La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L abitudine al fumo nella popolazione adulta ed aspetti di prevenzione Anna Maria Ferrari Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche Regione emilia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L abitudine al fumo nella popolazione adulta ed aspetti di prevenzione Anna Maria Ferrari Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche Regione emilia."— Transcript della presentazione:

1 L abitudine al fumo nella popolazione adulta ed aspetti di prevenzione Anna Maria Ferrari Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche Regione emilia romagna 18 dicembre 2008

2 L abitudine al fumo Il fumo di tabacco è tra i principali fattori di rischio nellinsorgenza di numerose patologie cronico- degenerative (in particolare a carico dellapparato respiratorio e cardiovascolare) ed è il maggiore fattore di rischio evitabile di morte precoce: si stima che in Italia il 15-20% delle morti complessive sia attribuibile al fumo. Il fumo rappresenta un rilevante fattore di rischio anche per chi vi è esposto solo passivamente. Labitudine al fumo negli ultimi 40 anni ha subito notevoli cambiamenti: la percentuale di fumatori negli uomini, storicamente più elevata, si è progressivamente ridotta, mentre è cresciuta tra le donne, fino a raggiungere nei due sessi valori paragonabili; è inoltre in preoccupante aumento la percentuale di giovani che fumano.

3 L abitudine al fumo Smettere di fumare significa infatti dimezzare il rischio di infarto già dopo un anno e dopo 10 anni dimezzare anche il rischio di tumore del polmone. La recente entrata in vigore della norma sul divieto di fumo nei locali pubblici, che completa quella relativa al divieto di fumare nei luoghi di lavoro, è un evidente segnale dellattenzione al problema e si è dimostrata efficace nel ridurre lesposizione al fumo passivo.

4 Abitudine al fumo di sigaretta Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=2.453) Fumatore: soggetto che dichiara di aver fumato più di 100 sigarette nella sua vita e attualmente fuma Fumatore in astensione: soggetto che dichiara di aver fumato più di 100 sigarette nella sua vita e attualmente non fuma da meno di 6 mesi Ex fumatore: soggetto che dichiara di aver fumato più di 100 sigarette nella sua vita e attualmente non fuma da almeno 6 mesi Non fumatore: soggetto che dichiara di aver fumato meno di 100 sigarette nella sua vita e attualmente non fuma

5 Fumatori Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=1.232) Totale 31,429,4-33,4 Classi di et à ,332,2-46, ,031,3-40, ,229,7-36, ,2*22,2-33,4 Sesso uomini 35,532,5-38,5 donne 27,324,6-30,0 Istruzione nessuna/elementare 27,322,1-32,5 media inferiore 36,532,7-40,3 media superiore 31,828,7-34,9 laurea 22,817,7-27,8 Difficolt à economiche molte 41,434,5-48,3 qualcuna 37,834,3-41,4 nessuna 25,623,0-28,1

6 Emilia-Romagna: 31,4 (29,4-33,4) Pool PASSI: 30,7 (29,8-31,5) % di fumatori

7 DONNE INTERVENTI MIRATI CONSULTORIO – contraccezione - menopausa - screening (pap-test, mammogr.) GRAVIDANZA – progetto Baby no smoke - consultori, corsi pre-parto, allattamento, ostetriche e ginecologi MADRI - progetto Pediatri rinforzo motivazionale - scuola infanzia

8 Prevenzione dell abitudine al fumo tra i giovani Programmi didattici stili di vita sani Dai nidi alle scuole superiori Esempio del personale docente e non Coinvolgere i genitori

9 Prevenzione dell abitudine al fumo tra i giovani Coinvolgere ragazzi in modo attivo (favorire sviluppo life SKILLS) a scuola e nei contesti di aggregazione extrascolastici Caf per giovani e personale della scuola

10 % di persone interpellate da un operatore sanitario sulla propria abitudine al fumo Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n )

11 Emilia-Romagna: 43,3 (40,9-45,6) Pool PASSI: 42,0 (40,9-43,0) % di persone interpellate da un operatore sanitario sulle proprie abitudini sul fumo

12 Consiglio di smettere di fumare da parte di operatori sanitari e motivazione Emilia-Romagna - Passi 2007 (n=636)

13 Emilia-Romagna: 61,8 (57,8-65,9) Pool PASSI: 65,5 (63,8-67,3) % di fumatori a cui è stato consigliato da un operatore sanitario di smettere di fumare

14 mmg messaggio personalizzato al fumatore supporto continuo nel tempo al fumatore che prova a smettere Consiglio breve 2% successi stabili R.E.R. circa cessazioni/anno

15 Ruolo fondamentale degli operatori sanitari med. Specialisti (pneumologi, cardiologi, ginecologi, odontoiatri) Pediatri genitori, bambini, adolescenti Ostetrichegravide, post-parto, consultori, DONNE Infermiericounseling durante il ricovero Farmacistiinformazioni su farmaci e caf coerenza

16 OSPEDALI E SERVIZI SANITARI SENZA FUMO APPLICAZIONE NORMATIVA DIVIETO DI FUMO GARANTIRE AI PAZIENTI TABAGISTI RICOVERATI ASSISTENZA SPECIALISTICA TABACCOLOGICA PER SOSTENERE L ASTINENZA E AVVIARE PERCORSI DISASSUEFAZIONE COLLABORARE CON MMG, MEDICI COMPETENTI E CAF X GESTIONE COMUNE DEI PAZIENTI TABAGISTI ESEMPIO PERSONALE SANITARIO X LA CULTURA DEL NON FUMO NEI LUOGHI SANITARI AUMENTARE CONOSCENZE SULLA DIFFUSIONE DEL TABAGISMO E I COSTI SOCIO-SANITARI INDOTTI DA PATOLOGIE FUMO CORRELATE

17 % delle diverse modalità di smettere di fumare negli ex fumatori Emilia-Romagna - Passi 2007 (n=1.380)

18 PRESSO IL SERT DIFFERENZIAZIONE DEGLI ACCESSI PER CAF GRATUITA DELLE PRESTAZIONI CAF AUMENTARE VISIBILITA E ACCESSO UTENZA Centri antifumo MIGLIORARE COLLABORAZIONE CON SANITARI

19 % delle diverse regole sul permesso di fumare a casa Emilia-Romagna - Passi 2007 (n=1.210)

20 Frequenza percepita (%) del rispetto del divieto di fumo nei luoghi pubblici Emilia-Romagna - Passi 2007* (n=1.140)

21 Emilia-Romagna: 92,0 (90,8-93,3) Pool PASSI: 84,3 (83,6-85,0) % di persone che ritengono sempre o quasi sempre rispettato il divieto di fumo nei luoghi pubblici

22 Frequenza percepita (%) del rispetto del divieto di fumo sul luogo di lavoro Emilia-Romagna – Passi 2007 (n= 1.214)*

23 Emilia-Romagna: 85,0 (83,0-87,0) Pool PASSI: 84,6 (83,7-85,5) % di lavoratori che ritengono sempre o quasi sempre rispettato il divieto di fumo sul luogo di lavoro

24 LUOGHI DI LAVORO Rispetto normativa divieto di fumo (collaborazione con datori di lavoro e ass. sindacali) Aumento conoscenze sulle interelazioni fra fumo e fattori di rischio professionali S.p.s.a.l. Interventi di promozione della salute (fumo) Coinvolgere medici competenti (consiglio breve), r.l.s. e altre figure della prevenzione az.le per programmi di prevenzione/cura tabagismo Collaborare con caf, mmg, ……

25 Conclusioni e raccomandazioni In Emilia-Romagna, come a livello nazionale, si stima che circa una persona su tre sia classificabile come fumatore; in particolare le prevalenze più alte e preoccupanti si riscontrano in giovani e adulti nella fascia anni. Quasi due fumatori su tre hanno riferito di aver ricevuto il consiglio di smettere, evidenziando un accettabile livello di attenzione al problema da parte degli operatori sanitari, anche se migliorabile.

26 Conclusioni e raccomandazioni La maggior parte degli ex fumatori ha dichiarato di aver smesso di fumare da solo; un numero veramente esiguo ha smesso di fumare grazie allausilio di farmaci, gruppi di aiuto ed operatori sanitari. Questa situazione sottolinea la necessità di un ulteriore consolidamento del rapporto tra operatori sanitari e pazienti, per valorizzare al meglio lofferta di opportunità di smettere di fumare presente a livello delle AUSL regionali. Le criticità evidenziate sono state individuate tra le priorità dintervento del recente Piano Tabagismo regionale del Lesposizione al fumo passivo in abitazioni, luoghi pubblici e di lavoro rimane un aspetto rilevante da mantenere monitorato nel tempo.

27 PIANO REGIONALE TABAGISMO intersettorialità Promozione stili di vita sani e liberi dal fumo nelle comunit à (scuole – luoghi di lavoro) assistenza e supporto alla disassuefazione dal tabagismo (accesso gratuito ai caf – valorizzazione collaborazione con mmg) rispetto divieto di fumare nei luoghi pubblici e luoghi di lavoro

28 NUOVO PIANO REGIONALE TABAGISMO CONTINUITA PROGETTO TABAGISMO Del. Reg. 785/99 Novita Legge Sirchia piano regionale dipendenze 2008

29 Articolazione del piano Il piano prevede 3 aree progettuali articolate in 6 programmi specifici A.Area progettuale prevenzione del tabagismo nelle giovani generazioni – Programma n.1 – Prevenzione dellabitudine al fumo tra i giovani B. Area progettuale assistenza e cura del tabagismo – Programma n.2 – Centri Antifumo – Programma n. 3 – Interventi antifumo degli MMG e altri op. sanitari C. Area progettuale ambienti favorevoli alla salute e liberi dal fumo – Programma n. 4. Luoghi di lavoro liberi dal fumo – Programma n. 5 – Ospedali e servizi sanitari senza fumo - Programma n. 6 – Scuole libere dal fumo

30 STRUTTURA ORGANIZZATIVA LIVELLO REGIONALE IL COORDINAMENTO DEL PIANO REG.LE PRESSO L AREA DIPENDENZE DEL SERVIZIO SALUTE MENTALE, DIP. PATOLOGICHE E SALUTE NELLE CARCERI OPERA IN STRETTA COLLABORAZIONE CON SERVIZIO SANITA PUBBLICA SERVIZIO ASSISTENZA DISTRETTUALE


Scaricare ppt "L abitudine al fumo nella popolazione adulta ed aspetti di prevenzione Anna Maria Ferrari Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche Regione emilia."

Presentazioni simili


Annunci Google