La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FINANZIARIA 2007 NOVITA FISCALI REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FINANZIARIA 2007 NOVITA FISCALI REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE."— Transcript della presentazione:

1 FINANZIARIA 2007 NOVITA FISCALI REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE

2 Finanziaria irpef 2006 IMPONIBILE LORDO Meno deduzione no family area IMPONIBILE ADDIZIONALI Meno deduzione non tax area IMPONIBILE NETTO ALIQUOTE IMPOSTA NETTA , , , ,80 ( 23%) IMPONIBILE ALIQUOTE IMPOSTA LORDA MENO DETRAZIONE LAV. DIP MENO DETRAZIONE FAMILIARI IMPOSTA NETTA ,00 ( IRPEF E ADDIZ.) ( 23%- 27%) 5.795, , , ,86

3 LA NUOVA IRPEF- scaglioni ed aliquote 23 % Fino a euro % Oltre e fino a euro % Oltre e fino a euro 43 % Oltre euro 23 % Fino a euro % Oltre e fino a euro % Oltre e fino a euro % Oltre e fino a euro % Oltre euro Dall (art. 3, comma 1 DDL)Fino al

4 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI REGOLE COMUNI -Le detrazioni spettano a condizione che le persone alle quali si riferiscano possiedano un reddito complessivo computando anche le retribuzioni corrisposte da enti ed organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni nonché quelle corrisposte dalla S.Sede, non superiore a 2840, 51, al lordo degli oneri deducibili -Sono rapportate a mese e competono dal mese in cui si sono verificate a quello in cui sono cessate le condizioni richieste

5 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI LA DETRAZIONE SPETTA SE IL CONIUGE NON E LEGALMENTE ED EFFETTIVAMENTE SEPARATO RedditoMisura fissaRapporto fino a MENO ( 110x (redd.comples.) oltre e fino a …… Oltre e fino a PER red.compl LA DETRAZIONE BASE PER CONIUGE: MISURA E CALCOLO

6 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI RedditoMisura (euro) Da ,01 a ,0010 oltre fino a Oltre e fino a Oltre e fino a Da e fino a LA DETRAZIONE AGGIUNTIVA PER CONIUGE: MISURA

7 RedditoMisura (fino a ) Meno (110 X :15.000) 73, – 73,33 = 726,66 (oltre e fino a ) , = 710 (Oltre e fino a ) , x ( : ) 0, x 0,500 = 345,00 LA DETRAZIONE BASE PER CONIUGE: MISURA E CALCOLO LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI

8 DETRAZIONI PER I FIGLI- REGOLE GENERALI -Spetta per i figli legittimi, naturali, adottivi, affidati o affiliati -E ripartita nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati, eccetto il caso in cui un genitore dia a carico dellaltro. -Previo accordo tra gli stessi spetta per intero al genitore che ha un reddito complessivo più elevato -In caso di separazione o divorzio spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario. -In caso di affidamento congiunto, la detrazione è ripartita, in mancanza di accordo, ad entrambi nella misura del 50%

9 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI- REGOLE GENERALI -Nel caso in cui il genitore affidatario o uno dei due genitori, in caso di affidamento congiunto, non possa usufruire in tutto o in parte della detrazione per limiti di reddito, la detrazione è assegnata per intero al secondo genitore, il quale, salvo diverso accordo, sarà tenuto a riversare allaltro rispettivamente il 100% o il 50% della detrazione. -In caso di mancanza fisica ( orfano) o giuridica ( figlio naturale) di uno dei due genitori, la detrazione per il primo figlio spetta allaltro genitore( non coniugato) in misura pari, se più favorevole, a quella prevista per il coniuge

10 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI- 1 FIGLIO 1 figlio maggiore di tre anni non portatore di handicap 800 X ( – reddito c. : ) Reddito , x ( – : ) 0, ,00 x 0,73684 = 589,47

11 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI- 1 FIGLIO 1 figlio minore di tre anni non portatore di handicap (+100) 900,00 X ( – reddito c. : ) Reddito ,00 900,00x ( – : ) 0, ,00 x 0,73684 = 663,16

12 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI- 1 FIGLIO figlio minore di tre anni portatore di handicap (+ 220,00) 1.120,00 X ( – reddito c. : ) Reddito , ,00x ( – : ) 0, ,00 x 0,73684 = 825,26

13 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI- 2 FIGLI Entrambi maggiori di tre anni e non portatori di handicap 1.600,00 ( ) X ( – reddito c. : ) ( , ) Reddito , ,00x ( – : ) 0, ,00 x 0,7727 = 1.236,32

14 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI- 2 FIGLI Uno minore ed uno maggiore di tre anni e non portatori di handicap 1.700,00 ( ) X ( – reddito c. : ) ( , ) Reddito , ,00x ( – : ) 0, ,00 x 0,7727 = ,59

15 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI- 3 FIGLI Uno minore e due maggiori di tre anni e non portatori di handicap 2.500,00 ( ) X ( – reddito c. : ) ( , ) Reddito , ,00x ( – : ) 0, ,00 x 0,8000 = 2.000,00

16 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER I FIGLI - 4 FIGLI Uno minore e tre maggiori di tre anni e non portatori di handicap ( + 2OO) 4.100,00 ( ) X ( – R.C. : ) ( , ) Reddito , ,00x ( – : ) 0, ,00 x 0,82114 =

17 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER FAMILIARI DETRAZIONI PER ALTRI FAMILIARI La detrazione spetta per ogni altra persona indicata nellart. 433 c.c., gli ascendenti, i generi, le nuore, i suoceri, le suocere, i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, i nipoti. Si considerano a carico quando, oltre a non possedere redditi superiori a 2.840,51, al lordo degli oneri deducibili convivono con il contribuente, oppure percepiscono assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dellautorità giudiziaria. 750,00 X ( – reddito c. : ) Reddito ,00 750,00 x ( – : ) 0, ,00 x 0,6875 = 515,62

18 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE DI CUI ALLARTICOLO 49 del TUIR CON ESCLUSIONE: a) Delle pensioni di ogni genere e gli assegni ad esse equiparati; REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE a) percepiti, dai lavoratori soci delle cooperative; b) percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in relazione a tale qualità, c) borsa di studio c-bis) compensi per rapporti di collaborazione coordinata e continuativa d) le remunerazioni dei sacerdoti, h) le rendite vitalizie e le rendite a tempo determinato, costituite a titolo oneroso,; h-bis) le prestazioni pensionistiche di cui al decreto legislativo 124/93;

19 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE SONO ESCLUSI I SEGUENTI REDDITI ASSIMILATI e) i compensi per l'attività libero professionale intramuraria del personale f) le indennità, i gettoni di presenza e gli altri compensi corrisposti dallo Stato, dalle regioni, dalle province e dai comuni per l'esercizio di pubbliche funzioni, g) le indennità per le cariche elettive e per le funzioni di cui agli artt. 114 e 135 della Costituzione e alla legge 27 dicembre 1985, n. 816; i) gli altri assegni periodici, comunque denominati, alla cui produzione non concorrono attualmente nè capitale nè lavoro,

20 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE Rapportata a periodo di lavoro REDDITIIMPORTO BASE DETERMINAZIONE Fino a 8.000, ,00Detrazione effettiva non inferiore a euro 690,00. Per i tempi determinati non inferiore a 1.380,00 Oltre e fino a PIU [502 x ( – redd.comp)] Oltre e fino a PER reddito compl

21 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE Rapportata a periodo di lavoro REDDITI DETERMINAZIO NE CALCOLO Fino a 8.000, ,00Detrazione effettiva non inferiore a euro 690,00. Per i tempi determinati non inferiore a 1.380, ( per tutto lanno) 1840,00 fino a concorrenza con limposta lorda x 23% = 1610, ( per tre mesi, T:D ) 1.840,00 : 365 x 91= 458,73 – non può essere inferiore a 1.380,00, comunque fino a concorrenza con limposta lorda x 23% = 1610,00 – 1.610,00 = 0

22 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE Rapportata a periodo di lavoro Oltre e fino a PIU [502 x ( – redd.comp)] ( per tutto lanno) Imposta lorda x 23% = Detrazione : più 502 x ( – : 7.000) 0,2857 =143, ,42 = 1.481,42 Imposta netta : 2990 – 1.481,42 = 1.508, ( per sei mesi, T.D ) Imposta lorda x 23% = Detrazione : più 502 x ( – : 7.000) 0,2857 =143, ,42 = 1.481,42 : 365 x181 = 730,56 Imposta netta : 2990 – 730,56 = 2.259,43

23 LA NUOVA IRPEF- DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE Rapportata a periodo di lavoro Oltre e fino a MOLTIPLICATO reddito compl.: ( con correttivo ) ( per tutto lanno) Imposta lorda x 27%- 600 = Detrazione : MOLTIPLICATO : = 0, X 0,750 = 1.018,5 Imposta netta : 6150,00 – 1.018,5 = 5.131, ( per sei mesi TD) Imposta lorda x 27%- 600 = Detrazione : MOLTIPLICATO : = 0, X 0,750 = 1.003,5 : 365 x 180 = 494,87 Imposta netta : 6150,00 – 494,87 =5.655,12

24 LA NUOVA IRPEF LE ALTRE DETRAZIONi AGGIUNTIVE PER LAV DIP. E ASSIM. RedditoMisura (euro) Da ,01 a ,0010 oltre fino a oltre e fino a oltre e fino a da e fino a

25 LA NUOVA IRPEF LE ALTRE DETRAZIONI (PENSIONE ) : MISURA E CALCOLO Ante 75 anni di età RedditoMisura maxRapporto di detrazione Fino a 7.500, ,00detrazione effettiva non inferiore a euro 690,00 Oltre e fino a (470 x ( – redd.comp)) Oltre e fino a , reddito compl

26 LA NUOVA IRPEF LE ALTRE DETRAZIONI (PENSIONE) : MISURA E CALCOLO Da 75 anni di età RedditoMisura maxRapporto di detrazione Fino a 7.750, ,00detrazione effettiva non inferiore a euro 713,00 Oltre e fino a (486 x ( – redd.comp)) Oltre e fino a , reddito compl

27 LA NUOVA IRPEF LE ALTRE DETRAZIONI LAVORO AUTONOMO E IMPRESA RedditoMisura maxRapporto di detrazione Fino a 4.800, ,00 Oltre e fino a ,00( – redd.comp))

28 LA NUOVA IRPEF TASSAZIONE TFR E INDENNITA EQUIVALENTI CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA APPLICAZIONE ALIQUOTE E SCAGLIONI FINO AL (se più favorevoli)

29 Clausola di salvaguardia per il TFR importo del TFR Periodo di maturazione : 12 anni Reddito di riferimento = ( : 12 x 12) Aliquota : fino al = 23% Dal ,6 Periodo di maturazione 5 anni Reddito di riferimento = ( : 5 x 12 ). Aliquota : Fino al = 32,29% nel 2003/4 32,19 % nel ,32 nel ,12

30 Clausola di salvaguardia per il TFR ANNOREDDITOIMPOSTA totale x 100 = 25,94%

31 LA NUOVA ADDIZIONALE COMUNALE Cessa la sospensione degli aumenti delle aliquote, che possono subire variazioni fino allo 0,80% Rileva il domicilio fiscale del lavoratore al 1° gennaio dellanno al quale si riferisce limposta Versamento a saldo ed in acconto (pari al 30%) Lacconto è trattenuto dal sostituto in 9 rate a partire dal mese di marzo

32 LA RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE RIDUZIONE DELLA DIFFERENZA TRA IL COMPENSO NETTO PER IL DIPENDENTE ED IL COSTO COMPLESSIVO PER IL DATORE DI LAVORO STRUMENTI UTILIZZATI DALLA FINANZIARIA 2007 PER RIDURLO: 1.RIDUZIONE IRPEF ED AUMENTI DELLASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE (PER IL DIPENDENTE) 2.RIDUZIONE IRAP (PER IL DATORE DI LAVORO)

33 LE NUOVE DEDUZIONI IRAP (modifica art. 11 dlgs n. 446/97) LA RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE Euro per ogni lavoratore TI al Centro e al Nord Euro per ogni lavoratore TI al Sud Deduzione dei contributi previdenziali assistenziali dei lavoratori TI

34 1. Sono escluse le banche, gli altri enti finanziari, le assicurazioni, i soggetti che operano in regime di concessione e tariffe 1.2. La deduzione di euro e quella di euro sono tra loro alternative 2.3. La deduzione di euro è soggetta alla regola del de minimis 3.4. La deduzione è rapportata al periodo di lavoro e riproporzionata in caso di rapporto part time Le nuove deduzioni spettano da per la ½ della loro misura e da in misura intera. LA RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE

35 LE NOVITA PREVIDENZIALI

36 LE NOVITA PREVIDENZIALI assegno per il nucleo familiare Requisiti reddituali Redditi utili REDDITI ASSOGGETTABILI AD IRPEF, COMPRESI QUELLI TASSATI A TASSAZIONE SEPARATA, QUELLI ESENTI DA IRPEF O ASSOGGETTATI A TITOLO DI IMPOSTA SE COMPLESSIVAMENTE SUPERIORI A 1.032,9 E QUELLI REDDITI PRODOTI ALLESTERO O IN ENTI INTERNAZIONALI Redditi esclusi TFR -ARRETRATI CIG ANNI PRECEDENTI -RENDITE VITALIZIE INAIL – PENSIONI DI GUERRA (RISARCIMENTO) INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO (CIECHI, INVALIDI) = RIMBORSO SPESE Requisiti IL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE DEVE ESSERE ALMENO IL 70%- SI CONSIDERA LULTIMO REDDITO DICHIARATO ( PERIODO LUGLIO- GIUGNO) SE IL REDDITO E UGUALE A 0 ( O NEGATIVO) LASSEGNO SPETTA

37 LE NOVITA PREVIDENZIALI assegno per il nucleo familiare COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE LAVORATORE RICHIEDENTE CONIUGE NON LEGALMENTE O DI FATTO SEPARATO O CHE HA ABBANDONATO IL NUCLEO FAMILIARE FIGLI ED EQUIPARATI FINO A 18 ANNI FIGLI ED EQUIPARATI + 18 ANNI SE PERMANTEMENTE INABILI AL LAVORO FRATELLI, SORELLE, NIPOTI ( ) ORFANI DI ENTRAMBI I GENITORI E SENZA PENSIONE DI REVERSIBILITÀ ESCLUSI FIGLI ED EQUIPARATI, FRATELLI, SORELLE, NIPOTI SE CONIUGATI FAMILIARI ALLESTERO DI CITTADINI STRANIERI SALVO CONDIZIONI DI RECIPROCITÀ NOVITA NEL CASO DI NUCLEI FAMILIARI CON PIU DI TRE FIGLI O EQUIPARATI DI Età INFERIORE A 26 ANNI COMPIUTI, AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELLASSEGNO RILEVANO, ANCHE I FIGLIO DI ETA SUPERIORE A 18 ANNI COMPIUTI E INFERIORE A 21 PURCHE STUDENTI O APPRENDISTI

38 LE NOVITA PREVIDENZIALI assegno per il nucleo familiare AI FINI DEL NUMERO DEI FIGLI SI CONSIDERANO TUTTI QUELLI INDICATI NELLARTICOLO 38 DEL TU., INDIPENDENTEMNETE DALLA CONVIVENZA, DELLO STATO CIVILE, DAL CARICO FISCALE, DALLA CONDIZIONE DI STUDENTE O LAVORATORE IL VENIR MENO DEL REQUISITO DURANTE LANNO ( NON CI SONO PIU 4 FIGLI DI ETA INFERIORE A 26 ANNI- NON CI SONO FIGLI TRA 18 E 21 STUDENTI ED APPRENDISTI) FA VENIR MENO, DA QUEL MOMENTO, LA PARTICOLARE MODALITA DI CALCOLO E NECESSARIA LAUTORIZZAZIONE PREVENTIVA DELLINPS ( MODELLO ANF42). IL LAVORATORE DOVRA ALLEGARE LA DOCUMENTAZIONE SULLO STATO DI STUDENTE E DOVRA ALLEGARE UNA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA SULLA CONDIZIONE DI APPRENDISTA

39 LE NOVITA PREVIDENZIALI assegno per il nucleo familiare IMPORTI Gli importi dellassegno per le famiglie in cui sia presente, oltre ai genitori, almeno un minore e non vi siano componenti inabili, diminuiscono gradualmente per ogni 100 euro di aumento del reddito. Viene introdotto un assegno aggiuntivo per le famiglie monoparentali: fino a un massimo di euro annui per i nuclei con almeno tre o quattro componenti, tra cui un figlio minore, oltre al genitore; fino ad un massimo di euro per quelli con 5 componenti oltre il genitore.

40 LE NOVITA PREVIDENZIALI assegno per il nucleo familiare con entrambi i genitori 3 componenti 1650 ridotto di: 9,3 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 0,5 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 2,3 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre componenti ridotto di: 13 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 0,9 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 3,1 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre componenti ridotto di: 11,5 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 1,4 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 4,8 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre componenti ridotto di: 5 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 10,5 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 19,6 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 6,2 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre componenti ridotto di: 7,5 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 11,20 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 1,6 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 25 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre e fino a ; 8,8 per ogni 100 euro di maggior reddito oltre

41 LE NOVITA PREVIDENZIALI assegno per il nucleo familiare Entrambi i genitori fino a ,50 130,66 258, ,00 358,94 500,00 492,18 625,00 619,75 Da ,1 a ,73257,25374,04499,58624,38 Da ,1 a ,95256,17373,08499,17623,75 Da ,1 a ,18255,08372,13498,75623,13 Da ,1 a ,40254,00371,17498,33622,50 Da ,1 a ,63 114,65 252,92 220,53 370, ,92 481,34 621,88 600,64 Reddito massimo

42 LE NOVITA PREVIDENZIALI assegno per il nucleo familiare Un solo genitore fino a ,50 258,33 458,33 583,33 754,17 Da ,1 a ,73 257,25457,38582,92753,54 Da ,1 a ,95 256,17456,42582,50752,92 Da ,1 a ,18 255,08455,46582,08752,29 Da ,1 a ,40 254,00454,50581,67751,67 Da ,1 a ,63 252,92453,54581,25751,04

43 NOVITA PREVIDENZIALI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE AUMENTANO DEL 15% ( SOLO LIMPORTO DELLASSEGNO) LE TABELLE RELATIVE AI NUCLEI CON ALMENO UN FIGLIO - TABELLA 13 – CON SOLO SOLO MINORI ORFANI TITOLARI DI PENSIONE AI SUPERSTITI NON INABILI -TABELLE 14- CON ENTRAMBI I GENITORI ED ALMENO UN FIGLIO MINORE IN CUI SIA PRESENTE ALMENO UN COMPONENTE INABILE -TABELLA 15 - CON UN SOLO GENITORE ED ALMENO UN FIGLI MINORE IN CUI SIA PRESENTE ALMENO UN COMPONENTE INABILE -TABELLA 16 – IN CUI SON PRESENTI ORFANI TITOLARI DI PENSIONE AI SUPERSTITI DI CUI ALMENO UN MINORE CON UN INABILE -TABELLA 17- CON ENTRAMBI I GENITORI CON ALMENO UN FIGLIO MAGGIORENNE INABILE -TABELLA 18 - CON UN SOLO GENITORE CON ALMENO UN FIGLIO MAGGIORENNE INABILE -TABELLA 19- CON SOLO ORFANI MAGGIORENNI, TITOLARI DI PENSIONE AI SUPERSTITI

44 NOVITA PREVIDENZIALI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE RIMANGONO INVARIATE TUTTE LE ALTRE TABELLE RELATIVE A NUCLEI FAMILIARI IN CUI NON SIA PRESENTI FIGLI SOLO GENITORI CON FRATELLI E SORELLE CON NIPOTI TABELLE 20 A - 20B – 21 A – 21B 21 C – 21 D -

45 LE NOVITA PREVIDENZIALI LAVORATORI DIPENDENTI CONTRIBUTI A CARICO DEI LAVORATORI ISCRITTI AL FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI E FONDI SOSTITUTIVI dall laliquota c/dipendente aumenta dell0,30% -generalità = 9,19% -Con contributo cigs = 9,49% Clausola di salvaguardia : laliquota c/dip.+ quella c/azienda non possono superare il 33%

46 LE NOVITA PREVIDENZIALI CONTRIBUTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO APPRENDISTI Dal hanno diritto alla ind. Economica di malattia a carico dellINPS DATORI DI LAVORO ALIQUOTA FINO A 9 DIPENDENTI 1,5% (per il 1° anno di contratto) 3% (per il 2° anno di contratto) 10% (a partire dal 3° anno di contratto) PIU DI NOVE DIPENDENTI 10% ( COMPRESO INAIL)

47 LE NOVITA PREVIDENZIALI CONTRIBUTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO APPRENDISTI IL NUOVO CONTRIBUTO PER GLI APPRENDISTI SI APPLICA NEI CONFRONTI DI TUTTE LE CONTRIBUZIONI ASSIMILATE -CONTRATTI DI INSERIMENTO -LAVORATORI ISCRITTI NELLE LISTE DI MOBILITA -LAVORATORI SOSPESI IN CIGS NON SI APPLICA AI LAVORATORI ASSUNTI AI SENSI DELLA LEGGE 407/90

48 LE NOVITA PREVIDENZIALI CONTRIBUTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO Fondo di garanzia del tfr DAL I DATORI DI LAVORO SONO ESONERATI DAL VERSAMENTO ALLINPS DEL CONTRIBUTO PER IL FONDO DI GARANZIA DEL TFR IN PROPORZIONE ALLE QUOTE DI TFR TRASFERITE AI FONDI DIPREVIDENZA COMPLEMENTARE ED ALLINPS STESSO per le aziende con più di 49 dipendenti la riduzione del contributo è totale dal momento che leventuale TFR non trasferito alla previdenza complementare dovrà essere obbligatoriamente trasferito allINPS. Per le aziende con meno di 50 dipendenti la riduzione dello 0,20% sarà diversificata e cioè: Totale per i dipendenti che trasferiscono il 100% del TFR Nulla e cioè il contributo sarà interamente dovuto per i dipendenti che optano per la conservazione del TFR in azienda ridotta parzialmente, in proporzione alla quota di TFR trasferito, per i dipendenti che trasferiscono solo una quota del TFR

49 LE NOVITA PREVIDENZIALI MISURE COMPENSATIVE PER LE AZIENDE- ABOLIZIONE O RIDUZIONE DEL CONTRIBUTO PER IL FONDO DI GARANZIA Non aderente alla P.C Aderente con versamento del 100% del TFR Aderente con versamento del 10% del TFR Aderente con versamento del 20% del TFR Aderente con versamento del 50% del TFR 38,17 37,97% ( meno 0,20%) 38,15 ( meno 10% di 0,20%) 38,13 ( meno 20% di o,20%) 38,07 ( meno 50% di o,20%)

50 LE NOVITA PREVIDENZIALI Il Durc per gli sgravi contributivi e normativi. D all per poter avviare quegli speciali rapporti di lavoro che danno diritto ai datori di beneficiare di agevolazioni di natura contributiva e normativa (es. inserimento, apprendistato, legge n. 407/1990, etc).è necessario essere provvisti del documento di regolarita contributiva

51 LE NOVITA PREVIDENZIALI ALIQUOTE CONTRIBUTIVE ISCRITTI ALLA GESTIONE SPECIALE (CO.CO.CO- OCCASIONALI- AUTONOMI SEMZA CASSA- ASSOCIATI IN PARTECIPAZIONE dall Tipologia Privo di altra previdenza obbligatoria Assicurato che percepisce una pensione diretta Con altra forma di previdenza obbligatoria Aliquota complessiva (di cui 1/3 lavoratore,2/3 committente)- 23,50% (prima era il 18,20%)- 16% (prima era il 15%)- 16% (prima era il 10%)

52 LE NOVITA PREVIDENZIALI ALIQUOTE CONTRIBUTIVE ISCRITTI ALLA GESTIONE SPECIALE LINCEMENTO CONTRIBUTIVO DI CUI AL COMMA 770 NON PUO IN OGNI CASO DETERMINARE UNA RIDUZIONE DEL COMPENSO NETTO PERCEPITO DAL LAVORATORE SUPERIORE AD UN TERZO DELLAUMENTO DELLA ALIQUOTA. A TAL FINE SI ASSUME A RIFERIMENTO IL COMPENSO NETTO MENSILE GIA RICONOSCIUTO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGOR DELLA PRESENTE LEGGE, IN CASO DI RAPPORTI IN ESSERER ALLA MEDESIMA DATA, OVVERO IL COMPENSO NETTO RICONOSCIUTO SULLA BASE DELLULTIMO CONTRATTO STIPULATO DAL LAVORATORE CON IL MEDESIMO COMMITTENTE. IN OGNI CASO I COMPENSI CORRISPOSTI AI LAVORATORI A PROGETTO DEVONO ESSERE PROPRORZIONATI ALLA QUANTITA E QUALITA DEL LAVORO ESEGUITO E DEVONO TENERE CONTO DEI COMPENSI NORMALMENTE CORRISPOSTI PER PRESTAZIONI DI ANALOGA PROFESSIONALITA ANCHE SULLA BASE DEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI RIFERIMENTO

53 LE NOVITA PREVIDENZIALI iscritti alla gestione speciale – nuove tutele dall il congedo parentale c/Inps per i soli non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria: -durata: max 3 mesi, entro 1 anno di età del bambino -misura: 30% del reddito preso a base per il calcolo dellindennità di maternità; -decorrenza: per gli eventi parto avvenuti dall

54 LE NOVITA PREVIDENZIALI iscritti alla gestione speciale – nuove tutele dall unindennità di malattia c/Inps per i soli non iscritti, ad altra forma di previdenza obbligatoria (art. 86 comma DDL Finanziaria) -durata: minima 20 gg. nellanno solare (escluse le malattie< 4 giorni) - misura: 50% di quella spettante per il caso di degenza ospedaliera -sussistenza dei requisiti contributivi e reddituali per lindennità di degenza ospedaliera; -obbligo di certificazione dello stato di malattia, di rispettare le fasce di reperibilità e di essere sottoposti ai controlli dello stato di malattia.

55 NOVITA PREVIDENZIALI Dall il congedo parentale c/Inps per i soli non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria durata: max 3 mesi, entro 1 anno di età del bambino misura: 30% del reddito preso a base per il calcolo dellindennità di maternità; decorrenza: per gli eventi parto avvenuti dall iscritti alla gestione speciale – nuove tutele

56 LE NOVITA PREVIDENZIALI Artigiani e commerciati -dall laliquota passa al 19,5% -Dall laliquota diventa 20%

57 ALTRE DISPOSIZIONI IN TEMA DI RAPPORTO DI LAVORO

58 OBBLIGO DI DENUNCIA ANTICIPATA RELATIVO ALLINIZIO DEL RAPPORTO DI SOGGETTI OBBLIGATI: TUTTI COLORO CHE SONO TITOLARI DI UN RAPPORTO CHE A SUA VOLTA DEVE ESSERE COMUNICATO, SIA PUBBLICO CHE PRIVATO – COMPRESI I DATORI DI LAVORO DOMESTICO- NEL CASO DI TIROCINI LOBBLIGO E DEL SOGGETTO OSPITANTE RAPPORTI CHE DEVONO ESSERE COMUNICATI LAVORO DIPENDENTE INDIPENDENTEMENTE DALLE REGOLE DI COLLOCAMENTO ( ANCHE I DISABILI- LAVORATORI DELLO SPETTACOLO AGRICOLI) LAVORO AUTONOMO INFORMA DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (CO.CO.CO- CO.CO.PRO.- AGENTE E RAPPRESENTATE) SOCIO LAVORATORE DI COOPERATIVA ASSOCIATO IN PARTECIPAZIONE TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ED ASSIMILATI ( STAGE) COLLOCAMENTO

59 INFORMAZIONI - DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE -DATA DI ASSUNZIONE -DATA DI CESSAZIONE ( ANCHE PRESUNTA ) -ESATTA TIPOLOGIA CONTRATTUALE -QUALIFICA PROFESSIONALE ATTRIBUITA AL LAVORATORE ALLATTO DI ASSUNZIONE -TRATTAMENTO ECONOMICO E NORMATIVO RICONOSCIUTO PER I DIPENDENTI RIFERIMENTO AL CCNL § SE NON SI APPLICA IL CCNL, LA RETRIBUZIONE LORDA GIORNALIERA PATTUITA § PER GLI AUTONOMI IL CORRISPETTIVO LORDO CONCORDATO

60 COLLOCAMENTO INFORMAZIONI 1.LAVORATORI DIPENDENTI - MODELLO C/ASS 2.CO.CO.CO. TIPO RAPPORTO ( COCOCCO-COCOPRO- AGENTE) DATA INIZIO E DATA FINE CORRISPETIVO LORDO ATTIVITA E MANSIONI ( DESCRITTIVO) 3.SOCI – COME I DIPENDENTI O GLI AUTONOMI A SECONDA DEL TIPODI RAPPORTO) 4.TIROCINANTI – SOLO DATA INIZIO E DATA FINE

61 COLLOCAMENTO UFFICIO COMPETENTE CENTRO PROVINCIALE PER LIMPIEGO RELATIVA ALLA SEDE DI LAVORO SEDE DI LAVORO E IL LUOGO, INDICATO NEL CONTRATTO INDIVIDUALE, IN CUI SI SVOLGE LA PRESTAZIONE DI LAVORO.( UNITA LOCALE DEL DATORE DI LAVORO O DEL COMMITTENTE ) LAVORATORI EDILI: COMUNE DOVE E STATA FISSATA LAPERTURA DEL CNTIERE MOBILE-NON E RILEVANTE LO SPOSTAMENTOSUCCESSIVO DEL CANTIERE STESSO GENTE DI MARE : LUOGO IN CUI SI VERIFICA LIMBARCO AGRICOLI -LA PROVINCIA IN CUI SI TROVA IL FONDO- SE SI TROVA IN PIU PROVINCIE VALUTA IL DATORE DI LAVORO PROBLEMI DI INDIVIDUAZIONE PER AUTONOMI E AGENTI

62 COLLOCAMENTO TERMINI ENTRO LE ORE 24 DEL GIORNO ANTECEDENTE LINIZIO DEL RAPPORTO ( SE LASSUNZIONE DECORRE DAL 10 MARZO, ENTRO LE 24 DEL 9 MARZO) INDIPENDENTEMENTE DAL FATTO CHE IL GIORNO ANTECEDENTE SIA FESTIVO ( EVENTUALMENTE PUO ESSERE COMUNICATO IL PRIMO GIORNO ANTECEDENTE NON FESTIVO) LOBBLIGO NON SUSSISTE PER LE ASSUNZIONI EFFETTUATE A CAUSA DI FORZA MAGGIORE NON PREVEDIBILI E TALI DA IMPORRE UNA ASSUNZIONE IMMEDIATA ( EVENTI NATURALI ECCEZIONALI- SOSTITUZIONI URGENTI COME PER I SUPLENTI SCOLASTICI)

63 COLLOCAMENTO MODALITA DOCUMENTAZIONE DA CUI SI POSSA EVINCERE LA DATA CERTA RACCOMANDATA A/R- CONSEGNA DIRETTA- FAX – PROCEDURA INFORMATICA DI VALIDAZIONE TEMPORALE ATTESTANTE IL GIORNO E LORA IN CUI IL MODULO E STATO RICEVUTO DAL SERVIZIO COMPETENTE- INVIO TELEMATICO SE IN GRADO DI VALIDARE LA DATA CERTA IN CASO DI URGENZA CONNESSA AD ESIGENZE PRODUTTIVE SI PUO ANTICIPARE AL GIORNO ANTECEDENTE LE GENERALITA E LA DATA DI INIZIO DEL RAPPORTO ED IL RESTANTE DEI DATI ENTRO 5 GIORNI EVITARE DANNI ALLE PERSONE ED AGLI IMPIANTI – ALTRE ESIGENZE DI CARATTERE TECNICO PRODUTTIVO CHE NON CONSENTANO DI PROCRASTINARE LIMPIEGO IN CASO DI MANCATA INSTAURAZIONE DEL RAPPORTO SI DEVE DARE COMUNICAZIONE ENTRO I CINQUE GIORNI SUCCESSIVI

64 COLLOCAMENTO COMUNICAZIONI DI CESSAZIONE ( ENTRO 5 GIORNI ) 1.CESSAZIONE DEL RAPPORTO A TEMPO INDETERMINATO 2.DIVERSA DATA DI CESSAZIONE DEI RAPPORTI A TERMINE PRECEDENTEMENTE COMUNICATO

65 COLLOCAMENTO ALTRE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ( ENTRO 5 GIORNI- IN ATTESA DEL DECRETO ATTUATIVO ) 1.TRASFORMAZIONE DA RAPPORTO DI TIROCINIO E SIMILI A RAPPORTO DI LAVORO DIPENDENTE 2.PROROGA DEL CONTRATTO A TERMINE 3.TRASFORMAZIONE DA TEMPO DETERMINATO A TEMPO INDETERMINATO 4.TRASFORMAZIONE DA TEMPO PARZIALE A TEMPO PIENO 5.TRASFORMAZIONE DA CONTTRATTO DI APPRENDISTATO A CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO 6.TRASFERIMENTO DEL LAVORATORE 7. DISTACCO DEL LAVORATORE 8.MODIFICA DELLA RAGIONE SOCILE DEL DATORE DI LAVORO 9.TRASFERIMENTO DI AZIENDA O RAMO DI ESSA 10.TRASFORMAZIONE CONTRATTO DI INSERIMENTO

66 COLLOCAMENTO LAVORATORI EXTRACOMUNITARI E ABROGATA LA DISPOSIZIONE CHE OBBLIGA IL DATORE DI LAVORO A COMUNICARE LASSUNZIONE DI UN LAVORATORE EXTRACOMUNITARIO ENTRO 48 ORE A REGIME, LA COMUNICAZIONE DI ASSUNZIONE E DI CESSAZIONE AL CENTRO PROVINCIALE PER LIMPIEGO ANNULLA LOBBLIGO DI INVIARE ANALOGA COMUNICAZIONE ALLO SPORTELLO UNICO PER LIMMIGRAZIONE

67 STABILIZZAZIONI CO.CO.CO OBIETTIVI sanare rapporti di dubbia legittimità attraverso la la loro trasformazione in contratti di lavoro subordinato di durata non inferiore a 24 mesi. PROCEDURA Stipula entro il di un accordo aziendale con le RSA/RSU, ovvero in mancanza, con le organizzazioni territoriali comparativamente più rappresentative. Sottoscrivere davanti alle apposite Commissioni del Lavoro atti di conciliazione individuale ai sensi degli artt. 410 e 411 c.p.c. Versamento di un contributo straordinario integrativo pari al 50% della contribuzione a carico del committente per il periodo di vigenza del contratto per ogni singolo lavoratore, di cui 1/3 dovrà essere versato immediatamente, mentre la restante parte suddivisa in 36 rate mensili.

68 STABILIZZAZIONI CO.CO.CO La definizione agevolata potrà essere utilizzata anche da quelle aziende che già sono destinatarie di provvedimenti amministrativi e giurisdizionali non definitivi, a condizione che nellaccordo di stabilizzazione siano ricompresi anche quei lavoratori con caratteristiche simili a quei lavoratori che sono stati accertati in sede di ispezione.

69 REGOLARIZZAZIONI LAVORO NERO OBIETTIVI sanare rapporti di irregolari, non risultanti da scritture o da altra documentazione obbligatoria.. PROCEDURA Stipula di un accordo aziendale con il quale vengano definiti i contratti di lavoro subordinato che si intendono realizzare e siano altresì concordati gli atti di conciliazione individuale con i quali verranno chiuse tutte le pendenze di natura retributiva per i periodi pregressi ( non anteriori a cinque anni ) tra il datore di lavoro ed i lavoratori. Entro il 30 settembre 2007, presentazione di una una apposita richiesta alla sede INPS territorialmente competente. Versamento da parte del datore di lavoro, a fronte degli obblighi contributivi derivanti dal rapporto irregolare, di due terzi dei contributi complessivamente dovuti, di cui un quinto allatto della istanza, il restante in sessanta rate mensili di pari importo, senza interessi.

70 REGOLARIZZAZIONI LAVORO NERO EFFETTI Il versamento della suddetta somma comporta lestinzione dei reati previsti dalle leggi speciali in materia di versamenti contributi e premi. La riduzione dellonere contributivo è subordinato al mantenimento in servizio del lavoratore per almeno due anni. Nei confronti dei datori di lavoro che hanno presentato listanza di regolarizzazione per la durata di un anno sono sospese le eventuali ispezioni e verifiche da parte degli organi di controllo e di vigilanza che abbiano ad oggetto le stesse regolarizzazioni. Entro un anno dalla data di presentazione della richiesta di regolarizzazione i datori di lavoro devono completare, se necessario, gli adeguamenti strutturali ed organizzativi previsti in tema di sicurezza del lavoro.

71 LIBRI OBBLIGATORI lomessa istituzione e lomessa esibizione dei libri paga e matricola è soggetta ad una sanzione amministrativa pari ad un valore compreso tra e euro.

72 RIFORMA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

73 STRUMENTI PER ADERIRE ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 1.Fondi chiusi settore, territoriali, aziendali, interaziendali, regionali ai quali possono aderire solo i soggetti appartenenti a quel settore, territorio, azienda ( art. 3 comma 1 lett. da a) a g ) 2. Fondi aperti ai quali possono aderire tutti i destinatari del dlgs n. 252 ( art. 12) 3. Contratti di assicurazione ai quali possono aderire tutti i destinatari del dlgs n. 252 ( art. 13) -

74 LE MODALITA DI ADESIONE 1.Solo con il Trattamento di fine rapporto Questa adesione non determina lobbligo di versare ulteriori contributi né a carico del lavoratore né a carico del datore di lavoro In ogni momento può essere integrata con il versamento dei relativi contributi 2.Con il trattamento di fine rapporto ed i relativi contributi. il datore è obbligato a versare la propria quota solo se il fondo scelto è quello negoziale

75 ADESIONE SOLO CON TFR Con modalità ESPLICITA (art. 8 comma 7) -Il dipendente sceglie in modo autonomo la forma pensionistica a cui trasferire il TFR Con modalità TACITA (art. 8 comma 7) -Fondo negoziale -In mancanza, fondo a cui aderisce la maggioranza dei lavoratori, -In via residuale, Fondo Inps IL FINANZIAMENTO: contributi e TFR

76 A - LAVORATORI ASSICURATI OBBLIGATORIAMENTE DOPO IL GIA ADERENTI AL LAVORATORE GIA ADERENTE AL FONDO NEGOZIALE PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI FINO AL DAL SI SI AL 100%SI – NON OLTRE: 12% DEL REDDITO COMPLESSIVO IL 50% DEL TFR TRASFERITO 5.167,00 DAL SI SI AL 100%SI – NEL LIMITE DI 5.167,00 19

77 2 - LAVORATORE ADERENTE AD UN FONDO DIVERSO DA QUELLO NEGOZIALE, PREVISTO AL CONTRATTO PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI FINO AL SINO NO, PER I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE Dal SISOLO SE LO PREVEDONO I CCNL O ACCORDI AZIENDALI SISI – NEL LIMITE DI 5.167,00 20

78 3- LAVORATORE DI SETTORE PRIVO DI FONDO NEGOZIALE, ADERENTE A FONDO APERTO O ASSICURATO CON UNA POLIZZA PREVIDENZIALE PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI FINO AL SINO SI – NON OLTRE: 12% DEL REDDITO COMPLESSIVO 5.167,00 DAL SISOLO SE LO PREVEDONO I CCNL O ACCORDI AZIENDALI SISI – NEL LIMITE DI 5.167,00 21

79 B- LAVORATORI ASSICURATI OBBLIGATORIAMENTE DOPO IL NON ADERENTI AL ADESIONE AL FONDO NEGOZIALE NEL MODO NORMALE PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI DAL SI SI – 100%SI – NEL LIMITE DI 5.167,

80 2- ADESIONE AL FONDO NEGOZIALE SOLO CON IL TFR PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE DI LAVORO TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI DAL NO (FACOLTATIVO) NO (FACOLTATIVO ) SI…

81 3- ADESIONE AD UN FONDO NON NEGOZIALE ( INDIPENDENTEMENTE SE ESISTA O MENO QUELLO NEGOZIALE) IN MODO NORMALE PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI DAL SISOLO SE LO PREVEDONO I CCNL O ACCORDI AZIENDALI SI – 100%SI – NEL LIMITE DI 5.167,00 24

82 4- ADESIONE AD UN FONDO NON NEGOZIALE ( INDIPENDENTEMENTE SE ESISTA O MENO QUELLO NEGOZIALE) SOLO CON IL TFR PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI DAL NO (FACOLTATIVO) NO (FACOLTATIVO) SI….. 25

83 5- ADESIONE IMPLICITA ( SILENZIO ASSENSO) – SOLO CON IL TFR PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI DAL NO (FACOLTATIVO) NO (FACOLTATIVO) SI….. 26

84 6 - NON ADESIONE DEVE ESSERE ESPLICITA ENTRO IL 30 GIUGNO 2007 O ENTRO SEI MESI DALLA DATA DI ASSUNZIONE 27

85 C- LAVORATORI ASSICURATI OBBLIGATORIAMENTE PRIMA DEL GIA ADERENTI AL LAVORATORE GIA ADERENTE AL FONDO NEGOZIALE PERIODICONTRIB. LAVOR CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI FINO AL SI SECONDO QUANTO STABILITO DAL REGOLAMENTO DEL FONDO SI – NON OLTRE: 12% DEL REDDITO COMPLES. IL 50% DEL TFR TRASFERITO (CON ESCLUSIONE DEI VECCHI ISCRITTI) 5.167,00 DAL SI POSSONO TRASFERIRE IL RESIDUO TFR AL FONDO AL QUALE GIA ADERISCONO SI – NEL LIMITE DI 5.167,00 28

86 2 - LAVORATORE ADERENTE AD UN FONDO DIVERSO DA QUELLO NEGOZIALE, PREVISTO AL CONTRATTO PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI FINO AL SINO NO, PER I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE DAL SISOLO SE LO PREVEDONO I CCNL O ACCORDI AZIENDALI POSSONO TRASFERIRE IL RESIDUO TFR AL FONDO AL QUALE GIA ADERISCONO SI – NEL LIMITE DI 5.167,00 29

87 3- LAVORATORE DI SETTORE PRIVO DI FONDO NEGOZIALE, ADERENTE A FONDO APERTO O ASSICURATO CON UNA POLIZZA PREVIDENZIALE PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI FINO AL SINO SI – NON OLTRE: 12% DEL REDDITO COMPLESSIVO 5.167,00 DAL SISOLO SE LO PREVEDONO I CCNL O ACCORDI AZIENDALI POSSONO TRASFERIRE IL RESIDUO TFR AL FONDO AL QUALE GIA ADERISCON O SI – NEL LIMITE DI 5.167,00 30

88 B- LAVORATORI ASSICURATI OBBLIGATORIAMENTE PRIMA DEL NON ADERENTI AL ADESIONE AL FONDO NEGOZIALE NEL MODO NORMALE PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUCIBILITA FISCALE CONTRIBUTI DAL SI SI, NELLA MISURA FISSATA DAL CCNL OPPURE IL 100% (1) SI – NEL LIMITE DI 5.167,00 (1) Ipotesi non prevista espressamente dal decreto Legislativo 31

89 2- ADESIONE AL FONDO NEGOZIALE SOLO CON IL TFR PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFRDEDUC. FISCALE DAL NO (FACOLTATIV O) NO (FACOLTATIVO ) SI, NELLA MISURA STABILITA DAL CCNL, OPPURE IL 100% ….. 32

90 3- ADESIONE AD UN FONDO NON NEGOZIALE ( INDIPENDENTEMENTE SE ESISTA O MENO QUELLO NEGOZIALE) IN MODO NORMALE PERIODICONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE DI LAVORO TFRDEDUCIBILIT A FISCALE CONTRIBUTI DAL SISOLO SE LO PREVEDONO I CCNL O ACCORDI AZIENDALI SI, NELLA MISURA STABILITA DAL CCNL, OPPURE IL 100% IN ASSENZA DEL CCNL, NON MENO DEL 50% SI – NEL LIMITE DI 5.167,00 33

91 5- SILENZIO ASSENSO SITUAZIONECONTRIB. LAVOR. CONTRIB. DATORE TFR GIA ADERENTISI VIENE TRASFERITO IL RESIDUO TFR AL FONDO CUI E ISCRITTO NON ADERENTINO (FACOLTATIVO) NO (FACOLTATIVO) VIENE TRASFERITO TUTTO IL TFR maturando a: Fondo negoziale Fondo con maggior numero di iscritti Fondo gestito dallINPS 35

92 ANTICIPAZIONI

93 TIPOLOGIAMASSIM O ANZIANITAALTRE CONDIZIONI REGIME FISCALE TFR spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche 70%8 anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro -può essere ottenuta una sola volta nel corso del rapporto di lavoro- entro i limiti del 10 per cento degli aventi titolo, e del 4 per cento del numero totale dei dipendenti Provvisoria da parte del dat. Lavoro Definitiva da parte della Amm. Fin. in base all'aliquota media di tassazione dei cinque anni precedenti a quello in cui è maturato il diritto alla percezione P. ZA COMPL EMENT ARE per spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge e ai figli per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche 75%IRRILEVANTENESSUNARitenuta a titolo d'imposta con l'aliquota un massimo del 15% ad un minimo del 9 36 SPESE SANITARIE

94 TIPOLOGIAMASSIM O ANZIANITAALTRE CONDIZIONI REGIME FISCALE TFR acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli 70%otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro -può essere ottenuta una sola volta - entro i limiti del 10 per cento degli aventi titolo, e del 4 per cento del numero totale dei dipendenti Provvisoria da parte del dat. Lavoro Definitiva da parte della Amm. Fin. in base all'aliquota media di tassazione dei cinque anni precedenti a quello in cui è maturato il diritto alla percezione P.ZA COMP LEMEN TARE -acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli. - interventi di ristrutturazione 75%otto anni di iscrizione alla previdenza (anche altri fondi) NESSUNARitenuta a titolo d'imposta con l'aliquota DEL 23% 37 PRIMA CASA

95 TIPOLOGIAMASSIMOANZIANITAALTRE CONDIZIONI REGIME FISCALE TFR Congedi parentali Congedi per la formazione In misura pari alla retribuzion e persa otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro -può essere ottenuta una sola volta - entro i limiti del 10 per cento degli aventi titolo, e del 4 per cento del numero totale dei dipendenti Provvisoria da parte del Datore Lavoro Definitiva da parte della Amm. Fin. in base all'aliquota media di tassazione dei cinque anni precedenti a quello in cui è maturato il diritto alla percezione P.ZA COMPL EMENT ARE Qualsiasi esigenza30%otto anni di iscrizione alla previdenza (anche altri fondi) NESSUNARitenuta a titolo d'imposta con l'aliquota DEL 23% 38 ALTRE ESIGENZE


Scaricare ppt "FINANZIARIA 2007 NOVITA FISCALI REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE."

Presentazioni simili


Annunci Google