascio di un visto di breve durata per "turismo; 2.al possesso da parte dello straniero, ove necessario, del visto di ingresso nel Paese terzo di destinazione finale. Ti consente di attraversare il territorio delle parti contraenti nel corso di un viaggio da uno Stato terzo ad altro Stato terzo, e ti e' concesso a condizione che ti sia garantito l'ingresso nello Stato di destinazione finale e che il tragitto debba ragionevolmente portarti a transitare sul territorio delle altre parti contraenti. La concessione del visto e' sempre subordinata: Il visto per transito e' rilasciato ai marittimi stranieri che intendano imbarcare o sbarcare da navi straniere, presso porti situati nel territorio nazionale o nello spazio Schengen. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

35 VISTO PER TRASPORTO 1.documentazione attestante la condizione professionale dei richiedenti; 2.documentazione inerente l'attività' da svolgere in occasione del soggiorno richiesto. Ti consente l'ingresso, se devi venire in Italia per brevi periodi per svolgere attività professionale connessa con il trasporto di merci o persone, sia per via terrestre che per via aerea (es. autotrasportatori, equipaggi di voli charter o privati). Requisiti: RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

36 VISTO PER TURISMO Ti consente l'ingresso, se vuoi viaggiare per motivi turistici per un massimo di 90 giorni. Requisiti 1.adeguati mezzi finanziari di sostentamento; 2.il titolo di viaggio di andata e ritorno (o prenotazione) ovvero la disponibilità di autonomi mezzi di viaggio; 3.la disponibilità di un alloggio (prenotazione alberghiera, dichiarazione di ospitalità, ecc.). Nel caso d'invito da parte di cittadino italiano o straniero regolarmente residente, è necessaria una "dichiarazione d'invito" che attesti la disponibilità dei mezzi di sussistenza sufficienti, nel caso in cui non sussistano tali mezzi, la dichiarazione dovrà essere accompagnata dalla ricevuta di un versamento bancario effettuato presso una banca operante in Italia da parte di colui che invita, in favore del cittadino straniero richiedente il visto, per l'importo relativo ai mezzi di sussistenza. NON TI CONSENTE DI LAVORARE RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO NON DEVI RICHIEDERE IL PERMESSO DI SOGGIORNO ma sei obbligato a compilare una dichiarazione di presenza in Questura entro 8 giorni dallingresso in Italia.

37 VISTO DI REINGRESSO RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO 1.Se il permesso di soggiorno scade durante il periodo di vacanza nel paese di origine, lo straniero deve recarsi presso la competente rappresentanza diplomatica/consolare munito del permesso di soggiorno scaduto e prenotare il rilascio di un visto di reingresso comunicando la data entro la quale farà ritorno in Italia. E necessario che il permesso di soggiorno non sia scaduto da più di 60 giorni (fino a 6 mesi in caso di documentati gravi motivi di salute dello straniero, del coniuge o di un suo parente di primo grado), pena limpossibilità di ottenere il suddetto visto e conseguentemente di non poter far rientro in Italia. 2.Se lo straniero smarrisce, in viaggio, il proprio permesso di soggiorno, è sufficiente, produrre originale o copia autenticata della denuncia di furto o smarrimento resa innanzi alle competenti Autorità di Polizia (tradotta e legalizzata) presso il Consolato italiano. Il visto di reingresso viene rilasciato ai cittadini stranieri già titolari di un permesso di soggiorno valido in Italia, ma che si trova allestero e vogliono fare rientro nel territorio nazionale. Viene rilasciato nei seguenti casi:

38 VISTO PER VACANZE LAVORO I requisiti e le condizioni per l'ottenimento del visto sono previsti dagli specifici accordi internazionali in materia, tenendo conto della disponibilità dei mezzi di sussistenza sufficienti. Ti consente l'ingresso, se sei un cittadino appartenente ad un Paese con cui l'Italia abbia stipulato degli specifici accordi, tale quota è stabilita al di fuori del numero dingressi del decreto flussi (art. 27 T.U.). La durata massima del visto e' di due anni. Per gli sportivi stranieri il nulla osta al lavoro è sostituito dalla dichiarazione nominativa di assenso del Coni (art. 40, comma 16). RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI VISTO

39 COSA FARE APPENA ARRIVATI 1.leventuale firma del contratto di lavoro; 2.Il ritiro del certificato di attribuzione del codice fiscale; 3.ritiro del modulo di richiesta del permesso di soggiorno. Arrivato in Italia, entro 8 giorni lavorativi, devi presentarti allo SPORTELLO UNICO per: 1 RITORNA AL MENU PRINCIPALE Se possiedi un visto dingresso per MOTIVI FAMILIARI o un visto di PRIMO INGRESSO per LAVORO SUBORDINATO segue 2 Poi devi recarti allufficio postale per spedire la richiesta permesso di soggiorno. Se possiedi un visto per: Motivi religiosi, Missione, Residenza elettiva, Studio, Vacanze lavoro, Tirocinio formazione professionale, Attesa riacquisto cittadinanza, Lavoro autonomo, Soggiorno lavoro art. 27. Arrivato in Italia, entro 8 giorni lavorativi, devi recarti presso il PATRONATO-INAC per: 1.la richiesta del permesso di soggiorno Poi devi recarti allufficio postale per spedire la richiesta permesso di soggiorno.

40 COSA FARE APPENA ARRIVATI 3 RITORNA AL MENU PRINCIPALE Minori con visto per: ADOZIONE O AFFIDAMENTO a scopo di adozione. Non devono richiedere il permesso di soggiorno 4 Con il PERMESSO DI SOGGIORNO presso il comune di residenza chiedi: 5 1. liscrizione anagrafica 2. la carta di identità Se possiedi un visto per turismo, visita, affari e studio della durata inferiore a 3 mesi, devi dichiarare la presenza allufficio di polizia di frontiera. 6 Oppure in Italia, entro 8 giorni lavorativi, devi presentarti presso la QUESTURA per: 1.la dichiarazione di presenza Se possiedi un visto dingresso per motivi di: Cure Mediche, Gara Sportiva, Motivi Umanitari, Asilo politico, Minore età, Giustizia, Status apolide, Integrazione minore, Invito Arrivato in Italia, entro 8 giorni lavorativi, devi presentarti alla QUESTURA per: 1.la richiesta del permesso di soggiorno; 2.lassegnazione del codice fiscale.

41 ISCRIZIONE ANAGRAFICA 1.Passaporto in corso di validità; 2.Permesso di soggiorno valido o in corso di rinnovo; 3.Codice fiscale; 4.Contratto di affitto registrato; 5.Autocertificazione dei metri quadrati calpestabili della propria abitazione (per chi presenta la richiesta la prima volta) oppure la ricevuta di pagamento della tassa rifiuti inerente la nuova abitazione. Se ospitati in una struttura di accoglienza o in una comunità, la dichiarazione di residenza sottoscritta dal direttore o dal responsabile della struttura. Permesso di soggiorno superiore a 3 mesi. Documenti per la richiesta: Requisiti: RITORNA AL MENU PRINCIPALE Importante: la ricevuta del primo permesso di soggiorno per lavoro subordinato, relativa al decreto flussi, è valida ai fini delliscrizione anagrafica. Liscrizione anagrafica si richiede entro 20 giorni dalla presentazione della richiesta di permesso di soggiorno. Novità: ci si può iscrivere allanagrafe o cambiare residenza solo dopo la verifica da parte del Comune delle condizioni igienico-sanitarie dellimmobile. Gli stranieri iscritti in anagrafe hanno lobbligo di rinnovare la dichiarazione di dimora abituale nel comune, entro 60 giorni dal rinnovo del permesso di soggiorno, corredata dal permesso medesimo. Lufficiale di anagrafe aggiornerà la scheda anagrafica dello straniero, dandone comunicazione al questore. Per irreperibilità accertata entro 6 mesi dalla scadenza del permesso viene effettuata la cancellazione dallanagrafe.

42 IDONEITA ALLOGGIATIVA Il certificato di idoneità alloggiativa è necessario per: - sottoscrivere il contratto di soggiorno in caso di assunzione; - il permesso di soggiorno per lavoro Autonomo; - il permesso di soggiorno per familiare al seguito; - il permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare; - il permesso di soggiorno per coesione familiare; - la ex carta di soggiorno, oggi permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. RITORNA AL MENU PRINCIPALE La domanda di idoneità alloggiativa deve essere dimostrata tramite: Certificato di idoneità alloggiativa: rilasciato dallUfficio tecnico del Comune di residenza; Parere igienico sanitario: rilasciato dallUfficio Igiene Pubblica della ASL (Azienda sanitaria locale) presso cui si trova labitazione. Ciascun Ufficio richiede di presentare un particolare elenco di documenti. La domanda può essere presentata anche da una terza persona munita di delega e fotocopia del documento di identità di colui che richiede il certificato di idoneità. Nel caso di figli di età inferiore a 14 anni al seguito di uno dei genitori, è sufficiente il consenso del titolare dellalloggio nel quale il minore effettivamente dimorerà. Se il richiedente è ospitato e non è residente nellalloggio, dovrà allegare la dichiarazione di ospitalità compilata e firmata dal titolare dellalloggio con copia del suo documento didentità. Liscrizione e la richiesta di variazione anagrafica sono subordinate alle verifiche delle condizioni igienico sanitarie dellabitazione di residenza. Non è richiesta nei seguenti casi:

43 PERMESSO DI SOGGIORNO RICHIESTA PERMESSO DI SOGGIORNO ACCORDO DI INTEGRAZIONE PROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL PERMESSO PRESSO IL PATRONATO-INAC COMPETENZE DELLA QUESTURA E DELLO SPORTELLO UNICOPROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL PERMESSO PRESSO IL PATRONATO-INAC COMPETENZE DELLA QUESTURA E DELLO SPORTELLO UNICO TIPOLOGIE DI PERMESSO DI SOGGIORNO DURATA PERMESSO DI SOGGIORNO RINNOVO DEL PERMESSO CONVERSIONE DEL PERMESSO DINIEGO DEL RILASCIO E DEL RINNOVO DEL PERMESSO PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI PARTICOLARI art. 27 del T.U. e art. 27-ter (soggiorno per ricerca scientifica)PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI PARTICOLARI RICHIESTA PERMESSO DI SOGGIORNO ACCORDO DI INTEGRAZIONE PROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL PERMESSO PRESSO IL PATRONATO-INAC COMPETENZE DELLA QUESTURA E DELLO SPORTELLO UNICOPROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL PERMESSO PRESSO IL PATRONATO-INAC COMPETENZE DELLA QUESTURA E DELLO SPORTELLO UNICO TIPOLOGIE DI PERMESSO DI SOGGIORNO DURATA PERMESSO DI SOGGIORNO RINNOVO DEL PERMESSO CONVERSIONE DEL PERMESSO DINIEGO DEL RILASCIO E DEL RINNOVO DEL PERMESSO PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI PARTICOLARI art. 27 del T.U. e art. 27-ter (soggiorno per ricerca scientifica)PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI PARTICOLARI SOTTOMENU RITORNA AL MENU PRINCIPALE Il permesso di soggiorno deve essere esibito agli uffici della pubblica amministrazione per gli atti di stato civile o laccesso ai pubblici servizi, tranne che per le prestazioni sanitarie o le iscrizioni alle scuole dellobbligo.

44 ACCORDO DI INTEGRAZIONE I cittadini extracomunitari, che abbiano compiuto 16 anni, che entrano per la prima volta in Italia, presso lo Sportello Unico al momento della presentazione della domanda di permesso di soggiorno, saranno obbligati a sottoscrivere un Accordo di integrazionedella durata di due anni che li impegna a rispettare la Costituzione italiana e a partecipare alla vita economica, sociale e culturale della società. Un decreto ministeriale stabilirà i criteri e le modalità. Per il periodo di validità del permesso di soggiorno lo straniero avrà un punteggio, che crescerà o diminuirà in base al comportamento. Chi esaurisce i punti, perderà il permesso e sarà espulso. Sono ESCLUSI: chi soffre di patologie o handicap che limitano lautosufficienza o lapprendimento, gli stranieri con permesso di soggiorno inferiore ad un anno, oppure chi ha un permesso: per Asilo o richiesta asilo; protezione sussidiaria; per motivi umanitari; per motivi familiari; di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo; per il quale ha esercitato il diritto al ricongiungimento familiare. Oppure è in possesso di carta di soggiorno per familiare straniero di cittadino dellUe. RITORNA AL SOTTOMENU Per i minori di anni, laccordo sarà sottoscritto anche dai genitori o da chi ne esercita la patria podestà. Per i minori non accompagnati,affidati o sottoposti a tutela, laccordo sarà sostituito dal completamento di un progetto di integrazione sociale e civile. Per le vittime di tratta, di violenza o grave sfruttamento, laccordo sarà sostituito dal completamento di un percorso di protezione sociale. RITORNA AL PERMESSORITORNA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

45 1.passaporto, o altro documento equivalente, in corso di validità con il relativo visto di ingresso, più una fotocopia delle pagine riportanti i dati anagrafici, i timbri apposti dagli uffici di frontiera e il visto; 2.n° 4 foto formato tessera; 3.documentazione attestante la disponibilità di mezzi di ritorno nel Paese di provenienza e polizza sanitaria, nei casi di soggiorno diversi da quelli per motivi di famiglia e di lavoro; 4.documentazione necessaria a seconda della tipologia del permesso; 5.eventuale copia del contratto di soggiorno per lavoro subordinato; 6.marca da bollo da 14,62; 7.Bollettino postale per versamento di 27,50 euro per la richiesta del permesso elettronico; 8.quando consegni la domanda devi pagare 30 euro all'operatore dell'Ufficio Postale; 9.Pagamento di una tassa al Governo italiano ancora da definire tra 80 e 200 euro, anche per rinnovo (ad eccezione del permesso per asilo, per richiesta di asilo, protezione sussidiaria e per motivi umanitari); 10.Firmare un accordo di integrazione per il quale ad ogni straniero verrà attribuito un punteggio, che crescerà o diminuirà in base al comportamento. Chi esaurisce i punti, perderà il permesso e sarà espulso. Un decreto ministeriale stabilirà i criteri a cui attenersi.accordo di integrazione RICHIESTA PERMESSO DI SOGGIORNO E IL TITOLO CHE TI DA IL DIRITTO A SOGGIORNARE IN ITALIA La richiesta del permesso di soggiorno va presentata entro 8 giorni lavorativi dal tuo ingresso in Italia. Requisiti per la richiesta e costi: Per soggiorni inferiori a 3 mesi per visite, affari, turismo e studio non è richiesto il permesso di soggiorno. E sufficiente una dichiarazione di presenza alla frontiera o in Questura entro 8 giorni lavorativi dall'ingresso in Italia. RITORNA AL SOTTOMENU La richiesta di alcuni permessi di soggiorno può essere compilata per via telematica presso il PATRONATO-INAC e poi spedita in busta aperta allUfficio postale.

46 PROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL PERMESSO PRESSO IL PATRONATO-INAC Puoi rivolgerti gratuitamente al PATRONATO-INAC per la richiesta dei seguenti permessi: Adozione o Affidamento di maggiorenni, Aggiornamento permesso di soggiorno (cambio domicilio, stato civile, inserimento figli, cambio passaporto), Attesa occupazione, Attesa riacquisto cittadinanza, rinnovo Asilo politico, Conversione permesso di soggiorno, Duplicato Permesso di soggiorno, Rinnovo Famiglia, Famiglia minore anni, Lavoro Autonomo, Rinnovo Lavoro Subordinato, Lavoro casi particolari previsti art. 27, Lavoro subordinato-stagionale, Missione, Motivi Religiosi, Residenza elettiva, Ricerca scientifica, Status apolide rinnovo, Studio, Tirocinio formazione professionale. Lufficio immigrazione della Questura convoca, gli stranieri, con lettera raccomandata: la prima volta, per i rilievi fotodattiloscopici e per presentare 4 fotografie formato tessera; la seconda volta per la consegna del documento di soggiorno. RITORNA AL SOTTOMENU La ricevuta: in attesa del permesso di soggiorno, è il documento che attesta la regolare permanenza in Italia dello straniero, e deve essere conservata per il ritiro del permesso. Il PATRONATO-INAC, per via telematica, inoltra le domande di rilascio/rinnovo permesso di soggiorno e ne consegna una copia stampata al cittadino straniero che è obbligato a spedirla presso uno degli UFFICI POSTALI abilitati (Sportello amico) dove pagherà una commissione di 30 euro. L'operatore dell'Ufficio Postale rilascia una ricevuta.

47 COMPETENZE DELLA QUESTURA LUfficio immigrazione della Questura rilascia i seguenti permessi di soggiorno: Cure Mediche Gara sportiva Missione Motivi Umanitari Asilo politico (Richiesta-rilascio) Minore età Giustizia Status apolide (rilascio) Integrazione minore Invito Inoltre rilascia la Carta di soggiorno di familiare di un cittadino dellUnione, che viene richiesta ai familiari extracomunitari di cittadini italiani o comunitari RITORNA AL SOTTOMENU

48 COMPETENZE DELLO SPORTELLO UNICO PER LIMMIGRAZIONE Lo Sportello unico rilascia il nulla osta per: 1. Lavoro subordinato degli stranieri (al primo ingresso) 2. Il ricongiungimento familiare degli stranieri. Inoltre, vengono trattate le seguenti pratiche: Richiesta nulla osta al lavoro per un cittadino straniero residente allestero nei casi, previsti dallart. 27, comma 1, del T.U., che non rientrano nella programmazione annuale dei flussi dingresso; Stipula contratti con stranieri regolarmente soggiornanti; Conversione permesso per studio e per lavoro stagionale in permesso per lavoro subordinato; Conversione permesso di soggiorno per studio in permesso di soggiorno per lavoro subordinato da parte di studenti stranieri al raggiungimento della maggiore età; studenti che abbiano conseguito in Italia il diploma di laurea o di laurea specialistica; Richiesta certificazione attestante i requisiti per lavoro autonomo, nel caso di conversione in permesso di soggiorno per lavoro autonomo del permesso di soggiorno per motivi di studio; Richiesta nulla osta al lavoro per i lavoratori subordinati neocomunitari. RITORNA AL SOTTOMENU Con il decreto flussi 2007 si è attivata una nuova procedura e le domande vengono inviate esclusivamente per via telematica. Puoi rivolgerti al PATRONATO-INAC per la richiesta di nulla osta al lavoro subordinato (in base al decreto flussi) o ricongiungimento familiare.

49 TIPOLOGIE DI PERMESSO DI SOGGIORNO lavoro subordinato lavoro autonomo lavoro stagionale per attesa occupazione studio ricongiungimento famigliare turismo turismo cure mediche rifugiati politici motivi di protezione sociale RITORNA AL SOTTOMENU SOTTOMENU Il permesso di soggiorno elettronico, rilasciato ai cittadini stranieri dal 1/01/2007, non riporta la tipologia del permesso. In Questura, a richiesta, si può ottenere unattestazione cartacea che ne specifichi la motivazione del rilascio. RITORNA AL MENU PRINCIPALE

50 PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO SUBORDINATO a seguito della stipula del contratto di soggiorno per lavoro tra un datore di lavoro italiano o straniero regolarmente soggiornante in Italia e un lavoratore cittadino extracomunitario. Il permesso per lavoro subordinato (a tempo determinato o indeterminato) viene rilasciato o rinnovato solo DURATA : 1 anno, per il contratto a tempo determinato; 2 anni, per il di contratto a tempo indeterminato. CONVERSIONE: è possibile svolgere per lo stesso periodo unattività autonoma, se ne sussistono le condizioni. RINNOVO, è necessario presentare: 1.passaporto o documento equivalente e relative fotocopie; 2.fotocopia permesso di soggiorno scaduto; 3.la copia della ricevuta della raccomandata con la quale è stato inviato allo Sportello Unico per l'Immigrazione il contratto di soggiorno sottoscritto tra le parti; 4.n° 4 foto formato tessera; 5.marca da bollo da 14,62; 6.Pagamento di una tassa al Governo italiano ancora da definire tra 80 e 200 euro. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO La richiesta del primo permesso di soggiorno si ritira allo Sportello Unico per lImmigrazione. La richiesta di rinnovo o conversione può essere presentata al PATRONATO-INAC

51 PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO AUTONOMO 1.n° 4 foto formato tessera; 2.marca da bollo da 14,62; 3.passaporto o documento equivalente, visto dingresso e relative fotocopie; 4.partita Iva; 5.autorizzazione, licenza o nulla osta previsto per lo svolgimento dellattività professionale e iscrizione agli albi professionali, ove previsto; 6.dimostrazione di alloggio e di un reddito di importo superiore al livello minimo previsto dalla legge per lesenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria ( 8.500,00). 7.possedere un reddito annuo documentato di importo minimo pari allassegno sociale ( 5.349,89 per il 2010) 8.Pagamento di una tassa al Governo italiano ancora da definire tra 80 e 200 euro Se vuoi svolgere unattività di lavoro autonomo devi possedere i requisiti morali e professionali richiesti dalla legge ai cittadini italiani per lesercizio delle singole attività. Entro 8 giorni lavorativi dal tuo ingresso in Italia, devi fare richiesta alla Questura allegando i seguenti documenti: CONVERSIONE : Puoi svolgere, per lo stesso periodo, unattività subordinata senza convertire il permesso di soggiorno e al momento del rinnovo, ti verrà rilasciato un nuovo permesso per attività che svolgi. Durata: non superiore a 2 anni. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO La richiesta di rilascio, rinnovo o conversione può essere presentata al PATRONATO-INAC

52 PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO STAGIONALE CONVERSIONE: Al secondo ingresso, è possibile convertire il permesso di soggiorno per lavoro stagionale in permesso di soggiorno per lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato (qualora se ne verifichino le condizioni) se si dimostra di essere entrato per lavoro stagionale lanno precedente e a condizione che ci sia un contratto di lavoro subordinato di un datore di lavoro. La richiesta di conversione può essere presentata dal lavoratore stesso, in Italia, ma solo in seguito alla pubblicazione del Decreto Flussi che determina le quote di lavoratori subordinati non stagionali ammessi nel territorio italiano. Puoi ottenere questo tipo di permesso di soggiorno, nellambito del Decreto Flussi annuale, se cè la richiesta, nominativa o numerica, da parte di: 1.un datore di lavoro italiano o straniero regolarmente soggiornante in Italia; 2.unassociazione di categoria per conto dei loro associati. DURATA: minimo 20 giorni e massimo 6 o 9 mesi a seconda della durata del lavoro stagionale richiesto. PERMESSO DI SOGGIORNO TRIENNALE Ne ha diritto lo straniero che dimostra di essere venuto in Italia almeno 2 anni di seguito per lavoro stagionale. Lo richiede il datore di lavoro. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO La richiesta di conversione può essere presentata al PATRONATO-INAC

53 PERMESSO DI SOGGIORNO PER ATTESA OCCUPAZIONE Lo straniero in Italia con nulla osta al lavoro se trova indisponibile il datore di lavoro allassunzione per cause a lui non imputabili, può richiedere un permesso di soggiorno per ATTESA OCCUPAZIONE, allegando alla domanda una dichiarazione a firma del responsabile dello Sportello Unico dell'Immigrazione dalla quale risulti il venir meno della disponibilità del datore di lavoro a formalizzare l'assunzione. Lo straniero, titolare di un permesso di soggiorno regolare, se alla scadenza, non possiede più i requisiti per rinnovarlo (es. perdita del lavoro oppure fine del corso di studio), può ottenere la conversione in permesso per ATTESA OCCUPAZIONE. PER OTTENERLO: 1.iscriversi nelle liste di collocamento 2.la conversione va presentata entro i due mesi successivi dalla scadenza del permesso di soggiorno in possesso (es. lavoro o studio). RINNOVO: NON è possibile il RINNOVO. Scaduto il permesso, lo straniero, può ottenere la conversione del permesso in motivi familiari, lavoro, studio oppure deve ritornare nel proprio paese. DURATA: massimo 6 mesi RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO La richiesta o la conversione può essere presentata al PATRONATO-INAC

54 PERMESSO DI SOGGIORNO PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE CONVERSIONE: Non è necessario convertire il permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare per svolgere unattività lavorativa, va convertito, invece al momento della scadenza del permesso. Lo straniero con il visto per ricongiungimento familiare, entro otto giorni lavorativi dal suo ingresso in Italia, deve presentarsi presso lo Sportello Unico per l'immigrazione, ritirare la richiesta di permesso di soggiorno da presentare allUfficio postale unitamente a: copia integrale del passaporto recante il visto di ingresso, 4 fotografie e 1 marca da bollo da 14,62 euro. Da al cittadino straniero le seguenti opportunità: 1.accesso ai servizi sanitari (solo nel caso si ricongiungimento di genitori con più di 65 anni è obbligatorio il pagamento al SSN o la stipula di unassicurazione sanitaria privata); 2.liscrizione a corsi di studio o di formazione professionale; 3.lo svolgimento di lavoro subordinato o autonomo. Durata: la stessa del familiare richiedente. RINNOVO: La domanda va presentata unitamente a quello del familiare richiedente, oltre alla documentazione necessaria bisogna allegare il certificato di stato di famiglia. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO Se ti ricongiungi con un cittadino italiano ti viene rilasciata dalla Questura la Carta di soggiorno di familiare di un cittadino dellUnione che ha la validità di 5 anni. La richiesta di rinnovo o conversione può essere presentata al PATRONATO-INAC

55 PERMESSO DI SOGGIORNO PER TURISMO RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO NON DEVI RICHIEDERE IL PERMESSO DI SOGGIORNO 1.DEVI dichiarare la presenza allufficio di polizia di frontiera, al momento dellingresso in Italia; 2.OPPURE SEI OBBLIGATO a recarti presso la Questura competente entro 8 giorni lavorativi dallingresso per compilare una DICHIARAZIONE DI PRESENZA DICHIARAZIONE DI PRESENZA Devi indicare: la data dell'ingresso in Italia e il valico di frontiera utilizzato; dove alloggerai. Alcune Questure hanno predisposto un prestampato che va presentato in duplice copia (una delle quali, timbrata, rimane al cittadino straniero), allegando la fotocopia del passaporto e della pagina con il visto. La ricevuta della dichiarazione di presenza unitamente al visto e al documento di riconoscimento sono i documenti che dimostrano il soggiorno regolare dello straniero. Pertanto devono essere conservati e mostrati a richiesta dagli Ufficiali di Pubblica Sicurezza.

56 PERMESSO DI SOGGIORNO PER CURE MEDICHE RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO Il permesso di soggiorno per cure mediche può essere rilasciato: a seguito di ingresso per cure mediche - in caso si intenda ricevere cure mediche in Italia; alle donne straniere irregolari (e al padre del nascituro) in stato di gravidanza per il periodo prima del parto e per i sei mesi successivi alla nascita; a seguito di sentenza del Tribunale per i Minorenni, che sancisce la possibilità di autorizzare la permanenza in Italia del genitore straniero irregolare per gravi motivi connessi allo sviluppo psico- fisico e alla condizioni di salute del minore. 1.Lo straniero in possesso del visto per cure mediche entro 8 giorni dal suo ingresso richiede il permesso della durata del visto e può rinnovarlo allegando la certificazione medica. Deve sostenere tutte le spese mediche in quanto non ha diritto ad iscriversi al SSN. 2.Il permesso di soggiorno per cure mediche rilasciato alle straniere irregolari in stato di gravidanza è richiesto con lesibizione di certificato medico con la data presunta del parto. Tale permesso ha validità fino ai sei mesi di vita del bambino. Anche il padre del bambino ne ha diritto. Consente l'iscrizione al SSN gratuitamente (iscrizione obbligatoria) ma non consente lo svolgimento di attività lavorativa. 3.Il permesso per cure mediche rilasciato a seguito di sentenza del Tribunale dei minorenni e ha durata pari a quella prevista dal Giudice che ha autorizzato la permanenza. Deve essere richiesto esibendo loriginale della sentenza e per richiedere il rinnovo è necessario formulare una nuova istanza al Tribunale. Consente l'iscrizione al SSN gratuitamente e lo svolgimento di attività lavorativa. Rilascio e rinnovo si richiedono presso la Questura del luogo di domicilio Conversione: in tutti i casi il permesso per cure mediche non è convertibile in altro permesso di soggiorno (a meno che non si possa effettuare la coesione con un familiare regolare in Italia).

57 PERMESSO DI SOGGIORNO PER STUDIO CONVERSIONE: È possibile prima della scadenza e nellambito delle quote disponibili, stando direttamente in Italia, in: permesso per lavoro subordinato, presentando il contratto di soggiorno; permesso lavoro autonomo, presentando la documentazione necessaria. In alcuni casi è possibile la conversione direttamente da studio a lavoro al di fuori delle quote (esempio: se si è conseguita una laurea, un dottorato o un master universitario di 2° livello in Italia). Il permesso viene rilasciato con modalità e procedure diverse a seconda del tipo di studi che si intendono frequentare in Italia. Per il RILASCIO oltre ai documenti di base è necessario presentare: 1.certificato di iscrizione alla scuola o università in originale più n. 2 fotocopie; 2.dichiarazione di mantenimento o distinta di conto corrente bancario oppure copie dei bonifici esteri ricevuti, in originale più n. 2 fotocopie; 3.stipula di polizza assicurativa per malattia con Istituto assicurativo italiano o straniero purché valido su tutto il territorio nazionale, oppure iscrizione volontaria al SSN. DURATA: massimo 1 anno ed è rinnovabile per la durata legale del corso di studio. LAVORO: si ha la possibilità di lavorare, come dipendente, per un tempo non superiore alle 20 ore settimanali, anche cumulabili per 52 settimane, fino ad un massimo di 1040 annuali. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO La richiesta, il rinnovo o conversione può essere presentata al PATRONATO-INAC

58 PERMESSO DI SOGGIORNO PER RIFUGIATI POLITICI Viene riconosciuto lo status di rifugiato politico. La Commissione rilascia il certificato e, la Questura il permesso di soggiorno, valido 5 anni, che consente di lavorare. Alla scadenza, il permesso può essere rinnovato. RICONOSCIUTO: a chi, per motivi di razza, religione, appartenenza sociale e/o politica, viene perseguitato nel proprio Paese, per cui deve abbandonarlo. DOMANDA: presentata alla Polizia di frontiera allingresso in Italia deve contenere: dati anagrafici motivi della richiesta di riconoscimento di status di rifugiato politico o di asilo. RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE: Può essere richiesto per le stesse categorie di familiari e con lo stesso procedimento previsto per tutti gli altri cittadini stranieri. I rifugiati non devono però dimostrare la disponibilità di un alloggio né dei requisiti economici richiesti negli altri casi. Entro 90 giorni la Commissione notifica la decisione di: AccoglimentoRigetto Se il rigetto è con raccomandazione, la Commissione dispone il rilascio, da parte della Questura, di un permesso di soggiorno per motivi umanitari della durata massima di 1 anno che permette di lavorare e studiare e, se ne sussistono le condizioni può essere convertito in lavoro. Se il rigetto è semplice, non viene riconosciuto lo status di rifugiato e lo straniero viene espulso. RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO La richiesta di rinnovo può essere presentata al PATRONATO-INAC

59 PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI PROTEZIONE SOCIALE Ti consente: 1.la partecipazione ad un programma di assistenza ed integrazione sociale; 2.laccesso ai servizi assistenziali; 3.laccesso allo studio (si può convertire il permesso di soggiorno per motivi di studio); 4.liscrizione nelle agenzie per limpiego; 5.lo svolgimento di lavoro subordinato. Qualora alla scadenza del permesso di soggiorno, lextracomunitario ha iniziato unattività lavorativa, il permesso può essere rinnovato per la durata del rapporto di lavoro. Viene rilasciato dal Questore se hai subito violenza o grave sfruttamento o se è in pericolo la tua incolumità. La proposta può essere effettuata: a) da i servizi sociali degli enti locali, dalle associazioni, organismi, abilitati alla realizzazione di programmi di assistenza e protezione sociale degli stranieri; b) dal Procuratore della Repubblica. DURATA: 6 mesi e può essere rinnovato per un anno o per il periodo necessario per motivi di giustizia RITORNA ALLE TIPOLOGIE DI PERMESSO

60 DURATA PERMESSO DI SOGGIORNO Il permesso di soggiorno è rilasciato per i motivi e la durata indicati nel visto d'ingresso: 6 MESI per lavoro stagionale (o 9 nei settori che richiedono tale estensione); 1 ANNO in caso di lavoro subordinato a tempo determinato o studio per frequenza a corsi rinnovabili annualmente per corsi pluriennali; 2 ANNI per lavoro autonomo, lavoro subordinato a tempo indeterminato o ricongiungimento familiare. RITORNA AL SOTTOMENU

61 RINNOVO DEL PERMESSO La ricevuta del rinnovo del permesso di soggiorno, nei tempi stabiliti dalla legge, unitamente alla copia del permesso scaduto danno allo straniero gli stessi diritti riservati ai possessori del permesso di soggiorno. Il rinnovo riguarda un nuovo permesso di soggiorno per lattività effettivamente svolta, ha la validità non superiore al primo rilascio. a) 90 giorni per contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato; b) 60 giorni per contratti di lavoro subordinato a tempo determinato; c) 30 giorni prima negli altri casi. I documenti da presentare: 1.La copia del permesso scaduto; 2.passaporto o documento equivalente e relative fotocopie; 3.eventuale contratto di soggiorno o la ricevuta A.R. dellinvio allo Sportello Unico; 4.n° 4 foto formato tessera, marca da bollo da 14,62; 5.documentazione attestante disponibilità di reddito da lavoro sufficiente per il sostentamento proprio e dei familiari conviventi a carico; 6.Pagamento di una tassa al Governo italiano ancora da definire tra 80 e 200 euro. Devi richiederlo in Questura PRIMA DELLA SCADENZA entro: RITORNA AL SOTTOMENU La richiesta di rinnovo può essere presentata al PATRONATO-INAC

62 CONVERSIONE DEL PERMESSO NON è necessaria la CONVERSIONE: a)permesso di soggiorno per lavoro subordinato non stagionale consente il lavoro autonomo; b)permesso di soggiorno per lavoro autonomo consente il lavoro subordinato; c)permesso di soggiorno per motivi familiari e studio consentono lattività di lavoro subordinato. Al momento del RINNOVO verrà richiesto un nuovo permesso per lattività che effettivamente si svolge. Il permesso di soggiorno può essere convertito in altro titolo in corso di validità o in caso di rinnovo se ne ricorrono i requisiti. RITORNA AL SOTTOMENU La richiesta di conversione può essere presentata al PATRONATO-INAC Il permesso di soggiorno per lavoro stagionale può essere convertito in lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato, dal lavoratore stesso, solo al momento della pubblicazione del decreto flussi per lavoro subordinato (non stagionale) se dimostra di essere stato già in Italia per lavoro stagionale lanno precedente e in presenza di un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato di un datore di lavoro in Italia.

63 DINIEGO DEL RILASCIO E DEL RINNOVO DEL PERMESSO Per motivi di sicurezza e di ordine pubblico il provvedimento di DINIEGO NON DEVE ESSERE MOTIVATO SALVO quando è richiesto per: lavoro subordinato a tempo determinato ed indeterminato; Lavoro stagionale; Lavoro autonomo; Lavori particolari; diritto allunità familiare; ricongiungimento familiare; cure mediche; accesso ai corsi delle università. Qualora non sussistano i requisiti previsti dalla normativa in vigore adottata dagli Stati membri Ue e le disposizioni del Testo Unico della Legge Italiana, per procedere al rilascio del permesso di soggiorno, viene applicato, il diniego del rilascio del permesso di soggiorno, con provvedimento scritto in lingua comprensibile allo straniero, contenente le modalità di eventuale impugnazione. NON SI PUÒ RINNOVARE O PROROGARE il permesso nei seguenti casi: 1.se lo straniero ha interrotto il soggiorno per più di 6 mesi continuativi; 2.per i permessi di durata biennale, se interrotto per più della metà del permesso. RITORNA AL SOTTOMENU

64 PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI PARTICOLARI Si tratta dei casi contemplati dallart. 27 del T.U. che definisce lingresso al di fuori delle quote riservato ai lavoratori stranieri dotati di unelevata professionalità. 1.dirigenti o personale altamente specializzato di società aventi sede o filiali in Italia; 2.lettori universitari; 3.professori universitari e ricercatori; 4.traduttori ed interpreti; 5.collaboratori familiari, che abbiano già instaurato un rapporto di lavoro domestico a tempo pieno allestero da almeno un anno, con cittadini italiani o dellUe; 6.persone che soggiornino in Italia per motivi di formazione professionale; 7.lavoratori che siano ammessi temporaneamente, per funzioni o compiti specifici; 8.lavoratori marittimi; 9.lavoratori dipendenti che siano temporaneamente trasferiti dallestero in Italia; 10.lavoratori occupati presso circhi o spettacoli viaggianti allestero; 11.personale artistico e tecnico per spettacoli lirici, teatrali, concertistici o di balletto; 12.ballerini, artisti e musicisti da impiegare presso locali di intrattenimento; 13.artisti da impiegare da enti pubblici o privati,in manifestazioni culturali; 14.sportivi professionisti destinati a svolgere attività presso società sportive italiane; 15.giornalisti corrispondenti in Italia e dipendenti da organi di stampa stranieri; 16.persone che, svolgono attività di ricerca o un lavoro occasionale nellambito di programmi di scambi di giovani o alla pari; 17.infermieri professionali assunti presso strutture sanitarie pubbliche e private. RITORNA AL SOTTOMENU Nel 2008 è stato aggiunto al T.U. lart. 27-ter, che consente lingresso ed il soggiorno per ricerca scientifica per periodi superiori a tre mesi, al di fuori delle quote in favore di stranieri in possesso di un titolo di studio superiore, che nel Paese dove e stato conseguito dia accesso a programmi di dottorato. Per lassunzione è sufficiente una comunicazione da parte del datore di lavoro della proposta di contratto di soggiorno per lavoro subordinato con modalità informatiche allo SUI. La richiesta può essere presentata al PATRONATO-INAC

65 CITTADINI COMUNITARI 1.documento didentità in corso di validità; 2.data dingresso; 3.motivi del soggiorno(studio, lavoro, ecc.); 4.indirizzo o luogo di dimora abituale; 5.n° 4 foto tessera. segue RITORNA AL MENU PRINCIPALE I cittadini dellUnione europea, e i loro familiari comunitari, possono soggiornare in Italia, per periodi inferiori a tre mesi, solo con un documento didentità valido per lespatrio, mentre i loro familiari extracomunitari con il passaporto e leventuale visto. Documentazione per ISCRIZIONE ANAGRAFICA Per soggiorni senza svolgere attività lavorativa, o per studio o formazione professionale bisogna dimostrare le seguenti risorse economiche: Il dichiarante deve possedere una somma pari a 5.349,89 euro per lanno 2010 il dichiarante + 1 familiare = 8.024,83 euro il dichiarante + 2 o più figli minori di 14 anni = ,78 euro. Unassicurazione sanitaria. PER SOGGIORNI SUPERIORI A TRE MESI: i cittadini Ue richiedono presso il comune di dimora lISCRIZIONE ANAGRAFICA; i familiari extracomunitari richiedono alla Questura la Carta di soggiorno di familiare di un cittadino dellUnione che ha la validità di 5 anni. Per un periodo inferiore ai tre mesi, i cittadini Ue possono presentare presso un ufficio di polizia la dichiarazione di presenza sul territorio nazionale. L'ufficio gli restituirà copia, debitamente timbrata, che andrà esibita ad ogni richiesta da parte delle forze di polizia. In mancanza della dichiarazione di presenza, il cittadino comunitario si intende soggiornante in Italia da più di tre mesi.dichiarazione di presenza

66 Documentazione da presentare per liscrizione anagrafica: documento didentità; documento che attesti la qualità di familiare, o di familiare a carico; attestato della richiesta discrizione anagrafica del familiare comunitario avente un autonomo diritto di soggiorno; 4 foto formato tessera. I familiari comunitari del cittadino dellUnione aventi diritto di soggiorno sono: il coniuge, i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e quelli del coniuge; gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge. I familiari extracomunitari dei cittadini dellUnione hanno lobbligo di richiedere la Carta di soggiorno di familiare di un cittadino dellUnione in Questura o presso le Poste italiane (kit con banda gialla) o per via telematica presso il PATRONATO INAC. RITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE Alla domanda occorre allegare i seguenti documenti: documento didentità o passaporto ed eventuale visto dingresso documento che attesti al qualità di familiare l'attestato della richiesta discrizione anagrafica del familiare del cittadino comunitario; 4 foto formato tessera. Diritto al soggiorno permanente: Si acquista su richiesta al Comune di residenza in seguito ad un soggiornato regolare di cinque anni (si perde per assenze superiori a due anni consecutivi). Lattestazione per gli stranieri extracomunitari, familiari di cittadini dellUe, è rilasciata dalla Questura.

67 PERMESSO DI SOGGIORNO CE per soggiornanti di lungo periodo 1.copia del passaporto o documento equipollente o carta didentità italiana rilasciata dal Comune di residenza; 2.n° 4 foto tessera; 3.marca da bollo di 14,62 euro; 4.versamento di 27,50 euro per rilascio di permesso elettronico; 5.copia della dichiarazione dei redditi dell'anno precedente, da cui risulti un reddito non inferiore a 5.349,89 euro per il 2010; 6.certificato casellario giudiziario e carichi pendenti; 7.attestazione dellUfficio tecnico comunale che lalloggio rientra nei parametri previsti dalla legge regionale per labitabilità o certificato igienico-sanitario della ASL. 8.Pagamento di una tassa al Governo italiano ancora da definire (tra 80 e 200 euro, anche per rinnovo); 9.Test di conoscenza della lingua italiana.Test di conoscenza della lingua italiana La richiesta può essere effettuata per via telematica presso il PATRONATO-INAC e spedita presso lUfficio postale in busta aperta raccomandata A.R alla Questura competente per territorio, pagando una commissione di 30 euro. Il Permesso di soggiorno Ce viene rilasciato in formato elettronico entro 90 giorni ed è a tempo indeterminato. La scadenza è illimitata ma dopo cinque anni il documento elettronico deve essere aggiornato e non rinnovato. DOCUMENTI segue RITORNA AL MENU PRINCIPALE La Carta di soggiorno è sostituita dal Permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo e viene rilasciata al CITTADINO EXTRACOMUNITARIO titolare di un permesso di soggiorno in corso di validità che risiede in Italia da almeno 5 anni con assenze inferiori a 6 mesi consecutivi e non superiori a 10 mesi complessivi nel quinquennio. Per ottenere il permesso di soggiorno Ce è necessario superare un test di lingua italiana.test di lingua italiana

68 1.la documentazione che dimostri il rapporto di parentela. I documenti anagrafici provenienti dall'estero devono essere tradotti, legalizzati e validati dalla autorità consolare italiana nel paese di appartenenza o di stabile residenza dello straniero. La documentazione anagrafica non è richiesta qualora il figlio minore abbia già fatto ingresso in Italia con un visto per ricongiungimento familiare; 2.la disponibilità di un alloggio conforme ai parametri dell'edilizia residenziale regionale o certificato di idoneità igienico-sanitaria rilasciato dall'unità sanitaria locale competente; 3.Possedere un reddito pari allimporto dellassegno sociale (pari a 5.349,89 euro per il 2010) + la metà per ogni familiare da ricongiungere (es. il dichiarante + 1 familiare = 8.024,83 euro). Per più figli minori di 14 anni il reddito da dimostrare è solo il doppio dellassegno sociale (10.699,78 euro). 4.Il superamento del test di lingua italiana non si applica ai figli minori di 14 anni ed allo straniero affetto da gravi patologie o da handicap, certificati dalla struttura sanitaria pubblica. IL PERMESSO DI SOGGIORNO CE (aggiornato ed in corso di validità) consente di: 1.Entrare in Italia senza visto e circolare liberamente nel territorio degli stati Ue; 2.Svolgere unattività subordinata senza stipula di contratto di soggiorno; 3.Accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione Italiana (es. prestazioni sociali, ecc.); 4.Partecipare alla vita pubblica locale, anche votando (se previsto). Non può essere rilasciato: 1.agli stranieri pericolosi per lordine pubblico o per la sicurezza dello Stato; 2.ai titolari di un permesso di soggiorno di breve durata, per motivi di studio o formazione professionale, per protezione temporanea o per motivi umanitari, per asilo o in attesa di riconoscimento dello status di rifugiato. La richiesta può essere presentata ANCHE IN FAVORE DEL CONIUGE E DEI FIGLI MINORI CONVIVENTI in tal caso, occorre anche: RITORNA AL MENU PRINCIPALE

69 Test di conoscenza della lingua italiana Lo straniero e i familiari per cui può essere richiesto il Permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo sono obbligati a superare un test di conoscenza della lingua italiana non inferiore al livello A2 (parametro di riferimento europeo per la conoscenza delle lingue)Permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo La domanda di partecipazione al test deve essere presentata alla Prefettura territorialmente competente, che convoca, entro 60 giorni dalla richiesta, lo straniero. Per il superamento del test è necessario conseguire l80% del punteggio complessivo. In caso di esito negativo, previa richiesta, è possibile ripetere la prova. - Figli minori di anni 14, anche nati fuori dal matrimonio, propri e del coniuge; - stranieri affetti da gravi limitazioni alla capacità di apprendimento linguistico derivanti dalletà, patologie o handicap, certificati da una struttura sanitaria pubblica; - stranieri in possesso di un attestato di livello A2 di conoscenza della lingua italiana, rilasciato da enti certificatori riconosciuti dai Ministeri degli affari esteri e Ministero della pubblica istruzione (Università degli Studi di Roma tre, Università per stranieri di Perugia e di Siena, Società Dante Alighieri); - stranieri che hanno conseguito un attestato di livello A2 di conoscenza della lingua italiana presso i Centri provinciali per listruzione degli adulti; - stranieri che hanno conseguito il diploma di scuola secondaria di primo o secondo grado presso un istituto scolastico italiano; - stranieri entrati in Italia ai sensi dellart. 27 in possesso della certificazione dei titoli di studio che attestano il livello di conoscenza della lingua italiana. Chi non deve svolgere il test RITORNA AL MENU PRINCIPALE

70 LA CITTADINANZA La domanda va presentata alla Prefettura della provincia di residenza, o allAutorità diplomatico- consolare, se la residenza è allestero. Sulle richieste viene applicata una tassa di 200 euro. REQUISITI: 1.se hai un reddito sufficiente (pari a 8.779,77 euro per il 2008); 2.se non hai precedenti penali. Puoi acquistarla per MATRIMONIO con cittadino italiano senza rinunciare alla tua cittadinanza di origine: REQUISITI: 1.dopo il matrimonio, dimostrando 2 anni di residenza nel territorio italiano. Oppure dopo 3 anni dal matrimonio in caso di residenza allestero. I tempi sono ridotti alla metà in presenza di figli nati o adottati da coniugi; 2.non ci siano condanne penali nei casi indicati dalla legge italiana, ne impedimenti connessi alla sicurezza nazionale. Si può chiedere: RITORNA AL MENU PRINCIPALE 1.Se sei cittadino extracomunitario dopo 10 anni di residenza legale in Italia; 2.Se sei comunitario dopo 4 anni di residenza legale in Italia; 3.Se sei apolide o rifugiato politico dopo 5 anni di residenza legale in Italia; 4.Se sei figlio o nipote in linea diretta di secondo grado di cittadini italiani per nascita, dopo 3 anni di residenza legale in Italia; 5.Se sei nato in Italia dopo 3 anni di residenza legale in Italia; 6.Se sei maggiorenne, adottato da cittadino italiano dopo 5 anni di residenza legale in Italia successivi alladozione; 7.Se hai prestato allestero per almeno 5 anni alle dipendenze dello Stato italiano. I figli minori conviventi di chi acquista la cittadinanza italiana, acquistano anche loro automaticamente la stessa cittadinanza, ma divenuti maggiorenni, possono rinunciarvi, se in possesso di altra cittadinanza. Non può essere trasmessa ai figli maggiori di età, i quali, per poterla acquistare, dovranno fare unautonoma domanda in presenza dei requisiti di legge.

71 LAVORO IL DECRETO FLUSSI LAVORO SUBORDINATO LAVORO AUTONOMO LAVORO STAGIONALE IL DECRETO FLUSSI LAVORO SUBORDINATO LAVORO AUTONOMO LAVORO STAGIONALE COME TROVARE IL LAVORO RITORNA AL MENU PRINCIPALE SOTTOMENU

72 IL DECRETO FLUSSI Il Decreto flussi è un provvedimento con il quale il Governo italiano annualmente stabilisce una quota massima di ingressi di lavoratori stranieri residenti allestero che vengono richiesti in Italia dai datori di lavoro italiani o stranieri. UN DATORE DI LAVORO CHE INTENDE ASSUMERE UN CITTADINO EXTRACUOMUNITARIO NON RESIDENTE IN ITALIA Nellambito delle quote previste dal DECRETO FLUSSI Deve presentare la richiesta di nulla osta allo SPORTELLO UNICO La PROCEDURA di richiesta di nulla osta relativa al primo ingresso per lavoro subordinato può essere effettuata da un datore di lavoro o da un operatore del PATRONATO-INAC, solo dal computer attraverso Internet

73 LAVORO SUBORDINATO La domanda di assunzione deve essere attivata dal DATORE DI LAVORO, che deve assicurarti: 1.la retribuzione prevista dai contratti di lavoro; 2.la sistemazione alloggiativa; 3.le spese di ritorno nel tuo Paese di provenienza; 4.limpegno a comunicare ogni variazione del rapporto di lavoro allInps. RITORNA AL SOTTOMENU E obbligatorio per lassunzione di lavoratore extracomunitario; E sottoscritto dal lavoratore e il datore di lavoro; Va spedito allo Sportello Unico competente a mezzo raccomandata A/R; E fondamentale per il rinnovo del permesso di soggiorno; Se il lavoratore extracomunitario ha stipulato un contratto di soggiorno con un datore di lavoro e se ne aggiunge un secondo, dovrà stipulare un secondo contratto di soggiorno altrimenti potrebbe configurarsi lipotesi di lavoro nero. CONTRATTO DI SOGGIORNO:

74 LAVORO AUTONOMO 1.richiedere una dichiarazione preventiva allente preposto per il tipo di attività che si vuole intraprendere, di data non anteriore a tre mesi, che attesti lassenza di motivi che impediscano il rilascio dellautorizzazione o della licenza prevista; 2.dimostrare la disponibilità di un alloggio idoneo mediante l'esibizione di un contratto di acquisto o locazione di un immobile, oppure esibire la dichiarazione di ospitalità da parte di cittadini italiani o stranieri muniti di un regolare permesso di soggiorno, oppure di un ente; 3.possedere un reddito annuo di importo superiore al livello minimo previsto dalla legge per lesenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria (pari a euro); 4.richiedere alla Camera di Commercio o allOrdine Professionale competente unattestazione dei parametri relativi alla disponibilità delle risorse finanziarie necessarie per lo svolgimento dellattività (disponibilità in Italia di una somma non inferiore alla capitalizzazione su base annua di un importo mensile pari all'assegno sociale (5.349,89 euro per lanno 2010). Per svolgere in Italia unattività di lavoro autonomo (industriale, artigianale, commerciale o professionale), o per costituire o essere socio di una società cooperativa, devi possedere i requisiti morali e professionali richiesti dalla legge ai cittadini italiani per lesercizio delle singole attività, compresa liscrizione ad albi o registri, se necessaria. Inoltre devi: RITORNA AL SOTTOMENU Guida al lavoro autonomo in italiano, francese e inglese scaricabile online scaricabile online

75 LAVORO STAGIONALE Se dimostri di aver lavorato in Italia per almeno 2 anni di seguito per lavoro stagionale hai diritto ad un permesso di lavoro pluriennale. La richiesta deve essere fatta dal datore di lavoro. Un DATORE DI LAVORO UnASSOCIAZIONE DI CATEGORIA per conto dellassociato Se hai già lavorato in Italia, il secondo anno, hai diritto di precedenza per lingresso. La richiesta per lavoro stagionale, nellambito del Decreto Flussi, deve essere fatta da: RITORNA AL SOTTOMENU Al secondo ingresso per lavoro stagionale, se ti viene offerto un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato, puoi chiedere in Italia la conversione del permesso di soggiorno stagionale in permesso di lavoro subordinato (ma solo in seguito alla pubblicazione del decreto flussi per lavoro subordinato non stagionale). 4

76 COME TROVARE IL LAVORO CENTRO PER LIMPIEGO (struttura pubblica) Sulla base delle schede anagrafiche i centri per limpiego e le agenzie private gestiscono lELENCO ANAGRAFICO che raccoglie i nominativi di coloro che cercano o vogliono cambiare occupazione. Integrato e aggiornato anche delle informazione dei datori di lavoro. Il cittadino extracomunitario regolarmente soggiornante che abbia compiuto 15 anni e abbia assolto gli obblighi scolastici, per la ricerca di un lavoro può iscriversi a: AGENZIE PER IL LAVORO (strutture private) Può rilasciare su richiesta: SCHEDA ANAGRAFICA: documento che contiene le informazioni relative alle esperienze lavorative e competenze del lavoratore. RITORNA AL SOTTOMENU Lo straniero in possesso del permesso di soggiorno per lavoro subordinato se perde il lavoro, può iscriversi nelle liste di collocamento per il periodo di residua validità del permesso di soggiorno e richiedere un permesso di soggiorno per attesa occupazione della durata di 6 mesi.

77 I LAVORATORI DOMESTICI Il datore di lavoro può assumere direttamente il lavoratore domestico: Se il lavoratore extracomunitario si trova all'estero, prima di venire in Italia (ai sensi del Decreto Flussi), il datore di lavoro presso il PATRONATO INAC invia la domanda di nulla osta al lavoro per il rilascio del permesso di lavoro subordinato e firma il contratto di soggiorno c/o lo SUI. Nella domanda il datore di lavoro deve: 1.assicurare una retribuzione mensile; 2.garantire un orario di lavoro settimanale non inferiore a 20 ore; 3.dimostrare di possedere un reddito annuo adeguato; 4.assicurare la disponibilità di un alloggio adeguato; 5.impegnarsi al pagamento delle spese di viaggio per il rientro definitivo del lavoratore nel paese di provenienza; 6.impegnarsi a comunicare ogni variazione concernente il rapporto di lavoro allINPS competente. RITORNA AL MENU PRINCIPALE Il datore di lavoro è sempre obbligato a comunicare allInps territorialmente competente lassunzione del lavoratore domestico (extracomunitario, comunitario o cittadini italiano) e al pagamento dei relativi contributi previdenziali. Se il lavoratore extracomunitario è già in Italia il datore di lavoro (anche se si aggiunge ad un altro datore di lavoro) deve spedire il CONTRATTO DI SOGGIORNO (mod. Q) a mezzo A/R allo Sportello Unico. Se il lavoratore è comunitario il datore deve provvedere solo alla comunicazione allINPS.

78 PERDITA DEL LAVORO RITORNA AL MENU PRINCIPALE Il lavoratore straniero in possesso del permesso di soggiorno per lavoro subordinato che perde il posto di lavoro, anche per dimissioni, può essere iscritto, nelle liste di collocamento per il periodo di residua validità del permesso di soggiorno, e comunque, salvo che si tratti di permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per un periodo non inferiore a sei mesi. Allo scadere del permesso di soggiorno per attesa occupazione, se il lavoratore è ancora disoccupato il permesso di soggiorno per lavoro subordinato non può essere rinnovato per il venir meno dei requisiti richiesti per lingresso e soggiorno. Se ne sussistono i requisiti può ottenere la conversione ad altro titolo (es. motivi d famiglia, studio, lavoro autonomo), altrimenti deve ritornare al suo Paese di origine. La perdita del posto di lavoro non costituisce motivo per privare il lavoratore extracomunitario ed i suoi familiari legalmente residenti del permesso di soggiorno. Si può richiedere un permesso di soggiorno attesa occupazione della durata di 6 mesi. Lo straniero in Italia con nulla osta al lavoro se trova indisponibile il datore di lavoro allassunzione per cause a lui non imputabili, può richiedere un permesso di soggiorno per ATTESA OCCUPAZIONE della durata di 6 mesi. PROMESSA DI ASSUNZIONE NON ONORATA:

79 SALUTE Tessera sanitaria Liscrizione obbligatoria al servizio sanitario Liscrizione volontaria al servizio sanitario Documenti per liscrizione volontaria Stranieri non iscritti al Servizio Sanitario Nazionale (regolari e irregolari) Comunitari e Servizio Sanitario Nazionale (regolari e irregolari) Indennità di malattia Tessera sanitaria Liscrizione obbligatoria al servizio sanitario Liscrizione volontaria al servizio sanitario Documenti per liscrizione volontaria Stranieri non iscritti al Servizio Sanitario Nazionale (regolari e irregolari) Comunitari e Servizio Sanitario Nazionale (regolari e irregolari) Indennità di malattia RITORNA AL MENU PRINCIPALE SOTTOMENU

80 TESSERA SANITARIA Presentare: copia del permesso di soggiorno; Ricevuta della richiesta di rinnovo del permesso; copia del codice fiscale; il certificato di residenza o l'autocertificazione. Il cittadino straniero con regolare permesso di soggiorno ha diritto all'assistenza sanitaria assicurata dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN), con parità di trattamento e uguaglianza di diritti rispetto ai cittadini italiani. La tessera sanitaria è il documento che dimostra l'iscrizione al Servizio Sanitario Regionale e viene rilasciata dall'ASL di residenza, o di effettiva dimora. COME OTTENERLA: RITORNA AL SOTTOMENU

81 ISCRIZIONE DUFFICIO AL SERVIZIO SANITARIO HANNO DIRITTO ALLASSISTENZA SANITARIA I lavoratori (anche iscritti nelle liste di collocamento) e familiari a carico, regolarmente soggiornanti; I titolari di permesso di soggiorno (anche in corso di rinnovo) e familiari a carico regolarmente soggiornanti per: - motivi familiari - asilo politico o umanitario - per richiesta asilo - per attesa adozione o affidamento - per attesa acquisto di cittadinanza profughi e sfollati; detenuti (esenzione dal Ticket); Titolari di permesso di studio già presenti nel territorio italiano (ad es. maggiorenni che hanno convertito il permesso di soggiorno per motivi familiari in permesso per studio) I lavoratori (anche iscritti nelle liste di collocamento) e familiari a carico, regolarmente soggiornanti; I titolari di permesso di soggiorno (anche in corso di rinnovo) e familiari a carico regolarmente soggiornanti per: - motivi familiari - asilo politico o umanitario - per richiesta asilo - per attesa adozione o affidamento - per attesa acquisto di cittadinanza profughi e sfollati; detenuti (esenzione dal Ticket); Titolari di permesso di studio già presenti nel territorio italiano (ad es. maggiorenni che hanno convertito il permesso di soggiorno per motivi familiari in permesso per studio) LISCRIZIONE AL SSN DA DIRITTO A 1.scelta del medico di famiglia o pediatra; 2.cure mediche specialistiche, pagando il ticket; 3.ricoveri ordinari e in Day Hospital gratuiti; 4.assistenza farmaceutica (acquisto di farmaci). 1.scelta del medico di famiglia o pediatra; 2.cure mediche specialistiche, pagando il ticket; 3.ricoveri ordinari e in Day Hospital gratuiti; 4.assistenza farmaceutica (acquisto di farmaci). segue RITORNA AL SOTTOMENU

82 1.autocertificazione di residenza oppure dichiarazione di effettiva dimora come risulta dal permesso di soggiorno; 2.permesso di soggiorno in corso di validità o richiesta di rinnovo; 3.codice fiscale o autocertificazione; 4.dichiarazione nella quale ci si impegna a comunicare ogni variazione; 5.se si è disoccupati: autocertificazione dell'iscrizione all'Ufficio di collocamento; 6.per familiari a carico: autocertificazione dello stato di famiglia e quella attestante la condizione di familiare a carico. 1.autocertificazione di residenza oppure dichiarazione di effettiva dimora come risulta dal permesso di soggiorno; 2.permesso di soggiorno in corso di validità o richiesta di rinnovo; 3.codice fiscale o autocertificazione; 4.dichiarazione nella quale ci si impegna a comunicare ogni variazione; 5.se si è disoccupati: autocertificazione dell'iscrizione all'Ufficio di collocamento; 6.per familiari a carico: autocertificazione dello stato di famiglia e quella attestante la condizione di familiare a carico. Lassistenza sanitaria è garantita: Fino alla scadenza del permesso di soggiorno, e può essere prorogata esibendo la richiesta di rinnovo o il permesso di soggiorno rinnovato. DOCUMENTI NECESSARI PER LISCRIZIONE AL SSN: RITORNA AL SOTTOMENU RITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE

83 LISCRIZIONE VOLONTARIA AL SERVIZIO SANITARIO 1.Se sei uno studente puoi chiedere liscrizione volontaria anche per periodi inferiori a 3 mesi e dovrai pagare un contributo annuo di 149,80. 2.Se sei una persona collocata alla pari puoi chiedere anche tu liscrizione volontaria pagando un contributo annuale di 219,49. 3.Per i familiari non a carico occorre pagare il contributo di 387,34. 4.Liscrizione volontaria non viene concessa se sei titolare di permesso di soggiorno per motivi di cura. 5.Per familiari a carico con più di 65 anni attualmente è obbligatorio stipulare unassicurazione sanitaria (di importo pari a quella richiesta per il permesso per studio) e quando sarà definito il contributo necessario da pagare sarà possibile anche liscrizione al SSN. Chi non è in Italia per motivi di salute o non possiede un permesso di soggiorno che da diritto alliscrizione obbligatoria è tenuto: a)STIPULARE UNA ASSICURAZIONE contro il rischio di infortunio, malattia e maternità con una compagnia di assicurazione. b ) chiedere LISCRIZIONE VOLONTARIA al SSN che viene concessa se: sei titolare di permesso di soggiorno superiore a 3 mesi; paghi il contributo annuale di 387,34. Il contributo è valido anche per liscrizione dei familiari conviventi e a carico; segue RITORNA AL SOTTOMENU

84 1.autocertificazione di residenza oppure in mancanza una dichiarazione di effettiva dimora così come risulta sul permesso di soggiorno; 2.permesso di soggiorno in corso di validità o richiesta di rinnovo dello stesso; 3.codice fiscale o autocertificazione; 4.dichiarazione nella quale ci si impegna a comunicare ogni variazione delle qualità personali; 5.ricevuta del versamento su conto corrente postale intestato al fondo sanitario regionale della somma dovuta; 6.per il cittadino studente, autocertificazione di iscrizione al corso di studio. 7.per i collocati alla pari, autocertificazione del proprio status di straniero collocato alla pari con dichiarazione dellospitante. DOCUMENTI NECESSARI PER L'ISCRIZIONE VOLONTARIA AL SSN: RITORNA AL SOTTOMENU

85 STRANIERI NON ISCRITTI AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE prestazioni urgenti (diagnosi entro 24 ore); le prestazioni di elezione (intervento non urgente che può essere rinviato senza mettere a rischio la vita del paziente). STRANIERI REGOLARMENTE SOGGIORNATI Sono assicurate previo pagamento delle tariffe: cure ambulatoriali e ospedaliere urgenti e comunque essenziali per malattia o infortunio; medicina preventiva e vaccinazioni; tutela della gravidanza, della maternità e della salute del minore; diagnosi e cura delle malattie infettive. STRANIERI NON IN REGOLA (clandestini, stranieri con permesso di soggiorno scaduto da oltre 60 giorni, ecc.) Sono assicurate gratuitamente con il solo pagamento del ticket la seguenti prestazioni: Il ricorso alle cure mediche non comporta da parte del medico alcuna segnalazione alle autorità di polizia IMPORTANTE segue RITORNA AL SOTTOMENU

86 a cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o essenziali, anche se continuative, per malattia ed infortunio, in strutture pubbliche o convenzionate; a vaccinazioni, interventi di profilassi internazionale, diagnosi e cura delle malattie infettive. Se sei un cittadino straniero indigente privo di mezzi finanziari Puoi richiede presso qualsiasi ASL una: TESSERA STP in stato di indigenza (Straniero Temporaneamente Presente) valida 6 mesi ma rinnovabile. Presentando una dichiarazione di indigenza nella quale attesti di non possedere risorse economiche sufficienti, avrai diritto presso qualsiasi ASL: RITORNA AL SOTTOMENU RITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE In particolare sarà tutelata la salute del minore, la gravidanza e maternità.

87 COMUNITARI E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE COMUNITARI REGOLARMENTE SOGGIORNATI COMUNITARI NON IN REGOLA (soggiorni superiori ai tre mesi senza giustificato motivo, in stato di indigenza o che sono in condizioni di fragilità sociale) Per soggiorni inferiori a 3 mesi i cittadini UE hanno diritto di soggiornare senza alcuna condizione e formalità salvo il possesso di un documento di identità valido per lespatrio. Solo in questo caso laccesso alle prestazioni sanitarie avviene dietro esibizione della TEAM (Tessera Europea di Assicurazione Malattia) rilasciata dal Paese di provenienza; Per soggiorni superiori a 3 mesi i cittadini UE se richiedono liscrizione anagrafica al Comune di riferimento e sono in possesso dei requisiti che giustificano la presenza nel territorio italiano, possono iscriversi al SSN ed avere lassistenza sanitaria al pari di un cittadino italiano. Possono richiede presso qualsiasi ASL il: CODICE ENI (Europeo Non In regola) valido 6 mesi ma rinnovabile. RITORNA AL SOTTOMENU Con il Codice ENI è possibile ottenere: cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o essenziali, anche se continuative, per malattia ed infortunio, in strutture pubbliche o convenzionate. In particolare sono garantiti: la tutela della gravidanza e maternità, salute del minore, le vaccinazioni, gli interventi di profilassi internazionale e la diagnosi e cura delle malattie infettive.

88 INDENNITÀ DI MALATTIA Massimo 180 giorni nellanno solare, i primi tre giorni sono a carico del datore di lavoro, mentre dal quarto giorno lassistenza Inps provvede al pagamento. segue E una prestazione che viene pagata, in sostituzione della retribuzione, ai lavoratori che si ammalano. A CHI SPETTA: 1.alla quasi totalità degli operai del settore privato; 2.agli impiegati del settore Terziario e Servizi (ex commercio); 3.ai disoccupati e sospesi dal lavoro (appartenenti alle categorie sopra indicate) purché il lavoro sia cessato o sospeso da non più di 60 giorni primo dellinizio della malattia. Nessuna indennità è prevista per i lavoratori autonomi. PER QUANTO SPETTA : RITORNA AL SOTTOMENU

89 1.il lavoratore deve farsi rilasciare dal medico curante il certificato di malattia redatto in due copie; 2.entro 2 giorni dal rilascio del certificato, la copia dove sono indicate la diagnosi e la prognosi deve essere presentata, o inviata con raccomandata A/R, alla Sede Inps del luogo di residenza, mentre la copia con la sola prognosi deve essere consegnata al datore di lavoro. Lindennità non spetta per ogni giorno di ritardo nellinvio del certificato. 3.Il lavoratore deve indicare sul certificato lesatto indirizzo di reperibilità durante la malattia, per consentire i controlli. Linesattezza dellindirizzo comporterà la perdita dellindennità. 4.Il lavoratore deve rimanere a casa per i controlli dellInps o dellAsl nelle fasce orarie: dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 comprese le domeniche e i giorni festivi. In caso di assenza ingiustificata alla visita. COME SI OTTIENE: RITORNA AL SOTTOMENU

90 PREVIDENZA E ASSISTENZA La pensione di vecchiaia La pensione di anzianità La pensione agli invalidi civili La pensione di invalidità La pensione di inabilità La pensione ai superstiti Lassegno sociale La pensione se torni al Paese di origine La pensione di vecchiaia La pensione di anzianità La pensione agli invalidi civili La pensione di invalidità La pensione di inabilità La pensione ai superstiti Lassegno sociale La pensione se torni al Paese di origine RITORNA AL MENU PRINCIPALE SOTTOMENU

91 LA PENSIONE DI VECCHIAIA Soggetti con contribuzione ante Requisiti: 60 anni donne 65 anni uomini 20 anni di contributi Soggetti privi di contribuzione al RITORNA AL SOTTOMENU Il lavoratore extracomunitario con contratto di lavoro diverso da quello stagionale, quando torna nel Paese dorigine, conserva i diritti previdenziali maturati in Italia. Requisiti: 60 anni donne 65 anni uomini 5 anni di contributi

92 LA PENSIONE DI ANZIANITA LAVORATORI DIPENDENTI Requisiti fino al anni di età; 36 anni di contribuzione. LAVORATORI AUTONOMI oppure qualunque età e 40 anni di contribuzione. 60 anni di età 35 anni di contribuzione. Requisiti fino al anni di età; 36 anni di contribuzione. RITORNA AL SOTTOMENU 35 anni di contribuzione; 61 anni di età. oppure qualunque età e 40 anni di contribuzione.

93 LA PENSIONE AGLI INVALIDI CIVILI Il riconoscimento di invalidità da il diritto al collocamento obbligatorio. Inoltre se sei un CITTADINO EXTRACOMUNITARIO 1.Devi possedere il PERMESSO DI SOGGIORNO CE (ex carta di soggiorno); 2.Oppure devi essere riconosciuto Rifugiato politico. È un beneficio economico concesso ai cittadini che: 1.non hanno contributi da lavoro e diventano inabili; 2.non posseggono reddito o questultimo non supera determinati limiti annuali che variano a seconda del tipo di invalidità. CHE COSE: RITORNA AL SOTTOMENU N.B. Recenti sentenze della Corte Costituzionale si sono pronunciate favorevolmente rispetto a ricorsi presentati contro i provvedimenti di diniego adottati dalle amministrazioni competenti nei confronti delle richieste tese ad ottenere quelle misure di sicurezza sociale non erogabili ai cittadini stranieri privi di carta di soggiorno. Al momento, però, il Ministero del Lavoro e lInps non hanno ancora inteso dare attuazione ai princìpi affermati nelle pronunce della Corte.

94 LA PENSIONE DI INVALIDITA infermità fisica o mentale, accertata dal medico legale dellInps, che riduca in modo permanente la capacità di lavoro a meno di un terzo; anzianità contributiva di almeno 5 anni, di cui minimo tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di assegno ordinario di invalidità. Spetta ai lavoratori italiano o extracomunitari dipendenti o autonomi (ad eccezione dei lavoratori stagionali) affetti da infermità che hanno versato i contributi per lavoro. Requisiti: RITORNA AL SOTTOMENU

95 LA PENSIONE DI INABILITA infermità fisica o mentale, accertata dal medico dellInps, che provochi unassoluta o permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa; anzianità contributiva di almeno 5 anni, di cui minimo tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di pensione; inabilità a svolgere alcuna attività lavorativa. Spetta ai lavoratori italiano o extracomunitari dipendenti o autonomi (ad eccezione dei lavoratori stagionali) che sono diventati totalmente inabili e possiedono contributi per lavoro. Requisiti: RITORNA AL SOTTOMENU

96 LA PENSIONE AI SUPERSTITI al coniuge; ai figli minori, studenti o inabili e a suo carico; ai nipoti minori non economicamente autosufficienti, che siano stati a carico del parente defunto. E la pensione del lavoratore che, spetta ai componenti del suo nucleo familiare, alla morte del lavoratore, assicurato o pensionato, avvenuta successivamente al compimento del 65° anno, RITORNA AL SOTTOMENU A chi spetta: NON SPETTA la Pensione ai superstiti : se il decesso del lavoratore è avvenuto prima del compimento dei 65 anni; l'assegno sociale è una prestazione che non spetta ai superstiti.

97 LASSEGNO SOCIALE gli abitanti della Repubblica di San Marino; i rifugiati politici; i cittadini di uno Stato dellUnione europea; Possono fare domanda, qualora sussistano tutti i requisiti anche: 65 anni di età; la residenza anagrafica in Italia da almeno 10 anni; e non posseggono redditi personali superiori a 5.349,89 euro se sono soli, oppure redditi cumulati, se sono sposati, superiori a ,78 euro per il E un sostegno economico concesso anche ai titolari di PERMESSO DI SOGGIORNO CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) CHE COSE: RITORNA AL SOTTOMENU IMPORTANTE: se il titolare, trasferisce la sua residenza definitivamente all'estero, la prestazione non viene più erogata. L'assegno sociale è una prestazione che non spetta ai superstiti. REQUISITI:

98 LA PENSIONE SE TORNI AL PAESE DI ORIGINE Puoi avere la Pensione a 65 anni ed almeno 20 anni di contributi versati in Italia Se il primo contributo lo hai versato dopo il 1 gennaio 1996 allora sono sufficienti 5 anni e 65 di età. RITORNA AL SOTTOMENU Pensione ai superstiti: In caso di decesso del lavoratore avvenuto successivamente al compimento del 65° anno di età spetta la pensione ai superstiti. Non spetta, invece, in caso di decesso avvenuto prima del compimento dei 65 anni.

99 PRESTAZIONI SOCIALI SOTTOMENU RITORNA AL MENU PRINCIPALE Assegno di maternità Assegno per il nucleo famigliare Assegno per il nucleo famigliare erogato dai Comuni Assegno di maternità Assegno per il nucleo famigliare Assegno per il nucleo famigliare erogato dai Comuni

100 LASSEGNO DI MATERNITA Si ottiene presentando la domanda al Comune di residenza per ogni figlio, entro sei mesi dalla nascita. 1.Stranieri in possesso del Permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) che non beneficiano di altre indennità sulla maternità o ne beneficiano in misura ridotta. 2.Stranieri in possesso di carta di soggiorno per familiari di cittadini dellUE. 3.Stranieri in attesa del rilascio del permesso di soggiorno CE, (la domanda sarà tenuta in sospeso dal comune fino allesibizione del titolo) 4.Straniera riconosciuta come rifugiata politica. Requisiti: il reddito del nucleo familiare non deve superare un certo importo stabilito annualmente e calcolato con il metodo ISE. Ad esempio per il 2010 il limite ISE riferito a una famiglia di tre persone è pari di ,22. Beneficio: Per il 2010 limporto è pari a 311,27 per 5 mensilità (1.556,35 euro), in caso di parto gemellare lassegno si raddoppia. RITORNA AL SOTTOMENURITORNA AL SOTTOMENU PRESTAZIONI SOCIALI RITORNA AL SOTTOMENU RITORNA AL SOTTOMENU MATERNITA

101 E una prestazione, aggiunta alla retribuzione, a sostegno delle famiglie con redditi inferiori a determinati limiti, stabiliti ogni anno dalla legge. Viene erogata ai lavoratori extracomunitari con le stesse regole che valgono per i lavoratori italiani. 1.Lavoratori stranieri EXTRACOMUNITARI (solo per i familiari residenti in Italia, a meno che non esista una Convenzione in materia di trattamenti di famiglia con lo Stato di provenienza del richiedente ); 2.Lavoratori stranieri RIFUGIATI POLITICI (diritto allassegno per i familiari residenti allestero). Destinatari: reddito familiare, costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare, non superiore ad un importo stabilito annualmente da apposito decreto Ministeriale. Il reddito, per almeno il 70% derivante da lavoro dipendente o da prestazioni ad esso equiparate (es. pensione, oppure indennità di disoccupazione o di maternità o di malattia, ecc.). RITORNA AL SOTTOMENURITORNA AL SOTTOMENU PRESTAZIONI SOCIALI LASSEGNO PER IL NUCLEO FAMIGLIARE Requisiti: Domanda: al proprio datore di lavoro (per lavoratori dipendenti non agricoli) alla sede INPS competente per residenza in tutti gli altri casi RITORNA AL SOTTOMENU RITORNA AL SOTTOMENU MATERNITA

102 E un sostegno economico, concesso dai Comuni ed erogato dallInps, ai nuclei familiari residenti nel comune, con tre o più figli con età inferiore ai 18 anni. 1.Stranieri con CITTADINANZA ITALIANA; 2.COMUNITARI; 3.Titolari dello status di RIFUGIATI POLITICI; 4.Titolari dello status di PROTEZIONE SUSSIDIARIA. Destinatari: nucleo familiare con almeno 3 figli minori; reddito familiare non superiore ad un importo stabilito annualmente e calcolato con il metodo ISE. Ad esempio per il 2010 (per nuclei familiari di cinque persone) è pari a ,70. RITORNA AL SOTTOMENURITORNA AL SOTTOMENU PRESTAZIONI SOCIALI LASSEGNO PER IL NUCLEO FAMIGLIARE DEI COMUNI Requisiti: Beneficio: Assegno pari a 129,79 al mese per tredici mensilità RITORNA AL SOTTOMENU RITORNA AL SOTTOMENU MATERNITA I cittadini extracomunitari e i rifugiati politici, non possono richiedere questo tipo di assegno. IMPORTANTE:

103 REATO DI CLANDESTINITA Ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato RITORNA AL MENU PRINCIPALE Il clandestino può essere trattenuto presso i Cei (Centri di espulsione) fino a sei mesi, le proroghe vengono autorizzate dal giudice di pace quando il cittadino straniero non collabora o non arrivano i documenti necessari allespulsione dal Paese dorigine. Lo straniero che fa ingresso ovvero si trattiene nel territorio dello Stato senza un regolare permesso di soggiorno, commette reato di clandestinità. Non rischia il carcere ma è punito con l'ammenda da a euro. Viene espulso. Il questore può procedere allespulsione con rito abbreviato, senza bisogno del nulla osta dellautorità giudiziaria. Chiunque a titolo oneroso, al fine di trarre ingiusto profitto, dà alloggio o affitta anche una stanza a stranieri che risultino irregolari al momento della stipula o del rinnovo del contratto di locazione, rischia da 6 mesi a fino a 3 anni di carcere e la confisca dellimmobile. E obbligatorio, per i pubblici ufficiali, denunciare i clandestini all'autorità giudiziaria tranne che per i medici e gli insegnanti che agiscono in virtù della tutela dei minori. Il datore di lavoro che occupa un lavoratore straniero privo di permesso di soggiorno è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la multa di euro per ogni lavoratore. Il permesso di soggiorno deve essere esibito agli uffici della pubblica amministrazione per gli atti di stato civile o laccesso ai pubblici servizi, tranne che per le prestazioni sanitarie o le iscrizioni alle scuole dellobbligo.

104 ESPULSIONE Espulsione amministrativa Espulsione a titolo di misura di sicurezza Espulsione a titolo di sanzione sostitutiva della detenzione. Può essere ordinata nei confronti di un extracomunitario condannato per reati per i quali è previsto larresto e che risulti socialmente pericoloso. Può essere disposta, per un periodo non inferiore a 5 anni, dal Giudice che, nel pronunciare condanna per un reato non colposo o nellapplicare la pena a seguito di patteggiamento allo straniero che si trovi in una delle situazioni che comportano lespulsione amministrativa del Prefetto, ritiene di dover condannare alla detenzione entro il limite di due anni, senza poter concedere la sospensione condizionale. Lespulsione è eseguita dal Questore con accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica. E disposta con decreto motivato: se lo straniero è entrato in Italia sottraendosi ai controlli di frontiera; se non ha richiesto il permesso di soggiorno entro 8 giorni dallingresso, oppure ha il permesso revocato, o annullato, o scaduto da più di 60 giorni senza aver richiesto il rinnovo; se persona dedita a traffici delittuosi. Il decreto di espulsione contiene lintimazione a lasciare lItalia entro 15 giorni. Lo straniero espulso, non può rientrare in Italia per un periodo di 5 anni. RITORNA AL MENU PRINCIPALE La straniera in stato di gravidanza irregolare, non puo essere espulsa fino ai 6 mesi del bambino. Non possono essere espulsi gli stranieri conviventi con parenti entro il 2° grado di nazionalità italiana.

105 DIRITTO ALLLA CASA CARTA DI SOGGIORNO CE PERMESSO DI SOGGIORNO almeno biennale per LAVORO SUBORDINATO O LAVORO AUTONOMO Hanno diritto 1.agli alloggi della edilizia residenziale pubblica; 2.al credito agevolato in materia edilizia, recupero, acquisto e locazione della prima casa di abitazione. I cittadini extracomunitari che esercitano una regolare attività di lavoro, titolari di RITORNA AL MENU PRINCIPALE La nuova manovra economica, la legge 133/2008, allart. 11 disciplina il piano nazionale di edilizia abitativa e limita la possibilità di accedere ad una casa popolare ai soli cittadini stranieri - a basso reddito - "residenti da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella medesima regione".

106 I DIRITTI DELLA DONNA RITORNA AL MENU PRINCIPALE SOTTOMENU MATERNITA Congedo e Indennità di maternità Congedo e Indennità di maternità Espulsione I DIRITTI DELLA DONNA dal menù PRESTAZIONI SOCIALIPRESTAZIONI SOCIALI Assegno di maternità Assegno per il nucleo famigliare Assegno per il nucleo famigliare dei Comuni

107 MATERNITA La straniera con regolare rapporto di LAVORO SUBORDINATOha diritto: 1.di chiedere il congedo per maternità che consiste nell lastensione obbligatoria dal lavoro, due mesi prima del parto e tre mesi dopo la nascita del bambino, durante il quale percepisce lindennità di maternità (80% della retribuzione). 2.di chiedere, il congedo parentale (astensione facoltativa) per un massimo di 6 mesi, durante il quale verrà corrisposta unindennità ridotta (30% della retribuzione); 3.dopo la nascita al riposo giornaliero per allattamento e a permessi per malattia del bambino; 4.di non essere licenziata dallinizio della gestazione fino al compimento di un anno di età del bambino, salvo per giusta causa. allindennità di maternità solo se risulta iscritta ad una gestione previdenziale autonoma e sia in regola con il versamento dei contributi dovuti allInps alla data di inizio del periodo indennizzabile. allindennità di maternità, solo se ha sei mesi di contributi nellanno precedente o in alternativa un anno di contributi nel biennio antecedente linizio del periodo di astensione. Se la gravidanza è iniziata allinterno del rapporto di lavoro non può essere licenziata fino al 3° mese dopo il parto. La straniera con regolare rapporto di LAVORO AUTONOMOha diritto: La straniera con regolare rapporto di LAVORO DOMESTICOha diritto: RITORNA AL SOTTOMENU CONGEDO E INDENNITA DI MATERNITA

108 Limmigrata ha in questo caso diritto al permesso di soggiorno per cure mediche presso la Questura indicando generalità e luogo di dimora deve presentare: 6 foto formato tessera; una marca da bollo da 14,62 euro; certificato che attesti lo stato di gravidanza e la data presumibile del parto, rilasciato da un medico della Asl o da un consultorio. Una volta ottenuto il permesso di soggiorno è possibile richiedere liscrizione al servizio sanitario nazionale che consentirà di usufruire dellesenzione dal pagamento del ticket per tutti gli accertamenti di diagnostica strumentale e di laboratorio e per tutte le prestazioni specialistiche ai fini della tutela della maternità. Il permesso di soggiorno per cure mediche, in ogni caso, non consente di uscire dal territorio italiano, di lavorare e soprattutto non può essere trasformato in altro permesso di soggiorno, salvo casi eccezionali (se il marito è regolare in Italia e possiede i requisiti il permesso di soggiorno per cure può essere convertito in motivi familiari). LA STRANIERA IN STATO DI GRAVIDANZA senza permesso di soggiorno NON PUÒ ESSERE ESPULSA: RITORNA AL SOTTOMENU MATERNITA Fino a quando il nascituro non compie i 6 mesi detà e non potrà essere espulso per lo stesso periodo nemmeno suo marito, seppur entrato clandestinamente in Italia, purché viva con la propria congiunta (La richiesta è presentata, al momento della nascita, direttamente in Questura allegando passaporto e stato di famiglia).

109 ASSISTENZA SANITARIA Cure gratuite per le immigrate regolari e irregolari durante la gravidanza e fino al 6° mese di vita del bambino. PROTEZIONE SOCIALE Le immigrate sottoposte a violenza vengono inserite in programmi di assistenza sociale. Ai fini del rilascio del permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale, non e richiesta da parte della vittima la denuncia, ne alcuna forma di collaborazione con gli organi di polizia o con lAutorità giudiziaria. PERMESSO DI SOGGIORNO CE Ti viene rilasciata se sei cittadina extracomunitaria e hai un figlio o un marito italiano o comunitario residente in Italia e con il quale convivi. RITORNA AL SOTTOMENU CARTA DI SOGGIORNO Ti viene rilasciata se soggiorni regolarmente da almeno 5 anni. I DIRITTI DELLA DONNA Il genitore extracomunitario anche naturale del minore italiano ha diritto di ottenere un permesso di soggiorno per motivi di famiglia. La richiesta è presentata, al momento della nascita, direttamente in questura allegando passaporto e stato di famiglia. PERMESSO PER CURE MEDICHE Ti viene rilasciato se sei una clandestina solo durante la gravidanza e fino al compimento dei 6 mesi del bambino. Non puoi essere espulsa e puoi convertirlo in casi eccezionali in motivi di famiglia.

110 I DIRITTI DEL RIFUGIATO Diritto alla tutela familiare Qualora lo status non venga esteso ai familiari, gli stessi possono essere ricongiunti oppure se si trovano in Italia possono ottenere un permesso di soggiorno per motivi familiari. Diritto allistruzione Diritto al permesso di soggiorno Diritto al documento di viaggio Per i minori laccesso agli studi è al pari dei cittadini italiani. I maggiorenni accedono agli studi, allaggiornamento e perfezionamento professionale al pari dei cittadini stranieri regolarmente soggiornanti. Viene rilasciato un permesso di soggiorno per asilo della validità di 5 anni. Alla scadenza può essere rinnovato. Viene rilasciato un documento di viaggio che consente i viaggi fuori del territorio nazionale della validità di 5 anni. segue RITORNA AL MENU PRINCIPALE L'opuscolo informativo per il richiedente lo status di rifugiato: italiano italiano - inglese - francese - spagnolo - araboinglesefrancesespagnoloarabo Il cittadino straniero può ottenere lo status di rifugiato se, per timore fondato di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, opinione politica o appartenenza ad un determinato gruppo sociale, non può far ritorno in Patria. Per lottenimento dello status può essere sufficiente dimostrare che il Paese dorigine è in guerra.

111 I DIRITTI DEL RIFUGIATO Salvo il caso in cui il rifugiato diviene un pericolo per la sicurezza dello Stato in cui si trova, oppure non sia egli stato oggetto di una condanna già passata ingiudicato per un crimine o un delitto grave. Diritto al lavoro LItalia garantisce a tutti i lavoratori stranieri regolari e alle loro famiglie parità e uguaglianza rispetto ai lavoratori italiani. In materia di accesso al pubblico impiego i rifugiati sono al pari dei cittadini dellU.E. Tutela giurisdizionale Parità di trattamento con il cittadino italiano relativamente: al diritto di accedere ai Tribunali, ai diritti e interessi legittimi nei rapporti con la Pubblica amministrazione, allaccesso ai pubblici servizi, nei limiti e modi previsti dalla legge. Protezione dei dati Inerenti alla domanda di asilo: tutti gli atti relativi alla procedura di riconoscimento dello status di rifugiato, alla richiesta di contributi economici e in generale tutti i documenti concernenti i rifugiati sono sottratti al diritto di accesso ai documenti amministrativi, come previsto dalla Legge n.241/90. Divieto di espulsione o respingimento RITORNA AL MENU PRINCIPALERITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE Diritto allassistenza sanitaria e sociale Sono equiparati ai cittadini italiani.

112 LA PROTEZIONE SUSSIDIARIA: I DIRITTI Diritto alla tutela familiare Qualora lo status non venga esteso ai familiari, gli stessi possono essere ricongiunti oppure se si trovano in Italia possono ottenere un permesso di soggiorno per motivi familiari. Per il ricongiungimento di un familiare bisogna dimostrare un reddito, per lanno 2010 pari a 8.024,83 euro, mentre per due o più familiari o minori di 14 anni familiari un reddito pari a ,78 euro. Diritto al permesso di soggiorno RITORNA AL MENU PRINCIPALE Il cittadino straniero, può ottenere lo status di persona ammissibile alla protezione sussidiaria se, pur non avendo i requisiti per richiedere lo status di rifugiato, è ugualmente bisognoso di protezione internazionale. Lo status di protezione sussidiaria viene riconosciuto allo straniero per il quale sussistono fondati motivi per cui se tornasse in Patria correrebbe un grave rischio. E rilasciato un permesso di soggiorno per protezione sussidiaria della validità di 3 anni ed è rinnovabile se permangono le condizioni che ne hanno consentito il riconoscimento. Permette laccesso al lavoro e allo studio ed è convertibile in permesso per motivi di lavoro se ne sussistono i requisiti. segue

113 LA PROTEZIONE SUSSIDIARIA: I DIRITTI Diritto allassistenza sanitaria e sociale Sono equiparati ai cittadini italiani. RITORNA AL MENU PRINCIPALERITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE Diritto al documento di viaggio Qualora sussistono fondate ragioni che non consentono di richiedere il passaporto alle autorità diplomatiche del Paese di cittadinanza, la Questura competente rilascia allo straniero il titolo di viaggio per stranieri. Diritto al lavoro Godono dello stesso trattamento previsto per il cittadino italiano in materia di lavoro subordinato, autonomo, per liscrizione agli albi professionali, per la formazione professionale e per tirocinio sul luogo del lavoro. Diritto allistruzione Per i minori laccesso agli studi è al pari dei cittadini italiani. Per i maggiorenni è riconosciuto nei limiti e nei modi stabiliti per gli stranieri regolarmente soggiornanti.

114 RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE Il cittadino straniero, rifugiato o titolare di permesso di soggiorno Ce o di un permesso di soggiorno per lavoro subordinato, autonomo, per motivi religiosi, con durata non inferiore ad un anno, può chiedere il ricongiungimento per i seguenti familiari: il coniuge maggiorenne non legalmente ed effettivamente separato (non è consentita la poligamia); i figli minori (affidati o adottati), anche del coniuge o nati fuori del matrimonio, figli maggiorenni con invalidità totale; i genitori a carico con più di 65 anni con assicurazione sanitaria se in patria non ci sono altri figli in grado di provvedere a loro; parenti entro terzo grado a carico inabili al lavoro. Il ricongiungimento familiare, secondo la legge italiana viene rilasciato alla condizione che lo straniero immigrato sia in grado di assicurare ai propri familiari normali condizioni di vita. RITORNA AL MENU PRINCIPALE segue 1.documentazione che dimostri il rapporto di parentela, se proveniente dall'estero tradotta, legalizzata e validata dallautorità consolare italiana nel paese di appartenenza dello straniero; 2.disponibilità di un alloggio conforme ai parametri dell'edilizia residenziale regionale o certificato di idoneità igienico-sanitaria rilasciato dall'unità sanitaria locale competente; 3.Possedere un reddito pari allimporto dellassegno sociale (pari a 5.349,89 euro per il 2010) + la metà per ogni familiare da ricongiungere (es. il dichiarante + 1 familiare = 8.024,83 euro). Per più figli minori di 14 anni il reddito da dimostrare è solo il doppio dellassegno sociale (10.699,78 euro); 4.per i genitori con più di 65 anni si dovrà stipulare unassicurazione sanitaria, senza scadenza, che copra i rischi di malattia, infortunio e maternità (ad esempio in analogia a quanto richiesto ai cittadini stranieri beneficiari di visto per studio) oppure liscrizione volontaria al SSN. Requisiti Il ricongiungimento con cittadini italiani è previsto solo per i familiari entro il 2° grado.

115 RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE RITORNA AL MENU PRINCIPALE Lo Sportello Unico per lImmigrazione (SUI) rilascia SU RICHIESTA di un familiare il nulla osta per il ricongiungimento familiare o familiare al seguito necessario per ottenere il visto per lingresso nel territorio italiano INVIO DELLA DOMANDA: la richiesta di nulla osta può essere presentata presso il PATRONATO-INAC e inviata al SUI esclusivamente per via telematica. Il nullaosta viene consegnato al familiare che ne ha fatto richiesta, che a sua volta lo spedisce al familiare allestero. Con il nullaosta lo straniero può ritirare presso il Consolato italiano allestero il VISTO DINGRESSO ed entrare in Italia, Entro 8 giorni lavorativi, dallingresso in Italia presso lo SPORTELLO UNICO ritira il modulo di richiesta del permesso di soggiorno e si reca allufficio postale per spedire la richiesta permesso di soggiorno unitamente a: copia integrale del passaporto recante il visto di ingresso, 4 fotografie e 1 marca da bollo da 14,62. RITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE In presenza dei requisiti di alloggio e reddito è consentito lingresso del genitore naturale per ricongiungimento al figlio minore, già regolarmente soggiornante in Italia con laltro genitore.

116 I DIRITTI DEI MINORI RITORNA AL MENU PRINCIPALE Minori stranieri non accompagnati Minori stranieri adottati o affidati a scopo adottivo da cittadini italiani Minori di 14 anni Non possono essere espulsi e diritto di restare in Italia Hanno diritto alla protezione e allassistenza sanitaria Hanno diritto ad ottenere un permesso di soggiorno Hanno lobbligo scolastico e il diritto allo studio Non possono lavorare ma al compimento dei 18 anni possono ottenere un permesso per lavoro. In possesso di visto, in Italia non devono richiedere il permesso di soggiorno ed acquistano automaticamente la cittadinanza italiana. Liscrizione al SSN avviene come per un minore italiano. Hanno diritto al permesso di soggiorno per motivi familiari Nella determinazione del reddito per il ricongiungimento di 2 e più minori basta dimostrare il doppia dellassegno sociale Sono esenti nel pagamento del visto dingresso nei paesi Schengen Minori di anni Hanno diritto al permesso di soggiorno per minori anni. Acquistano automaticamente la cittadinanza italiana se convivono con il genitore che lha ottenuta. Chi è autorizzato a soggiornare in Italia per assistere un minore per problemi psicofisici, può lavorare ma non convertire il permesso per motivi di lavoro. Nel diritto a mantenere o riacquistare lunità familiare si deve considerare con priorità il superiore interesse del minore. Diritti allunità familiare Le pratiche di ricongiungimento o richiesta cittadinanza iniziate da stranieri minorenni se si concludono quando questi sono diventati maggiorenni conservano i diritti dei minorenni.

117 I DIRITTI DAI 18 ANNI RITORNA AL MENU PRINCIPALE Permesso per motivi familiari Minori reclusi che abbiano commesso un reato La possibilità per il minore di restare in Italia con un regolare permesso di soggiorno dopo aver compiuto 18 anni, dipende dal tipo di permesso di soggiorno. 1.Ha il diritto ad ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari, se ne ricorrono i requisiti. 2.Può convertirlo in permesso per studio o lavoro subordinato o autonomo, ricerca lavoro, cure mediche. 3.Nel caso di conversione in permesso per studio, non paga liscrizione SSN se era già presente regolarmente sul territorio italiano e iscritto al SSN obbligatorio. Se hanno partecipato ad un programma di integrazione sociale, al compimento dei 18 anni possono ottenere un permesso per protezione sociale Può convertirlo in permesso per studio o lavoro subordinato o autonomo, al compimento dei 18 anni, se : è entrato in Italia da almeno 3 anni; ha seguito per 2 anni un progetto di integrazione sociale; frequenta corsi di studio o svolge attività lavorativa. Permesso per affidamento

118 SPOSARSI IN ITALIA I documenti da presentare sono: 1.Passaporto valido; 2.Nulla osta rilasciato dal Consolato o dallAmbasciata del proprio paese dorigine con firma autenticata in Prefettura se si tratta di un paese extracomunitario; 3.Se il cittadino straniero è residente in Italia, certificato di stato libero e di residenza in bollo; 4.Due testimoni con i documenti didentità validi; (se stranieri con permesso di soggiorno); 5.Per il matrimonio celebrato con rito cattolico il modulo rilasciato dalla parrocchia. Può farne richiesta qualunque cittadino libero dal vincolo del matrimonio presso lufficio del Comune di residenza di uno dei due futuri sposi. I minorenni devono prima ottenere il decreto di autorizzazione del Tribunale dei minori. IMPORTANTE: Per il giuramento è necessario essere in possesso del permesso di soggiorno. RITORNA AL MENU PRINCIPALE Il permesso di soggiorno deve essere esibito agli uffici della pubblica amministrazione per gli atti di stato civile o laccesso ai pubblici servizi, tranne che per le prestazioni sanitarie o le iscrizioni alle scuole dellobbligo.

119 STUDIARE I ITALIA REQUISITI: titolo di studio di scuola superiore conseguito in Italia, oppure equivalente se ottenuto all'estero; certificazione che assicuri la conoscenza della lingua italiana adeguata alla frequenza dei corsi; Deve imparare litaliano. MINORI Inferiori a 15 anni, sia regolari che irregolari, hanno diritto all'istruzione (scuola dell'obbligo). ADULTI Se regolari possono frequentare corsi: 1)di alfabetizzazione per conseguire il titolo della scuola dell'obbligo; 2)di integrazione degli studi, fatti nel Paese di provenienza per il titolo della scuola dell'obbligo o il diploma di scuola secondaria superiore; 3)di lingua italiana; 4)di formazione professionali. UNIVERSITA Possono iscriversi gli stranieri che abbiano una carta di soggiorno o un permesso per i seguenti motivi: 1. lavoro subordinato o autonomo 2. motivo familiare 3. asilo politico o umanitario 4. motivo religioso Agli studenti stranieri viene assicurato lo stesso trattamento riservato agli studenti italiani. RITORNA AL MENU PRINCIPALE

120 DOVE IMPARARE LITALIANO Università per gli stranieri a Perugiahttp://www.unistrapg.it/http://www.unistrapg.it/ Università per gli stranieri di Siena IcoN – Italian Cultur on the Nethttp://www.italicon.it/http://www.italicon.it/ Italicahttp://www.italica.rai.it/principali/lingua/comune.htmhttp://www.italica.rai.it/principali/lingua/comune.htm Università degli studi di Anconahttp://www.unian.it/html/clad/htmhttp://www.unian.it/html/clad/htm Università degli studi di Bergamohttp://www.unibg.it/http://www.unibg.it/ Università degli studi di Bologna - Ciltahttp://www.cilta.unibo.it/http://www.cilta.unibo.it/ Università degli studi di Bologna – Clifohttp://www.clifo.unibo.it/http://www.clifo.unibo.it/ Università degli studi di Cassino - Università degli studi di Firenze – Centro di cultura per stranierihttp://www.unifi.it/unifi/ccshttp://www.unifi.it/unifi/ccs Università degli studi di Firenze – Centro linguistico di ateneohttp://www.cla.unifi.it/http://www.cla.unifi.it/ Università degli studi di Genovahttp://www.unige.it/centrint/http://www.unige.it/centrint/ Università degli studi de lAquilahttp://www.univaq.it/http://www.univaq.it/ Università degli studi di Leccehttp://www.bussola.unile.it/italianoperstranierihttp://www.bussola.unile.it/italianoperstranieri Università degli studi di Milanohttp://www.studenti.unimi.it/foreign/gargnano.htmhttp://www.studenti.unimi.it/foreign/gargnano.htm Università degli studi di Parmahttp://www.unipr.it/arpa/cla/http://www.unipr.it/arpa/cla/ Università degli studi di Roma Trehttp://w3.uniroma3.it/didattica/dipartimenti/ling/progetti/certifica-it.asphttp://w3.uniroma3.it/didattica/dipartimenti/ling/progetti/certifica-it.asp Università degli studi di Trentohttp://www.gelso.unitn.it/wwwsegr/cialwww/http://www.gelso.unitn.it/wwwsegr/cialwww/ Università degli studi di Udinehttp://web.uniud.it/crin/corso_di_italiano_perstranieri.htmhttp://web.uniud.it/crin/corso_di_italiano_perstranieri.htm Università degli studi di Urbinohttp://www.uniurb.it/CorStran/index.htmhttp://www.uniurb.it/CorStran/index.htm Università degli studi Ca Foscari di Veneziahttp://helios.unive.it/~cli//tab_ital.htmhttp://helios.unive.it/~cli//tab_ital.htm Corsi di cultura e lingua per gli italiani allesterohttp://www.esteri.it/polestera/dgrc/corsipe.htmhttp://www.esteri.it/polestera/dgrc/corsipe.htm Istituti italiani di cultura allestero Lettorati e Dipartimenti di italianistica allestero Società Dante Alighierihttp://www.soc-dante-alighieri.it/http://www.soc-dante-alighieri.it/ Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabriahttp://www.calnet.it/ricerca/unisdarc/http://www.calnet.it/ricerca/unisdarc/ Asils – Associazione scuole di italiano come lingua Secondahttp://www.nausicaaclub.ithttp://www.nausicaaclub.it Mac Language schoolhttp://wwwmaclanguage.comhttp://wwwmaclanguage.com Istituto Italiano di Firenzehttp://www.istitutoitaliano.ithttp://www.istitutoitaliano.it Scuole italiane allestero Sezioni italiane presso scuole straniere allestero Scuole europee RITORNA AL MENU PRINCIPALE

121 COME INVIARE IL DENARO A CASA Se sei un lavoratore e vuoi inviare denaro allestero ai tuoi familiari o amici o parenti, o sei uno studente e vuoi ricevere denaro in tutta sicurezza e nel giro di pochi minuti, ti consigliano di utilizzare i servizi specializzati di trasferimento denaro: agenzie di Money transfer, Banche e Poste. Per accedere al servizio è necessario possedere un documento legalmente valido e riconosciuto dalle autorità italiane: Carta didentità Passaporto Patente di guida Carta del turista Identificazione di governo con foto un documento di identificazione valido. RITORNA AL MENU PRINCIPALE I cittadini extracomunitari per accedere al servizio devono possedere il Permesso di soggiorno. Lagenzia di Money transfer, banche o poste hanno lobbligo di acquisire e conservare per 10 anni copia del permesso di soggiorno dei clienti extracomunitari e segnalare gli irregolari entro 12 ore alla polizia, se non si attiene alla regola, pena la cancellazione dallelenco degli agenti finanziari. Maggiori informazioni al sito

122 COME DIVENTARE IMPRENDITORI AGRICOLI I lavoratori stranieri extracomunitari possono esercitare in Italia unattività di lavoro autonomo in agricoltura in qualità di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP). Puoi svolgere unattività agricola se: sei in possesso di conoscenze e competenze professionali; hai aperto una partita Iva; sei iscritto al registro delle imprese della C.C.I.A.A. ; conduci terreni a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale, oppure in affitto; sei iscritto allINPS. RITORNA AL MENU PRINCIPALE Puoi svolgere unattività agrituristica se: eserciti unattività agricola da almeno due anni; hai frequentato un corso per operatore agrituristico dedichi allattività agrituristica 85% delle giornate occupate allattività agricola, impegnando le materie prime e i locali dellazienda.

123 I RAPPORTI CON IL FISCO. Cosa devo sapere Se svolgi un LAVORO SUBORDINATO Devi: Dichiarare gli importi ricevuti dal datore di lavoro e ottenere leventuale rimborso direttamente nella busta paga di luglio. Il modello deve essere presentato entro aprile al datore di lavoro o entro maggio al Centro di Assistenza Fiscale (CAF-CIA). La consegna al CAF-CIA è gratuita, la compilazione del modello 730 è a pagamento. PRESENTARE IL MODELLO 730 PER: Ogni contribuente deve avere il CODICE FISCALE PRESENTARE IL MODELLO UNICO PER DICHIARARE: Redditi ottenuti da più datori di lavoro privati. Si presenta da maggio a ottobre presso Agenzie delle Entrate, o agli uffici postali, o alle banche convenzionate. Anche in questo caso puoi rivolgerti al CAF-CIA. RITORNA AL MENU PRINCIPALE segue Guida fiscale per stranieri multilingue: (versione in italiano/arabo/russo/rumeno/albanese) (bosniaco/croato/francese/inglese/serbo/spagnolo/tedesco)

124 LAVORO AUTONOMO I RAPPORTI CON IL FISCO. Cosa devo sapere Dichiarazione dei redditi dimpresa o reddito di lavoro autonomo. Lobbligo vale anche se non si è percepito reddito. Si presenta entro il 31 ottobre presso Agenzie delle Entrate anche per via telematica, o agli uffici postali, o alle banche convenzionate. PRESENTAZIONE MODELLO UNICO I soggetti che intraprendono lesercizio di unimpresa o professione, devono richiedere lattribuzione della PARTITA IVA presso gli uffici dellAgenzia delle Entrate. Tenuta delle scritture contabili; Fatturazione OBBLIGHI FISCALI: OBBLIGHI: Iscrizione al Registro delle imprese; Iscrizione e versamento contributi allINPS RITORNA AL MENU PRINCIPALERITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE


Scaricare ppt "ASSISTENZA E CONSULENZA PREVIDENZIALE SPORTELLO CIA PER LASSISTENZA AGLI IMMIGRATI VAI AVANTI ASSISTENZA E CONSULENZA FISCALE ASSISTENZA E CONSULENZA PER."

Presentazioni simili


Annunci Google