La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GENERALITÀ Il S. L. è uno dei sistemi naturali di difesa contro le infezioni. Costituito da organi linfatici: midollo osseo, tonsille, timo, milza, linfonodi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GENERALITÀ Il S. L. è uno dei sistemi naturali di difesa contro le infezioni. Costituito da organi linfatici: midollo osseo, tonsille, timo, milza, linfonodi."— Transcript della presentazione:

1 GENERALITÀ Il S. L. è uno dei sistemi naturali di difesa contro le infezioni. Costituito da organi linfatici: midollo osseo, tonsille, timo, milza, linfonodi e vasi linfatici. Lapparato circolatorio linfatico provvede al drenaggio del liquido interstiziale che perfonde i tessuti e gli organi.

2 Cenni di Anatomia MAMMELLA Tessuti Ghiandolare: 15 – 20 lobi Connettivo fibroso: a sostenere i lobi Adipe Legamenti di Cooper: dalla fascia superficiale al derma

3 Cenni di Anatomia MAMMELLA DRENAGGIO LINFATICO 3 gruppi di vasi linfatici: a) Origina allinterno della ghiandola b) Plesso subareolare che drena ghiandole e cute periareolare (centrale) periareolare (centrale) c) Plesso della superficie profonda Più del 75% della linfa fluisce ai linfonodi ascellari, la quantità residua ai linfonodi parasternali.

4 Cenni di Anatomia ARTO SUPERIORE DRENAGGIO LINFATICO Vasi linfatici superficiali e profondi Vasi linfatici superficiali e profondi Linfonodi superficiali e profondi Linfonodi superficiali e profondi

5 Cenni di Anatomia ARTO SUPERIORE Drenaggio linfatico Vasi linfatici superficiali Reti dorigine ricche nelle dita e nel palmo della mano. Nellavambraccio si riuniscono nei collettori mediali, laterali e anteriori. Nel braccio si riuniscono per lo più in posizione mediale dirigendosi al gruppo brachiale dei linfonodi ascellari.

6 Cenni di Anatomia ARTO SUPERIORE Drenaggio linfatico Vasi linfatici profondi Originano dalle articolazioni, dai muscoli e dalle aponeurosi. Satelliti delle arterie e vene profonde (metacarpiche, ulnari e radiali, brachiali). Nel braccio confluiscono nei collettori brachiali terminando anchessi al gruppo brachiale dei linfonodi ascellari.

7 Cenni di Anatomia ARTO SUPERIORE Drenaggio linfatico Linfonodi superficiali Linfonodi del palmo della mano Linfonodi del palmo della mano Linfonodi epitrocleari Linfonodi epitrocleari Ricevono linfa dalle ultime 3 dita e dal lato ulnare di mano ed avambraccio.

8 Cenni di Anatomia ARTO SUPERIORE Drenaggio linfatico Linfonodi profondi 2 gruppi principali Linfonodi radiali Linfonodi brachiali Satelliti dei vasi profondi.

9 Cenni di Anatomia ASCELLA Compartimento piramidale tra larto sup.e la parete toracica. Limiti: - base: fascia ascellare -apice: apertura al triangolo post. del collo (canale cervico ascellare) (canale cervico ascellare) - ant.: mm. grande e piccolo pettorale - post.: m. sottoscapolare - lat.: solco bicipitale - med.: m. dentato anteriore

10 Cenni di Anatomia ASCELLA Plesso Brachiale Le sue corde stringono stretti rapporti con larteria. 3 nn. di interesse chirurgico: 1) n. toracico lungo (parete med.) 2) n. toracodorsale (parete lat.) 3) nn. intercostobrachiale

11 Fisiologia APPARATO CIRCOLATORIO LINFATICO Composto da: - VASI LINFATICI - LINFONODI - LINFA

12 Fisiologia pre- e postlinfonodali VASI LINFATICI Rappresentano la sezione canalicolare del sistema - Vasi capillari e reti dorigine sezione assorbente - Precollettori connettono i primi alle vere vie linfatiche di deflusso - Collettori linfatici - Tronchi linfatici principali di maggior calibro, riversano la linfa nel sistema venoso

13 Fisiologia I capillari linfatici Formano delle reti. La loro parete è costituita da cell. endoteliali le cui giunzioni possono essere serrate (tight), poco serrate (closed) o lasse (open). Le giunzioni consentono o meno il passaggio delle sostanze. Le cell. sono ancorate ai tessuti esterni tramite fibre di collagene; i capillari così risentono dei movimenti dei tessuti aprendo o chiudendo le giunzioni.

14 Fisiologia Precollettori Tra capillari e collettori. Struttura parietale più complessa. Collettori Pre- (afferenti) e postlinfonodali (efferenti). Dotati di muscolatura liscia. Presentano sistema valvolare.

15 Fisiologia Linfangione Tratto del collettore tra una valvola e la successiva. Unità anatomo funzionale. Attività contrattile propulsiva. Quando la P supera i 3-4 cm H2O la muscolatura si contrae (flusso centripeto). Tronchi principali Calibro maggiore. Raccolgono la linfa e la immettono nel sistema venoso.

16 Fisiologia LINFONODI Organi linfatici periferici come la milza, le tonsille, le placche di Peyer etc. Intrappolano materiale estraneo presente nella linfa per merito della loro architettura reticolare.

17 Fisiologia LINFA Rappresenta la sezione circolante del sistema - Istolinfa o linfa interstiziale Occupa linterstizio a diretto contatto coi tessuti. Deriva dai prodotti del metabolismo tissutale e dal liquido filtrato dai capillari. In essa solo poche proteine. - Linfa propriamente detta Parte plasmatica e parte corpuscolata (proteine,, elettroliti, lipidi, glicidi, enzimi, anticorpi, etc.)

18 Fisiologia LINFA PROPRIAMENTE DETTA - Linfa periferica Prelinfonodale, nei collettori. -Linfa intermedia Postlinfonodale, non ha raggiunto i tronchi principali. - Linfa centrale Nei tronchi principali, defluisce al sistema venoso.

19 Fisiologia Gli scambi del microcircolo Avvengono per lazione di differenti pressioni: P Idrostatica (+ 40 mmHg / + 15 mmHg) P Oncotica (-25 mmHg) P Interstiziale (-5 mmHg) Il risultato delle differenze di pressione determina lo scambio dei liquidi. P di Filtrazione positiva P di Riassorbimento negativa


Scaricare ppt "GENERALITÀ Il S. L. è uno dei sistemi naturali di difesa contro le infezioni. Costituito da organi linfatici: midollo osseo, tonsille, timo, milza, linfonodi."

Presentazioni simili


Annunci Google