La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunità cristiana di Bolgare Sabato 9 aprile 2011 Vigilia della Quinta Domenica di Quaresima Festa del Perdono dei bambini e dei genitori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunità cristiana di Bolgare Sabato 9 aprile 2011 Vigilia della Quinta Domenica di Quaresima Festa del Perdono dei bambini e dei genitori."— Transcript della presentazione:

1 Comunità cristiana di Bolgare Sabato 9 aprile 2011 Vigilia della Quinta Domenica di Quaresima Festa del Perdono dei bambini e dei genitori

2 Siamo accolti nella casa del Papà buono e grande…

3 Grandi cose ha fatto il Signore per noi, ha fatto germogliare fiori fra le rocce.

4 Grandi cose ha fatto il Signore per noi, ci ha riportati liberi alla nostra terra.

5 Ed ora possiamo cantare, possiamo gridare l'amore che Dio ha versato su noi.

6 Tu che sai strappare dalla morte, hai sollevato il nostro viso dalla polvere.

7 Tu che hai sentito il nostro pianto, nel nostro cuore hai messo un seme di felicità.

8 Grandi cose ha fatto il Signore per noi, ha fatto germogliare fiori fra le rocce.

9 Grandi cose ha fatto il Signore per noi, ci ha riportati liberi alla nostra terra.

10 Ed ora possiamo cantare, possiamo gridare l'amore che Dio ha versato su noi.

11 Ci mettiamo in ascolto della storia di un uomo che ha incontrato Gesù: Zaccheo

12 Tanto tempo fa, viveva in una città di nome Gerico, un uomo chiamato Zaccheo. Era molto, molto ricco.

13

14 Ma non piaceva a nessuno. Nessuno voleva parlargli. Nessuno voleva andare a casa sua. Povero Zaccheo! Perché non aveva amici?

15

16 Forse era per il suo lavoro. Zaccheo era un esattore delle tasse. Raccoglieva il denaro dalla gente e lo dava ai romani che governavano il paese. Ne raccoglieva un po’ di più per il proprio stipendio.

17 Tutti sapevano che Zaccheo raccoglieva tanto di più di quello che doveva dare ai romani. Teneva tantissimo denaro per sé.

18

19 Un giorno, Gesù andò a Gerico. Gesù! L’uomo che guariva i malati; l’uomo che tutti volevano sentire. Molte persone volevano vederlo.

20 Anche Zaccheo voleva vedere Gesù, ma era basso. C’erano talmente tante persone davanti a lui, che non vedeva un bel niente.

21

22 Così corse avanti e salì su un albero. Poteva vedere cosa stava succedendo. E Gesù stava venendo da quella parte.

23

24 Gesù arrivò sotto l’albero, e si fermò. Guardo su e disse: “Zaccheo! Oggi voglio venire a casa tua”. Zaccheo scese molto in fretta. Era così felice! Finalmente qualcuno andava a trovarlo

25

26 Molta gente si arrabbiò. “Non è giusto!”, brontolavano. “Gesù va a casa di un imbroglione, dell’uomo che si fa ricco e ci lascia poveri”.

27 Gesù e Zaccheo pranzarono insieme e parlarono…

28

29 Questo incontro cambiò la vita di Zaccheo. Si alzò in piedi e disse a Gesù: “Darò metà di tutto quello che possiedo ai poveri, e se ho imbrogliato qualcuno, gli restituirò quattro volte tanto!”.

30

31

32 Gesù era felice. “Il mio compito è quello di salvare le persone che hanno perso la loro strada nella vita, e oggi, Zaccheo in questa casa è stato salvato!”

33

34 Riconosciamo i nostri sbagli e chiediamo perdono al Papà buono e grande…

35 SCUSA GESU’: PER TUTTE LE VOLTE CHE NON TI ASCOLTO

36 PER TUTTE LE VOLTE CHE NON TI PREGO

37 PER TUTTE LE VOLTE CHE NON VENGO A MESSA

38 PER TUTTE LE VOLTE CHE NON MI RICORDO DEI TUOI INSEGNAMENTI

39 PER TUTTE LE VOLTE CHE NON TI RISPETTO

40 PER TUTTE LE VOLTE CHE MI VERGOGNO DI TE

41 PERDONAMI GESU’: QUANDO RISPONDO MALE AI MIEI GENITORI

42 QUANDO DICO LE PAROLACCE

43 QUANDO NON SORRIDO AD UN COMPAGNO

44 PER TUTTE LE VOLTE CHE LITIGO

45 PER TUTTE LE VOLTE CHE VOGLIO AVER RAGIONE

46 PER TUTTE LE VOLTE CHE PICCHIO UN AMICO

47 DIMENTICA GESU’: TUTTO IL MIO EGOISMO

48 IL MIO VOLERE TUTTO PER ME

49 LE MIE PAROLE CATTIVE

50 LE MIE RIPICCHE

51 LE MIE BUGIE

52 IL MIO DARE LA COLPA AGLI ALTRI

53 ACCOGLIMI GESU’: ANCHE SE A MESSA NON STO ATTENTO

54 ANCHE SE TROPPE VOLTE MI LAMENTO

55 ANCHE SE NON AIUTO I MIEI COMPAGNI

56 ANCHE QUANDO SONO SVOGLIATO

57 ANCHE SE NON RISPETTO LE REGOLE ANCHE SE NON RISPETTO LE REGOLE

58 ANCHE SE IO NON SO ACCOGLIERE GLI ALTRI

59 ABBRACCIAMI GESU’: QUANDO PARLO MALE DEGLI ALTRI

60 QUANDO LI INVIDIO UN PO’

61 QUANDO NON ASCOLTO CHI MI VUOLE BENE

62 QUANDO PRENDO LE COSE DEGLI ALTRI

63 QUANDO ROVINO CIO’ CHE HAI CREATO

64 QUANDO MI LAMENTO INUTILMENTE

65 CHIAMAMI GESU’: QUANDO STO ORE DAVANTI ALLA TV

66 QUANDO PERDO TEMPO CON LA PLAY

67 QUANDO PER ME ESISTE SOLO IL VIDEO GIOCO

68 QUANDO FACCO FINTA DI NON SENTIRE CHI HA BISOGNO DI ME

69 QUANDO NON TI VOGLIO ASCOLTARE

70 GUIDAMI GESU’: QUANDO NON SO COSA SCEGLIERE

71 QUANDO STO SBAGLIANDO STRADA

72 QUANDO MI PERDO DIETRO COSE INUTILI

73 QUANDO NON CAPISCO COSA BENE E COSA E’ MALE

74 QUANDO PENSO CHE LE COSE MATERIALI SIANO LE PIU’ IMPORTANTI

75 PERDONA GESU’: LA MIA POCA VOGLIA DI STARE CON TE

76 IL MIO SCARSO IMPEGNO A SCUOLA

77 LA POCA FIDUCIA NEL TUO AMORE

78 LE TROPPE VOLTE CHE NON TI RICONOSCO

79 QUANDO NON MI FIDO DI TE

80 QUANDO LE MIE PAROLE TI OFFENDONO

81 SE NON SO MANTENERE LE PROMESSE

82 QUANDO RINUNCIARE MI COSTA TROPPO

83 Signore pietà… Cristo pietà… Signore pietà…

84 E il tempo del Perdono e della Riconciliazione dei bambini e dei genitori… restiamo nel silenzio…

85 E’ tempo di ringraziare il Papà buono e grande e di far festa per il suo Perdono…

86 Poterti dire ancora grazie: che bello! Posso sorridere, posso essere contento.

87 Se tu fossi arrabbiato con me o Dio, io avrei paura a starti accanto.

88 Se mi sentissi triste, deluso,offeso, non avrei neppure voglia di alzare lo sguardo verso Te.

89 Ma non è così: ti guardo, Tu mi sorridi ed io ti dico ancora grazie perché mi hai perdonato.

90 È vero che ho sbagliato, ma ora Tu mi hai perdonato. Nessun viso triste, nessuna vendetta: Tu ti fidi ancora di me.

91 Tu mi vuoi sempre felice e impegnato a fare il bene. Grazie!

92

93 I nostri figli non li abbiamo messi al mondo una volta per sempre, dando loro la vita.

94 È ogni giorno che noi li facciamo vivere, donando loro un cuore.

95 È ogni giorno che noi li facciamo che li amiamo insegnando loro ad amare, mostrando loro il cammino della fede.

96 È ogni giorno che noi li facciamo avanzare verso di te.

97 Signore grazie, per tutti i giorni in cui ci siamo riusciti. Non è sempre facile essere genitori.

98 Aiutaci a mostrare loro il cammino della vera vita, il tuo cammino, Signore.

99 E se un giorno tutti i nostri sforzi appariranno vani e le nostre preghiere senza eco,

100 allora, Signore, finchè sorgerà un mattino e noi avremo un soffio di vita, donaci di amarli e sperare ancora. Amen

101 Le ombre si distendono, scende ormai la sera e s’allontanano dietro i monti i riflessi di un giorno che non finirà,

102 di un giorno che ora correrà sempre, perché sappiamo che una nuova vita da qui è partita e mai più si fermerà.

103 Resta qui con noi, il sole scende già, resta qui con noi, Signore è sera ormai. Resta qui con noi, il sole scende già, se tu sei tra noi la notte non verrà.

104 S’allarga verso il mare il tuo cerchio d’onda che il vento spingerà fino a quando giungerà ai confini di ogni cuore,

105 alle porte dell’amore vero, come una fiamma che dove passa brucia così il tuo amore tutto il mondo invaderà.

106 Resta qui con noi, il sole scende già, resta qui con noi, Signore è sera ormai. Resta qui con noi, il sole scende già, se tu sei tra noi la notte non verrà.

107 Davanti a noi l’umanità lotta, soffre e spera, come una terra che nell’arsura chiede l’acqua da un cielo senza nuvole,

108 ma che sempre le può dare vita, con te saremo sorgente d’acqua pura, con te fra noi il deserto fiorirà.

109 Resta qui con noi, il sole scende già, resta qui con noi, Signore è sera ormai. Resta qui con noi, il sole scende già, se tu sei tra noi la notte non verrà.

110 Fuori dalla Chiesa bruciamo i fogli con i nostri esami della coscienza e ci ritroviamo per far festa in Oratorio. Un grande GRAZIE alle catechiste, a “papà Geppetto” e a coloro che hanno preparato questa splendida giornata!


Scaricare ppt "Comunità cristiana di Bolgare Sabato 9 aprile 2011 Vigilia della Quinta Domenica di Quaresima Festa del Perdono dei bambini e dei genitori."

Presentazioni simili


Annunci Google