La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione all’Universo ( Parte I) di Massimo Auci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione all’Universo ( Parte I) di Massimo Auci."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione all’Universo ( Parte I) di Massimo Auci

2 “Il buio della notte” Nel 1610 Keplero per primo formula il paradosso del buio della notte: se l’universo è infinito, prima o poi lo sguardo deve incontrare una stella, quindi il cielo deve apparire luminoso in ogni direzione..

3 Nel 1685 Newton formula il modello gravitazionale. Per l’ipotesi di stabilità dell’Universo le stelle sono sistemate in modo da essere in equilibrio: la distribuzione di materia è uniforme su sfere concentriche.

4 Sempre a proposito del “buio della notte”…

5 Nel 1720 Halley ripropone e affronta il paradosso. Halley ipotizza che la luminosità per stelle lontane decresca più rapidamente di 1/r 2. In questo modo, la luce delle stelle più lontane non sarebbe percepibile.

6 Nel 1823 Olbers affronta il paradosso in termini di assorbimento interstellare. L’Universo non è vuoto, c’è materia allo stato gassoso che assorbe energia luminosa. Pertanto le stelle lontane non sono visibili.

7 Nel 1861 Mödler assume la finitezza dell’età dell’Universo. L’Universo pur essendo grande è finito e la luce delle stelle lontane non ci ha ancora raggiunto. Perciò noi osserviamo il cielo buio.

8 Nel 1901 Thomson e Kelvin assumono che ogni stella abbia una vita finita. Le stelle nascono, vivono e muoiono. L’umanità non osserverà mai contemporaneamente tutte le stelle esistite o esistenti dell’Universo, ma solo quelle visibili al tempo dell’osservatore. Per questo nel cielo notturno il buio è preponderante.

9 Le ipotesi sinora introdotte per giustificare il buio sono: 1) nell’Universo è presente del gas diffuso che assorbe la luce visibile; 2) l’età dell’Universo è finita; 3) le stelle hanno anch’esse una vita finita.

10 Le osservazioni astronomiche effettuate nel corso degli anni inizialmente solo con telescopi ottici, poi con telescopi radio ora anche mediante sonde installate su satelliti, confermano la presenza di materia interstellare.

11 La materia interstellare, prevalentemente idrogeno, è presente in diverse fasi: 1) molecolare H 2 2) atomica H 0 3) ionizzata H + 4) polvere

12  Carinae La nebula emette luce per effetto del riscaldamento a K prodotto dalle stelle in essa contenute.

13 La Via Lattea A destra come appare ad occhio nudo, al centro e a sinistra osservata all’infrarosso da COBE, rispettivamente alle lunghezze d’onda di  m e  m.

14 Pleiadi La luce diffusa dalla materia interstellare evidenzia la nebula a riflessione che circonda le stelle del cluster.

15 Fatti contro: se nell’universo ci fosse gas diffuso, le stelle presenti lo riscalderebbero sino a innescarne l’emissione luminosa. La materia interstellare da sola non sembrerebbe sufficiente a giustificare il “buio”.


Scaricare ppt "Introduzione all’Universo ( Parte I) di Massimo Auci."

Presentazioni simili


Annunci Google