La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direzione della cooperazione internazionale Politica di aiuto pubblico allo sviluppo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direzione della cooperazione internazionale Politica di aiuto pubblico allo sviluppo."— Transcript della presentazione:

1 Direzione della cooperazione internazionale Politica di aiuto pubblico allo sviluppo

2 1993 – Adesione del Principato di Monaco alle Nazioni Unite Monaco è diventato il 183 esimo Stato membro delle Nazioni Unite. Il Governo monegasco sviluppa le sue prime azioni di cooperazione nel bacino del Mediterraneo nel settore dell'ambiente – Adozione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM) Firma della Dichiarazione del Millennio che punta a dimezzare la povertà mondiale entro il 2015 attraverso 8 obiettivi, gli OSM – Apertura dell'Ufficio di cooperazione internazionale L'azione del Governo monegasco si estende ai settori della sanità, dell'istruzione e della microeconomia a beneficio dei paesi africani.. 04 STORIA

3 Insediamento di Sua Altezza Serenissima il Principe Sovrano Alberto II S.A.S. il Principe Alberto II ha espresso la volontà di fare di Monaco un paese che dimostri solidarietà di fronte alle grandi sfide mondiali, compresa la lotta alla povertà, la tutela dell'ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici – Istituzione della Direzione della cooperazione internazionale La Direzione della cooperazione internazionale è stata istituita all'interno del Dipartimento per le relazioni esterne per attuare la politica di cooperazione allo sviluppo del Governo di Monaco.. 04 STORIA

4 Gli 8 OSM costituiscono il filo conduttore della politica di cooperazione allo sviluppo di Monaco, il cui obiettivo principale è la lotta alla povertà OSM 1: eliminare la povertà estrema e la fame. OSM 2: assicurare a tutti l'istruzione primaria. OSM 3: promuovere la parità dei sessi e l'empowerment delle donne. OSM 4: ridurre la mortalità dei bambini al di sotto dei 5 anni. OSM 5: migliorare la salute materna. OSM 6: combattere l'HIV/AIDS, la malaria e le altre malattie. OSM 7 tutelare l'ambiente. OSM 8: istituire un partenariato mondiale per lo sviluppo.. 04 GLI 8 OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO (OSM)

5 . 04 DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA

6 L'aiuto monegasco si concentra su tre settori di intervento prioritari, in linea con le politiche nazionali dei paesi interessati: Sanità: accesso alle cure per tutti, miglioramento della salute materna e infantile, lotta alle pandemie e alle malattie trascurate. Istruzione per tutti: accesso all'istruzione e all'alfabetizzazione, sostegno alla formazione professionale. Integrazione socio-economica: assistenza e integrazione sociale delle popolazioni più vulnerabili, sostegno all'imprenditorialità sociale e allo sviluppo economico locale. Altri settori: protezione civile, sminamento, cooperazione culturale.. 04 SETTORI DI INTERVENTO

7 Cinque programmi di punta  Lotta all'anemia falciforme.  Sostegno ai bambini vulnerabili e di strada.  Lotta alle pandemie (malaria, l'HIV-AIDS).  Sostegno alle persone affette da disabilità.  Sostegno alla protezione civile.. 04 PROGRAMMI DI PUNTA

8  L'aiuto umanitario di emergenza Tale aiuto risponde a varie crisi nel mondo (catastrofi naturali e conflitti politici).  Il partenariato con le OSI monegasche Questo partenariato ruota intorno al cofinanziamento dei progetti e al rafforzamento delle competenze (www.osimonaco.org). Il sostegno proviene anche da due collettivi: Monaco Collettivo Umanitario (www.mch.mc): nel Principato si fa carico dei bambini le cui patologie non sono operabili nel loro paese di origine. Monaco Collettivo Haiti: costruzione, fornitura di apparecchiature e sostegno alla gestione della scuola primaria Prince Albert II in uno dei quartieri più svantaggiati di Port-au-Prince. 04 AIUTI UMANITARI DI EMERGENZA E PARTENARIATI CON le OSI

9 PROGRAMMA DI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE Il programma di Volontariato Internazionale di Monaco (VIM) è stato istituito nel 2008 per: Offrire a giovani laureati di età compresa tra 21 e 35 anni la possibilità di svolgere un'esperienza professionale a livello internazionale nel settore dell’aiuto allo sviluppo. Offrire competenze specifiche per rafforzare il lavoro dei partner sul campo della Cooperazione monegasca.  Ogni anno vengono organizzati da 5 a 10 VIM a favore delle missioni di lunga durata sul campo (un anno, rinnovabile fino a un massimo di tre anni).

10 INDICAZIONI DI AIUTO PUBBLICO ALLO SVILUPPO DI MONACO Il Governo monegasco ha deciso di rafforzare i propri sforzi di solidarietà. Ogni anno, a partire dal 2015, il bilancio per l'aiuto pubblico allo sviluppo di Monaco sarà annualmente incrementato di 1 milione di euro.

11 LA SQUADRA In sede 13 persone, tra cui 8 responsabili dei programmi, ripartiti per Paesi, che si occupano dell'istruzione e del monitoraggio dei progetti. Sul campo 4 coordinatori tecnici locali assegnati presso i Consolati di Monaco: Burkina Faso, Niger, Mali, Madagascar.

12 Principato di Monaco / Direzione della Cooperazione Internazionale Direzione della cooperazione internazionale 2 rue de la Lüjerneta – Athos Palace (Bloc B) MC – MONACO Tel Fax: Sito Web:


Scaricare ppt "Direzione della cooperazione internazionale Politica di aiuto pubblico allo sviluppo."

Presentazioni simili


Annunci Google