La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Machiavelli (1469-1527) non è un politico non è uno storico è un teorico della politica Utilizza la storia recente e passata per individuare le costanti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Machiavelli (1469-1527) non è un politico non è uno storico è un teorico della politica Utilizza la storia recente e passata per individuare le costanti."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Machiavelli ( ) non è un politico non è uno storico è un teorico della politica Utilizza la storia recente e passata per individuare le costanti dell’agire umano: “Gli uomini hanno avuto sempre le medesime passioni; per questo la storia è maestra delle nostre azioni”

4 Nonostante l’evoluzione umana e la diversità nei costumi e nei comportamenti, gli uomini agiscono secondo regole (costanti antropologiche) insite nella loro natura. Machiavelli ha acquisito queste conoscenze “con una lunga esperienza delle cose moderne e una continua lezione delle antique” Queste premesse fondano La scienza politica O Un settore di ricerca può essere definito scientifico se individua un campo di ricerca autonomo e dotato di regole proprie. Le regole o costanti devono essere continuamente sottoposte a verifica.

5 Il metodo di Machiavelli è definito in vario modo dai critici. Per alcuni è deduttivo-induttivo (dall’universale al particolare ). Per altri è induttivo-deduttivo (dal particolare all’universale). In generale, comunque, si tende a sottolineare la forte prevalenza della teoria sulla pratica.

6 La politica non è il campo dell’immaginazione ”molti si sono immaginati repubbliche e principati che non si sono mai visti nè conosciuti essere in vero” è il campo della realtà effettuale “sendo l’intento mio scrivere cosa utile a chi la intende, mi è parso più conveniente andare drieto alla realtà effettuale della cosa, che alla immaginazione di essa”.

7 Chi sta al potere ha a che fare con una natura umana che Machiavelli così definisce: “ delli uomini si può dire questo generalmente: che sieno ingrati, volubili, simulatori, fuggitori dei pericoli, cupidi di guadagno...sdimenticano più presto la morte del padre che la perdita del patrimonio” Il principe, quindi, deve saper essere buono e non buono secondo necessità. Altrimenti ruina.

8 Da qui l’accusa di immoralità rivolta a Machiavelli In realtà per lui politica e morale sono due ambiti distinti. La politica riguarda il ben essere dello Stato, è il campo dell’utile (non individuale però!). Il buon politico deve utilizzare tutti i mezzi che ha a disposizione per raggiungere il fine del bene dello Stato L’azione efficace è quella che raggiunge l’obiettivo con il minimo dispendio di energie

9 Il politico deve essere virtuoso virtus Razionalità (studio delle cose come sono) + energia tesa ad applicare ciò che la razionalità detta La virtù consiste nel “ non partirsi dal bene, potendo, ma saper entrare nel male, necessitato”

10 Il simbolo del potere è per Machiavelli una figura mitica Chirone centauro (precettore di Achille) Per metà bestia e per metà uomo Pertanto, a uno principe è necessario saper usare la bestia e l’uomo.....debbe di quelle pigliare la golpe e il lione; perchè il lione non si difende da’ lacci, la golpe non si difende da’ lupi

11 Alla virtù, qualità degli uomini grandi, si contrappone, nel pensiero di Machiavelli, la fortuna. Diverse sono le sue accezioni: a. Fortuna come razionalizzazione del reale: “dimostra la sua potenza dove non è ordinata virtù a resisterle; e quivi volta li sua impeti dove la sa che non sono fatti gli argini e li ripari a tenerla” b. Fortuna come donna volubile e capricciosa; fenomeno naturale imprevedibile:”perchè la fortuna è donna, ed è necessario, volendola tenere sotto, batterla e urtarla.”

12 a. La fortuna intesa come razionalizzazione del reale può essere controllata da una ordinata virtù. Machiavelli paragona la fortuna ad un fiume in piena che può inondare e distruggere tutto ma se gli uomini pongono degli argini quando il fiume è calmo, possono, poi, evitare danni e disastri. b. La fortuna come realtà irrazionale può essere dominata (ma non è un ragionamento, è un’immagine) solo dall’audacia e dalla forza della giovinezza): “e, però, sempre, come donna, è amica dei giovani, perchè sono meno respettivi, più feroci e con più audacia la comandano”. La fortuna ha un peso maggiore nei principati piuttosto che nelle repubbliche

13 Le strutture del potere per Machiavelli possono avere forma di ereditario Principato nuovi tutti nuovo Repubblica membri aggiunti Tra le due forme di potere Machiavelli preferisce la Repubblica (Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio). Ambedue devono essere regolate da leggi.

14

15 Le milizie possono essere O Proprie O mercenarie O ausiliarie O miste Il Principe deve tendere alla costituzione di armi proprie

16 La religione, analizzata sul piano politico, è per Machiavelli, “cosa del tutto necessaria a mantenere una civiltà” ma O La religione pagana, attraverso i suoi culti e riti,ha rafforzato la virtus e svolto nella storia una funzione positiva. O La religione cristiana ha indebolito la virtù, e ha esaltato più gli uomini contemplativi che quelli attivi. Ha, inoltre, costituito in Italia un potere corrotto che ha impedito l’unificazione della penisola “Per gli esempli rei di quella corte, questa provincia ha perduto ogni divozione e ogni religione...Non essendo, adunque, stata la Chiesa potente da potere occupare l’Italia, nè avendo permesso che un altro la occupi...

17 Il Principe, pur individuando principi teorici validi sempre, non è un trattato di pura teoria. E’una risposta ai problemi del tempo. Il progetto politico di Machiavelli era la costituzione, in Italia (come era già avvenuto in altri Stati europei) di un forte Stato unitario. E’ necessaria l’opera di un Principe che dotato di virtù e fortuna (le condizioni presenti sono tutte favorevoli) prenda l’Italia “sanza capo, sanza ordine, battuta, spogliata, lacera, corsa” e la liberi dagli stranieri perchè “a ognuno puzza questo barbaro dominio”. Il capitolo finale del Principe, la celebre Exortatio, è carico di tensione emotiva e si concludecon i versi della canzone di Petrarca Italia mia:Virtù contro a furore/prenderà l’arme; e fia el combattere corto;/chè l’antico valore/nelli italici cor non è ancor morto.

18 Lo stile O L’originalità del pensiero di Machiavelli, sempre sorretto da una forte passione, è espressa in uno stile che si modella sul pensiero stesso (complesso quando il pensiero è denso, secco quando il ragionamento diventa serrato). O Frequente è l’uso di immagini corpose e figure retoriche.Sul piano lessicale, i termini sono o latinismi in uso presso la Cancelleria o latinismi letterari. Spesso,però, sono presi dal linguaggio comune e attraverso la ripetizione, acquistano, all’interno dell’opera, un significato tecnico particolare(processo di tecnificazione).Per es.il termine ruinare (usato intransitivamente)acquista il significato di essere sconfitto.

19 Dalla Dedica del Principe O “La quale opera io non ho ornata nè ripiena di clausole ample o di parole ampullose e magnifiche, o di qualunque altro lenocinio o ornamento estrinseco, con li quali molti sogliono le loro cose descrivere e onare; perchè io ho voluto, o che veruna cosa la onori, o che solamente la varietà della materia e la gravità del subietto la facci grata”


Scaricare ppt "Machiavelli (1469-1527) non è un politico non è uno storico è un teorico della politica Utilizza la storia recente e passata per individuare le costanti."

Presentazioni simili


Annunci Google