La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STROKE TCRM Valutazione rapida e metodica disponibile (bambino instabile). Ricerca di stroke emorragico e ”stroke mimics”. Controindicazioni a RM. Alta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STROKE TCRM Valutazione rapida e metodica disponibile (bambino instabile). Ricerca di stroke emorragico e ”stroke mimics”. Controindicazioni a RM. Alta."— Transcript della presentazione:

1 STROKE TCRM Valutazione rapida e metodica disponibile (bambino instabile). Ricerca di stroke emorragico e ”stroke mimics”. Controindicazioni a RM. Alta sensibilità e specificità. Gold standard per stroke ischemico. Penombra e finestra terapeutica. Non esposizione a radiazioni ionizzanti.

2 PRES (Posterior Reversible Encephalopathy Syndrome) PRESENTAZIONE CLINICA: Convulsioni Alterazioni della coscienza Cefalea Vomito Afasia Disturbi visivi SETTING A RISCHIO: Ipertensione Farmaci (in particolare immunosoppressori e chemioterapici) Post-trapianto Infezioni/sepsi Malattie autoimmuni Malattie renali VASCULOPATIA IPOTESI PATOGENETICHE: Ipoperfusione Iperperfusione Danno endoteliale + SOSPETTO DIAGNOSTICO RM encefalo Trattamento tempestivo per evitare danni neurologici permanenti. QUADRO TIPICO: Edema vasogenico iperintenso in T2 che interessa la sostanza bianca corticale e/o sottocorticale, talora anche la sostanza bianca profonda. Aree coinvolte: parieto- occipitali quasi sempre, ma anche frontali e temporali. Attenzione ai quadri neuroradiologici ATIPICI!!! Cicognani C et al Italian Journal of Medicine 2010 Rykken JB et al Semin Ultrasound CT MRI 2014

3 Seminars in Roentgenology 2014 LESIONE TRAUMATICA CEREBRALE ACUTA

4

5 Boyle TP et al 2014

6 INFEZIONI INTRACRANICHE VZV ASCESSO PIOGENICO MUCORMICOSI  Contribuisce alla diagnosi e alla valutazione delle complicanze, utile per effettuare una diagnosi precoce e nei casi con presentazione clinica atipica (esempio: ospite immunodepresso).  Nelle meningiti non contribuisce alla diagnosi, ma utile per la diagnosi differenziale, la ricerca del focolaio infettivo, il monitoraggio delle complicanze. Saini J et al “Intracranial Infections: Key Neuroimaging Findings” Semin Roentgenol Jia Wang et al Korean J Radiol 2011 CISTICERCOSI CEREBRALE

7 CMV CONGENITO Ampio spettro di anomalie cerebrali, compresi: Ventricolomegalia Pseudocisti periventricolari Anomalie di sulcazione e girazione Anomalie cerebellari Ipoplasia del corpo calloso Danno della sostanza bianca Calcificazioni Polimicrogiria Clefting corticaleSchizencefalia White AL et al Pediatr Neurol 2014

8 CMV CONGENITO 2012

9 J Neurol 2015 ENCEFALOPATIA ACUTA DEMIELINIZZANTE (ADEM) IPMSSG criteria Krupp LB et al 2013 Koelman DL Mateen FJ J Neurol 2015

10 Polman CH et al Diagnostic criteria for multiple sclerosis: 2010 revisions to the McDonald criteria. Ann Neurol IPMSSG criteria Krupp LB et al 2013 SCLEROSI MULTIPLA

11 Ghezzi A Eur Neurol 2014

12 PANENCEFALITE SCLEROSANTE SUBACUTA Dundar N.O. et al Clin Neuroradiol 2014 Cece H et al J Int Med Res 2011 Abuhandan M et al Clin Neuroradiol. 2013

13 NEOPLASIE  Evidenza di massa  Caratterizzazione della lesione e diagnosi differenziale (tumore primitivo, metastasi, ascesso, necrosi da radiazioni) Topografia (intra-assiale/extra-assiale) Limiti della lesione Rapporti con le strutture viciniori Edema perilesionale Intensità di segnale senza e con mdc Contenuto (omogeneità, cellularità, perfusione) Pattern metabolico  Terapie targeted  Guidare biopsia stereotassica, radioterapia e chirurgia  Follow-up Castillo M “History and evolution of brain tumor imaging: insights through radiology.” Radiology 2014 Porto L et al “Conventional magnetic resonance imaging in the differentiation between high and low-grade brain tumours in paediatric patients.” Eur J Paediatr Neurol 2014 Svolos P et al “The role of diffusion and perfusion weighted imaging in the differential diagnosis of cerebral tumors: a review and future perspectives.” Cancer Imaging Papageorgiou TS et al ”Diffusion Tensor Imaging in brain tumors: A study on gliomas and metastases.” Phys Med Patil R et al “MRI Virtual Biopsy and Treatment of Brain Metastatic Tumors with Targeted Nanobioconjugates.” ACS Nano. 2015

14 4. Percorso assistenziale per RM encefalo nel DAI A cura della Dott.ssa Anna Maria Iannicelli

15 Prima 1.Lista d’attesa a 8 mesi 2.RM in giorni non stabiliti 3.Pazienti in radiologia tutti alla stessa ora 4.Caos sala d’attesa 5.Accompagnamento e rientro: autoparco + specializzando 6.Modalità di prenotazione «personalistica» 7.Ricoveri inappropriati 8.Sedute spesso deserte

16 Obiettivi 1.Ridurre lista d’attesa 2.Accompagnamento e rientro pazienti in sicurezza 3.Diversificazione orari 4.Giorni stabiliti 5.Evitare il caos in radiologia 6.Lasciare gli specializzandi nei reparti 7.Prenotazioni su programma SGP controllato dalla Regione Campania 8.Controllo prenotazioni

17 Interfaccia con 5 servizi: D.S., Autoparco, Radiologia, Pediatria, Rianimazione… Richiesta Ambulanza dedicata Agende costruite secondo le esigenze del DAI di Pediatria e AOU Accordo con la radiologia di esami in giorni standard Accordo con la D.S. di eliminare esami esterni Accordo con la rianimazione per personale specializzato per le emergenze Richiesta di una «attenzione prescrittiva»

18 Richieste accordate Obiettivi raggiunti Dal 15 ottobre 2013  Pazienti a ricovero almeno per 48h  Lista d’attesa a 3 mesi  Nessuna seduta deserta  Nessun caos sala d’attesa  Specializzandi in reparto  Accompagnamento con ambulanza dedicata e personale specializzato (Gruppo di Studio SIAARTI per la Sicurezza in Anestesia e Terapia Intensiva)  Planning bloccato 6 RM + 1 urgenza  Nessun favoritismo né sedute bloccate

19

20 Criticità 1.Allungamento lista d’attesa ricoveri ordinari 2.Aumento di richieste esami urgenti 3.Aumento di richieste esami urgenti ed indifferibili 4.Sedute fiume 5.Agende non idonee 6.Ricoveri non ancora appropriati

21

22  Switchare tutte le RM in DH  Dimostrare appropriatezza del ricovero in DH  Creare una stanza dedicata  Cercare personale dedicato  Controllo h12 sui pazienti  Lasciare ricoverati solo i casi più delicati  Modificare le agende

23 Risultati 1.Lista d’attesa ricoveri ridotta 2.Stanza al 5° piano per ricoveri in DH 3.Uno specializzando dedicato a questo DH 4.Infermieri (averceli…!) 3 volontarie laureate 5.OSS… protetti dal WWF come specie in via d’estinzione 6.Agende modificate (2 posti pz ricoverati, 3 DH, 1 SSN) 7.Ambulanza + infermiere dedicato 8.Pochissimo consumo di straordinario 9.Ricoveri appropriati (linee guida)

24 Criticità  Richieste sempre più pressanti di urgenze indifferibili  Più pz in ricovero ordinario  Pz che arrivano in Dipartimento non sempre alle ore 8:00  Genitori che non avvisano (38 pz)  Moltissime richieste di RM

25 Cosa stiamo facendo  Controllo appropriatezza  Controllo richieste indifferibili  Abbassamento età per la richiesta (da 16 a 14 anni)  Aumento di almeno 2 o 3 esami il mercoledì  Richiesta di un’anestesista per il prolungamento della seduta  Visualizzazione su PC immagini e referti

26 5. Discussione

27 GRAZIE


Scaricare ppt "STROKE TCRM Valutazione rapida e metodica disponibile (bambino instabile). Ricerca di stroke emorragico e ”stroke mimics”. Controindicazioni a RM. Alta."

Presentazioni simili


Annunci Google