La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunicazione e partecipazione nei programmi di screening dei tumori femminili : il ruolo del consultorio familiare A cura di Silvana Borsari Servizio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunicazione e partecipazione nei programmi di screening dei tumori femminili : il ruolo del consultorio familiare A cura di Silvana Borsari Servizio."— Transcript della presentazione:

1 Comunicazione e partecipazione nei programmi di screening dei tumori femminili : il ruolo del consultorio familiare A cura di Silvana Borsari Servizio distretti sanitari-Assessorato sanità Regione Emilia-Romagna I CONSULTORI FAMILIARI ED IL PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE Roma 4 e 5 giugno 2007

2 Programmi di screening per i tumori femminili Screening mammografico è un programma di sanità pubblica che ha lobiettivo di ridurre la mortalità del tumore della mammella e prevede la chiamata attiva ogni due anni di tutte le donne in età residenti nellazienda USL di riferimento, per eseguire la mammografia Screening citologico è un programma di sanità pubblica che ha lobiettivo di ridurre lincidenza e la mortalità del tumore del collo dellutero e prevede la chiamata attiva ogni tre anni di tutte le donne in età anni residenti nellAzienda USL di riferimento per eseguire il pap test.

3 Condizioni necessarie per attivare uno screening E nota la storia naturale del tumore? Esiste un trattamento efficace per i tumori precoci identificati con lo screening? Esistono trial clinici che documentano lefficacia di un test di screening? E il test di screening accettabile da parte della popolazione invitata? Esiste, considerate le risorse economiche limitate, un favorevole rapporto costo/beneficio per un intervento di Sanità pubblica?

4 Programma di screening Il programma di screening deve garantire tutto il percorso diagnostico terapeutico successivo allesecuzione del test di screening e ne deve controllare la qualità ha tra i suoi obiettivi quello di ridurre le diseguaglianze tra la popolazione e linefficienza allocativa, in un contesto di definizione ed adozione formale di standard di qualità N.Segnan et altri

5 Equità di accesso Miglioramento continuo della qualità degli interventi Continuità assistenziale con gestione attiva dei percorsi diagnostico-terapeutici completi ed integrati I VALORI

6 Il consultorio familiare Piano sanitario e sociale regione Emilia-Romagna Il consultorio familiare garantisce le cure primarie relative alla salute sessuale, riproduttiva e relazionale della donna, dei singoli, delle coppie e delle famiglie, con equipe multidisciplinari, costituite da ostetrica, ginecologo, psicologo, Assistente Sociale e altre figure professionali localmente individuate, che offrono percorsi preventivi e diagnostico terapeutici integrati con le strutture presenti nel territorio di riferimento, quali gli altri dipartimenti aziendali, i presidi ospedalieri e gli Enti Locali. Il Consultorio è unUnità Operativa del Dipartimento delle Cure Primarie distrettuale e comprende i consultori familiari ivi compresi le strutture dedicate quali gli Spazi Giovani e gli Spazi per le Donne immigrate e i loro bambini

7 I principali percorsi assistenziali dei consultori familiari ASSISTENZA ALLA GRAVIDANZA/PUERPERIO ASSISTENZA ALLE DONNE E ALLE COPPIE CHE RICHIEDONO LI.V.G (legge 194) ASSISTENZA ALLA PROCREAZIONE RESPONSABILE ASSISTENZA ALLE DONNE E ALLE COPPIE CON PROBLEMI DI STERILITA SPAZI GIOVANI CONSULTORIALI ASSISTENZA AL SINGOLO E ALLA COPPIA PER DIFFICOLTA DI ORDINE SESSUALE ASSISTENZA AL SINGOLO, ALLA COPPIA E ALLA FAMIGLIA PER DIFFICOLTA RELAZIONALI E DISAGIO PSICHICO ASSISTENZA ALLA MENOPAUSA ASSISTENZA ALLA DONNA CON PROBLEMI GINECOLOGICI DIAGNOSI E PREVENZIONE DEI TUMORI GENITALI FEMMINILI

8 Parole chiave del consultorio Accessibilità Accessibilità Accoglienza Accoglienza Presa in carico Presa in carico Gestione di percorsi Gestione di percorsi Integrazione ( professionale,organizzativa, istituzionale ) Integrazione ( professionale,organizzativa, istituzionale ) Assistenza centrata sul cittadino/a Assistenza centrata sul cittadino/a

9 Fasi del programma di screening Individuazione della popolazione bersaglio Chiamata Esecuzione del test Risposta alle donne negative al test Percorso diagnostico per le donne positive al test Percorso terapeutico per le donne con diagnosi di tumore Monitoraggio e controlli di qualità di tutte le fasi precedenti Campagna informativa /formativa

10 Comunicazione sullo screening Obiettivi: Aumentare lautonomia decisionale individuale informando sia sui vantaggi che sugli svantaggi derivanti dalla partecipazione ai programmi di screening Consentire laccesso ai test di screening e ai percorsi diagnostico terapeutici successivi a tutte le donne che consapevolmente decideranno di aderire esercitando un loro preciso diritto Garantire linformazione sui risultati ( valutazione ) dei programmi di screening alle partecipanti e a tutti gli altri steakholder quali le associazioni di cittadini, le organizzazioni sociali, gli esperti del settore, amministratori, i dirigenti sanitari compresi i MMG..

11 Comunicazione sullo screening Ha a che fare con: I valori che sottendono i programmi La qualità delle attività La trasparenza delle relazioni Le competenze degli operatori I contesti organizzativi Gli strumenti di lavoro I risultati dei programmi

12 I soggetti della comunicazione I professionisti dello screening, in particolare: le ostetriche, le tecniche di radiologia, le addette ai call center aziendali e/o distrettuali, i professionisti dei secondi livelli diagnostici e terapeutici Le donne interessate Gli altri sanitari, soprattutto del territorio : MMG, infermiere, professionisti del SERT e del salute mentale Gli esperti della comunicazione aziendale e degli enti locali

13 Strumenti della comunicazione Materiale informativo scritto ( contenuto e grafica) sia per ladesione al test di screening sia per ladesione ai livelli diagnostico terapeutici successivi, sia per la comunicazione dei risultati. Materiale di supporto ai/lle professionisti /e del front- office ( le prime cento domande sullo screening) Interventi su TV e radio locali Interventi di educazione /informazione a gruppi specifici Interventi informativi/educativi ai singoli Interventi di informazione/formazione/sensibilizzazione ai colleghi dellorganizzazione sanitaria

14 La comunicazione negli screening ed i consultori familiari I professionisti del consultorio familiare hanno le competenze e gli strumenti per collaborare con tutte le risorse istituzionali e non,presenti sul territorio, alla programmazione ed allorganizzazione di campagne informative e di sensibilizzazione nellambito di entrambi i programmi di screening Per quanto riguarda lo screening citologico i consultori familiari, in alcune realtà della nostra regione, sono i responsabili del programma e quindi sono gli organizzatori, in collaborazione con le altre competenze aziendali coinvolte, delle campagne informative In particolare i professionisti del consultorio, nellambito delle cure primarie, hanno il compito di coinvolgere direttamente i MMG e i colleghi del SERT e del salute mentale

15 La partecipazione ai programmi di screening Valori Garantire equità daccesso Al test di screening Al secondo livello diagnostico terapeutico Al follow-up

16 INDICATORI DI INDICATORI DI QUALITÀ SCREENING CERVICALE al 31/12/2002

17 Strumenti per favorire la partecipazione Analisi accurata dei fattori che determinano laccesso ed il non acceso ai programmi di screening: indagini ad hoc sulle rispondenti e le non rispondenti ai programmi Indagini su gruppi di popolazione specifici

18 Screening citologico provincia di Modena Percentuale di adesione secondo larea di origine

19 Screening citologico provincia di Modena Percentuale di positivi secondo larea di origine

20 USO E CONOSCENZA DEI SERVIZI di Mara Tognetti Bordogna VARIABILI SOCIODEMOGRAFICHE Età Sesso Scolarità Occupazione Grado di cittadinanza VARIABILI RELAZIONALI Famiglia Rete amicale Articolazione con il territorio Conoscenza dei sevizi VARIABILI CULTURALI Idea e vissuto di salute e di malattia Modello epistemologico di salute e malattia Percezione del dolore Medicina tradizionale Uso e conoscenza servizi VARIABILI ORGANIZZATIVE

21 Variabili organizzative Invito a residenti/domiciliate Sedi dei centri prelievo Orari degli ambulatori Lettere dinvito in italiano Personale che esegue il test Presenza della mediatrice culturale

22 Azioni che si possono intraprendere per aumentare la partecipazione Fare il richiamo nei tempi indicati ( a tre mesi dal primo invito) coinvolgendo il MMG e inserendo la sua firma nel reinvito Dare lelenco delle non rispondenti ai MMG e concordare con loro azioni di sensibilizzazione delle donne Inviare gli inviti alle donne immigrate anche con la traduzione nella loro lingua dorigine Fare indagini ad hoc per individuare ldentikit delle donne che non rispondono e mirare le azioni di sensibilizzazione Sensibilizzare tutti i professionisti delle aziende sanitarie, in particolare dei consultori familiari allefficacia e alla necessità di promuovere la partecipazione delle donne ai programmi di screening

23 Azioni che si possono intraprendere per aumentare la partecipazione Migliorare le variabili organizzative qualora si individui la possibilità che siano dostacolo alla partecipazione effettiva delle donne Coinvolgere direttamente gruppi etnici che aderiscono meno di altri al programma di screening ed individuare con loro strategie utili a migliorare ladesione, in collaborazione con le mediatrici culturali

24 Ruolo del consultorio familiare nella promozione della partecipazione Screening citologico: ruolo trainante, in tutte le fasi del programma di screening che in molti casi gestisce direttamente Screening mammografico : ruolo di supporto al programma, in collaborazione con le cure primarie, per favorire ladesione a tutte le fasi dello screening

25 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Comunicazione e partecipazione nei programmi di screening dei tumori femminili : il ruolo del consultorio familiare A cura di Silvana Borsari Servizio."

Presentazioni simili


Annunci Google