La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il tempo libero Nozioni metodologiche e approccio alla studio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il tempo libero Nozioni metodologiche e approccio alla studio."— Transcript della presentazione:

1 Il tempo libero Nozioni metodologiche e approccio alla studio

2 Il tempo libero Si determina in seguito alla formazione ed allo sviluppo di una società industrializzata e urbanizzata Società in cui la qualità della vita quotidiana cambia in rapporto alla radicale trasformazione dei costumi, delle tradizioni, delle esperienze di vita collettiva Per questi motivi il tempo libero è legato alla storia sociale, economica e politica

3 Nozione di tempo libero (1) Il tempo libero non è un concetto astratto ma si concretizza in luoghi e forme, più o meno istituzionalizzati, di aggregazione che ne hanno accompagnato la crescita e la diffusione La sua storia è il progressivo definirsi di comportamenti sociali legati ad una specifica suddivisione del tempo che non necessariamente ci deve far pensare all800 o al 900

4 Nozione di tempo libero (2) Spartiacque di una moderna concezione di tempo libero sono i processi di industrializzazione che determinano una segmentazione della vita quotidiana provocando una ripartizione in: tempo libero, tempo del riposo, tempo del lavoro. Questo processo storico non è omogeneo e non si definisce in termini storicamente fissi, legandosi invece ai diversi gradi di sviluppo del singolo stato o della classe sociale che si prende a riferimento

5 Nozione di tempo libero (3) Il Tempo Libero si compone di molteplici elementi. Quelli più evidenti sono lo sport, il turismo, la villeggiatura, il viaggio, gli eventi, il tempo per sè Il Tempo Libero non va ristretto in segmenti rigidi, così come non può essere legato a canoniche scadenze della storia generale che porterebbe ad un suo appiattimento ed a non coglierne ritmi e andamenti specifici

6 Tempo libero e tempo lavoro La domanda principale cui rispondere rispetto al nostro oggetto di studio è come si è trasformata lidea di tempo (almeno nei secoli recenti) e quali sviluppi hanno avuto i concetti di tempo- libero e di tempo-lavoro Questi due concetti sono tra loro in un equilibrio variabile e dinamico legati al mutamento dei modelli e delle tipologie lavorative, ma collegati ai contesti politico-sociali

7 Tempo libero e tempo lavoro Il tempo dellagricoltura o dellartigianato non prevede giorni o periodi di riposo ma si protrae per mesi o settimane, lasciando spazio a soste lunghe. Lo stesso per la giornata lavorativa che – prima della rivoluzione industriale - non era scandita da orari ma dal rintocco delle campane La storia di questa evoluzione significa riflettere sui mutamenti della società

8 Tempo libero e tempo lavoro Levoluzione industriale e la trasformazione della società spingono ad occupare il tempo lasciato libero dal lavoro con altre attività: osterie, teatro, cinema, feste, tradizioni, viaggio, villeggiatura, sport. Le forme assunte diventano diverse e diversificate per classi, per reddito, per mode seguendo linee di modifica legate al livello di sviluppo di quella società e di quel sistema economico

9 Tempo libero e tempo lavoro Esiste, quindi, uno stretto rapporto fra tempo libero, progresso, modernizzazione e industrializzazione. –Il turismo di massa (del viaggio o della vacanza) è oggi punto fermo nellorganizzazione annuale dellindividuo –Il tempo destinato allo sport sia in forma di praticante che di tifoso, è uno spazio che acquista sempre più importanza (fisica ma anche di valore sociale)

10 Larchitettura del tempo Tornando nell800 ci troveremmo a vivere in una società diversa per la maniera di percepire il tempo, di controllarlo, e per la minore molteplicità di tempi obbligati o impegnati La linearità del tempo nel corso dellanno non veniva definita in base allefficienza o alla produttività ma anche rispetto alle condizioni del clima. Interruzioni casuali o ricreative rendevano discontinui i tempi dei contadini, degli artigiani e dei primi operai senza che queste interruzioni si collegassero direttamente al processo economico industriale

11 Larchitettura del tempo Sistema manifatturiero e lavoro in fabbrica obbligano sempre più alla scansione del tempo lavoro ed allorganizzazione della vita quotidiana La trasformazione e lapertura degli spazi del tempo – compreso il modificarsi della sua architettura – sono quindi determinati dallintroduzione del lavoro regolato. In altre parole le scansioni del tempo contemporaneo derivano dal definirsi e dallo stabilizzarsi della società industriale

12 Larchitettura del tempo E importante percepire come il fenomeno della trasformazione industriale non solo non è stato omogeneo nel tempo, ma non lo è stato nemmeno nello spazio. Tempi e modi differenti della trasformazione industriale sono dati dalle caratteristiche e peculiarità del contesto specifico nel quale inizia a svilupparsi Con questa analisi entriamo nella storia contemporanea e nelle sue scansioni politiche, economiche, sociali, culturali.

13 Larchitettura del tempo Larchitettura e la percezione del tempo muta fra 800 e 900 (Kern) con laffermarsi dei caratteri della modernità : –Economia Industriale –Rappresentanza di massa –Istituzioni –Progresso scientifico e tecnologico Con il modificarsi del tempo mutano anche elementi di tipo antropologico e culturale, che divengono propri della società del 900. –riti e rituali arcaici si novecentizzano o si modernizzano; –nuovi riti e rituali si affermano Il concetto di rito, se prima faceva parte solo delle società primitive ed esotiche adesso entra a far parte anche del mondo contemporaneo, i riti fanno parte delle società perché queste hanno un gran bisogno di simbolizzazione

14 Larchitettura del tempo e ritualità Il rito nella modernità –I riti non si sono estinti ma dal ruolo centrale che avevano nella vita di tutti hanno assunto un ruolo marginale. –I riti della società moderna permettono di esprimere quei valori che non si possono esprimere nel lavoro o nel mondo domestico. –I riti della società moderna liberano il soggetto dalla repressione. –I rituali non sono al centro della società moderna ma ne permettono il funzionamento. (Martin Segalen)

15 Tempo libero e ritualità Esiste una ritualità del tempo libero che si basa su ritualità storiche che oggi possiamo considerare tali nello studio del tempo libero. Alcune attività si sono spostate dal tempo lavoro al tempo libero e oggi prescindono dal loro aspetto utilitaristico. Cacciare: –Nella caccia popolare viene privilegiato lonore, nella caccia borghese si vuole affermare la propria potenza sociale. –La caccia può esser vista anche come una pratica festiva che riunisce la collettività in ambito popolare mentre in quello borghese e una pratica di integrazioni di frazioni sociali che facilita il consolidamento della borghesia stessa. –E indubbio che la caccia presenta vari rituali (caccia al cinghiale, alla volpe) accompagnati da codici di comportamento. (Martin Segalen)

16 Tempo libero e ritualità I giochi di squadra, il calcio e i tifosi Secondo alcuni studiosi il successo del calcio è dovuto alla simbolizzazione di questo sport, che racchiude in sé le caratteristiche della società industriale: divisione di compiti, parità teoriche delle opportunità. Il calcio può essere visto come lespressione di una guerra ritualizzata. I caratteri rituali della partita di calcio: –la partecipazione in prima fila dei detentori del potere –le partite seguono un calendario ciclico –la preparazione alla partita segue uno schema, i giocatori hanno le loro abitudini gli spettatori tifoni anche (striscioni e cori) –nelle vincite i giocatori ostentano abbracci Il fenomeno delle curve e degli ultras (con le loro codificazioni) (Martin Segalen)

17 Tempo libero e ritualità Il footing La corsa è lincontro dello sport e del gioco e prevede dei rituali specifici: i corridori sono dei praticanti, le corse sono una sorta di messe, il calendario che le regola e un ciclo annuale pseudoreligioso. Trattandosi di uno sport praticato anche dalle donne (in sensibile aumento dagli anni 80), ne deriva che pratiche ad alto valore simbolico possono svilupparsi al di fuori del concetto di virilità. Le Maratone di New York e di Barcellona rappresentano al tempo stesso un evento ed un rito. Non cè metropoli che non ha la propria maratona in concorrenza con le altre. Le corse nelle città sono simboli didentità per chi ne fa parte ed i partecipanti sono autorizzati (dal punto di vista sociale) a ricorrere ad atteggiamenti eccessivi. (Martin Segalen)

18 Tempo libero e ritualità Festa, spettacolo, politica: la funzione comunicativa del rito La Rivoluzione francese (poi anche il fascismo ed il nazismo) introdussero feste pubbliche con alto valore morale per forgiare uomini nuovi Con la Rivoluzione francese si pose, per la prima volta, il problema (attuale) del rapporto tra festa, politica e spettacolo. I rivoluzionari volevano sradicare le feste dell Antico Regime che celebravano la gloria della monarchia e sostituirle con nuovi simboli che attirassero il popolo. Le feste rivoluzionarie non sono però durate così a lungo per essere definite veri e propri riti repubblicani, ma hanno dato inizio al rapporto tra la politica e la sua rappresentazione (Martin Segalen)

19 Tempo libero e ritualità Festa, spettacolo, politica: la funzione comunicativa del rito I rapporti politici possono strutturarsi nel rituale, ma gli antropologi hanno constatato dove non esisteva un potere centrale stabile, i riti facevano sentire i soggetti uniti e li portavano alla coesione. La questione centrale dal punto di vista storico diviene quindi se nella società contemporanea (complessa ed articolata) la ritualità politica mantiene questo valore. La risposta è si ma con due condizioni –affinchè i riti diventino tali ce bisogno che ricevano un consenso e che abbiano un certo valore morale –il rituale politico deve basarsi su referenti noti quali motivi musicali, personaggi che fanno parte del mito e della storia (Martin Segalen)

20 Tempo libero e ritualità Festa, spettacolo, politica: la funzione comunicativa del rito le amministrazioni locali organizzano eventi che rispecchiano i rituali in ambiti festivi (esposizione reliquie dei Santi, ripresa di antiche tradizioni). quando ciò accade (anche su un arco di tempo lungo) il rito assume una funzione politica in quanto permette a una città divisa sul piano sociale di superare le differenziazioni e mostrare una ritrovata unanimità. Il rito consolida la società e i lunghi preparativi uniscono la popolazione: feste laiche o religiose hanno sempre figure e personaggi emblematici nei quali ci si riconosce e si riconoscono le proprie radici. Questa tipologia di riti festivi urbani uniscono le singole collettività ma non la nazione Per unire la nazione si ha bisogno di creare dei riti che riguardino tutti e che siano fonte di comunione. (Martin Segalen

21 Tempo libero e ritualità Festa, spettacolo, politica: la funzione comunicativa del rito Esiste un chiaro rapporto tra riti e mass media nella società contemporanea –Il legame che si creò nei regimi autoritari e totalitari fra il capo e il popolo è alimentato, sostenuto e amplificato dagli strumenti della comunicazione (giornali, radio, musica, teatro) –La televisione ha un ruolo di catalizzatore delle emozioni su scala planetaria (il primo evento globale trasmesso fu lo sbarco sulla luna – 1969; a livello nazionale un ruolo preciso lo hanno svolto i mondiali di calcio del 1982). –In altri casi (il funerale di Lady Diana, un rito di passaggio ), il rito diviene tale per lemozione collettiva internazionale che suscita. –Quindi una società fondata sullinformazione rafforza il potere del rituale.

22 Riti di passaggio Uno dei punti nodali – forse il più interessante sia in una prospettiva interpretativa sia in una prospettiva di più lunga impostazione della ricerca e della riflessione sul tempo libero e in particolare sul viaggio– deriva dallapplicazione nella metodologia e nella riflessione storica da parte di Eric J. Leed dei cosiddetti riti di passaggio (E.J.Leed, Terra di nessuno; E.J.Leed, La mente del viaggiatore). Una classe di fenomeni di origine antropologica studiati e definiti come tali da Arnold Van Gennep (etnologo ed antropologo francese nato in Germania da una famiglia olandese).

23 Riti di passaggio Nel 1909 Van Gennep pubblicò I riti di Passaggio, che portò al centro dell'attenzione questi aspetti comportamentali e codificati nelle diverse culture europee ed extraeuropee, proponendone un'acuta analisi strutturale Van Gennep osservò durante i suoi studi l'esistenza di tre stadi: –separazione (fase pre-liminare - che separa dalla condizione precedente) ad esempio il funerale –transizione/margine (fase liminare - limen significa confine - che si attraversa durante la condizione di marginalità), ad esempio il fidanzamento –reintegrazione (fase post-liminare - che aggregano lindividuo al nuovo ambiente) ad esempio il matrimonio Nello stesso contesto, il rito è riconosciuto tale per tre importanti caratteristiche –la convenzionalità, ovvero segue un preciso ordine di gesti e atti; –la ripetitività, ovvero il continuo ripetersi all'interno di un tempo definito ciclico (somiglianza delle cerimonie che si svolgono nei più svariati gruppi umani) –l'efficacia, ovvero l'avvento di qualcosa che modifica lo status di una persona;

24 Riti di passaggio Benché applicato forse con eccessiva automaticità, lo schema ancora adesso mostra la propria validità –attraverso il metodo comparativo, che permette di rintracciare lidentità profonda nei riti delle più disparate culture e religioni –di procedere - come nel nostro caso alla definizione di elementi e rituali fortemente identitari, di fronte ad un evento storico traumatico, periodizzante e omogeneizzante. –di individuare forme rituali nel tempo libero, nello sport, nel viaggio, nel turismo

25 Riti di passaggio Successivamente Victor W.Turner (Glasgow, 1920/1983), sviluppando le osservazioni di Van Gennep, ha individuato come il rito affondi le sue radici nel dramma sociale. Radici che –permettono di rilevare quelle strutture dell'esperienza nei processi concreti della vita sociale, –consentono a chi osserva di adottare una prospettiva basata non più sulla descrizione statica degli eventi, ma una capace di considerare le singole individualità che operano materialmente e simbolicamente all'interno di un contesto, i cui valori e punti di riferimento sono in continua mutazione.

26 Riti di passaggio - Van Gennep e Turner Questo metodo permette di analizzare ogni sequenza del cerimoniale osservato, indagando sulla consequenzialità e dunque sulla precisa successione dei fatti, dando rilievo al contesto socio-ambientale in cui il rito avviene, dunque contestualizzandolo –Durante la fase di separazione, si delimitano le dimensioni spazio-temporali del rituale stesso e si concretizza in modo manifesto l'attitudine comportamentale necessaria allo svolgimento del rito: tutto questo è fondamentale affinché possano essere riconosciuti i protagonisti attivi e passivi dell'evento.

27 Riti di passaggio - Van Gennep e Turner –è inoltre funzionale alla seconda fase, quella della transizione, definita da Van Gennep e da Turner col termine margine o limen (da cui liminarità): da questo momento in poi i soggetti rituali vivono una condizione di ambiguità per cui non sono più ciò che erano ma neanche ciò che saranno. Questa concezione della marginalità è talmente importante da costituire un rituale a sé, in cui vengono ridefiniti i caratteri identitari degli iniziati. –Il terzo momento condensa le due fasi precedenti stabilendo, attraverso un insieme di segni e comportamenti, l'avvenuta trasformazione e reintegrando i protagonisti all'interno della società. Per Van Gennep, non tutti i rituali presentano un equilibrio tra questi tre momenti; i rituali di fidanzamento, ad esempio, privilegiano la seconda fase mentre quelli di matrimonio danno particolare valore al momento aggregativo.

28 Cosa resta oggi dei riti di passaggio Questi eventi assumono sempre più spesso un carattere privato. –Il battesimo nella società moderna va via via diminuendo –nascono poi nuovi riti come le feste di compleanno per i bimbi sempre più piccoli. –Le feste per gli onomastici stanno scomparendo, –il cattolicesimo non è più osservato come tanto tempo fa. –I matrimoni assumono forma e significato diverso. –La morte si celebra in modo modesto, non ci si veste più di nero, i segni esteriori scompaiono, le cerimonie funebri tendono a rifarsi al modo di essere del defunto, –non ci sono più cerimonie standardizzate. (Martin Segalen)

29 Cosa resta oggi dei riti di passaggio Il viaggio è varcare una soglia ….. un limite al di là del quale la vita (intesa come esperienza, conoscenza, percezione) anche in modo impercettibile, si modifica: il viaggio era davvero viaggio, quando esisteva un confine tra il noto e l'ignoto, tra il mondo della civiltà e chi civile non era ora noi non possiamo sfuggire a quella civiltà globale che è stata creata da generazioni e generazioni di viaggiatori, esploratori, signore e signori della curiosità elegante, mercanti e migratori. Nasce dal viaggiare, da generazioni di viaggi quella cultura globale che ora è saldata da sistemi internazionali di trasporti, produzione, distribuzione, comunicazione, distruzione. E' questo mondo, per ora, non possiamo lasciarlo (E.J.Leed, La mente del viaggiatore) Abbiamo quindi due concetti da tener presente e che si differenziano nelle tre grandi fasi del viaggio (nellantichità, al tempo del Grand Tour, nelletà contemporanea): quello di separazione e quello di margine (o liminarità)

30 Il viaggio come ritualità E.J. Leed si è chiesto perché il viaggio sia una risorsa così importante nella spiegazione delle fasi di passaggio esistenziali ed ha ipotizzato che il viaggio possegga questo forte significato metaforico in quanto agente e modello di trasformazione per tutti gli esseri umani. Leed sviluppa questa teoria analizzando le tre fasi del viaggio, verificando poi i cambiamenti che avvengono a livello individuale e sociale: –la partenza –il transito –Larrivo

31 Il viaggio come ritualità La partenza è spesso il momento del distacco da persone e luoghi cari, per cui è accompagnata da reazioni emotive più o meno intense in base alla durata del viaggio e alla distanza dal luogo che si vuole raggiungere. Il transito rappresenta la fase del viaggio che desta meno interesse nei turisti e spesso è considerato una noiosa perdita di tempo, tanto che si cerca il mezzo più veloce per raggiungere la meta desiderata. –In epoca moderna il tempo del transito si è ridotto in modo consistente e nel caso dell'utilizzo dell'aereo toglie completamente la dimensione del passaggio da un luogo all'altro, da una realtà culturale, sociale, paesaggistica a un'altra. –La velocità non ha fatto sparire le sensazioni del transito: non è un caso il fatto che desta interesse la possibilità di vedere dall'alto qualche paesaggio significativo (le Alpi, un fiume, una città); in questo caso attrae la spettacolarità della visione ma anche il desiderio, più o meno consapevole, di provare in qualche modo la sensazione del transito da una località all'altra.

32 Il viaggio come ritualità L'arrivo alla meta conclude la prima parte del viaggio; può diventare un momento delicato, perché è quello in cui avviene il contatto con persone, culture, territori poco conosciuti o comunque diversi rispetto a quelli abituali. –questo aspetto è oggi meno evidente di un tempo perché la società contemporanea è caratterizzata dalla convivenza di popoli e culture molto differenti fra loro, per cui i turisti sono ormai abituati a confrontarsi con la diversità. Vi sono comunque realtà che richiedono ancora una capacità di comprensione e di ascolto da parte del viaggiatore: pensiamo ai Paesi del Sud del mondo, Va ricordato che per molti turisti l'arrivo può rappresentare uno dei momenti più affascinanti del viaggio, perché si può finalmente appagare «la tensione alla curiosità, all'avvicinarsi a ciò che è sconosciuto, che è da scoprire, che sta al di fuori, all'esterno dei limiti o dei confini domestici o acquisiti

33 Il viaggio come ritualità Leed propone una tipologia fondata sulle motivazioni che spingono una persona a viaggiare, individuando in questo modo tre modelli di viaggio: –il viaggio filosofico: è soprattutto una ricerca delle radici e degli inizi, un viaggio nel tempo e nei luoghi rappresentativi delle origini della cultura di appartenenza (musei, monumenti, opere d'arte). Oggi tutti i turisti visitano i musei famosi, anche se nel nostro Paese vi è la tendenza a trascurare il patrimonio museale e monumentale nazionale, che ha ancora un significato profondo per la cultura non solo italiana. –il viaggio rinascimentale: volto alla ricerca di destinazioni inesplorate ed è anche un viaggio nel tempo, perché raggiunge luoghi dove lo stile di vita e le condizioni economiche ricordano quelle che si potevano trovare nel proprio Paese qualche decennio prima, per cui si ha anche in questo caso un ritorno al passato, seppure con modalità diverse rispetto al viaggio filosofico. –il viaggio scientifico: volto alla conoscenza delle culture e dei popoli, per cogliere somiglianze e differenze, per ampliare la propria cultura e arricchire la propria umanità.

34 Il viaggio come ritualità Un aspetto che può condizionare le emozioni è la motivazione della partenza, che per Leed si può ricondurre a quattro modelli fondamentali: –l'espulsione, cioè la partenza forzata da un luogo per motivi politici, sociali, religiosi, come quella dei profughi e degli esiliati; –la partenza eroica, intesa come l'inizio di un viaggio che può cambiare il destino di un individuo e che gli consente di affermare fortemente la propria identità, come quella di un giovane che si reca in un paese dell'Africa per prestare la propria opera assistendo i malati di Aids o ancora come chi, più banalmente ma con altrettanta risolutezza, cerca di entrare nel Guinness. questo modello di partenza era più diffuso in passato, quando si partiva per una battaglia o per una guerra proprio alla ricerca dell'atto di eroismo –la conquista, quando a prevalere è il desiderio di raggiungere qualche obiettivo indipendentemente dall'ottenimento della fama e della gloria ma per spirito d'avventura e per poter provare emozioni forti; si può pensare agli amanti della roccia, del trekking, degli sport estremi. –l'evasione, quando si cerca di sfuggire alla routine quotidiana, anche in modo trasgressivo e con le modalità più diverse, dai primi viaggi dei giovani senza la famiglia in Inter Rail ai turisti che in vacanza tornano a fumare o non rispettano la dieta. E.J. LEED, La mente del viaggiatore. Dall'odissea al turismo globale, il Mulino, Bologna 1992.

35 Il tempo libero come problema storico La costruzione e la pratica del tempo libero nella società di massa non è un processo univoco ma un terreno di conflitto, aperto a soluzioni diverse (N.Gallerano). Non occorre studiare solo operai, contadini e le loro aggregazioni, ma aggregati sociali più vasti, in primo luogo la nebulosa dei ceti medi. Non è quindi una massa uniforme: gli usi sociali del tempo libero fanno emergere le differenze generazionali e di genere. La storia del tempo libero si richiama infine al problema della gestione del consenso nella società di massa ed ai suoi aspetti culturali, istituzionali e politici senza tuttavia esaurirsi in questa.

36 Il tempo libero come paradigma interpretativo del 900 Il tempo libero è quindi un fenomeno che caratterizza e distingue la società contemporanea da un punto di vista sociale e culturale. La sua affermazione ha segnato il passaggio dalla sfera del privato al momento pubblico Rispetto all800 (e nel periodo aristocratico) il tempo libero passa dal privato al pubblico, non escludendo più lintervento dello Stato e delle organizzazioni politiche e sindacali Si può concludere che il tempo libero (e con esso il turismo e lo sport) è uno degli elementi – un paradigma interpretativo - della storia sociale del 900. Riuscendo nel corso dei decenni a pervadere di sé la struttura sociale legato come è alle trasformazioni del lavoro

37 Quando nasce il tempo libero Una definizione: il tempo libero si determina con la formazione e lo sviluppo di una società industrializzata ed urbanizzata; una società in cui la qualità della vita quotidiana muta in rapporto alla trasformazione dei costumi, delle tradizioni, delle esperienze di vita collettiva, elementi che nascono con la trasformazione complessiva della struttura sociale

38 Nascita del tempo libero Lo spartiacque tra il tempo dellotium o del negotium (tempo libero e tempo del lavoro nelle classi agiate e nelle elites) è: Il processo di industrializzazione in quanto con essa viene disciplinato il lavoro e la giornata lavorativa suddivisa da allora in avanti fra: tempo lavoro, tempo riposo e tempo libero. E allinterno del tempo libero che nascono il turismo (forma particolare dello svago) e lo sport (come fenomeno di rilevanza e di valore sociale) nel senso contemporaneo del termine

39 Origine del tempo libero e della vacanza Il tempo libero è una dimensione sociale frammentata, esistono: a)Tempo libero delle elites b)Tempo libero delle classi subalterne c)Tempo libero in città d)Tempo libero in campagna di cui non ha senso parlare prima del Queste suddivisioni hanno origine in seguito a fenomeni storici ben precisi che avvengono in momenti diversi nella storia delle nazioni: industrializzazione, urbanizzazione, lavoro, società di massa

40 Origine del tempo libero e della vacanza Le forme del tempo libero (al suo interno del viaggio) sono individuate: a)nel Grand Tour settecentesco, nellaristocratico trasferimento in villa rinascimentale e nelle esplorazioni: quando non esiste il tempo libero in senso contemporaneo b)nel viaggio delle elites e nel viaggio borghese (metà 800-anni 20/30 del 900): inizia il tempo libero c)nel turismo di massa (anni 50-anni 80): si afferma il tempo libero d)nella frammentazione in turismi (anni 80 in poi): si frantuma il tempo libero Questi elementi sono il modello di riferimento cui guardano le nuove classi (media borghesia e proletariato urbano) per derivare la loro idea di villeggiatura, di svago, e di tempo libero

41 Lorigine e laffermarsi del tempo libero Società industriale e post industriale accrescendo e migliorando la produttività hanno liberato quantità crescenti di tempo libero Lappropriazione del tempo libero è quindi un confronto/scontro sociale che ha visto coinvolte le forze politiche, i lavoratori, gli imprenditori, le istituzioni. Nel tempo libero è rimasta una fortissima divisione di genere: non cè tempo libero delle donne per moltissimo tempo perché la figura della donna ha un ruolo ben preciso nella società Che si parli di tempo libero o di turismo/vacanza, la sua origine e la sua affermazione risiedono nella storia della società, delle istituzioni di rappresentanza degli interessi, nella storia economica e politica di questo o di quel paese.

42 Il Tempo libero nell800 italiano

43 Il tempo libero dell800 A partire dalla metà dell800, il tempo libero diviene elemento NON secondario dellorganizzazione sociale La sua evoluzione è percepibile attraverso alcuni dei momenti più rappresentativi: gioco del pallone, melodramma, ballo, sport Il tempo libero dell800 è il risultato ed il prodotto di secolari sedimentazioni della storia italiana. LItalia delle 100 città, delle tante rivoluzioni e dei tanti domini produce – in virtù dei suoi trascorsi - una fusione tra le tante culture del gioco che si diffondono, portate dagli stranieri e quelle del tempo libero

44 Il tempo libero dell800 (2) Nell800 e per larga parte del 900 città e campagna vivono storie molto diverse rispetto al tempo libero. E un binomio che segna la storia sociale italiana che si espande verso la storia economica e politica dello stato unitario. La vivacità delle cittadine in rapporto al ristagno delle campagne sono due lati della medaglia che vede –UnItalia agricola arretrata, sostanzialmente legata alle tradizioni e fonte di stabilità nei rapporti sociali e politici per la classe dirigente –UnItalia delle città in via di trasformazione protoindustriale e industriale luogo di sviluppo e di diffusione delle idee liberali, nazionali e, più tardi, socialiste

45 La differenziazione del tempo libero Nelle campagne fino agli anni del boom economico ( ) la vita quotidiana continua a svolgersi secondo ritmi e consuetudini secolari Nelle cittadine gli effetti della rivoluzione francese importati dalle truppe napoleoniche e resi popolari, producono una laicizzazione dello spazio urbano, al cui interno il gioco e il divertimento (espressioni del tempo libero) divengono elementi propri dei rapporti interpersonali e della organizzazione sociale

46 Campagna e città In campagna si continua a lavorare secondo ritmi stabiliti da secoli, con ore giornaliere, senza il beneficio del riposo settimanale In città e nelle prime aree protoindustriali il lavoro comincia a modificare il suo orario e – con esso – il tempo quotidiano. Ad inizio 900 il 45% degli addetti allindustria lavora ore, il 35% raggiunge le 12. Mentre dal 1907 il riposo settimanale nellindustria è sancito dalla legge

47 Il tempo libero in campagna e in città In campagna i margini di tempo libero rimangono ristretti: –Veglie serali nelle stalle (che rappresentano un importante momento di socializzazione) producono il teatro di stalla, il gioco delle carte –I matrimoni e le feste religiose sono eventi eccezionali –Le fiere che segnano la fine di un ciclo agrario e lavvio del successivo, ma sono anche lunico momento di incontro tra città e campagna –Il Sabato del villaggio o la Sera del dì di festa rappresentano egregiamente lo spaccato individuale, emotivo, la sfera personale nel tempo libero nelle campagne In città i margini tendono ad essere più ampi e differenziati: –in senso orizzontale (cresce lofferta su come impegnare il tempo libero) –in senso verticale (crescono le possibilità di fruire di questofferta)

48 Il tempo libero in città In città questi margini si arricchiscono di nuovi spazi: alle osterie, al gioco delle carte ed alle scommesse (tratti caratteristici del tempo libero delle classi popolari) si aggiungono altri luoghi ed altre pratiche (il teatro, il melodramma) Sono spazi prima appartenenti solo alle classi borghese o aristocratica; assistiamo così al primo allargamento della fruibilità sociale del tempo libero Borghesia e aristocrazia mantengono la tradizione del proprio tempo libero nei caffè, nei teatri, nei circoli e nello sport che rimane uno spazio esclusivo.

49 Il tempo libero in città (2) Osterie e caffè, teatri e circoli sono tra i luoghi che più di altri rappresentano il tempo libero nel secolo lungo, ma sono anche luoghi politici, insurrezionali nei quali il confronto e la differenziazione di classe diviene evidente e tangibile. Sono tanti gli esempi di politicizzazione o le definizioni dellosteria: –Oriani (nazionalista italiano): un ambiente piccolo e fumoso pieno di braccianti –Kautsky (padre del socialismo tedesco): vero baluardo della libertà politica del proletariato senza il quale per il proletariato tedesco non cè socializzazione e neppure alcuna vita politica

50 Osterie: Castelli romani, fraschetta

51 Il tempo libero in città (3) Non è un caso che losteria segua i ritmi e le scansioni del tempo politico, e non è un caso che il fascismo colpisca anche la tradizione cercando di toglierle il suo significato socializzante e di definizione proletaria. Dal mondo socialista libertario, allantifascsmo degli anni trenta il mondo della bicchierata rappresenta il luogo tipico cittadino o vicino alla città in cui tempo libero, politica, dissenso e trasgressione trovano un punto di unione Nel secondo dopoguerra perde progressivamente il ruolo sociale sostituita dal bar dove si trasferisce – specie nelle periferie urbane – quello che essa rappresentava in città così come nei paesi. Parabola analoga per il caffè e per la sua appartenenza di classe E con gli anni Novanta che osterie e caffè tentano di recuperare le loro tradizioni in una nuova dimensione del tempo libero, dello svago, ma senza avere più quella connessione diretta con le trasformazioni della società

52 Teatro e melodramma Sport e circoli In questa fase altri luoghi e spazi tendono ad occupare il tempo libero Mentre il viaggio (in forma molto embrionale il turismo) rimane legato alle classi superiori, il teatro e con esso il melodramma, lo sport dei circoli aristocratici e alto borghesi vivono le loro stagioni sociali e politiche –Nel primo caso abbiamo il teatro che funge da camera di compensazione e incontro di classi diverse (viva V.E.R.D.I.) sia nel processo di unificazione nazionale sia negli anni della costruzione dello stato unitario –Nel secondo abbiamo la nascita, laffermarsi ed il confermarsi di luoghi e tempi di chiara appartenenza di classe: il circolo (tiro a segno, ippico, di biliardo, etc….) è il luogo della classe dirigente, ma è anche il luogo dove – con il riempimento della piramide sociale del tempo libero, guarderanno le classi borghese prima e proletaria più tardi.

53 Torino e il Caffè Forse non tutti sanno che l'ex capitale sabauda vanta una storia rara quando si parla dei caffé storici: Che si dice stamattina nei Caffè? Questo è quello che chiedeva ai propri consiglieri Carlo Alberto di Savoia per conoscere la situazione politica, perché parte della storia dItalia è stata scritta proprio nei Caffè di Torino. Cavour era solito recarsi al Caffè Fiorio, Massimo DAzeglio, Giolitti ed Einaudi preferivano Baratti & Milano, mentre De Gasperi si rilassava al Caffè Torino. Alexandre Dumas era un habitué del Bicerin (il bicchierino), Guido Gozzano frequentava le sale Art Nouveau di Mulassano, Platti era il locale ideale di Cesare Pavese. Ancora oggi i Caffè Storici sono parte del costume e della cultura della città, tappa obbligata per gustare le specialità della pasticceria subalpina in unatmosfera unica.

54 Il Caffè Territorialmente il caffè è in centro e losteria in periferia Ruolo polifunzionale dei caffè: Vocazione commerciale (come luoghi di produzione e distribuzione) Vocazione politica (laboratorio del patriottismo liberale e risorgimentale) che termina, quasi, con la prima guerra Vocazione letteraria, giornalistica, luogo di ritrovo delle avanguardie e dei letterati stranieri di passaggio Con il secondo dopoguerra e – ancor più – con il boom economico, la modernizzazione e la globalizzazione, il caffè (come losteria) scompaiono per poi riemergere come luoghi di recupero della memoria oppure come locali di elités, o, ancora, immergendosi nel tempo corrente, scomparire dal panorama del tempo libero. Ne rimangono tracce negli spazi del tempo libero (meglio sarebbe dire del tempo del nulla) delle spesso disagiate, abbandonate e trascurate periferie urbane oppure nei piccoli paesi.

55 Il Caffè: Torino, caffè San Carlo


Scaricare ppt "Il tempo libero Nozioni metodologiche e approccio alla studio."

Presentazioni simili


Annunci Google