La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida."— Transcript della presentazione:

1 Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida

2 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 Capitolo 5 Processo sedimentario e rocce sedimentarie Lezione 11 La formazione dei sedimenti 2

3 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 3 Si definisce degradazione meteorica l’insieme delle interazioni tra l’atmosfera, l’idrosfera e la parte più superficiale della litosfera che producono il disfacimento e la frantumazione delle rocce. 5.1 La degradazione meteorica La degradazione produce frammenti dalle dimensioni più svariate, da giganteschi macigni a particelle non visibili a occhio nudo.

4 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 4 5.1 La degradazione meteorica La degradazione può essere: degradazione fisica o meccanica (prevalente nelle aree a clima freddo e arido), che provoca la disgregazione delle rocce; degradazione chimica, (prevalente nelle zone a clima caldo e umido), che provoca l’alterazione o la dissoluzione delle rocce. I processi fisici e chimici agiscono insieme, agevolandosi l’un l’altro.

5 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 5 Risultato della degradazione è la formazione di sedimenti. Frammenti sciolti di rocce preesistenti (fango, sabbia, ghiaia) 5.1 La degradazione meteorica

6 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 6 Risultato della degradazione è la formazione di sedimenti. Piroclasti eiettati dall’attività esplosiva dei vulcani (tufi, cineriti, ignimbriti) 5.1 La degradazione meteorica

7 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 7 Risultato della degradazione è la formazione di sedimenti. Cristalli di minerali precipitati direttamente in acqua (aragonite, gesso, salgemma) 5.1 La degradazione meteorica

8 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 8 Risultato della degradazione è la formazione di sedimenti. Resti minerali di organismi (conchiglie, spicole, gusci, scheletri) 5.1 La degradazione meteorica

9 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 9 I processi di alterazione chimica o disfacimento provocano, per azione di agenti esterni, il cambiamento della composizione mineralogica o chimica delle rocce. 5.2 Alterazione chimica delle rocce Si formano così nuovi minerali, detti minerali di alterazione. I principali agenti dell’alterazione chimica sono: l’ossigeno (O 2 ) ; l’acqua (H 2 O) ; il diossido di carbonio ( CO 2 ).

10 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 10 L’ossigeno tende a reagire con i cationi metallici presenti nella roccia ( Al 3+, Mg 2+, Fe 2+, Fe 3+ ) formando ossidi e idrossidi. 5.2 Alterazione chimica delle rocce

11 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 11 L’acqua può: 5.2 Alterazione chimica delle rocce sciogliere e trasportare lontano i minerali presenti nelle rocce (i minerali più solubili sono il salgemma, NaCl, e il gesso CaSO 4 ·2H 2 O); trasformare sali anidri in sali idrati (idratazione) (per esempio l’idratazione dell’anidrite, CaSO 4, in gesso, CaSO 4 ·2H 2 O); contenere sostanze disciolte ( come CO 2 ) che reagiscono con i minerali della rocce (il carbonato di calcio CaCO 3, reagisce con il diossido di carbonio, CO 2, e si trasforma in idrogenocarbonato di calcio Ca(HCO 3 ) 2 ).

12 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 12 L’acqua può decomporre i silicati. 5.2 Alterazione chimica delle rocce

13 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 13 Il diossido di carbonio può decomporre i minerali argillosi formando silice e idrossidi di ferro e alluminio. 5.2 Alterazione chimica delle rocce

14 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 14 Mentre la silice viene dilavata, gli ossidi e gli idrossidi di ferro e alluminio, meno solubili, rimangono in posto formando lateriti e bauxiti. 5.2 Alterazione chimica delle rocce La laterite è un deposito di ossidi e idrossidi di ferro e alluminio; il colore rosso è dovuto all’ossido ferrico (Fe 2 O 3 ) e all’idrossido ferrico (Fe(OH) 3 ). La bauxite deriva dall’alterazione della laterite per ulteriore soluzione del ferro; è un sedimento biancastro formato da ossidi di alluminio idrati (Al 2 O 3 ·nH 2 O).

15 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 15 Il più importante degli agenti della disgregazione fisica delle rocce è il calore. 5.3 Disgregazione fisica delle rocce I processi di disgregazione fisica causati dalle variazioni di temperatura sono detti fenomeni termoclastici. Le forti escursioni termiche provocano frequenti e consistenti variazioni di volume dei minerali e conseguente disgregazione delle rocce.

16 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 16 La disgregazione termoclastica procede dall’esterno determinando il distacco di lamine o foglietti di roccia di spessore variabile dal millimetro ad alcuni centimetri, per un fenomeno detto esfoliazione. 5.3 Disgregazione fisica delle rocce

17 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 17 Nelle regioni a clima freddo e di alta montagna l’acqua presente nei pori e nelle fessure delle rocce, gelando, aumenta di volume e può fratturarle per un fenomeno detto crioclastismo o gelivazione. 5.3 Disgregazione fisica delle rocce

18 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 18 Negli ambienti desertici, il vento trasporta granuli di pulviscolo e di sabbia, che provocano sulle rocce un effetto abrasivo, detto corrasione, in grado di scolpirle in forme bizzarre e curiose. 5.3 Disgregazione fisica delle rocce

19 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 19 I viventi producono secrezioni legate alle normali funzioni vitali, che attaccano chimicamente i minerali. 5.4 Azione degli organismi sulle rocce Dopo la loro morte, in seguito ai processi di decomposizione, si liberano sostanze, come acidi umici, diossido di carbonio e ammoniaca, che reagiscono con i minerali delle rocce e ne provocano l’alterazione chimica.

20 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 20 Le piante, tramite le radici, operano sia un’azione di disgregazione meccanica sia un’azione chimica. 5.4 Azione degli organismi sulle rocce

21 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 21 Alcuni molluschi marini (detti litodomi) vivono nelle rocce, in fori scavati con sostanze acide per crearsi un rifugio. 5.4 Azione degli organismi sulle rocce

22 Alfonso Bosellini – I materiali della Terra solida - © Italo Bovolenta editore 2012 22 Licheni, muschi e batteri penetrano, con le loro propaggini tra i granuli di minerale che compongono le rocce. 5.4 Azione degli organismi sulle rocce


Scaricare ppt "Alfonso Bosellini I materiali della Terra solida."

Presentazioni simili


Annunci Google