La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L'ascolto del minore nei casi di presunti abusi sessuali Marco Pingitore Psicologo-Psicoterapeuta, Criminologo Presidente Società Italiana Scienze Forensi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L'ascolto del minore nei casi di presunti abusi sessuali Marco Pingitore Psicologo-Psicoterapeuta, Criminologo Presidente Società Italiana Scienze Forensi."— Transcript della presentazione:

1 L'ascolto del minore nei casi di presunti abusi sessuali Marco Pingitore Psicologo-Psicoterapeuta, Criminologo Presidente Società Italiana Scienze Forensi Udine - 11 aprile 2015

2 Intervistare un minore Prima fase Costruzione del rapporto con il minore Nessun cenno al presunto abuso. L'obiettivo è mettere a proprio agio il minore e valutare il suo livello di sviluppo, individuando le sue competenze a livello cognitivo, linguistico e sociale e modellare così l'intervista nel rispetto delle sue caratteristiche. Chiarimento e regole dell'incontro.

3 Intervistare un minore Seconda fase Racconto libero Incoraggiare il racconto libero senza che il minore venga interrotto. E' importante che il minore racconti i fatti così come vengono alla sua mente poiché in questo modo il ricordo è più accurato e genuino seppur privo di alcuni dettagli.

4 Intervistare un minore Terza fase Domande di chiarimento Domande atte a chiarire gli aspetti emersi dalla narrazione libera del bambino. Tali domande devono procedere come “ad imbuto”, dalle più generiche a quelle più specifiche, evitando domande suggestive, fuorvianti, a scelta multipla e chiuse. Le domande poste al minore devono esclusivamente chiarire solo quanto già esplicitato da lui stesso.

5 Intervistare un minore Quarta fase Chiusura intervista Verificare di aver compreso quanto il bambino ha detto, chiarire eventuali dubbi, ringraziare, rassicurare e sostenere il bambino riportandolo su argomenti neutri.

6 Protocolli di Intervista Step-wise Interview (7/8 anni) Intervista Cognitiva (circa 10 anni in su) Intervista Strutturata (età prescolare) NICHD

7 Step-wise Interview Prima fase Costruzione del rapporto Occorre parlare di argomenti neutri al fine di permettere al minore di rilassarsi il più possibile. Chiarire dove ci si trova, ruoli ecc.

8 Step-wise Interview Seconda fase Chiedere 2 eventi specifici Si chiede al bambino di raccontar due eventi specifici passati non collegati all'evento per cui è chiamato a testimoniare. Ciò al fine di individuare lo stile narrativo del minore e la qualità e quantità di dettagli che solitamente riferisce in merito ad un evento.

9 Step-wise Interview Terza fase Regole dell'intervista Dire la verità (spiegato in base all'età del bambino) Il bambino può dire “non so” Il bambino può dire “non ricordo” Il bambino può dire “non ho capito” L'intervistatore, se non comprende, può chiedere al bambino ulteriori chiarimenti.

10 Step-wise Interview Quarta fase Narrazione libera “Sai perché ci troviamo qui oggi?” “C'è qualcosa di cui vuoi parlarmi?” “Il mio lavoro è di parlare con bambini delle cose che sono loro accadute. Puoi raccontarmi una cosa che ti è capitata” Dalle risposte, si comprende la preparazione all'intervista.

11 Step-wise Interview Quinta fase Conclusioni Si ringrazia il minore e lo si aiuta a riacquistare un tono dell'umore neutro o positivo.

12 Intervista Cognitiva 5 fasi “classiche con l'aggiunta di 4 specifiche mnemotecniche Reintegrare il contesto Viene chiesto al soggetto di cercare di reintegrare o ricreare il più possibile il contesto circostante relativo all'evento, compresi gli stati emozionali e/o interni.

13 Intervista Cognitiva Riferire ogni cosa Il soggetto viene incoraggiato a riferire tutto ciò che può ricordare, senza curarsi del livello di sicurezza soggettiva associata all'informazione o dell'importanza percepita della stessa.

14 Intervista Cognitiva Ricordare gli eventi in ordine differente Viene richiesto al soggetto di ricordare un evento in più di un ordine sequenziale (dall'inizio alla fine, dalla fine all'inizio, dal punto di mezzo ecc.); questa procedura può essere utilizzata solo con bambini di età superiore a 8/9 anni.

15 Intervista Cognitiva Mutare prospettiva Il soggetto viene invitato a ricordare l'evento come se lo osservasse da un'altra prospettiva, ad esempio, come se si trovasse alla sinistra dell'abusante, invece che dinanzi a lui (questa procedura può essere utilizzata solo con bambini di almeno 10 anni).

16 Intervista Strutturata Costruzione del rapporto Racconto libero Fare domande Secondo racconto libero Commiato amichevole e ringraziamenti

17 Tipologia di domande Aperta Consente ampia possibilità di risposta “Sai perché sei qui?” Ammessa

18 Tipologie di domande Chiusa Limita la gamma delle risposte possibili. “Quanti anni hai?” “C'era anche papà con te?” Parzialmente ammissibile

19 Tipologie di domande Vincolante Non lascia libertà di scelta “Papà ha smesso di baciarti sulle labbra?” “Eri solo o con tuo fratello?” Inammissibile

20 Tipologie di domande Di richiamo Tende a far emergere i ricordi “Ricordi se frequentavi ancora la scuola o erano già cominciate le vacanze estive?” “Mi racconti, soltanto quello che hai raccontato alla mamma?” Parzialmente ammissibile

21 Tipologie di domande Di concatenazione Si lega alla risposta precedente “In quale stanza della casa di papà si trova il divano?” Ammissibile

22 Tipologie di domande Di elaborazione Tende a produrre giudizi. “La mamma è più brava del papà?” Inammissibile

23 Tipologie di domande Guida Indirizza il tema delle risposte, non il contenuto. “Ora che ti sei ricordato dov'è successo, mi dici come eravate vestiti?” Inammissibile

24 Tipologie di domande Trabocchetto Contiene presupposti inventati o che si sa essere falsi “Cosa ha fatto la compagna del papà quando lui ti ha toccato?” Inammissibile

25 Tipologie di domande Inferenziale di tipo deduttivo “Mi hai detto che il papà ti ha toccato il sederino: dunque il pisellino non te l'ha toccato?” Inammissibile

26 Tipologie di domande Inferenziale di tipo congetturale “Mi hai detto che il papà ti ha toccato il sederino: dunque non ti ha toccato da nessun'altra parte?” Inammissibile

27 Memorandum di Ney Identificare e chiarire il problema Chi per primo ha sporto denuncia? Come è stata affrontata la denuncia? Qual è o quali sono le accuse? Chi è accusato? Chi sono tutte le persone coinvolte? Che significato ha per ciascuno di essi la denuncia?

28 Memorandum di Ney Attraverso quale percorso è stata sporta la denuncia? A quando risale? Qual è stata la consistenza dei racconti del bambino nel tempo? I fatti denunciati, così come riportati dagli adulti, sono rimasti coerenti nel tempo? Quali comportamenti e reazioni delle parti sono associati alla denuncia?

29 Memorandum di Ney In quali occasioni si verificano tali comportamenti? Quanto sono frequenti e quale durata hanno? Quali bisogni o desideri insoddisfatti hanno le persone coinvolte? Quali sono le reazioni emozionali degli individui coinvolti? Come hanno tentanto le varie parti di far fronte alla denuncia?

30 Memorandum di Ney Di quali strumenti hanno bisogno le parti per affrontare la situazione? Quali sono le risorse di cui gli individui dispongono in relazione al problema?

31 Memorandum di Ney Individui coinvolti e loro personali caratteristiche Caratteristiche emozionali (affetti, tono dell'umore, contenuti di pensiero, livello di energia) Salute fisica Caratteristiche cognitive (memoria, attenzione, pensiero) Capacità di giudizio Valori e credenze Concetto di sé

32 Memorandum di Ney Caratteristiche del contesto Qual era la situazione familiare al momento del primo racconto del bambino? In quali circostanze avvenne il primo resoconto dei fatti? Quante volte è stato interrogato il bambino? Chi lo ha interrogato? Quali erano le ipotesi di chi ha interrogato il bambino?

33 Memorandum di Ney Che tipo di domande specifiche sono state fatte? Il racconto dell'abuso da parte del bambino è avvenuto in un'atmosfera non minacciosa e non suggestiva? Il racconto dell'abuso è avvenuto dopo ripetute interviste? Qualcuno degli adulti che ha avuto accesso al bambino prima della diagnosi era motivato a distorcere i ricordi del bambino (ad esempio attraverso la suggestione?)

34 Memorandum di Ney Qual è la funzionalità sociale, cognitiva ed emotiva del bambino e degli individui chiave? Qual è la capacità del bambino e dei genitori di lavorare su problemi specifici? Quali sono le dinamiche interpersonali e comunicative del sistema di coppia e di quello familiare? Ci sono fattori ambientali che possono riguardare e influenzare le parti coinvolte?

35 Marco Pingitore


Scaricare ppt "L'ascolto del minore nei casi di presunti abusi sessuali Marco Pingitore Psicologo-Psicoterapeuta, Criminologo Presidente Società Italiana Scienze Forensi."

Presentazioni simili


Annunci Google