La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lez. 121 Alma Mater Studiorum - Universita' di Bologna Sede di Cesena II Facolta' di Ingegneria Reti di Calcolatori World Wide Web e HTTP Vedi: A.S. Tanenbaum,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lez. 121 Alma Mater Studiorum - Universita' di Bologna Sede di Cesena II Facolta' di Ingegneria Reti di Calcolatori World Wide Web e HTTP Vedi: A.S. Tanenbaum,"— Transcript della presentazione:

1 Lez. 121 Alma Mater Studiorum - Universita' di Bologna Sede di Cesena II Facolta' di Ingegneria Reti di Calcolatori World Wide Web e HTTP Vedi: A.S. Tanenbaum, Computer Networks, 4th ed., Prentice Hall, sez. 7.3, pagg D. Comer, Internetworking con TCP/IP - Principi, protocolli e architetture, vol. 1, Addison-Wesley, cap. 28, pagg Copyright © by Claudio Salati.

2 2 Il 18 brumaio di Luigi Bonaparte (incipit) Hegel nota in un passo delle sue opere che tutti i grandi fatti e i grandi personaggi della storia universale si presentano, per cosí dire, due volte. Ha dimenticato di aggiungere: la prima volta come tragedia, la seconda volta come farsa. Karl Marx Il 18 brumaio (9 novembre) 1799, Napoleone Bonaparte abbatté con un colpo di stato il regime dei Direttorio ed instaurò in Francia la sua tirannide personale, da cui doveva nascere, qualche anno dopo, lImpero. Il 2 dicembre 1851, Luigi Napoleone ripeté il gesto dello zio, distruggendo la repubblica del 1848 come questi aveva distrutto la repubblica del 1793.

3 3 Come nasce il WWW (World Wide Web) Una infrastruttura client-server distribuita su Internet in cui documenti (pagine, in gergo Web) (potenzialmente) ipertestuali (potenzialmente) multimediali normalmente basati sull'utilizzo di linguaggi di mark-up (e.g. HTML, XML, XUL) residenti sui server (Web-server) possono essere riferiti (e indirizzati!) e possono riferirirsi tra loro tramite URL (Uniform Resource Locators) e possono essere acceduti (letti, scritti, modificati,...) da applicazioni residenti sui client (e.g. un Web-browser) tramite le operazioni messe a disposizione dal protocollo HTTP (HyperText Transfer Protocol)

4 4 Documenti strutturati L'accesso in lettura ad un documento da parte del client e' di norma collegato al suo rendering sulla user interface In particolare, al suo display sullo schermo di un Web-browser Ma anche alla sua stampa su hard-copy Da cio: Necessita di poter descrivere la struttura logica del documento Necessita di poter descrivere le caratteristiche di rappresentazione grafica dei contenuti del documento Documenti ipertestuali: link allinterno di un documento link tra documenti tramite URL link a file multimediali Da cio: Necessita di poter inserire in un documento riferimenti riconoscibili come tali

5 5 Documenti strutturati Documenti multimediali: basati sullutilizzo di link ipertestuali tra documenti testi, immagini, sonori,... in diversi formati (e.g. JPEG vs. GIF vs. PNG vs. TIF vs. BMP...) Da cio: Necessita di poter inserire in un documento riferimenti a sottodocumenti che devono essere considerati parte del e devono essere incorporati nel documento che li riferisce. Necessita che questi riferimenti siano tipizzati per operare linserimento in modo corretto.

6 6 Documenti tipizzati Il client deve processare: Documenti e sotto-documenti di diverso tipo; Documenti che, pur essendo di uno stesso tipo, codificano linformazione in modo diverso. Da cio la necessita' di: Comunicare esplicitamente il tipo di un documento ed il suo formato (comunicazioni server browser). Avere sul client processori capaci di gestire il tipo/formato dei documenti ricevuti dal server. Un Web-browser non puo esere capace di processare tutti i tipi di documenti in tutti i formati possibili, per sempre. Il Web-browser deve essere espandibile/aperto in modo da poter interagire con processori di documenti esterni. Ma non e comunque garantito che una piattaforma browser sia capace di supportare tutti i tipi di informazione gestiti da un server.

7 7 Interazione client-server Nelle sue interazioni con il server il client deve poter specificare le sue capacita / opzioni preferite Tipo di browser e sistema operativo Diversi sistemi operativi hanno/non hanno convenzioni specifiche per mappare un nome di file nel tipo di informazion che esso contiene. Set di caratteri Codifiche supportate per un certo tipo di informazioni (e.g. JPEG e' meglio di GIF). Nellipotesi che il server sia capace di adeguare il suo comportamento alle opzioni preferite dal client. Esempio: il sito funziona bene con Chrome ma non con Explorer

8 8 Linguaggi di mark-up: HTML utilizzati nel type-setting, simili logicamnete a nroff, troff, T E X capaci di rispondere allesigenza di creare documenti strutturati Mediante luso di tag:... Ogni tag ha associata una semantica predefinita in HTML (come in nroff, troff, T E X ) ambiguita' tra strutturazione logica del documento (scopo fondamentale) head vs. body titolo di n-esimo livello indicazioni di grafica (e.g. boldface) N.B.: comunque, il responsabile ultimo del rendering di un documento HTML e il Web-browser ( possibili pagine differenziate per browser). necessita di separate le regole di composizione/rappresentazione di un documento e il suo contenuto per uniformare lo stile delle pagine di un sito Web utilizzo di style-sheet riferiti dalle pagine tramite link ipertestuali

9 9 Linguaggi di mark-up: HTML in ogni caso, non si da' nessuna strutturazione all'informazione contenuta nel documento esempio: un negozio di libri e' costituito da una lista di libri, e ogni libro e' costituito del titolo, dell'autore, della casa editrice, dell'anno di pubblicazione, del prezzo, … e il titolo e' una stringa di caratteri, mentre il prezzo e' un numero reale espresso in euro, …

10 10 HTML: esempio (a)Testo sorgente HTML (b)Rendering del testo HTML sullo schermo del browser

11 11 Tag HTML

12 12 Esempi di hyperlink Allinterno di un documento (puntatore): Lezioni... Lezioni Tra due documenti allinterno dello stesso sito (relativo)(puntatore): Pubblicazioni Tra due documenti anche non allinterno dello stesso sito (puntatore): Pubblicazioni Inclusione (delloggetto puntato) di unimmagine nella pagina:

13 13 Linguaggi di mark-up: XML XML separa l'aspetto della strutturazione logica del documento e del suo contenuto da quello del suo rendering sullo schermo del browser strutturazione logica del testo ma anche strutturazione dell'informazione contenuta nel testo I tag XML di per se stessi non hanno alcuna semantica associata Possiamo pero' definire dei meta-testi XML in cui i tag hanno una semantica associata, e che descrivono la semantica che vogliamo assegnare ai tag di altri testi XML e i meta testi stessi possono essere scritti in XML Esempio di meta-testo: style-sheet descritti in XSL (linguaggio XML-based) consentono di descrivere le regole di rendering logico di pagine scritte in XML

14 14 XML: strutturazione dellinformazione Basata sulluso di un meta-testo XML: XML Schema XML Schema linguaggio XML-based consente di descrivere (come XDR) la struttura dell'informazione (tipizzata, sintassi astratta) contenuta in pagine XML (corrispondenti a sintassi di trasferimento) informazione tipizzata come in XDR Insieme di tipi base Insieme di costruttori di tipi derivati XML Schema definisce sia una notazione per la definizione di sintassi astratte (per la definizione di tipi di dato), basata su XML sia una sintassi di trasferimento (per la rappresentazione concreta di valori tipizzati di una sintassi astratta, riferita con un iperlink nel testo della sintassi di trasferimento), anchessa basata su XML

15 15 Esempio di schema: Bookshop_schema.xsd

16 16 Esempio di valore tipizzato Computer Networks, 4th Edition Andrew S. Tanenbaum Pearson Education International Interneworking with TCP/IP Dougles E. Comer Pearson - Prentice Hall

17 17 Catena dei significati.1 XML Schema definisce il significato delle parole utilizzate per scrivere lo schema Bookshop_schema.xsd. XML Schema definisce il significato di tutti i simboli primitivi del linguaggio. Nel testo questi simboli compaiono prefissati con la stringa xsd:. Bookshop_schema.xsd riferisce nella sua intestazione XMLSchema, il metatesto che assegna un significato alle parole contenute nel proprio testo. XML Schema consente di assegnare un significato ai simboli definiti dallutente in Bookshop_schema.xsd. Consente di definire Book come nome di un element di tipo BookType Consente di definire come e fatto un valore di tipo BookType Bookshop_schema.xsd rappresenta la definizione di una sintassi astratta.

18 18 Catena dei significati.2 Lo schema Bookshop_schema.xsd definisce quale e la struttura di un valore di tipo BookStore. Lo schema Bookshop_schema.xsd definisce il significato dei tag BookStore, Book, Title, … Lo schema Bookshop_schema.xsd definisce quale tipo di valore puo essere assegnato a un elemento identificato da uno di questi tag. Il valore BookStore riferisce il meta-testo XML Bookshop_schema.xsd che definisce il significato dei suoi tag e dei suoi attributi. Il valore BookStore riferisce anche il meta-testo XML XMLSchema- instance che lo definisce essere un valore (una sintassi di trasferimento) di uno schema definito in XML Schema. Il valore BookStore rappresenta una istanza di sintassi di trasferimento.

19 19 Linguaggi di mark-up: strumenti Processore XSLT per tradurre dal testo originario (e.g. XML) ad un altro testo target (e.g. HTML) Consente, a partire da un unico testo sorgente, eventualmente servendosi di opportuni style-sheet di produrre diversi testi target adatti al rendering su diversi media Parser XML Parser XML/XML Schema Verifica anche che un testo XML sia consistente con il testo XML Schema che ne descrive sintassi e semantica Interpreti HTML e XSLT (e XML) disponibili su tutti i browser (XSLT anche sui server)

20 20 Evoluzione dell'interazione client-server.1 Trasferimento server client di pagine con contenuto dinamico e non di documenti statici e.g. orario dei treni da A a B, tra le ore X e Y del giorno Z strumenti sul server per costruire pagine XML/HTML con contenuto dinamico (su template fisso): JSP PHP Servlet (procedura Java) Sul server un URL puo riferire non una pagina passiva ma una procedura JSP/PHP/Java Trasferimento di informazioni client server tramite una pagina (form), e.g. carta di credito informazioni A, B, X, Y, Z dellesempio precedente

21 21 Evoluzione dell'interazione client-server.1 Quindi il client non e solo un visualizzatore di pagine passive ricevute dal server! Pagine attive lato client Applet Java Javascript XUL Attive perche possono interagire attivamente con il server: Per aggiornare i dati visualizzati sulla pagina Per fornire dati al server Per richiedere (con parametri) una nuova pagina al server Interazioni client-server con stato (sessioni) e.g. shopping cart Realizzate a livello di applicazione finale: cookie di sessione scambiato tra client e server in ogni interazione della stessa sessione

22 22 Evoluzione dell'interazione client-server.2 Ma una servlet e una procedura Java. Chi dice che deve ritornare al client un intero documento da visualizzare? Potrebbe ritornare anche solo dei dati strutturati (e.g. in un testo XML), cosi che il client (una procedura Java o Javascript in esecuzione sul browser) li possa inserire nella pagina visualizzata. Ma perche poi dovrebbe limitarsi a restituire qualcosa al client piuttosto che fare anche qualcosa sulla macchina server? Una servlet non e nientaltro che una RPC chiamata da un Web- client. E i parametri di ingresso? Staranno anche loro da qualche parte nel PDU HTTP che ha attivato la servlet! Per i parametri di ritorno non ce evidentemente problema!

23 23 Evoluzione dell'interazione client-server.3 Ma poi, chi dice che il client sia necessariamente solo un browser- visualizzatore di pagine HTML? Se il browser e un interprete di codice Java/Javascript, ed e questo codice che gestisce linterazione HTTP, il contenuto dei PDU HTTP scambiati e definito da questo codice. Il codice Java/Javascript in esecuzione sul client puo aspettarsi di vedersi ritornare dal server dei dati strutturati (e.g. in un testo XML) anziche una intera pagina HTML. E.g. per utilizzarli per aggiornare dei dati visualizzati nella pagina corrente. In questo modo posso realizzare delle pagine aggiornate on-line. Ma poi chi lo dice che il client debba essere necessariamente un browser piuttosto che un qualunque programma che utilizza una protocol entity HTTP client per interagire con un Web-server (e con delle servlet installate su di lui)! E a questo punto e il programma client che decide cosa fare dei dati ricevuti dal server. E che concorda con la servlet quale e il protocollo che regola la loro interazione.

24 24 URL In realta' fin dall'origine gli URL sono stati definiti per potere supportare diversi protocolli applicativi oltre che HTTP, e.g. protocollo ftp per l'accesso a file remoti protocollo file per l'accesso a file locali al client protocollo SMTP (acronino URL: mailto ) per accesso al mailing system Internet Il formato di un URL dipende quindi dal protocollo che si vuole utilizzare per accedere alla risorsa. nel caso del mailing system l'URL ha formato: nel caso dell'accesso al file system locale l'URL ha formato: file:/// nel caso dell'accesso file remoti l'URL ha formato : ftp:// /

25 25 URL HTTP [ : ] / [ ; ] [ ? ] puo' essere sostituito dall'indirizzo IP del server su cui risiede la risorsa. La porta default utilizzata dal protocollo HTTP e' la numero 80. puo' essere ad esempio il path-name (a partire da un qualche directory dedicato del file system della macchina server) del file che contiene il documento che si vuole accedere rappresenta un insieme di parametri opzionali aggiuntivi che possono essere forniti al server per dirigere il processamento della risorsa una volta che questa e' stata identificata rappresenta anch'esso un insieme di parametri opzionali aggiuntivi che possono essere forniti al server per dirigere il processamento della risorsa (in una operazione di GET).

26 26 URL HTTP: esempio.1 Il Web-server che vogliamo riferire risiede sullo host dm.unife.it Esso accede alla rete via HTTP utilizzando la porta numero 80. Il path-name ~salati identifica per convenzione il file index.html che si trova nel sottodirectory public_html nella home-directory dell'utente salati Non ci sono parametri aggiuntivi. L'esempio mostra che le regole di localizzazione della risorsa a partire dal possono essere piuttosto complesse. Lo hyperlink (relativo) Pubblicazioni contenuto nella pagina index.html porta a generare un PDU HTTP contenente lURL

27 27 URL HTTP: esempio.2 ns.do?car=0&stazin=Bologna&stazout=Cesena&datag=28&dat am=09&dataa=2010&timsh=7&stazin_r=Staz_DA&stazout_r=St az_A&timsm=58&timsm_r=58&lang=it&nreq=5&channel=tcom&n pag=1&lang_r=it&nreq_r=5&channel_r=tcom&npag_r=1&x=27& y=10 Il Web-server che vogliamo riferire risiede sullo host orario.trenitalia.com Esso accede alla rete via HTTP utilizzando la porta numero 80 Il resource path-name e b2c/nppPriceTravelSolutions.do LURL comprende il parametro car=0&stazin=Bologna&stazout=Cesena&datag=28&datam=09&dat aa=2010&timsh=7&stazin_r=Staz_DA&stazout_r=Staz_A&timsm=5 8&timsm_r=58&lang=it&... N.B.: il valore del parametro non e indicato tramite caratteri normali ma e URL-encoded!

28 28 Protocollo HTTP.1 La versione 1.1 e' definita in RFC E' un protocollo richiesta/risposta: interazioni confermate. interazioni bloccanti: il client invia una richiesta, poi non puo inviare nessunaltra richiesta sulla stessa connessione fino a che non ha ricevuto la risposta alla richiesta precedente. in realta non e proprio cosi: dipende dallAPI che utilizza. Ma comunque e il server che dopo avere preso in carico una richiesta da una connessione TCP non ne prende piu in carico nessunaltra dalla stessa connessione fino a che non ha terminato di processare la prima. E' un protocollo stateless: ogni operazione e' processata per conto proprio. non esiste una nozione di connessione o sessione HTTP: se si vuole realizzarla bisogna farlo a livello di applicazione.

29 29 Protocollo HTTP.2 Il server attende le richieste del client: quando ne riceve una, la processa e invia al client la corrispondente risposta. I server HTTP: Sono normalmente implementati come servizi concorrenti (multi- threading), ma su una singola connessione gestiscono una sola operazione per volta. Sulla singola connessione hanno un comportamento sequenziale, congruentemente con il fatto che una interazione client-server e bloccante per il client. Il protocollo HTTP consente a client e server di negoziare le modalita' di colloquio (e.g. la lingua) e scambiare informazioni sulla propria identita' e sulle proprie potenzialita (e.g. capacita di visualizzare immagini PNG). N.B.: come si fa se HTTP e' stateless? Cookie! I PDU HTTP sono character-oriented e il loro formato e' largamente derivato da quello dei PDU del protocollo SMTP (mail).

30 30 Protocollo HTTP: problemi Se si vuole consentire al Web-server di aggiornare dinamicamente una pagina sul Web-browser ce bisogno di tenere impostata in permanenza una richiesta del browser verso il server per consentire a questi di inviargli informazioni. Il server puoinviare dati al client solo come risposta a una richiesta fatta da questo. N.B.: normalmente laggiornamento della pagina avviene tramite un suo ricaricamento da parte del browser (la pagine HTML posso essere marcate come da ricaricare): vedi Il ricaricamento dellintera pagina HTML e inutilmente dispendioso perche normalmente la parte di pagina da aggiornare e molto piu piccola della pagina nel suo complesso! Se si vuole consentire contemporaneamente al server di aggiornare dinamicamente una pagina sul browser e al browser di effettuare una nuova richiesta e necessario aprire due connessioni TCP tra browser e server! In generale: se da un browser voglio eseguire contemporaneamente diverse operazioni su un server, ho bisogno di aprire piu connessioni TCP, una per ogni richiesta concorrente.

31 31 HTTP transport mapping.1 HTTP utilizza il Servizio di Trasporto Connection-Oriented (TCP) quindi non deve preoccuparsi di trattare errori di comunicazione ma deve preoccuparsi di segmentare un PDU in una sequenza di write(), e assicurarsi che tutti i byte siano trasmessi La porta well-known del servizio www e la 80 HTTP puo' anche fare uso della versione "sicura" del Servizio di Trasporto Connection-Oriented (SSL/TLS, a sua volta basato sull'utilizzo di TCP). si parla di HTTPS, che utilizza per default la porta TCP 443 dal punto di vista formale del modello di riferimento OSI la funzionalita di de/crittazione delle comunicazioni e considerata un servizio del Layer di Presentazione

32 32 HTTP transport mapping.2 Nella versione 1.0 il client HTTP apriva una nuova connessione di trasporto per ogni operazione che voleva richiedere al server; e il server chiudeva la connessione dopo avere inviato la risposta; in questo modo il client riusciva anche a capire che il testo della risposta era terminato! Nella versione 1.1 HTTP si basa invece (normalmente) sull'utilizzo di una connessione persistente tra un client e un server: successive richieste viaggiano su una stessa connessione di trasporto, e la connessione viene chiusa dal client quando questo non e' piu' interessato ad interagire con il server; questa politica e' stata adotta per ragioni di efficienza; in realta un client puo aprire piu connessioni verso uno stesso server. problema: come fa il server ad indicare al client che e' terminata una risposta? Ci sono comunque timeout di supervisione del dialogo che controllano la gestione della connessione.

33 33 HTTP transport mapping: timeout di supervisione Quando il client invia una richiesta al server attiva un timer: se la risposta dal server non e ricevuta prima che il timer scada, la transazione viene abortita. Il server ha attivo in modo permanente un timer di supervisione delle interazioni con il client su ogni connessione aperta: se vede che una connessione rimane inattiva (nessun PDU HTTP e ricevuto su di essa) per un intervallo troppo lungo, la chiude.

34 34 Operazioni HTTP.1 Ogni operazione HTTP puo essere vista come linvocazione da parte del Web-browser di una procedura remota sul Web-server. LURL e il riferimento alla (lindirizzo della) risorsa (di solito, una pagina), allocata sul server, su cui si vuole eseguire loperazione.

35 35 Operazioni HTTP.2 In realta' non necessariamente un URL riferisce una pagina Web. Un URL (in realta, una coppia [operazione HTTP, URL]) puo' anche designare un script o un programma eseguibile allocato sul Web- server. In questo caso il significato (la semantica) dell'operazione HTTP e' definito dal codice dello script o del programma. Invocare una operazione HTTP su un URL che rappresenta uno script o un programma eseguibile equivale ad invocare una procedura remota. Un URL puo essere visto come un riferimento ad una risorsa remota (un oggetto remoto) su cui posso eseguire diverse operazioni. Ogni operazione HTTP consente di indicare una diversa operazione che voglio eseguire sulla risorsa remota. Addirittura, si potrebbe utilizzare il PDU HTTP (e.g. quello di POST) per trasportare un protocollo applicativo stile RPC! WebServices o equivalenti!

36 36 HTTP: PDU di richiesta LFCR versione SP URL SP metodo LFCR valore SP: header field name... LFCR valore SP: header field name LFCR... linea di richiesta header lines linea vuota corpo del PDU attualmente ha il valore HTTP/1.1. la specifica del formato del PDU e' particolarmente tediosa perche' la sintassi di trasferimento e text-based. il PDU di richiesta e' simile ad un PDU SMTP (RFC 822) con estensione MIME (Multipurpose Internet Mail Extensions). come fa il server a capire che il corpo del PDU, e quindi il PDU stesso, sono terminati?

37 37 HTTP: PDU di risposta LFCR frase di stato SP codice di stato SP versione LFCR valore SP: header field name... LFCR valore SP: header field name LFCR... linea di stato header lines linea vuota corpo del PDU attualmente ha il valore HTTP/1.1. e' una stringa numerica che fornisce l'esito dell'operazione (per il processamento elettronico). e' una stringa human-oriented per indicare l'esito dell'operazione. la risposta e' simile ad un PDU SMTP (RFC 822) con estensione MIME (Multipurpose Internet Mail Extensions). come fa il client a capire che il corpo del PDU, e quindi il PDU stesso, sono terminati?

38 38 HTTP: codice di stato del PDU di risposta

39 39 Esempi di HTTP message headers Both

40 40 Esempi di MIME type Content-Type: text/html; charset=ISO Content-Type: text/plain; charset=us-ascii Content-Type: image/gif

41 41 HTTP e proxy Il protocollo HTTP e' fatto per supportare un terzo componente dell'architettura di rete Web: il proxy. L'utilizzo di proxy e' necessario per migliorare l'efficienza del sistema attraverso il caching gerarchico delle informazioni. L'esistenza di proxy intermedi tra client e server e' supportata esplicitamente dal protocollo HTTP attraverso opportuni message header che possono essere utilizzati da un proxy il message header if-modified-since consente di chiedere al server di trasferire una pagina solo se questa e' stata modificata di recente attraverso la possibilita' per un server di controllare il caching dell'informazione sui proxy intermedi evitando ad esempio il caching di pagine dinamiche

42 42 Come si evolve (e' evoluto) il WWW Una infrastruttura client-server distribuita su Internet in cui risorse residenti sui server o comunque controllabili tramite applicazioni residenti sui server possono essere riferite (e indirizzate) e possono riferirirsi tra loro tramite URL e possono accedersi tra loro e essere accedute da applicazioni residenti sui client tramite le operazioni messe a disposizione dalla loro interfaccia l'interfaccia client-server puo' essere definita nei termini delle operazioni fornite dal protocollo HTTP l'interfaccia puo' essere definita in altri termini (e.g. WSDL) e utilizzare HTTP solo come protocollo di trasporto (SOAP- WebServices) la definizione dell'interfaccia puo' essa stessa essere una risorsa accedibile tramite Web

43 43 Piattaforma di elaborazione Web Piattaforma client – Web Browser Protocol entity HTTP e SSL Interprete HTML, XML, XSLT,... Architettura aperta plug-in/helper per la gestione di content-type non built-in Integrazione di altri ASE e altre applicazioni di rete (e.g. mail) Interprete Java e Javascript API per accesso a WebServices API per accesso all'interfaccia locale di sistema Integrated Development Environment per la costruzione di applicazioni Strumenti per la gestione della piattaforma (e.g. registrazione dei certificati di autenticazione)

44 44 Piattaforma di elaborazione Web Piattaforma server – Web/Application Server Protocol entity HTTP e SSL Name server per la gestione degli URL locali Interprete XSLT, PHP, Java, JSP,... API per accesso a WebServices API per accesso all'interfaccia locale di sistema Integrated Development Environment per la costruzione di applicazioni Strumenti per la gestione della piattaforma (e.g. registrazione dei certificati di autenticazione)

45 45 Corrispondenze WebServices Remote Procedure Calls WSDL linguaggio RPCGEN (basato su XML) (basato su XDR) XML Schema XDR (entrambi definiscono sia un linguaggio per la definizione di sintassi astratte che una sintassi di trasferimento) Protocollo SOAP Protocollo Sun RPC (specificato in XML) (specificato in XDR) servizio di trasporto: HTTP servizio di trasporto: TCP/UDP XML Schema basato su XML la sintassi di trasferimento e' rappresentata da XML


Scaricare ppt "Lez. 121 Alma Mater Studiorum - Universita' di Bologna Sede di Cesena II Facolta' di Ingegneria Reti di Calcolatori World Wide Web e HTTP Vedi: A.S. Tanenbaum,"

Presentazioni simili


Annunci Google