La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alimentazione infantile nelle emergenzeIl Nutrition Cluster Approach' Rome, 16 novembre 2009 Lida Lhotska IBFAN – GIFA Member of the IFE Core Group.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alimentazione infantile nelle emergenzeIl Nutrition Cluster Approach' Rome, 16 novembre 2009 Lida Lhotska IBFAN – GIFA Member of the IFE Core Group."— Transcript della presentazione:

1 Alimentazione infantile nelle emergenzeIl Nutrition Cluster Approach' Rome, 16 novembre 2009 Lida Lhotska IBFAN – GIFA Member of the IFE Core Group

2 WHO WFP Current members and associate members: The IFE Core Group

3 Lapproccio a cluster del Comitato Permanente Interagenzia (IASC). Ha origine nel 2004, in occasione della Revisione della Risposta Umanitaria Adottato dal Comitato Permanente Interagenzia nel dicembre 2005 Scopi: rafforzare la capacità predittiva, di risposta, di coordinamento e laffidabilità Strategie: rafforzare le collaborazioni nei settori-chiavi della risposta umanitaria Formalizzare il ruolo principale di alcune agenzie/organizzazioni, in ognuno di questi settori

4 Il gruppo focale della Nutrizione (Nutrition cluster) È uno degli 11 cluster globali individuati: Agricoltura (FAO) Coordinamento dei Campi/Management (UNHCH, IOM) Ritorno alla normalità (early recovery) (UNDP) Educazione (UNICEF/Save the Children UK) Ripari demergenza (UNHCR/IFRC) Telecomunicazioni demergenza (OCHA/UNICEF/WFP) Salute (WHO) Logistica (WFP) Sicurezza, protezione (UNHCR/OHCHR/UNICEF) Acqua e igiene ambientale (UNICEF), Questioni trasversali Età, Ambiente, Genere, HIV LUNICEF é lagenzia leader del Gruppo focale della nutrizione, di cui fanno attualmente parte 46 organizzazioni ONU, ONG, Accademiche e di ricerca.

5 Quattro aree principali (1) Coordinamento (incl. obiettivi definiti/misurabili con strategie e parametri di riferimento negoziati) (2) Costruzione della capacità (risposta prevedibile, standardizzata e sufficiente) (3) Preparazione allemergenza, valutazione, monitoraggio, sorveglianza (raccolta sistematica di informazioni, analisi e reporting) (4) Forniture (stoccaggio, canali di approvvigionamento, e chiarimento delle procedure operative per lapprovvigionamento)

6 Prima valutazione 2007 Risultati eterogenei, ma tendenzialmente positivi con una leadership più forte e prevedibile Diverse prestazioni dei singoli cluster a livello globale e sul campo La collaborazione é parzialmente migliorata, prevalentemente attraverso misure qualitative di maggior apertura e facilitazione da parte delle agenzie leader nei confronti delle ONG; non é stato rilevato un aumento significativo nella partecipazione delle ONG locali.

7 UNICEF é responsabile del coordinamento dellAlimentazione Infantile nelle Emergenze (AINE) in stretta collaborazione con il governo Lo scarso coordinamento sullAINE é un grande problema e un ostacolo alla costruzione di una risposta efficace nelle emergenze per gli aspetti dellalimentazione infantile. Bali, 2008


Scaricare ppt "Alimentazione infantile nelle emergenzeIl Nutrition Cluster Approach' Rome, 16 novembre 2009 Lida Lhotska IBFAN – GIFA Member of the IFE Core Group."

Presentazioni simili


Annunci Google