La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli indicatori di efficienza elaborati dall'Agenzia delle Entrate INTRODUZIONE Stefano Pisani Scuola Superiore di Economia e Finanza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli indicatori di efficienza elaborati dall'Agenzia delle Entrate INTRODUZIONE Stefano Pisani Scuola Superiore di Economia e Finanza."— Transcript della presentazione:

1 Gli indicatori di efficienza elaborati dall'Agenzia delle Entrate INTRODUZIONE Stefano Pisani Scuola Superiore di Economia e Finanza

2 Indicatori di efficienza Risultato di una contaminazione tra Statistica economica ed economia aziendale Obiettivo: adottare misure di efficienza utilizzate dal privato, senza perdere la specificità del servizio pubblico, per produrre meglio con meno. Utilizzare strumenti consolidati e standardizzati a livello internazionale. Contestualizzare le misurazioni allinterno di uno schema teorico generale

3 Indicatori di efficienza Principali riferimenti per le misurazioni Eurostat (1996) Sistema Integrato dei conti – SEC95; Eurostat (2001) Handbook of price and volume measures in national account; OECD (2001) OECD productivity manual; Nazioni Unite (2003 e 2008) System of National Account.

4 Indicatori di efficienza Precedenti LAgenzia, come altre Istituzioni, da tempo quantifica la sua attività utilizzando i Tempi Unitari Medi di lavorazione (TUM). Tecniche euristiche che non consentono di apprezzare a pieno cosa si stia valutando e limpatto che hanno sulle misure le ipotesi adottate.

5 Indicatori di efficienza Cosa misurare? SFORZO: gestione ufficio, economicità; PRODOTTO (output) : risultato dellattività core, efficienza; RISULTATI (outcome): benefici (collettivi e individuali) derivanti dalloutput, efficacia. Tutte e tre le misure sono indispensabili ed è necessario disporre di tre indicatori

6 Indicatori di efficienza Focalizziamo lattenzione sul prodotto (output) Per valutare lefficienza loutput deve: - non includere le attività interne o auto-generate da processi amministrativi (esclude parte dello sforzo); - essere indipendente dallinput utilizzato; -incorporare anche gli elementi qualitativi; - escludere le variazioni dei prezzi; - non comprendere indicatori di efficacia.

7 Indicatori di efficienza Indicatori di output Basati su un set di indicatori chiari e trasparenti Da un punto di vista tecnico Produzione espressa in termini fisici (quantità) Da un punto di vista economico Produzione e valore aggiunto a prezzi costanti (dellanno precedente);

8 Indicatori di efficienza Input di lavoro Comprende tutte le ore di lavoro effettivamente erogate (sforzo); Tiene conto dei differenti skill professionali (così come sono riconosciuti dallistituzione).

9 Indicatori di efficienza Indicatore di efficienza Rapporto tra output ed input di lavoro Produttività apparente del lavoro. Misura della dinamica. Necessità di continuità in serie storica (passaggio da una logica amministrativa ad una funzionale)

10 Indicatori di efficienza Cosa può misurare? Lefficienza delle strutture e non dei singoli. Deve essere: estesa per includere anche linput di capitale; Integrata con misure di efficacia.

11 Indicatori di efficienza N. Alborino: input di lavoro e produzione; A. Spingola: costi e valore aggiunto.


Scaricare ppt "Gli indicatori di efficienza elaborati dall'Agenzia delle Entrate INTRODUZIONE Stefano Pisani Scuola Superiore di Economia e Finanza."

Presentazioni simili


Annunci Google