La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La nascita del fascismo. Crisi del primo dopoguerra Piccola e media borghesia agraria ed urbana: priva di appoggi in una lotta da due fronti –grande borghesia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La nascita del fascismo. Crisi del primo dopoguerra Piccola e media borghesia agraria ed urbana: priva di appoggi in una lotta da due fronti –grande borghesia."— Transcript della presentazione:

1 La nascita del fascismo

2 Crisi del primo dopoguerra Piccola e media borghesia agraria ed urbana: priva di appoggi in una lotta da due fronti –grande borghesia (giudicata responsabile del carovita, dell’inflazione, e delle crescenti tasse) –proletariato (soppiantare l’ordine e minare le basi della proprietà)  Classi medie: appoggio al fascismo –società moderata e progressista, avversa sia alle masse socialiste sia alla grande borghesia

3 Dai Fasci di combattimento al Partito Nazionale Fascista 23 marzo 1919: Fasci di combattimento Benito Mussolini 1883, Predappio (Forlì) Insegnante elementare Movimento socialista : Svizzera –propaganda politico- sindacale –marxismo: concetto di lotta di classe

4 Dai Fasci di combattimento al Partito Nazionale Fascista Partito Socialista Direttore dell’Avanti! Scoppio della guerra: neutralista Rottura con il socialismo Nuovo giornale: Il Popolo d’Italia - guerra rivoluz. 1918: “quotidiano socialista”  “quotidiano dei combattenti e dei produttori” 1921: Partito nazionale fascista

5 “Il programma di San Sepolcro” Politica estera: la lotta contro gli imperialismi Politica interna: –istituzione della repubblica con ampie autonomie regionali e comunali –suffragio universale (esteso anche alle donne) –istituzione del referendum popolare –abolizione del Senato (espressione della reazione aristocratico-borghese) –eliminazione dei titoli nobiliari, della polizia politica e della coscrizione obbligatoria

6 “Il programma di San Sepolcro” “Il programma di San Sepolcro”: un coacervo di motivi generici e disparati “Noi fascisti ci permettiamo il lusso di essere aristocratici e democratici, conservatori e progressisti, reazionari e rivoluzionari, a seconda delle circostanze di tempo, di luogo e di ambiente… I fascisti non hanno dottrine prestabilite: la loro unica tattica è l’azione.” (Mussolini) Chiaro anticomunismo del fascismo  non ostile al governo liberal-democratico  violenza fascista: organi governativi indifferenti ”Anima anticomunista” del fascismo  punti di accordo con la grande borghesia (l’occupazione delle fabbriche)

7 La sparatoria a Bologna 21 novembre 1920, Bologna: colpi di pistola contro la sede del Comune (sindaco socialista)  lancio di bombe dalle finestre del palazzo  numerose vittime Reazione fascista: rapida ed incontenibile - espressione di una decisa volontà controrivoluzionaria

8 Le elezioni politiche del maggio 1921 Elezioni: elemento decisivo per un radicale mutamento della situazione politica  luglio 1921: caduta del governo Giolitti Ascesa del fascismo al Parlamento –35 deputati eletti Ultima fase attiva dello Stato liberale

9 Le “squadre d’azione” Attacco a fondo contro il socialismo e il movimento operaio: squadre d’azione –camicia nera (indossata durante la guerra dai “reparti d’assalto” – arditi dell’esercito italiano) –fascio littorio: concreto richiamo alla grandezza di Roma antica e alla sua tradizione guerriera

10 Le “squadre d’azione” corti bastoni ferrati (manganelli): simbolo di una violenza destinata ad assicurare la giustizia diretta Compito: –assalire e disperdere con la forza le organizzazioni sindacali e le associazioni socialiste e cattoliche –mettere a tacere gli esponenti politici dei partiti di sinistra

11 La grande illusione delle forze governative “Farsi giustizia da sé”, regime di terrore (“spedizioni punitive”, manganellate), atmosfera da guerra civile  autorità governative: larga tolleranza ai fascisti – controllo al momento opportuno Grosso errore delle autorità governative: le forze fasciste non erano destinate a rientrare nella legalità Mancanza di ogni intervento delle forze di polizia  impressione di debolezza dello Stato democratico  fascisti e una parte dell’opinione pubblica: fascisti = veri e soli campioni della stabilità politica e dell’ordine nuovo Fascismo: voti (1919)  voti (1921)


Scaricare ppt "La nascita del fascismo. Crisi del primo dopoguerra Piccola e media borghesia agraria ed urbana: priva di appoggi in una lotta da due fronti –grande borghesia."

Presentazioni simili


Annunci Google