La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Flessibilità del lavoro. Perché la continua richiesta di flessibilità del lavoro?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Flessibilità del lavoro. Perché la continua richiesta di flessibilità del lavoro?"— Transcript della presentazione:

1 Flessibilità del lavoro

2 Perché la continua richiesta di flessibilità del lavoro?

3 Occorre partire da… Crisi del modello produttivo taylor-fordista

4 Modello produttivo (definizione) Si fa riferimento: alle politiche di prodotto (scelta dei mercati, prodotti offerti, volume), ai metodi e i mezzi scelti per realizzarle, ai metodi di gestione della forza-lavoro (reclutamento, impiego, carriera, remunerazione, orari, ecc.)

5 Principali caratteristiche del taylor-fordismo Produzione massa di beni standardizzati Economia di scala/Ossessione per i volumi produttivi, per la crescita Gigantismo degli impianti, integrazioni verticali Tecnologia rigida, mono-funzionale

6 Parcellizzazione del lavoro Standardizzazione del lavoro Un modello che ha avuto successo Basso potere di acquisto dei consumatori, domanda di beni standard a basso costo, lavoratori poco istruiti

7 Poi cosa è successo? Svaniscono alcuni dei presupposti del modello (basso potere di acquisto, ecc.)  anche in conseguenza del suo successo Le caratteristiche del modello evidenziano le loro crepe, difficoltà

8 Conflittualità industriale Più alti livelli di istruzione, richiesta di lavori di maggiore qualità (meglio retribuiti, ecc.) Cambiamenti all’interno

9 Saturazione dei mercati esaurimento della domanda di beni standardizzati Aumento del potere di acquisto, del livello di istruzione... “Ceto medio trionfante” Cambiamenti della domanda

10 Sofisticazione e differenziazione dei gusti emerge una consistente domanda di beni più vari e personalizzati

11 Globalizzazione Cambiamenti nel campo dei produttori

12 Aumento della concorrenza internazionale – ingresso di imprese di paesi di nuova industrializzazione Mercati più limitati (spazi aperti di competitività globale)

13 In una situazione di mercati instabili, turbolenti Necessità di produzioni di qualità, ma anche di continue variazioni, innovazioni. Ampliare la differenziazione dei prodotti (nicchie di mercato) Ridurre i volumi produttivi Nuovi principi, strategie

14 Ma anche... Ridurre quanto più possibile i costi per la produzione di un determinato bene

15 Influenza anche dal… La finanziarizzazione dell’economia (maggior potere degli shareholders) La de-territorializzazione (crescita delle imprese transnazionali)

16 Le conseguenze per il ‘fattore’ lavoro

17 I ‘nuovi’ principici nella gestione delle risorse umane Il lavoro (in tutti i suoi aspetti) deve diventare una ‘variabile da aggiustare’, il più facilmente/rapidamente possibile

18 Mito dell’impresa in continua mutazione …dell’impresa elastica A geometria, ‘morfologia variabile’

19 Rivendicazione di maggiore autonomia (meno vincoli) nella gestione della forza lavoro! Da considerare l’influenza… Idee neoliberiste Indebolimento dei sindacati

20 Quali iniziative? Automazione

21 Quali iniziative? Downsizing Riduzione del personale Licenziamenti Pre-pensionamenti

22 Quali iniziative? Scorporo di fasi/funzioni del processo produttivo Esternalizzaziome Outsourcing

23 Quali iniziative? Flessibilità nell’uso della forza lavoro

24 Flessibilità del lavoro (una definizione)

25 In termini generali… Flessibilità del lavoro ha finito per significare la possibilità di attivare/cessare facilmente i rapporti di lavoro e di variare i vari aspetti riguardanti il lavoro

26 Una definizione (Reyneri) Di flessibilità si può parlare in differenti accezioni, a seconda degli aspetti della condizione di lavoro interessati Flessibilità salariale Flessibilità nell’uso della forza-lavoro

27 Flessibilità salariale (1) Possibilità di variare la retribuzione dei lavoratori a seconda di una serie di parametri, circostanze, ecc.

28 Flessibilità salariale (2) Strutturale differenze retributive più o meno ampie a fronte di differenze nei livelli di produttività per territorio, settore, qualifica o età Congiunturale macro, riguarda l’andamento di un sistema economico nazionale micro, riguarda l’andamento economico dell’impresa

29 Flessibilità nell’uso della forza-lavoro Interessa diversi aspetti del lavoro, in particolare: Posizioni, compiti, mansioni all’interno dell’organizzazione (mobilità interna); orario di lavoro ingresso e uscita dall’impresa

30 Flessibilità funzionale od organizzativa è la possibilità di spostare i lavoratori da un posto all’altro all’interno dell’impresa o di variarne il contenuto della prestazione

31 Flessibilità numerica è la possibilità di adeguare il volume e le caratteristiche professionali dell’occupazione all’andamento della produzione

32 Flessibilità numerica – Varie possibilità/strumenti Uso dei rapporti di lavoro atipici o temporanei

33 Core group (lavoratori stabili) Lavoratori temporanei Lavoratori esterni (manodopera di imprese subappaltatrici) Le fasce di forza lavoro

34 Verso l’isomorfismo? Coercitivo Normativo Mimetico

35 Differenze tra le imprese Il ricorso ai differenti livelli di flessibilità (intensità del ricorso, ecc.) varia a seconda delle caratteristiche dell’impresa: tecnologie utilizzate, compiti, competenze, variailità della domanda, ma anche in base a strategie competitive, cultura organizzativa, ecc.

36 Opinioni degli imprenditori sulla riforma del mercato del lavoro (poco dopo la legge 30/2003)

37 … de-regolazione o ri-regolazione allentamento di vincoli normativi relativi ad assunzioni, licenziamenti, uso della forza lavoro Flessibilità =


Scaricare ppt "Flessibilità del lavoro. Perché la continua richiesta di flessibilità del lavoro?"

Presentazioni simili


Annunci Google