La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La contabilità nazionale CONTABILITA NAZIONALE I flussi economici finanziari che intercorrono tra gli operatori sono descritti dalla CONTABILITA NAZIONALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La contabilità nazionale CONTABILITA NAZIONALE I flussi economici finanziari che intercorrono tra gli operatori sono descritti dalla CONTABILITA NAZIONALE."— Transcript della presentazione:

1 La contabilità nazionale CONTABILITA NAZIONALE I flussi economici finanziari che intercorrono tra gli operatori sono descritti dalla CONTABILITA NAZIONALE La contabilità nazionale misura in termini quantitativi il risultato dellattività economica di un Paese in un dato arco di tempo Gli istituti che rilevano i dati macroeconomici sono: FMI, OCSE FMI, OCSE (a livello internazionale) Eurostat, BCE Eurostat, BCE (a livello europeo) ISTAT, Banca dItalia ISTAT, Banca dItalia (a livello nazionale) SEC I metodi di contabilità SEC

2 La misura della produzione aggregata LA PRODUZIONE AGGREGATA O PRODOTTO NAZIONALE Nella contabilità nazionale la principale grandezza di riferimento è LA PRODUZIONE AGGREGATA O PRODOTTO NAZIONALE : PILPNL PIL (Prodotto Interno Lordo) e PNL (Prodotto Nazionale Lordo) PNL - Ammortamenti = PNN (Prodotto Nazionale Netto) Ammortamenti Gli Ammortamenti misurano la perdita di valore subita in un anno dai capitali fissi (una parte dei capitali prodotti in un anno rappresenta il reintegro della capacità produttiva) PNL CF (al costo dei fattori) = Somma dei costi di produzione PNL (ai prezzi di mercato) = PNL CF + imposte ind. - Contributi produzione

3 I limiti di stima del PIL Il calcolo del PIL non tiene conto delle transazioni che non passano attraverso il mercato Valuta esclusivamente le transazioni monetarie ufficiali (non contabilizza leconomia sommersa Non Coglie i decrementi di valore causati da diseconomie esterne

4 Produzione e reddito in una economia chiusa Il valore della produzione è uguale alla somma dei costi di produzione I costi di produzione sono uguali alla somma delle retribuzioni dei fattori produttivi REDDITO NAZIONALE La somma delle remunerazioni ai fattori produttivi rappresenta il REDDITO NAZIONALE reddito nazionale Il reddito nazionale viene speso per acquistare i beni prodotti (la produzione) PIL = Reddito Nazionale = Spesa Nazionale o Domanda Finale

5 Le definizioni del PIL Dal lato della produzione finali Il PIL è il valore dei beni finali prodotti Dal lato del reddito Il PIL è la somma dei redditi percepiti allinterno del sistema economico in un dato periodo di tempo (salari, stipendi, profitti, rendite, interessi) Dal lato della spesa Il PIL è la somma della spesa nazionale in un dato periodo di tempo (rappresenta limpiego del reddito) Si hanno tre definizioni alternative riferite alla stessa grandezza (PIL, Reddito Nazionale, Spesa Finale)

6 Metodi di misurazione del PIL Si hanno tre metodi alternativi per il calcolo del PIL 1) Metodo delloutput 1) Metodo delloutput: misura lincremento di valore della produzione in ogni fase del processo produttivo PIL = valore produzione F - valore beni intermedi = Valore Aggiunto 2) Metodo del reddito 2) Metodo del reddito: PIL = RN = somma delle remunerazioni dei fattori produttivi (salari + profitti + rendite + interessi) 3) Metodo della spesa 3) Metodo della spesa: PIL = RN = Consumi + Investimenti (misura il reddito come somma degli impieghi) I tre metodi di calcolo misurano la stessa grandezza

7 Calcolo del PIL secondo il metodo delloutput: il calcolo del valore aggiunto Costi di produzione Valore della produzione finale Valore Aggiunto Agricoltura Industria = ( ) Servizi = ( ) 1000 Totale Beni intermedi Fattori: L, K Settori (Duplicazioni) Il VA = somma dei costi di produz. = somma dei redditi corrisposti ai fattori PN = RN = VA Il VA può essere calcolato: come differenza: produzione finale - beni intermedi ( = 600) come somma dei costi o dei redditi ( = 600)

8 Fasi produttiveValore dei beni intermedi Valore del prodotto Valore aggiunto SalariProfitti Fase 1: Produzione di Grano Fase 2: Produzione di Farina Fase 3: Produzione di Pane Valore bene finale=250 Valore aggiunto=250 Somma dei redditi=250

9 Considerate uneconomia costituita da tre imprese: Impresa siderurgica: Ricavi euro 400 Salari euro 340 Profitti euro 60 Impresa ittica: Ricavi euro 200 Salari euro 160 Profitti euro 40 Impresa automobilistica: Ricavi euro 1000 Salari euro 500 Acquisti acciaio euro 400 Profitti euro 100 Calcolate il PIL di questa economia usando, rispettivamente: 1)il metodo dei beni finali 2) lapproccio del valore aggiunto 3) lapproccio dei redditi

10 Beni intermedi e scorte I beni intermedi sono beni venduti da unimpresa ad unaltra impresa per essere utilizzati nel processo produttivo. Come mostrato nellesempio precedente, il valore dei beni intermedi è già compreso nel valore dei beni finali e, di conseguenza, al fine di evitare duplicazioni,non va considerato nel computo del PIL Quando unimpresa aumenta le sue scorte di beni intermedi o di beni finali invenduti alla fine del periodo, questo aumento viene computato come componente degli investimenti nel calcolo del PIL (investimento in scorte). Se nellanno corrente vengono utilizzati nel processo produttivo beni intermedi prodotti nellanno precedente ma non utilizzati nellanno precedente, questo utilizzo viene computato nel PIL dellanno corrente come disinvestimento in scorte (il valore dei beni intermedi prodotti nellanno passato ma utilizzati solo nellanno corrente viene sottratto dal PIL dellanno corrente)

11 Imputazioni Alcuni beni e servizi vengono prodotti e consumati ma non vengono venduti sul mercato. La contabilità nazionale stima il valore (quantità e prezzi) di questi beni e servizi per inserirli nel calcolo del PIL (imputazioni) La più importante di queste imputazioni riguarda il settore degli alloggi. Il PIL include il fitto figurativo delle abitazioni occupate dal proprietario: lammontare dei canoni di locazione che sarebbero stati riscossi se gli alloggi occupati dal proprietario fossero stati dati in locazione Anche le spese sostenute daIla pubblica amministrazione per erogare servizi che non sono pagati direttamente dai cittadini ad un prezzo di mercato possono essere considerate come unimputazione. Infatti, il valore dei beni e servizi offerti dalla pubblica amministrazione (ordine pubblico, sicurezza, giustizia, etc.) viene computato nel PIL come costo sostenuto dalla PA (salari, stipendi, costo dei materiali)

12 Gross Domestic Product Per Capita, Annual, Current Prices and Current PPPs (in USD) 2004 Italia 28, Area Euro 28, USA 39, Fonte: OECD

13 PIL e benessere Non tutto è misurato dai prezzi di mercato: non tutte le transazioni entrano nel mercato. Il PIL non considera la salute dei nostri figli, la qualità della loro istruzione, la gioia dei loro giochi. Non considera rilevanti la bellezza della nostra poesia o la forza dei nostri matrimoni, lintelligenza del dibattito politico o lintegrità dei pubblici funzionari. Non misura né il nostro coraggio, né la nostra saggezza, né la nostra devozione al nostro paese. Misura tutto, meno la ragione per la quale siamo orgogliosi di essere americani Robert Kennedy, 1968

14 PIL reale e PIL nominale prezzi costanti PIL reale: somma delle quantità di beni finali valutati a prezzi costanti Il PIL reale permette di misurare la produzione e le sue variazioni escludendo leffetto di prezzi crescenti nel tempo, escludendo leffetto di prezzi crescenti $Y t = PIL nominale al tempo t Y t = PIL reale al tempo t Crescita del PIL al tempo t = tasso di crescita del PIL reale al tempo t Crescita del PIL = (Y t - Y t-1 ) Y t-1 Espansione: periodo di crescita positiva Recessione: periodi di crescita negativa (almeno due trimestri consecutivi)

15 Le variazioni del livello dei prezzi INFLAZIONE: aumento sostenuto del livello dei prezzi TASSO DI INFLAZIONE: tasso a cui il livello dei prezzi aumenta nel tempo Due misure del livello dei prezzi: 1. Deflatore del PIL2. Indice dei prezzi al consumo

16 Indici dei prezzi numero indice Un numero indice è un rapporto che permette di confrontare le intensità di un fenomeno in situazioni temporali diverse. Si costruisce ponendo al denominatore un valore riferito allanno base Il deflatore del PIL (Pt) permette di calcolare il prezzo medio dei beni finali prodotti in una economia P t = PIL nominale PIL reale = $Y t Y t Il deflatore del PIL è un numero indice Il tasso di variazione del deflatore del PIL rappresenta il tasso di inflazione

17 Lindice dei prezzi al consumo misura il livello dei prezzi medi al consumo ed esprime il costo in termini monetari di un determinato paniere di consumo di un tipico consumatore Lindice dei prezzi al consumo (IPC) è un numero indice Il tasso di variazione dellIPC rappresenta il tasso di inflazione

18 Misura del costo della vita INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO Prezzo di un paniere di beni acquistati dal consumatore tipo 1)Determinazione del paniere: a quali beni attribuire un peso maggiore 2) Rilevazione del prezzo in ciascun momento (anno) 3) Calcolo del costo paniere per ciascun anno 4) Scelta dellanno base

19

20 Misura del costo della vita PROBLEMI: 1)DISTORSIONE DA SOSTITUZIONE: il paniere è costante ma i consumatori reagiscono alle variazioni dei prezzi sostituendo i beni Paniere non costante nella realtà 2) INTRODUZIONE DI NUOVI BENI: aumenta la possibilità di scelta del consumatore Aumento del potere dacquisto della moneta 3) VARIAZIONI QUALITATIVE: laumento della qualità determina aumento del potere dacquisto della moneta

21 INDICE PREZZI AL CONSUMO Indice di Laspeyres: utilizza un paniere fisso di beni riferiti allanno base; stima per eccesso gli aumenti dei prezzi perché non considera gli effetti di sostituzione (distorsione da sostituzione) DEFLATORE DEL PIL Indice di Paasche utilizza un paniere variabile riferito alla spesa corrente; considera gli effetti di sostituzione ma stima per difetto laumento dei prezzi perché dà maggior peso ai beni sostituti e questi hanno un valore minore rispetto ai beni che sostituiscono

22 Misura del costo della vita Confronto tra IPC e DEFLATORE del PIL: 1)IPC tutti i beni acquistati anche se prodotti allestero 2) IPC paniere costante mentre deflatore del PIL considera la produzione corrente (problemi nelle comparazioni) TASSO DINTERESSE REALE i reale = i nominale – tasso dinflazione

23

24 Considerate uneconomia che produce e consuma solo tre beni: bistecche, uova e vino. Nella tabella sottostante sono riportati i prezzi e le quantità per ognuno dei beni nel 1988 e nel 1998: Quantità Bistecche (Kg) 107 Uova (dozzine)1013 Vino (bottiglie)811 Prezzi (euro) Bistecche (al Kg)2,803,10 Uova (alla dozzina)0,700,85 Vino (alla bottiglia)4,004,50 Calcolate a) il PIL reale nel 1988 e nel 1998 ai prezzi dellanno 1988; b) la variazione percentuale del PIL reale tra il 1988 ed il 1998; c) la variazione percentuale dellinflazione (misurata in base al deflatore del PIL) tra il 1988 ed il 1998

25 Y = C + I + G + X - Z Y = C + S + T C + S + T = C + I + G + X - Z S = I + (G – T) + (X – Z) (S – I) = (G – T) + (X – Z)

26

27 BILANCIA DEI PAGAMENTI Esportazioni nette di beni = B partite visibili (a) Esportazioni nette di servizi + Royalty nette + Reddito netto Investimenti = B partite invisibili (b) a + b = Bilancia commerciale Rimesse nette lavoratori stranieri + Aiuti intern netti = Trasferimenti unilaterali (c) a + b + c = Conto partite correnti Investimenti diretti netti + investimenti di portafoglio= Conto dei mov di capitali di lungo periodo (d) Afflusso di capitali netti di breve periodo = Conto dei mov di capitali di breve periodo (e) d + e = Conto dei mov di capitali Errori ed omissioni (f) Saldo globale (g) Saldo degli interventi ufficiali (h) Conto partite correnti + Conto dei mov di capitali + Saldo degli interventi ufficiali = 0

28 PARTITE CORRENTI PC = Y – (C + I + G) = Y – A BP = PC + MC = - Interventi Ufficiali

29

30


Scaricare ppt "La contabilità nazionale CONTABILITA NAZIONALE I flussi economici finanziari che intercorrono tra gli operatori sono descritti dalla CONTABILITA NAZIONALE."

Presentazioni simili


Annunci Google