La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento Dipendenze Patologiche Cooperativa Sociale ASL FG sez.1 San Severo LAlbero del Pane San Paolo di Civitate U. O. Prevenzione,cura e lotta al.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento Dipendenze Patologiche Cooperativa Sociale ASL FG sez.1 San Severo LAlbero del Pane San Paolo di Civitate U. O. Prevenzione,cura e lotta al."— Transcript della presentazione:

1 Dipartimento Dipendenze Patologiche Cooperativa Sociale ASL FG sez.1 San Severo LAlbero del Pane San Paolo di Civitate U. O. Prevenzione,cura e lotta al Tabagismo Progetto REGIONALE TABAGISMO Progetto REGIONALE TABAGISMO LIBERI DI SCEGLIERE LIBERI DI SCEGLIERE

2 Programma di prevenzione dellabitudine al fumo di tabacco per i ragazzi della scuola media di I grado

3 Progetto di educazione e promozione alla

4 LOGO-SLOGAN ACROSTICO JINGLE SKETCH

5 Condizione di equilibrio tra assenza di patologia conclamata,benesse psicologico e benessere fisico ottenuti attraverso losservazione di determinate regole comportamentali e preventive. Lo stato di salute si esprime altresi attraverso linterazione dinamica fra lindividuo e il suo ambiente affettivo,sociale e relazionale.OMS Lo stato di salute si esprime altresi attraverso linterazione dinamica fra lindividuo e il suo ambiente affettivo,sociale e relazionale.OMS

6 fisica mentale sociale salute positivanegativa benesserefitness malattiamalesseredeformitàmenomazionidisabilitàhandicap … diseguaglianze?

7 Star bene è qualcosa di più che non essere malato. La salute è un equilibrio che non può essere raggiunto una volta per tutte: esso va ricercato, mantenuto e difeso giorno per giorno. ex Ministro della salute Prof. Sirchia

8

9 Nei paesi occidentali ormai sono state sconfitte le malattie come vaiolo,poliomelite,tubercolosi. Oggi sono presenti problemi di salute derivanti principalmente dalle abitudini di vita dannose come : Dedicare più attenzione a come si vive rimane il modo più sicuro per conservarsi in buona salute.

10 FUMO DI TABACCO La prima causa di morte facilmente evitabile (O.M.S.) Rappresenta nel nostro Paese un problema di sanità pubblica.

11 FUMO DI TABACCO In Italia I fumatori sono circa 12 milioni: uomini 31.5% donne 17.2% Decessi per fumo per anno 3 milioni nel mondo in Europa In Italia morti in 1 anno il 25% compresa tra i 35 e i 65 anni per tumori per cancro polmonare per cancro alla vescica, cavo orale,faringe,laringe per bronchite ed enfisema polmonare per patologia vascolare cardiaca e cerebrale

12 Ecco cosa assorbe il tuo corpo quando fumi: sostanze chimiche di cui solo 500 note la nicotina : crea dipendenza. il monossido di carbonio : ostacola lazione dei muscoli e del cervello e sottrae ossigeno al tuo organismo. larsenico e i derivati del cianuro … dei veri e propri veleni. lacetone: proprio quello per togliere lo smalto dalle unghie. la formaldeide: un gas irritante impiegato dalle industrie nella lavorazione di stoffe, carta, legno e coloranti. il catrame: si deposita nei bronchi e nei polmoni e può provocare il cancro. lammoniaca: un gas tossico… dallodore caratteristico. additivi chimici :come lacido silicico, carbonico, acetico, formico benzoico; il diossido di titanio; prodotti sbiancanti delle ceneri; acceleratori di combustione (800 °C), ecc.. Il polonio 210 : una sostanza radioattiva. Fumare 30 sigarette al giorno equivale, in un anno, a 300 radiografie al torace. tante altre sostanze: irritanti, tossiche e cancerogene.

13 FUMO DI TABACCCO FUMO ATTIVO E PASSIVO

14 La nicotina crea dipendenza fisica e psichica Nella quarta edizione del 1994 del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, (DSM-IV), la dipendenza e l astinenza da Nicotina sono classificate come disturbo psichico.

15

16 FUMO ATTIVO MALATTIE POLMONARI tumore polmonare – bronchite cronica - enfisema TUMORI bocca/lingua – laringe – stomaco – esofago – rene vescica – pancreas MALATTIE CARDIOVASCOLARI angina e infarto – malattie vascolari cerebrali – malattie delle arterie periferiche

17 FUMO PASSIVO causa diretta di: Tumore polmonare – bronchite cronica – Malattie cardiovascolari in grado di peggiorare i sintomi di: Malattie acute respiratorie (del naso,della gola,bronchiti,polmoniti,etc.) Nascite sotto peso. Asma e malattie croniche respiratorie

18

19 IL Fumo danneggia gravemente te e chi ti sta intorno. Il fumo ostruisce le arterie e provoca infarti e ictus. Fumare è pericoloso e crea dipendenza. Il fumo provoca il cancro e nuoce gravemente alla salute.

20 Aspetti sociali dellabitudine al fumo La causa principale che stimola e determina la nociva abitudine al fumo viene attribuita alle pressioni sociali individuate in: accettazione sociale (comportamento naturale, mancanza della pericolosità sociale); larga diffusione e disponibilità (in commercio e in famiglia); attribuzione di significati positivi (occasione conviviale, rilassamento, sostegno continuo, rituali); assunzione come modello (espressione di maturità, forza, indipendenza, successo, virilità, fascino); ritualità nel consolidare un gruppo; pubblicità indiretta (promozione di abbigliamenti o accessori con marche di tabacco); pressione dei mass-media (film cinematografici, serial televisivi, fiction con continua riproposizione di atti-fumo da parte dei protagonisti); strategie di marketing (edizioni speciali di pacchetti, produzione di nuove sigarette aromatiche).

21

22 Motivi che inducono a iniziare a fumare Alletà di 10 – 13 anni il giovane inizia a fumare per: provare, per curiosità; imitare gli altri (genitori, fratelli, amici, adulti, personaggi celebri); affermare la propria identità; rafforzare lauto stima sul piano sociale; essere accettati dal gruppo di amici; affermare il proprio ruolo nel gruppo di appartenenza; affermare il proprio ingresso nel mondo degli adulti; trasgredire le regole; ribellarsi al mondo degli adulti; sentirsi autonomi e sicuri.

23

24 Motivi che consolidano l abitudine al fumo E dimostrato che il fumo di sigaretta determina dipendenza fisica e psicologico-comportamentale simile a quella di altre sostanze stupefacenti. La nicotina con i suoi effetti euforizzanti e rilassanti sembra ben bilanciare le pi ù frequenti sensazioni stimolanti e rilassanti della maggior parte delle persone. Il fumo, quindi, viene facilmente associato a potenti vantaggi psico-sociali in grado di consolidare l abitudine ed in seguito determinare la dipendenza.

25 La sigaretta diventa una compagna di vita pronta ad intervenire in ogni situazione: Se sono arrabbiato o nervoso (fumo per irritazione nervosa); Se voglio concedermi una pausa o stare a mio agio (fumo per rilassarmi o isolarmi); Se ho bisogno di una carica o concentrarmi (fumo per essere stimolato); Se sono solo (fumo in solitudine); Se voglio creare unatmosfera conviviale (fumo per stare bene con gli altri); Se ho bisogno di tenere le mani occupate (fumo per ritualità); Se ho bisogno di sostenere unattività (fumo come rinforzo).

26

27 Smettere di fumare è talmente facile che ogni fumatore lo fa almeno cento volte. (Oscar Wilde) Smettere di fumare implica un processo decisionale accompagnato da un atteggiamento graduale e crescente di ricerca dei motivi che hanno portato la persona ad intraprendere il percorso di cambiamento.

28 La decisione a smettere di fumare può essere originata dai seguenti motivi: bisogno immediato di sentirsi meglio; aspirazione a migliorare la propria forma fisica; bisogno di acquistare un aspetto sano e fresco dal punto di vista estetico; necessità di godere maggiormente dei piaceri della vita come: recuperare lodorato, il gusto del cibo e migliorare lattività sessuale; desiderio di acquisire un nuovo stile di vita, più libero, più indipendente dalla schiavitù della nicotina;

29 esigenza di migliorare la propria igiene personale, riducendo la puzza di fumo dai propri abiti ed ambienti; bisogno di rispettare gli altri non sottoponendoli al fumo passivo; bisogno di misurarsi con la propria capacità di autocontrollo e aumentare la propria autostima; necessità di ridurre le spese legate al fumo e realizzare un risparmio economico; necessità di non sentirsi emarginati viste le nuove disposizioni di legge.

30 La disassuefazione dal fumo può essere rappresentata da un percorso di stadi a seconda della posizione del fumatore rispetto alla decisione di smettere. Pre-contemplazione: non pensa seriamente a smettere. Contemplazione: ha dubbi e contraddizioni sulluso della sostanza. Determinazione: decide di smettere. Azione: si prepara a smettere e infine smette. Mantenimento: assume il nuovo comportamento stabile di non fumare. Ricaduta: ritorna ad uno degli stadi precedenti.

31

32 Curare ogni dettaglio che aumenti le nostre probabilità di avere una vita migliore è un atto di amore verso se stessi e glialtri. Grazie!


Scaricare ppt "Dipartimento Dipendenze Patologiche Cooperativa Sociale ASL FG sez.1 San Severo LAlbero del Pane San Paolo di Civitate U. O. Prevenzione,cura e lotta al."

Presentazioni simili


Annunci Google