La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il principio della DESTINAZIONE UNIVERSALE DEI BENI Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa (171-184)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il principio della DESTINAZIONE UNIVERSALE DEI BENI Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa (171-184)"— Transcript della presentazione:

1 Il principio della DESTINAZIONE UNIVERSALE DEI BENI Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa ( )

2 ORIGINE e SIGNIFICATO VALORI cfr, nn° Populorum Progressio: «Dio ha destinato la terra con tutto quello che in essa è contenuto, alluso di tutti gli uomini e popoli, sicchè i beni creati devono pervenire a tutti con equo criterio, avendo per guida la giustizia e per compagna la carità»

3 La radice della Destinazione universale dei beni «Dio ha creato la terra» «Alluomo ha dato la terra perché la domini con il suo lavoro e ne goda i frutti (cfr. Gen 1,28-29)» «…a tutto il genere umano, perché essa sostenti tutti i suoi membri senza escludere nè privilegiare nessuno» (Dalla Centesimus Annus, 31)

4 Destinataria dei beni «Ogni uomo deve avere la possibilità di usufruire del benessere necessario al suo pieno sviluppo»

5 IL PRINCIPIO tipico della dottrina sociale cristiana e primo principio di tutto lordinamento etico-sociale Diritto naturale: «inscritto nella natura delluomo» «non di diritto positivo» Diritto originario: «inerisce alla singola persona» «è prioritario rispetto a qualunque intervento umano sui beni ordinamento giuridico sistema e metodo economico-sociale»

6 «Tutti gli altri diritti, di qualunque genere, ivi compresi quelli della proprietà e del libero commercio, sono subordinati alla destinazione universale dei beni: non devono quindi intralciarne, bensì al contrario facilitarne la realizzazione, ed è un dovere sociale grave ed urgente restituirli alla loro finalità originaria». (Dalla Populorum Progressio, 22)

7 Necessità di interventi regolamentati (accordi e ordinamenti giuridici) per un esercizio equo e ordinato del diritto alluso dei beni Invito a coltivare una visione delleconomia ispirata a valori morali, per non perdere di vista origine e finalità dei beni (funzione positiva della formazione della ricchezza). CONSEGUENZE

8 RICCHEZZA Funzione positiva se… …impiegata come mezzo utile per promuovere il benessere degli uomini e dei popoli (tutti!!*) e per contrastare la loro esclusione e il loro sfruttamento. *concetto di sviluppo integrale, per cui ciascuno possa dare e ricevere Vs. logica assistenziale.

9 Destinazione universale e proprietà privata ORIGINE: mediante il lavoro e la sua intelligenza luomo domina la terra e ne fa la sua degna dimora; in tal modo egli fa propria la terra. SCOPO: assicura ad ognuno lo spazio effettivamente necessario per lautonomia personale e familiare; è perciò prolungamento della libertà umana.

10 Elemento essenziale di una politica economica autenticamente sociale e democratica e garanzia di un retto ordine sociale La DS richiede che la proprietà dei beni sia equamente accessibile a tutti così che tutti diventino in qualche misura proprietari ed esclude il ricorso a forme di comune e promiscuo dominio

11 La proprietà privata non è un diritto assoluto e intoccabile. Tale diritto va inteso sempre nel più vasto contesto del comune diritto di tutti ad usare i beni dellintera creazione. Il principio della destinazione universale dei beni afferma sia la piena e perenne signoria di Dio su ogni realtà, sia l'esigenza che i beni del creato rimangano finalizzati e destinati allo sviluppo di tutto l'uomo e dell'intera umanità.Tale principio non si oppone al diritto di proprietà, ma indica la necessità di regolamentarlo. La proprietà privata, infatti, quali che siano le forme concrete dei regimi e delle norme giuridiche ad essa relative, è, nella sua essenza, solo uno strumento per il rispetto del principio della destinazione universale dei beni, e quindi, in ultima analisi, non un fine ma un mezzo.

12 Necessità di riconoscere la funzione sociale di qualsiasi forma di possesso privato Utilità delle cose private in ordine anche al bene comune Vincoli alluso dei beni da parte dei proprietari; Necessità di non tenere inoperosi i beni posseduti.

13 Esemplificazioni del principio della Destinazione universale dei beni in diversi contesti In presenza di nuove conoscenze tecniche e scientifiche; Le forme tradizionali di proprietà comunitaria (popoli indigeni); Nei paesi emergenti da collettivismo o colonialismo la proprietà della terra.

14 Ambiguità della proprietà privata Dalla proprietà deriva al soggetto possessore, sia esso il singolo oppure una comunità, una serie di obiettivi vantaggi: condizioni di vita migliori, sicurezza per il futuro, più ampie opportunità di scelta. Dalla proprietà, d'altro canto, può provenire anche una serie di promesse illusorie e tentatrici. L'uomo o la società che giungono al punto di assolutizzarne il ruolo finiscono per fare l'esperienza della più radicale schiavitù. Nessun possesso, infatti, può essere considerato indifferente per l'influsso che ha tanto sui singoli, quanto sulle istituzioni: il possessore che incautamente idolatra i suoi beni (cfr. Mt 6,24; 19,21-26; Lc 16,13) ne viene più che mai posseduto e asservito.383 Solo riconoscendone la dipendenza da Dio Creatore e finalizzandoli conseguentemente al bene comune, è possibile conferire ai beni materiali la funzione di strumenti utili alla crescita degli uomini e dei popoli. (n° 181)

15 Lopzione preferenziale per i poveri (nn° ) ***invito al 9 febbraio***


Scaricare ppt "Il principio della DESTINAZIONE UNIVERSALE DEI BENI Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa (171-184)"

Presentazioni simili


Annunci Google