La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio. DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio. DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO."— Transcript della presentazione:

1 FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio

2 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO – FRONTE ALLA PORTA SIT >1 senza palla per il cambio di direzione ed il tiro in porta In posizione centrale 10 metri fuori dall’area di rigore, l’attaccante punta il difensore senza palla, con una serie di finte di corpo lo disorienta e va a calciare uno dei due palloni posizionati sulla linea dell’area di rigore. OBIETTIVI TECNICO - TATTICI L’obiettivo dell’esercitazione è utilizzare le finte di corpo per riuscire a disorientare l’avversario, cambiare velocità e raggiungere per primo un pallone da calciare in porta cercando di realizzare una rete.

3 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT >1 centrale per il tiro in porta In posizione centrale 10 metri fuori dall’area di rigore, l’attaccante punta il difensore con la palla, con una serie di finte di corpo lo disorienta e va a calciare. Il dribbling deve avvenire all’interno di un quadrato di 5m x 5m. OBIETTIVI TECNICO – TATTICI L’obiettivo dell’esercitazione è l’esecuzione delle finte di corpo durante la guida della palla ad alta velocità, per disorientare l’avversario, il dribbling e la conclusione in porta. L’abilità dell’attaccante sta nel saper scegliere il momento in cui l’avversario è in difficoltà per poterlo dribblare con facilità. PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO – FRONTE ALLA PORTA

4 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT. 3 – 1>1 diagonale per il tiro in porta In posizione diagonale rispetto alla porta, l’attaccante punta il difensore con la palla, con una serie di finte di corpo lo disorienta e va a calciare. Il dribbling deve avvenire all’interno di un quadrato di 5m x 5m. OBIETTIVI TECNICO – TATTICI L’obiettivo dell’esercitazione è l’esecuzione delle finte di corpo durante la guida della palla ad alta velocità, per disorientare l’avversario, il dribbling e la conclusione in porta. L’abilità dell’attaccante sta nel saper scegliere il momento in cui l’avversario è in difficoltà per poterlo dribblare con facilità. PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO – FRONTE ALLA PORTA

5 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT. 4 – 1>1 laterale per il cross In posizione laterale, in prossimità della linea di fondo, un giocatore esterno (ala) riceve la palla da un centrocampista centrale, stoppa e guida la palla puntando un difensore, con una serie di finte di corpo lo disorienta e va a crossare per il compagno posto all’interno dell’area di rigore libero da marcatura. Anche in questo caso il dribbling effettuato da chi crossa deve avvenire in un quadrato di 5m x 5m. OBIETTIVI TECNICO – TATTICI L’obiettivo dell’esercitazione è ricevere un pallone e riuscire a stopparlo orientandolo verso l’avversario; in questa esercitazione cambia l’obiettivo da ricercare dopo il dribbling: ora il giocatore cerca di dribblare utilizzando le finte di corpo per poi eseguire un assist per l’attaccante che attacca la porta libero da marcatura. PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO – FRONTE ALLA PORTA

6 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT >1 centrale per apertura, cross e tiro in porta In posizione centrale, nella zona mediana del campo, il centrocampista punta l’avversario con la palla, con una serie di finte di corpo lo disorienta ed effettua un apertura a destra o a sinistra per una delle due ali che controlla e crossa per l’attaccante marcato all’interno dell’area di rigore. OBIETTIVI TECNICO – TATTICI L’obiettivo dell’esercitazione è riuscire ad eseguire delle finte di corpo che permettano al giocatore di disorientare l’avversario e trovare il tempo per eseguire un’apertura verso l’ala destra o l’ala sinistra; l’abilità del portatore di palla sta nello scegliere in base al comportamento dell’avversario quando eseguire l’apertura e se eseguirla a dx o a sx in funzione del comportamento dell’avversario. PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO – FRONTE ALLA PORTA

7 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT >1 centrale per apertura con 1>1 laterale per il cross e tiro in porta Abbinamento dell’esercitazione numero 4 e dell’esercitazione numero 3 PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO – FRONTE ALLA PORTA

8 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DI ESERCIZI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE EX. 1 – Stop orientato a coppie Due giocatori, uno fronte all’altro, si passano la palla. Il ricevente indica il piede sul quale vuole ricevere la palla, sull’arrivo della palla effettua una finta di corpo (movimento di inganno) ed esegue uno stop orientato con l’interno del piede dove arriva la palla o con l’esterno del piede opposto a dove arriva la palla cercando di orientare lo stop all’interno di una porticina posta alle spalle del giocatore, a destra e a sinistra, completando l’azione con una veronica d’interno o d’esterno e preparando un passaggio per il compagno.

9 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DI ESERCIZI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE EX. 2 – Stop orientato a coppie in diagonale per entrare in una porticina Come l’esercitazione precedente ma i due giocatori sono posti in diagonale ed hanno come obiettivo quello di effettuare lo stop all’interno della porticina centrale posta alla propria sinistra o alla propria destra.

10 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DI SITUAZIONI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE SIT. 1 – Stop orientato con avversario in marcatura da dietro Un giocatore in possesso di palla trasmette la palla al proprio compagno che dopo uno smarcamento viene a ricevere la palla incontro, marcato da dietro da un avversario attivo. Il ricevente dopo una finta di corpo (movimento di inganno) deve cercare di effettuare uno stop orientato di interno piede o di esterno piede finalizzato a dribblare l’avversario e riuscire a superare la linea di meta posta alle proprie spalle in guida della palla.

11 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DI SITUAZIONI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE SIT. 2 – Stop orientato con avversario in marcatura da dietro in diagonale Come l’esercitazione precedente ma il giocatore in possesso di palla ed il proprio compagno in non possesso di palla sono in diagonale; il ricevente ha come obiettivo quello di disorientare l’avversario con una finta di corpo, di effettuare uno stop orientato di interno piede o di esterno piede e cercare di entrare all’interno di una porticina posta alla propria destra o alla propria sinistra.

12 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DI SITUAZIONI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE SIT. 3 – Stop orientato con avversario in marcatura da dietro e tiro in porta Un giocatore in possesso di palla ed un giocatore in non possesso di palla sono posizionati in diagonale ad una distanza di circa 20 metri. Un terzo giocatore è in posizione di marcatura in funzione della palla, della porta e dell’avversario. Il giocatore in non possesso palla si smarca incontro marcato dal difensore, con una finta di corpo cerca di disorientare l’avversario e dopo uno stop orientato di interno piede o di esterno piede cerca di andare alla conclusione nella porta posta alle proprie spalle a destra o a sinistra difesa da un portiere.

13 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DI ESERCIZI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE EX. 1 – Rombo per gli stop orientati e tiro in porta In posizione centrale, nel cerchio di centrocampo, un mediano gioca palla a turno all’ala destra, all’attaccante e all’ala sinistra che, dopo un contro movimento, effettuano uno stop orientato verso la porta e vanno a calciare. L’obiettivo dell’esercitazione è eseguire degli stop orientati preceduti da una finta di corpo che disorienti l’avversario (in questa esercitazione assente), per liberarsi dalla marcatura ed andare alla conclusione in porta; la finta di corpo deve indurre l’avversario dalla parte opposta a dove vuole andare alla conclusione il giocatore che riceve la palla.

14 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT. 1 – Rombo in situazione per gli stop orientati e tiro in porta In posizione centrale, nel cerchio di centrocampo, un mediano gioca palla a turno all’ala destra, all’attaccante e all’ala sinistra che, dopo un contro movimento, si liberano dalla marcatura del diretto avversario, effettuano uno stop orientato verso la porta e vanno a calciare. L’obiettivo dell’esercitazione è disorientare l’avversario con una finta di corpo per riuscire ad andare alla conclusione in porta. L’abilità sta nella percezione della presenza dell’avversario e nella scelta del tipo di stop orientato da eseguire preceduto dalla finta di corpo. PROGRESSIONE DI ESERCIZI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE

15 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT >3 ALLA RICERCA DELLA FINTA DI CORPO – CDD (DRIBBLING DORSALE/FRONTALE) 4 giocatori, posizionati a rombo, contro 3 giocatori in marcatura sulle due ali e l’attaccante, vanno alla ricerca del possesso palla e con degli stop orientati, preceduti da finte di corpo, si liberano dalla marcatura per andare alla conclusione o per effettuare un assist ad un compagno. I difensori una volta recuperata palla devono mantenerne il possesso sulla pressione degli attaccanti, cercando di conquistare campo. L’obiettivo dell’esercitazione è la ricerca del possesso palla con un mediano libero da marcatura e 3 giocatori (una punta e due esterni) marcati che devono scegliere se scaricare al mediano (di prima, dopo uno stop o dopo una difesa della palla) o cercare il dribbling attraverso degli stop orientati sempre preceduti da una finta di corpo con l’obiettivo di liberarsi dalla marcatura per andare alla conclusione o ad eseguire un assist per un compagno. PROGRESSIONE DI ESERCIZI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE

16 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA SIT >4 ALLA RICERCA DELLA FINTA DI CORPO – CDD (DRIBBLING DORSALE/FRONTALE) 6 giocatori, di cui 4 centrocampisti e 2 attaccanti, contro 4 difensori, vanno alla ricerca del possesso palla e con degli stop orientati, preceduti da finte di corpo, si liberano dalla marcatura per andare alla conclusione o per effettuare un assist ad un compagno. I difensori una volta recuperata palla devono mantenerne il possesso, con l’aiuto dei due mediani, sulla pressione degli attaccanti, cercando di conquistare campo. L’obiettivo è che i 4 attaccanti (due centrali e due esterni) si smarchino per ricevere palla dai due mediani, sulla ricezione ricerchino le finte di corpo per poter dribblare con uno stop orientato per andare alla conclusione o per ricercare un assist per uno degli altri 3 compagni di reparto. PROGRESSIONE DI ESERCIZI PER LO STOP ORIENTATO – DRIBBLING DORSALE

17 DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PARTITA LIBERA 4>4 PER FINTA DI CORPO - CDD ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ

18 GRAZIE PER L’ATTENZIONE Un cervello che agisce è soprattutto un cervello che comprende. Rizzolatti G. DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA


Scaricare ppt "FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio. DAL CAMBIO DI DIREZIONE AL DRIBBLING ATTRAVERSO IL DOMINIO DELLA PALLA PROGRESSIONE DELLE SITUAZIONI DI GIOCO."

Presentazioni simili


Annunci Google