La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN CAMPO ONCOLOGICO La gestione del follow up integrazione Ospedale Territorio; lesperienza della ASL Milano 1 Daniela Malnis.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN CAMPO ONCOLOGICO La gestione del follow up integrazione Ospedale Territorio; lesperienza della ASL Milano 1 Daniela Malnis."— Transcript della presentazione:

1 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN CAMPO ONCOLOGICO La gestione del follow up integrazione Ospedale Territorio; lesperienza della ASL Milano 1 Daniela Malnis Antonio Russo

2 IL GRUPPO DI LAVORO DIPO XI che comprende AO Ospedale Civile di Legnano AO G. Salvini Clinica San Carlo Casa di Cura Ambrosiana ASL Milano 1: –Servizio epidemiologico –Dipartimento Cure Primarie –Servizio Farmaceutico –UOC Domiciliarietà –UOC Accreditamento e controllo – Dipartimento ASSI –Centro Screening –medici di medicina generale

3 LE AREE DI SVILUPPO applicazione della Legge 38 nei presidi ospedalieri; applicazione della legge 38 nelle RSA; la continuità di cura e lintegrazione ospedale-territorio: –la comunicazione specialista – medico di m.g. attraverso la lettera di dimissione la condivisione del follow up per il ca della mammella e per il ca del colon retto

4 STUDIO GIVIO

5 STUDIO CNR

6

7

8

9

10 Overall 10-years survival curves by randomisation group Palli D, Russo A, Saieva C, Ciatto S, Rosselli Del Turco M, Distante V, Pacini P. Intensive vs clinical follow-up after treatment of primary breast cancer: 10-year update of a randomized trial. National Research Council Project on Breast Cancer Follow-up. JAMA May 5;281(17):1586

11 IL PERCORSO sviluppare un modello di integrazione allinterno del Dipartimento Oncologico condividere raccomandazioni per il follow up del ca della mammella e del ca del colon retto promuovere una formazione integrata tra medico di medicina generale e specialista individuare, condividere e monitorare –indicatori per la verifica dellappropriatezza dei percorsi diagnostico terapeutici per le principali neoplasie mammella colonretto

12 esame clinico da parte del medico oncologo ogni 3 – 4 mesi dal primo al terzo anno dopo levento acuto; esame clinico da parte del medico oncologo ogni 6 mesi il quarto e il quinto anno dopo levento acuto; dopo il quinto anno : esame clinico da parte del medico oncologo una volta lanno. Mammografia : da eseguirsi una volta lanno Esami diagnostici ed ematochimici e marcatori tumorali : pur non esistendo evidenze scientifiche a supporto viene condiviso un approccio che prevede lesecuzione di : –Rx torace a controlli alternati fino al 5° anno –ecografia epatica a controlli alternati fino al 5° anno –esami ematochimici e marcatori tumorali (CEA, Ca 15.3) ad ogni visita; FOLLOW UP CA MAMMELLA

13 Per gli ulteriori esami si suggerisce il seguente comportamento: scintigrafia ossea : a discrezione del medico oncologo sulla base della valutazione clinica; ecografia trans vaginale nelle donne in terapia con tamoxifene: a discrezione del medico oncologo sulla base della valutazione clinica; quadro lipidico : la valutazione del quadro lipidico è raccomandata nelle donne in terapia con farmaci inibitori delle aromatasi; esecuzione di MOC : valutazione da parte del medico oncologo nella donne in terapia con farmaci inibitori delle aromatasi. FOLLOW UP CA MAMMELLA

14 Follow up a cura del medico di medicina generale Dopo 5 anni di follow up da parte del servizio specialistico, e in assenza di segni di ripresa di malattia e/o tossicità da precedenti trattamenti, il follow up della donna con ca della mammella deve proseguire in maniera integrata tra medico di medicina generale e del medico specialista. Modalità operative Il controllo da parte del medico di medicina generale è rappresentato da: raccolta anamnestica (annuale) esplorazione dei distretti corporei al fine di identificare eventuali segni di ripresa della malattia (annuale) prescrizione e valutazione di accertamenti di laboratorio (test di funzionalità epatica, dosaggio Ca15-3) (annuale) mammografia (annuale) visita ginecologica con eventuale ecografia pelvica trans-vaginale nelle pazienti trattate con tamoxifene (annuale) counselling riguardo eventuali riduzioni di fattori di rischio: ad ogni contatto con la paziente Inoltre la rivalutazione clinica immediata ad ogni sintomo di nuova insorgenza, leffettuazione di eventuali accertamenti strumentali e linvio ai centri specialistici di riferimento. FOLLOW UP CA MAMMELLA

15 EROGATORI ASL EROGATORI LOMBARDIA EXTRA REGIONE TOTALE% MOB MEDICINA NUCLEARE ,0 ONCOEMATOLOGIA ,0 ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA ,0 RADIOTERAPIA (COMPRESA RADIOTERAPIA ONCOLOGICA) ,0 ONCOLOGIA (COMPRESA ONCOLOGIA MEDICA E GENERALE) ,3 Ricoveri Prestazioni ambulatoriali

16 DISTRIBUZIONE PER STRUTTURA DI RICOVERO

17 INDICATORI APPROPRIATEZZA FOLLOW UP Proporzione di pazienti che effettuano il follow up standard Proporzione di pazienti che effettuano un follow up intensivo a 1 anno dalla diagnosi TAC/RMN + Mx + Eco + Markers Proporzione di pazienti che effettuano una scintigrafia ossea non stadiativa

18 FOLLOW UP CA MAMMELLA

19 F.U. STANDARD A 1 ANNO DALLA DIAGNOSI MAMMOGRAFIA Strutture ASLStrutture NON ASL

20 Follow up intensivo a 1 anno dalla diagnosi TAC/RMN + Mx + Eco + Markers Strutture ASLStrutture NON ASL

21 SCINTIGRAFIA OSSEA NON STADIATIVA Overall: 20% Strutture ASLStrutture NON ASL

22 AUDIT CLINICO A partire dallanalisi degli indicatori evidenziati per ciascuna struttura, il Gruppo di Lavoro ha iniziato un percorso di audit clinico al fine di individuare e condurre azioni di miglioramento riferite agli standard di cura condivisi.

23 PROSPETTIVE favorire la costituzione dei COSD e monitorare lapplicazione della Legge 38 in ospedale; promuovere la comunicazione ospedale-territorio riferita alla patologia oncologica e alla misurazione e al controllo del dolore; promuovere lapplicazione della legge 38 sul territorio; accreditare il registro tumori; implementare il percorso di audit clinico allinterno del DIPO finalizzato a migliorare la qualità e lappropriatezza delle cure; implementare il follow up gestito dal medico di medicina generale; individuare raccomandazioni relative al ca della prostata e al ca del polmone e misurare laderenza alle stesse; promuovere la rete ospedale-territorio, assistenza domiciliare, cure palliative, ospedalizzazione domiciliare, hospices e RSA


Scaricare ppt "LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN CAMPO ONCOLOGICO La gestione del follow up integrazione Ospedale Territorio; lesperienza della ASL Milano 1 Daniela Malnis."

Presentazioni simili


Annunci Google