La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I progetti PON Nazionali: aspetti organizzativi. Presìdi Campania Sicilia Calabria Puglia Destinatari della formazione Docenti della scuola secondaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I progetti PON Nazionali: aspetti organizzativi. Presìdi Campania Sicilia Calabria Puglia Destinatari della formazione Docenti della scuola secondaria."— Transcript della presentazione:

1 I progetti PON Nazionali: aspetti organizzativi

2 Presìdi Campania Sicilia Calabria Puglia Destinatari della formazione Docenti della scuola secondaria di I e II grado

3 I partner ed i ruoli USR (Ufficio Scolastico Regionale) Agenzia Nazionale per il supporto all’autonomia scolastica MIUR Scuole presidio Tutor

4 Le iscrizioni Le scuole scelgono il presidio in GPU

5 Formalizza assieme al MIUR le classi Il MIUR autorizza l’avvio dei corsi nei presìdi e associa il

6 I progetti PON Nazionali sulle competenze di base

7 PON disciplinari in svolgimento: (attivo, termine Giugno 2011, nuova edizione ottobre 2011) Educazione scientifica (attivo, termine dicembre 2011, nuova edizione ottobre 2011 – giugno 2012) Educazione linguistica e letteraria in un’ottica plurilingue (attivo, termine dicembre 2011, nuova edizione ottobre 2011 – giugno 2012) Lingua, letteratura e cultura in una dimensione europea (attivo, termine dicembre 2011, nuova edizione ottobre 2011 – giugno 2012)

8 Il modello di formazione supporto attivo del tutor esperto disciplinare modello collaborativo ricerca-azione fasi di analisi-autoanalisi/sperimentazione (riprogettazione)/restituzione attività di sperimentazione in classe Per info:

9 Modello formativo: ricerca-azione Il percorso formativo si fonda sui presupposti della RICERCA-AZIONE e si struttura in momenti di: analisi per la definizione dei propri bisogni formativi, professionali e didattici; studio e ricerca individuale e collegiale; sperimentazione in classe; riflessione sul proprio percorso formativo, sulla pratica didattica ed esiti raggiunti. Il tutor supporta e guida momenti di attività individuali e collaborative dei corsisti.

10 Come si svolge la formazione? Fase 1: Analisi e autoanalisi Fase 2: Scelta e approfondimento dei percorsi Fase 3: Sperimentazione/ Realizzazione in aula Fase 4: Restituzione/lezione appresa Per ogni fase è previsto per tutor e corsisti l’invio nell’archivio di documenti obbligatori L’attività dovrà essere organizzata secondo quattro fasi di lavoro:

11 Le fasi della formazione Fase 1: Analisi e autoanalisi 2 mesi (10 h online - 5h presenza): Fine Gennaio (1 incontro :iniziale) Febbraio Marzo (1 incontro: finale) Fase 2: Scelta e approfondimento dei percorsi Fase 3: Sperimentazione/R ealizzazione in aula Fase 4: Restituzione/lezione appresa FASE 1. - Analisi e autoanalisi Tempistica 2 mesi (Fine Gennaio-Marzo 2011)– 10 h online - 5h presenza (2 incontri) Conoscenza dell’architettura generale dell’offerta formativa progetto, individuazione dei bisogni,consultazione/studio dei contenuti. In questa fase:  finalità del progetto;  impegno richiesto;  rilevazione aspettative ed esigenze dei corsisti;  familiarizzazione con ambiente on line;  familiarizzazione offerta formativa;  condivisione di esperienze ed esigenze dei corsisti.

12 FASE 2: Scelta e approfondimento dei percorsi Tempistica 2/3 mesi ca. (Aprile - Giugno). 12 h online – h 6 in presenza (2 incontri) In questa fase:  scelta dei temi e percorsi didattici da approfondire;  creazione sottogruppi per attività collaborative,  progettazione itinerario di studio e lavoro del sottogruppo,  definiscono e condividono protocolli e strumenti sperimentazione;  adeguano percorsi e le attività proposte sulle proprie esigenze e contesto; Fase 1: Analisi e autoanalisi Fase 2: Scelta e approfondimento dei percorsi 2/3 mesi ca. (12 h online – h 6 in presenza) Aprile (1 incontro :iniziale) Maggio (1 incontro :intermedio) Giugno Fase 3: Sperimentazione/ Realizzazione in aula Fase 4: Restituzione/ lezione appresa

13 FASE 3: Sperimentazione/Realizzazione in aula Tempistica 2 mesi ca. ( Settembre – metà Novembre) 13 h online – 6 h in presenza (3 incontri: iniziale, intermedio, finale) In questa fase :  discussione sui processi attivati all’interno dei sottogruppi,  condivisione andamento sperimentazione con gruppo classe;  confronto a fine sperimentazione: valutazione cambiamento professionale e studenti. Fase 1: Analisi e autoanalisi Fase 2: Scelta e approfondimento dei percorsi Fase 3: Sperimentazione/Realizzazione in aula 2 mesi ca. (13 h online – 6 h in presenza) Settembre (1 incontro: iniziale) Ottobre (1 incontro :intermedio) metà Novembre (1 incontro:finale) Fase 4: Restituzione/ lezione appresa

14 FASE 4: Restituzione/lezione appresa Tempistica: 1 mese ca. (metà Novembre – Dicembre 2011)- 5 h online - 3h in presenza In questa fase:  riflessione e condivisione sulle esperienze;  autovalutazione del proprio cambiamento;  bilancio finale. Fase 1: Analisi e autoanalisi Fase 2: Scelta e approfondimento dei percorsi Fase 3: Sperimentazione/R ealizzazione in aula Fase 4: Restituzione/lezione appresa 1 mese ca. ( 5 h online - 3h in presenza) metà Novembre Dicembre (1 incontro: finale)

15 Altri progetti Progetto Qualità e Merito (PQM) Didatec


Scaricare ppt "I progetti PON Nazionali: aspetti organizzativi. Presìdi Campania Sicilia Calabria Puglia Destinatari della formazione Docenti della scuola secondaria."

Presentazioni simili


Annunci Google