La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Laboratorio di “Programmazione e Controllo” Collaboratore di cattedra: Dott. Paolo Pace Docente:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Laboratorio di “Programmazione e Controllo” Collaboratore di cattedra: Dott. Paolo Pace Docente:"— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Laboratorio di “Programmazione e Controllo” Collaboratore di cattedra: Dott. Paolo Pace Docente: Prof. Roberto Diacetti “Quando si va verso un obiettivo, è molto importante prestare attenzione al Cammino. E’ il Cammino che ci insegna sempre la maniera migliore di arrivare, e ci arricchisce mentre lo percorriamo.” (Paulo Coelho)

2 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Le configurazioni di costo CONFIGURAZIONI DI COSTO Modalità di aggregazione dei vari elementi di costo utili alla direzione per assumere decisioni corrette riguardo la gestione Sommatoria progressiva di singoli elementi di costo, al fine di ottenere informazioni utilizzabili per decisioni e scopi diversi.

3 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Le configurazioni di costo

4 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Le configurazioni di costo COSTO PRIMO: comprende tutti i costi di tipo diretto (fissi e variabili) COSTO DI FABBRICAZIONE: ai costi diretti industriali si aggiunge una quota degli oneri di tipo indiretto industriale COSTO DI FABBRICAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE: al costo di fabbricazione si aggiungono gli oneri diretti e una quota di indiretti legati alla fase di commercializzazione COSTO PIENO AZIENDALE O COSTO COMPLESSIVO: Viene costruito come somma del costo di fabbricazione e commercializzazione, dei costi variabili commerciali e di una quota dei costi fissi commerciali, amministrativi e generali COSTO ECONOMICO – TECNICO: Comprende oltre al costo pieno anche gli oneri figurativi che vanno a remunerare l’imprenditore per l’apporto del capitale (interesse figurativo), di beni strumentali (fitti e canoni figurativi), della propria attività lavorativa (stipendio direzionale)

5 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Le configurazioni di costo La scelta della configurazione di costo è legata agli scopi operativi perseguiti. In relazione alla configurazione del costo di prodotto prescelta, la prassi aziendale è solita distinguere due grandi tipologie di contabilità analitica, rispettivamente denominate: direct costing o contabilità a costi variabili e full costing o contabilità a costi pieni DIRECT COSTING (contabilità a costi variabili) FULL COSTING (contabilità a costi pieni)

6 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia DIRECT COSTING imputino all’oggetto di calcolo i soli costi variabili Il metodo di calcolo a costi variabili (direct costing) prevede che si imputino all’oggetto di calcolo i soli costi variabili

7 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia DIRECT COSTING ELEMENTI DI COSTO Materie prime: - quantità * prezzo di acquisto - ……… 1. Costo materie prime Manodopera diretta: - ore dedicate * costo orario - ……… 2. Costo manodopera diretta Lavorazioni esterne: - componenti - servizi legati alla fabbricazione 3. Costo lavorazioni esterne 4. Energia elettrica e altri costi variabili di fabbricazione 5. Costo variabile di fabbricazione (5= ) Costi variabili di commercializzazione/vendita: - provvigioni - trasporti - servizi commerciali esternalizzati 6. Costo variabile di commercializzazione/vendita 7. Costo variabile aziendale (7=5+6) ELEMENTI DI COSTO Materie prime: - quantità * prezzo di acquisto - ……… 1. Costo materie prime Manodopera diretta: - ore dedicate * costo orario - ……… 2. Costo manodopera diretta Lavorazioni esterne: - componenti - servizi legati alla fabbricazione 3. Costo lavorazioni esterne 4. Energia elettrica e altri costi variabili di fabbricazione 5. Costo variabile di fabbricazione (5= ) Costi variabili di commercializzazione/vendita: - provvigioni - trasporti - servizi commerciali esternalizzati 6. Costo variabile di commercializzazione/vendita 7. Costo variabile aziendale (7=5+6) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) ( __________ ) Una possibile scheda di costo di prodotto a direct costing

8 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia DIRECT COSTING IL RISULTATO ECONOMICO MESSO IN EVIDENZA CON RIFERIMENTO AD OGNI OGGETTO DI CALCOLO È OTTENUTO COME DIFFERENZA TRA RICAVI E COSTI VARIABILI MARGINE DI CONTRIBUZIONE

9 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia DIRECT COSTING ALFABETAGAMMA Ricavi di vendita Costi variabili MARGINE DI CONTRIBUZIONE MARGINE DI CONTRIBUZIONE COMPLESSIVO Costi fissi REDDITO OPERATIVO La struttura del conto economico direct costing

10 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia DIRECT COSTING LA STRUTTURA DEL CONTO ECONOMICO AZIENDALE DIRECT COSTING 1. RICAVI NETTI 2. COSTI VARIABILI DI PRODUZIONE - materie prime - manodopera diretta - variazione rimanenze 3. MARGINE DI CONTRIBUZIONE INDUSTRIALE (1-2) 4. COSTI VARIABILI COMMERCIALI - provvigioni 5. MARGINE DI CONTRIBUZIONE AZIENDALE (3-4) 6. COSTI FISSI - costi fissi di produzione - costi fissi commerciali e distributivi - costi fissi amministrativi 7. REDDITO OPERATIVO (5-6) 1. RICAVI NETTI 2. COSTI VARIABILI DI PRODUZIONE - materie prime - manodopera diretta - variazione rimanenze 3. MARGINE DI CONTRIBUZIONE INDUSTRIALE (1-2) 4. COSTI VARIABILI COMMERCIALI - provvigioni 5. MARGINE DI CONTRIBUZIONE AZIENDALE (3-4) 6. COSTI FISSI - costi fissi di produzione - costi fissi commerciali e distributivi - costi fissi amministrativi 7. REDDITO OPERATIVO (5-6) TOTALE AZIENDA ALFA BETA GAMMA

11 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING imputino all’oggetto di calcolo tutti i costi Il metodo di calcolo a costo pieno (full costing) prevede che si imputino all’oggetto di calcolo tutti i costi

12 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING Costo primo di produzione Costo pieno di produzione Costo pieno di produzione e commercializzazione LE DIVERSE CONFIGURAZIONI DI COSTO PIENO Costo pieno aziendale (Prix de Revient o Full Cost) Costo pieno aziendale (Prix de Revient o Full Cost) Costo materie prime, manodopera diretta e altri costi diretti + Quote di costi indiretti di produzione + Quote di costi indiretti di commercializzazione + Quote di costi indiretti amministrativi e generali

13 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING BASE IMPUTARE ALL’OGGETTO DI CALCOLO I COSTI INDIRETTI INDIVIDUAZIONE DELLA BASE CHE È OPPORTUNO UTILIZZARE PER IMPUTARE ALL’OGGETTO DI CALCOLO I COSTI INDIRETTI IL PROBLEMA CHE BISOGNA AFFRONTARE APPLICANDO QUESTO METODO È QUELLO DELLA

14 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING FULL COSTING A BASE UNICA FULL COSTING A BASI MULTIPLE criterio funzionale criterio funzionale criterio gerarchico-causale (o a sezioni omogenee) criterio gerarchico-causale (o a sezioni omogenee) criterio per attività criterio per attività … SI DISTINGUONO

15 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING... Manodopera diretta Materie prime PRODOTTO A PRODOTTO C PRODOTTO B Costi diretti Costi indiretti Prodotti Elementi di costo FULL COSTING A BASE UNICA

16 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING I diversi metodi di calcolo del costo pieno a basi multiple si distinguono per definiscono i centri di costo *criterio in base al quale si definiscono i centri di costo (nei quali vanno allocati i costi prima di essere imputati agli oggetti ultimi di calcolo) scelta della basi di ripartizione *criteri di scelta della basi di ripartizione per i singoli centri definiscono i centri di costo *criterio in base al quale si definiscono i centri di costo (nei quali vanno allocati i costi prima di essere imputati agli oggetti ultimi di calcolo) scelta della basi di ripartizione *criteri di scelta della basi di ripartizione per i singoli centri FULL COSTING A BASI MULTIPLE

17 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING IL PROCESSO DI CALCOLO DEL COSTO PIENO A BASI MULTIPLE SECONDO IL CRITERIO FUNZIONALE PREVEDE Localizzazionenei centri di costo Localizzazione dei singoli elementi di costo indiretto nei centri di costo definiti avendo come riferimento le tradizionali aree funzionali Imputazione agli oggetti ultimi di calcolo proporzionalmente al valore assunto dalla base con riferimento all’oggetto Imputazione agli oggetti ultimi di calcolo dei costi complessivi del centro funzionale, attraverso una base di ripartizione (espressione del volume di attività svolto nel centro) diversa da centro a centro, proporzionalmente al valore assunto dalla base con riferimento all’oggetto FULL COSTING A BASI MULTIPLE CRITERIO FUNZIONALE

18 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING... Manodopera diretta Materie prime PRODOTTO A PRODOTTO C PRODOTTO B Funzione produzione Prodotti Elementi di costo FULL COSTING A BASI MULTIPLE CRITERIO FUNZIONALE Funzione commerciale Funzione amministrazione Costi diretti Costi indiretti

19 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING IL PROCESSO DI CALCOLO DEL COSTO PIENO A BASI MULTIPLE SECONDO IL CRITERIO GERARCHICO- CAUSALE (A SEZIONI OMOGENEE) PREVEDE Localizzazionenei centri di costo corrispondenti alle diverse unità organizzative Localizzazione dei singoli elementi di costo indiretto nei centri di costo (sezioni) corrispondenti alle diverse unità organizzative (centri principali, centri ausiliari, centri di servizi); ogni centro deve svolgere attività definite e distinte il cui livello può essere apprezzato mediante parametri univoci espressione del volume di attività svolto nella sezione Ribaltamentoai centri principali Ribaltamento dei costi localizzati nei centri ausiliari ai centri principali Imputazione agli oggetti ultimi di calcolo proporzionalmente al valore assunto dalla base con riferimento all’oggetto Imputazione agli oggetti ultimi di calcolo dei costi complessivi del centro, attraverso una base di ripartizione (espressione del legame tra volume di attività del centro e assorbimento da parte dell’oggetto di calcolo) diversa da centro a centro, proporzionalmente al valore assunto dalla base con riferimento all’oggetto FULL COSTING A BASI MULTIPLE CRITERIO GERARCHICO-CAUSALE

20 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING... Manodopera diretta Materie prime PRODOTTO A PRODOTTO C PRODOTTO B Centri ausiliari Prodotti Elementi di costo FULL COSTING A BASI MULTIPLE CRITERIO GERARCHICO-CAUSALE Centri principali Centri di servizi Costi diretti Costi indiretti

21 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING IL PROCESSO DI CALCOLO DEL COSTO PIENO A BASI MULTIPLE SECONDO IL CRITERIO PER ATTIVITÀ PREVEDE Localizzazionenella attività significative nell’ambito dei processi gestionali Localizzazione delle risorse e, quindi, dei relativi elementi di costo, nella attività significative nell’ambito dei processi gestionali grazie ad appositi resource driver Aggregazionein activity cost pool transfunzionali Aggregazione dei costi per attività in activity cost pool (insieme di attività omogenee per fattore di complessità) transfunzionali (sotto-processi) Imputazione agli oggetti ultimi di calcolo Imputazione agli oggetti ultimi di calcolo attraverso appositi activity driver espressione del legame tra costo complessivo dell’attività del centro, fattore di complessità gestionale del centro e complessità generata dall’oggetto di calcolo FULL COSTING A BASI MULTIPLE CRITERIO PER ATTIVITÀ

22 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING Costi indiretti Costi diretti Activity Cost Pool 1 Activity Cost Pool 1 PRODOTTO A PRODOTTO C PRODOTTO B FULL COSTING A BASI MULTIPLE CRITERIO PER ATTIVITÀ Attività 1 Attività 2 Attività 3 Attività 4 Attività 5 Attività 6 Attività 7 Attività 8 Activity Cost Pool 2 Activity Cost Pool 2 Activity Cost Pool 3 Activity Cost Pool 3 Activity Cost Pool 4 Activity Cost Pool 4

23 Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia FULL COSTING LA STRUTTURA DEL CONTO ECONOMICO AZIENDALE FULL COSTING 1. RICAVI NETTI 2. COSTI DIRETTI DI PRODUZIONE - materie prime - manodopera diretta 3. QUOTE DI COSTI INDIRETTI DI PRODUZIONE 4. VARIAZIONE RIMANENZE 5. RISULTATO INDUSTRIALE ( ) 6. QUOTE DI COSTI INDIRETTI COMMERCIALI 7. QUOTE DI COSTI INDIRETTI AMMINISTRATIVI 8. REDDITO OPERATIVO (5-6-7) 1. RICAVI NETTI 2. COSTI DIRETTI DI PRODUZIONE - materie prime - manodopera diretta 3. QUOTE DI COSTI INDIRETTI DI PRODUZIONE 4. VARIAZIONE RIMANENZE 5. RISULTATO INDUSTRIALE ( ) 6. QUOTE DI COSTI INDIRETTI COMMERCIALI 7. QUOTE DI COSTI INDIRETTI AMMINISTRATIVI 8. REDDITO OPERATIVO (5-6-7) TOTALE AZIENDA ALFA BETA GAMMA


Scaricare ppt "Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Laboratorio di “Programmazione e Controllo” Collaboratore di cattedra: Dott. Paolo Pace Docente:"

Presentazioni simili


Annunci Google