La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cattedra di Sociologia del Lavoro Prof. Renato Fontana Facoltà di scienze politiche, sociologia, comunicazione A.A. 2013-2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cattedra di Sociologia del Lavoro Prof. Renato Fontana Facoltà di scienze politiche, sociologia, comunicazione A.A. 2013-2014."— Transcript della presentazione:

1 Cattedra di Sociologia del Lavoro Prof. Renato Fontana Facoltà di scienze politiche, sociologia, comunicazione A.A

2 OLTRE L’UOMO ARTIGIANO 17/07/2015Sistemi organizzativi complessiPagina 2 Capitale sociale e condivisione delle conoscenze Renato Fontana (a cura di)

3 I parte Il disegno della ricerca

4 I quesiti della ricerca Esiste un tasso di artigianalità? Quale è nelle organizzazioni ad alto contenuto di tecnologia? Quali sono i margini di manovra di cui dispone l’artigiano? Lavoro “standardizzato” o artistico? Come è cambiato il rapporto tra l’uomo e lo spazio della tecnologia dall’epoca post-industriale? Ci sono nessi di continuità tra l’artigiano convenzionale e l’artigiano digitale?

5 Artigiano digitale VALORI creatività, qualità, passione CAPACITÀ problem solving, formazione continua CONTENUTI ideazione, progettazione, esecuzione Artigianoconvenzionale

6 Dal lavoratore post-industriale all’uomo artigiano ‘800 epoca dell’eterogeneità. Formazione della grande industria ‘900 epoca dell’uniformazione. Introduzione del taylor-fordismo e produzione di massa (Accornero, 2000) Oggi epoca della diversificazione. Aziende duttili, tempi e luoghi di lavoro flessibili, virtuali. Quali ricadute? Le nuove esigenze organizzative della produzione innescano una conflittualità Tra le esigenze del sistema economico e le istanze della vita quotidiana Le grandi aziende nazionali con la globalizzazione si riducono di dimensione a livello locale per espandersi nello spazio transnazionale

7 Dal lavoratore post-industriale all’uomo artigiano Trasformazioni nelle forme di occupazione tradizionale Nascita di nuovi settori produttivi Lavoro meno monotono, manuale e più intellettuale, creativo Nuove figure professionali più qualificate con competenze trasversali (motivazionale- cognitiva” e “sociale- relazionale” Accornero 2004) Teoria della conoscenza (Bell 1973) The simbolic-analytic workers (Reich 1991) Il Knowledge worker (Durcker 1999) Il lavoratore dell’informazione o networker (Knights et al.) La classe creativa (Florida 2003)

8 Da un Modello organizzativo meccanico Ad un Modello organizzativo organico Funzioni e processi razionalmente interconnessi allo scopo di assicurare la massima efficienza e la governabilità delle singole parti (Butera 1984) Alto livello di complessità in cui le singole parti funzionano in base ad ambiti di autonomia e sono collegate fra di loro in una rete di scambi informativi ed economici (Ibidem) 1/3

9 IL CONTESTO CONTEMPORANEO: LE TESI DI SENNETT Istruzioni espressive La parola orale più importante delle istruzioni scritte Tecnica Maestria del bravo artigiano. Nesso tra mano e testa (il tatto attivo ) Lavoro Processo che contiene pensiero e sentimento Ritorno ad una nuova forma di lavoro in cui ideazione, progettazione ed esecuzione si ricompongono in un unico profilo superando la rigida divisione del passato. L’intuizione scatta a partire dal sentimento che ciò che non esiste potrebbe essere.

10 L’UOMO ARTIGIANO DI SENNETT: UN PUNTO DI PARTENZA “ L’artigiano è una figura rappresentativa di una specifica condizione umana: quella di mettere impegno nelle cose che si fanno” L’uomo artigiano: è motivato dal raggiungimento della qualità unisce al lavoro delle mani quello della testa e dell’immaginazione impara attraverso il fare e la ripetizione è capace di individuare problemi dandogli concretezza, di riflettere sulla loro natura e qualità, di ampliarne il senso è capace di cooperare e di essere un mentore

11 II parte La ricerca sul campo

12 IL PERCORSO E GLI STRUMENTI DELLA RICERCA Obiettivi Comprendere come l’ideal-tipo di uomo artigiano trovi posto nell’attuale mondo del lavoro Trovare gli elementi di affinità e le discordanze tra l’uomo artigiano di Sennett e l’artigiano digitale Confermare l’importanza del “locale” come risposta ai processi di globalizzazione

13 Il percorso e gli strumenti Inquadramento teorico concettuale Ricerca bibliografica Approfondimento dei concetti legati al lavoro artigiano. Fiducia e competenze distintive, formazione e apprendimento, capitale sociale, comunità organizzative, individualizzazione e legame sociale Indagine qualitativa Selezione di 5 aziende private italiane Individuazione, attraverso la tecnica detta snowball sampling di testimoni chiave, privilegiati e significativi (Gorden, 1975) Interviste qualitative a carattere biografico

14 IL CAMPO DELLA RICERCA EMPIRICA Sono state realizzate 40 interviste qualitative Soluzioni Software per la gestione aziendale Produzioni con torni digitali e-information, e-communication, e-learning, networking Liberi professionist i New Media agency Coinvolte 5 PMI

15 I risultati delle interviste Riconoscersi nella figura dell’artigiano La figura del maestro, il capitale sociale e culturale importanti per l’apprendimento di un mestiere e per saper stare in azienda minacce New economy Volatilità dei saperi Nativi digitali Artigianalità e attitudine al miglioramento. Elemento nobilitante anche in un contesto sempre più conformista e standardizzato minacce Fattore tempo Flessibilità lavorativa Mancanza di investimenti sulla formazione La competitività ha tolto capacità di iniziativa ai lavoratori e li ha demoralizzati mentre l’etica del lavoro ben fatto per il gusto di farlo bene, propria dell’artigianato, non viene neppure notata (Sennett 2008)

16 artigiano tradizionale Creatività Un marchio proprio nel fare le cose Unicità dei prodotti Entrambi partono da zero Il lavoro mai banale basato sulle capacità della persona Perizia tecnica oggi detta problem solving artigiano digitale I valori condivisi con l’artigiano tradizionale Il lavoratore cognitivo e l’artigiano hanno il comune il fatto di essere entrambi Homines fabri: creano il mondo degli uomini

17 I valori condivisi con l’artigiano tradizionale Attenzione all’innovazione Elasticità mentale Importanza del fattore tempo per alimentarla Strumento per la soluzione dei problemi Utile per la riuscita lavorativa Una dimensione mentale ed emotiva che mantiene viva una cultura del lavoro (Sennett) Curiosità Artigiano tradizionale Artigiano digitale

18 I valori condivisi con l’artigiano tradizionale Passione Presente nell’individuo ancor prima del suo inserimento lavorativo Importante per la realizzazione lavorativa Rischio di estremizzare la passione in ossessiva specializzazione utile alla società ma non utile all’uomo Artigiano Tradizionale Artigiano digitale Definita dal Sennett come maestria ossia un impulso umano sempre vivo; il desiderio di svolgere bene un lavoro per se stesso Sennett R., L’uomo artigiano, Feltrinelli, Milano, 2008

19 TRA VALORI CONDIVISI E PROCESSO DI PRODUZIONE /EROGAZIONE La qualità ha bisogno di tempo e l’artigiano tradizionale mira alla realizzazione di un lavoro ben fatto a prescindere dal tempo necessario per riuscirci. Questo non coincide con l’abitudine dei clienti ad un “consumo rapido” alla quale invece riescono ad adattarsi gli artigiani digitali comprimendo le attività di realizzazione del prodotto Tale logica di consumo spinge gli artigiani digitali ad essere sempre più digitali e sempre meno artigiani La qualità è un continuum che si dipana tra l’optimum oggettivo (tecnico- professionale) e quello soggettivo (gusto personale) e si realizza soltanto quando c’è un punto di equilibrio tra le due istanze Relazione tempo- qualità:

20 Tutti i processi che conducono alla realizzazione di un prodotto in cui l’aspetto estetico costituisce un elemento più critico della pura funzionalità La qualità estetica è anche ciò che soddisfa di più le richieste del cliente (qualità soggettiva) ma non sempre queste coincidono. NEGOZIAZIONECOMPROMESSOSINERGIA con il cliente

21 In ambito informatico sono quei processi atti alla creazione di un prodotto finalizzato alla gestione dell’informazione La qualità è riferita all’usabilità, maneggiabilità di un linguaggio informatico e alla possibilità di essere rileggibile e riutilizzabile da altri

22 I PROCESSI DI FORMAZIONE E APPRENDIMENTO In che modo l’artigiano digitale crea la propria conoscenza? Attraverso quali percorsi di formazione la conoscenza viene trasmessa? Cosa conta di più: la formazione o l’esperienza laboratoriale? Mismatch tra competenze acquisite durante la formazione e quelle richieste in ambito lavorativo Necessità di “istruzioni espressive” per trasferire conoscenze non solo attraverso il linguaggio ma anche attraverso gli altri sensi (es. la vista e le immagini)

23 Reagisce all’obsolescenza della conoscenza attraverso la strategia della polifunzionalità Competenze trasversali acquisite tra formazione, apprendimento e pratica che gli conferiscono una flessibilità intrinseca e gli consentono di essere un jolly per l’azienda Adatta la tecnologia al contesto operativo e culturale sempre diverso e cangiante applicando alla teoria conoscenze pratiche e creative scaturite da processi di apprendimento non formali Le tecnologie mutano e si implementano con grande velocità questo costituisce una sfida quasi impossibile per il sistema formativo che diventa presto obsoleto In che modo l’artigiano digitale crea la propria conoscenza?

24 FORMAZIONE E RELAZIONI SOCIALI Artigiano tradizionale acquisiva sapere per via parentale La differenza generazionale si fa sempre più netta nei metodi di apprendimento Formazione e apprendimento lavorativo lette nell’ottica delle relazioni umane con i colleghi e con i clienti l’artigiano digitale sceglie un percorso professionale opposto Rispetto ai parenti Nel considerare la rete come strumento privilegiato di apprendimento e di lavoro Necessità di formazione continua come soddisfarla? mentre ad esempio

25 Negoziazione Persuasione Attitudine al confronto Flessibilità decisionale Disponibilità allo scambio Strumentali Al raggiungimento degli obiettivi lavorativi Alla formazione personale

26 III parte Conclusioni

27 L’ambiente storico-culturale segnato dal cambiamento tecnologico cosi potente da rimodellare l’antropologia umana IT+C= ITC Comunication necessaria nell’Information Technology per gestire l’intero processo del prodotto La tendenza a de-tecnicizzare le performance e a rivalutare le conoscenze, al di sopra delle competenze tecniche, si correla alla voglia di riprendere i valori dell’artigianalità Tasso di artigianalità e artigiani digitali nelle professioni ITC = portare il proprio punto di vista cognitivo, valoriale e operativo all’interno dei processi L’homo cogitans non si rassegna a essere un appendice della macchina […] in contesti organizzativi che hanno un piede nel fordismo ed uno nella post-modernità. L’ARTIGIANO DIGITALE: UN ANIMA ARTIGIANALE CON STRUMENTI HIGH TECH

28 Il capitale culturale è un ibrido tra valori artigiani quali qualità, creatività, dedizione, passione e una struttura di pensiero post-fordista centrata sulla flessibilità, velocità, esigenze del cliente, individualismo, obsolescenza dei prodotti, delle tecniche e degli strumenti di lavoro È maestro diffuso chiunque possa fornire soluzioni creative a problemi pratici Professionista con esperienza Le community su internet Newsletter delle case produttrici Passione per il lavoro ben fatto e unico, cura per i particolari, sperimentazioni è questo il filo conduttore tra artigiano tradizionale e artigiano digitale Nessuna nostalgia verso il passato ma volontà di valorizzare ciò che può portare benessere e conoscenza in una sorta di ritorno al futuro. È questa l’aspirazione dell’artigiano digitale e del lavoratore medio nella società della conoscenza


Scaricare ppt "Cattedra di Sociologia del Lavoro Prof. Renato Fontana Facoltà di scienze politiche, sociologia, comunicazione A.A. 2013-2014."

Presentazioni simili


Annunci Google