La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASSESSORATO ALLA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO TERRITORIALE Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici POLITICA PER IL PAESAGGIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASSESSORATO ALLA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO TERRITORIALE Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici POLITICA PER IL PAESAGGIO."— Transcript della presentazione:

1 ASSESSORATO ALLA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO TERRITORIALE Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici POLITICA PER IL PAESAGGIO E RUOLO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA POLITICA PER IL PAESAGGIO E RUOLO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Giancarlo Poli Bologna 15 aprile 2010

2 2 IL PAESAGGIO A QUATTRO DATE: 1885 Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli seminativo semplice seminativo arborato frutteti e vigneti zone d’acqua aree urbanizzate

3 3 IL PAESAGGIO A QUATTRO DATE: 1960 Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli seminativo semplice seminativo arborato frutteti e vigneti zone d’acqua aree urbanizzate boschi e foreste

4 4 IL PAESAGGIO A QUATTRO DATE: 1980 Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli seminativo semplice seminativo arborato frutteti e vigneti zone d’acqua aree urbanizzate boschi e foreste

5 5Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli IL PAESAGGIO A QUATTRO DATE:2003 IL PAESAGGIO A QUATTRO DATE: % - ZONE URBANIZZATE 34 % - ATTIVITA’ ESTRATTIVE e DISCARICHE 192 % - ATTIVITA’ PRODUTTIVE, SERVIZI, INFRASTRUTTURE

6 6 Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli I ‘’beni paesaggistici’’, a differenza dei ‘’beni culturali’’, NON sono beni immobili poiché mutano nel tempo assieme al loro contesto territoriale di riferimento () e al mutare della società che gli attribuisce valore e significato I ‘’beni paesaggistici’’, a differenza dei ‘’beni culturali’’, NON sono beni immobili poiché mutano nel tempo assieme al loro contesto territoriale di riferimento (che li qualifica come tali) e al mutare della società che gli attribuisce valore e significato “Il Patrimonio culturale è costituito dai beni culturali e dai beni paesaggistici” (Art.2, DLgs. n.42/04)

7 7Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli CARTA DI SINTESI DELLE TUTELE PAESAGGISTICHE DEL PTPR

8 8 1.PARTE TEMATICA, INTEGRANTE E ATTUATIVA DEL PTR 2.HA CARATTERE DI PIANO URBANISTICO - TERRITORIALE CON SPECIFICA CONSIDERAZIONE DEI VALORI PAESAGGISTICI E AMBIENTALI, ESTESO ALL’INTERO TERRITORIO REGIONALE E AD ULTERIORI CATEGORIE DI BENI CARATTERIZZANTI IL PAESAGGIO REGIONALE 3.RIASSUME IN UN QUADRO SINOTTICO IL SISTEMA DEI VALORI, NATURALI, CULTURALI E STORICO-TESTIMONIALI, PROVVEDENDO A DETTARE DISPOSIZIONI ARTICOLATE (Prescrizioni, Direttive, Indirizzi) PER DIFFERENZIATE CATEGORIE DI TUTELA (Sistemi, Zone, Elementi) 4.INDIVIDUA 23 UNITA’ di PAESAGGIO QUALI AMBITI FUNZIONALI DI RIFERIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI SETTORE 5.PROMUOVE PROGETTI INTEGRATI DI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO IN FORMA ASSOCIATA 6.LA SUA ATTUAZIONE E’ AFFIDATA ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (PTCP) E URBANISTICA COMUNALE (PRG/PSC) CHE NE APPROFONDISCONO CONTENUTI ED OBIETTIVI IN RELAZIONE A CARATTERI E ALLE SPECIFICITA’ LOCALI Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli TRATTI PECULIARI DEL P. T. P. R.

9 9 UNA BASE CONSOLIDATA DI TUTELA DEL PAESAGGIO E DI GOVERNO DEL TERRITORIO Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

10 10  LA CONDIVISIONE DEI PROCEDIMENTI E DELLE MODALITA’ DI VALUTAZIONE DELLA TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO NELL’AMBITO DELLA GESTIONE ORDINARIA DELLE TUTELE (Art. 5) E DELLA ELABORAZ. DEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZ. (Art. 6);  LA DEFINIZIONE D’INTESA DEI CRITERI PER L’APPOSIZIONE E LA MODIFICA DEI VINCOLI PAESAGGISTICI (Art. 7);  LA VERIFICA DEI VINCOLI PAESAGGISTICI (Artt. 7 e 8);  LA RISOLUZIONE DI SPECIFICHE PROBLEMATICHE E CONFLITTUALITA’ (Art. 10);  LA PARTECIPAZIONE DELLE SOPRINTENDENZE ALLE CONFERENZE DI PIANIFICAZIONE E DEI SERVIZI AL FINE DELLA SEMPLIFICAZIONE E ACCELERAZIONE DELLE PROCEDURE (Art. 11);  L’ADEGUAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA IN FORMA CONGIUNTA (Art. 12);  PROGETTI PILOTA PER LA SPERIMENTAZIONE DI AZIONI DI MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ PAESAGGISTICA IN CONTESTI SIGNIFICATIVI (Art. 14);  LA PROMOZIONE DI ATTIVITÀ FORMATIVE (Art. 15);  L’INTRODUZIONE DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA COME CONTENUTO OBBLIGATORIO DELLA ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE. TRA REGIONE, MINISTERO DEI BENI E ATTIVITÀ CULTURALI E ASSOCIAZIONE AUTONOMIE LOCALI EMILIA-ROMAGNA DI COLLABORAZIONE TRA LE ISTITUZIONI PER UNA CORRETTA GESTIONE DELLA TUTELA DEL PAESAGGIO FINALIZZATA A REALIZZARE: ACCORDO QUADRO del 9 OTTOBRE 2003 (ai sensi dell’art. 46 della L.R. 25 nov. 2002, n. 31) Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

11 11 Convenzione Europea del Paesaggio (2000) Accordo 2001 Accordo 2003 Codice dei Beni Culturali 2004 Il Piano Territoriale Paesistico regionale (Ptpr 1993) Verifica dell’efficacia delle tutele del Ptpr Ipotesi per l’aggiornamento del Ptpr Bilancio effetti territoriali Modalità attuazione del Ptpr nei Ptcp Verifica di conformità dei contenuti al Codice LA VERIFICA DEL PIANO PAESAGGISTICO 2003 LA VERIFICA DEL PIANO PAESAGGISTICO Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

12 12Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli LA VERIFICA DEL PIANO PAESAGGISTICO

13 13 Crescita urbanizzato: (ha / articoli PTPR ’93)Crescita urbanizzato: (% per sup. tutelata / articoli PTPR ’93) RICOGNIZIONE CONSUMO DI SUOLO LIVELLI DI TRASFORMAZIONE A CARICO DELLE ZONE DI TUTELA Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

14 14 Riforma Titolo V Costituzione Codice BBCC e Paesaggio (2004, ‘06, ’08) Gestione integrata fondata su cooperazione e sussidiarietà ADEGUAMENTO CONGIUNTO PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA Convenzione Europea del Paesaggio (2000) Accordo 2001 MiBAC – Reg.i VERIFICA PTPR VIGENTE NUOVO CONCETTO DI PAESAGGIO ESITI VERIFICA PTPR (2004) CRITICITA’ Ruolo non sufficiente per garantire: - miglioramento qualità territoriale - maggiore consapevolezza del valore del paesaggio - progetto condiviso di paesaggio contemporaneo - rafforzamento specificità locali e coesione territoriale CRITICITA’ Ruolo non sufficiente per garantire: - miglioramento qualità territoriale - maggiore consapevolezza del valore del paesaggio - progetto condiviso di paesaggio contemporaneo - rafforzamento specificità locali e coesione territoriale PUNTI DI FORZA - visione ancora attuale - sostanziale tenuta della tutela - quadro di riferimento condiviso PUNTI DI DEBOLEZZA - approccio principalmente regolamentare autoriferito - squilibrio tra aree di eccellenza e paesaggi ordinari (tutela gerarchica) PUNTI DI DEBOLEZZA - approccio principalmente regolamentare autoriferito - squilibrio tra aree di eccellenza e paesaggi ordinari (tutela gerarchica) PRINCIPALI FABBISOGNI - passaggio da ruolo “passivo” a “pro - attivo” - integrazione politiche, programmi e piani settoriali - maggiore partecipazione sociale - formazione e sensibilizzazione ACCORDO RER - MiBAC - AutLoc (2003) NUOVA GESTIONE DEL PAESAGGIO L.R. “Tutela e Valorizzazione del Paesaggio” (2009) PIANO TERRITORIALE PAESISTICO REGIONALE (1989 – 2009) ACCORDO DI CO- PIANIFICAZIONE PTCP REGGIO EMILIA (2007) Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

15 15 Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli DUE QUESTIONI RILEVANTI 1.LA PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA NON E’ IN GRADO, DA SOLA, DI FRONTEGGIARE LA COMPLESSITA’ E VARIABILITA’ DELLE DINAMICHE DI TRASFORMAZIONE, COSI’, COME NON LO SONO LE NORME DI TUTELA E I VINCOLI 2.NON E’ SUFFICIENTE AVERE UN PIANO PAESAGGISTICO BEN FATTO E ATTUARLO CON RIGORE PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DI UN TERRITORIO E PER PRODURRE NUOVI VALORI, IDENTITA’, RIFERIMENTI

16 16Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli DUE PROBLEMI DA RISOLVERE 1. INTEGRARE LE DUE VISIONI DI PAESAGGIO DEFINITE DAL CODICE DEI BENI CULTURALI E DALLA CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO 2.RICOMPORRE IN UNA STRUTTURA LOGICA E FUNZIONALE I CONTENUTI ED I RUOLI ASSEGNATI AI DIVERSI STRUMENTI PER LA TUTELA, GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEL PAESAGGIO

17 17 Paesaggio dinamico / trasformazione continua Paesaggio come intero territorio anche in assenza di specifici valori Paesaggio come strumento dello sviluppo sostenibile Paesaggio definito dalla percezione collettiva dei luoghi Paesaggio interpretato / vissuto dall’interno Integrazione nelle politiche territoriali ed economiche Paesaggio immutabile / immodificabile nel tempo Paesaggio come parti tipizzate o distintive o identitarie Tutela autoriferita dell’aspetto estetico–formale e storicizzato dei luoghi Paesaggio definito dal sapere esperto / istituzionale Paesaggio osservato dall’esterno Separazione della tutela del paesaggio dal governo del territorio (DIVERSE VISIONI) (DIVERSI APPROCCI) TRADIZIONE ITALIANACONVENZIONE EUROPEA TRADIZIONE ITALIANA CONVENZIONE EUROPEA VsVsVsVsVsVs Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

18 18Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli DUE PROBLEMI DA RISOLVERE 1. INTEGRARE LE DUE VISIONI DI PAESAGGIO DEFINITE DAL CODICE DEI BENI CULTURALI E DALLA CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO 2.RICOMPORRE IN UNA STRUTTURA LOGICA E FUNZIONALE I CONTENUTI ED I RUOLI ASSEGNATI AI DIVERSI STRUMENTI PER LA TUTELA, GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEL PAESAGGIO

19 19 INTERPRETAzionePROGETTAzione INFORMAzione SCENARIAMBITI PAESAGGISTICI OSSERVATORIO PTR Obiettivi di qualità SISTEMA VALORI IDENTITARI STRUTTURE E MATRICI DEL PAESAGGIO TEMI e SITUAZIONI (Dimensione STATICA) TRASFORMABILITÀ e TENDENZE (Dimensione DINAMICA) DESCRIZIONI ESPERTE/PERCEZIONE POPOLAZIONI (Dimensione PARTECIPATIVA) Declinazione delle politiche alla scala vasta-provinciale Coordinamento ed integrazione delle politiche e strategie settoriali CONTESTI PAESAGGISTICI Laboratori del Paesaggio Buone pratiche Progetti pilota Linee guida Obiettivi di qualità specifici Strumenti di pianificazione ordinaria Azioni di regolamentazione Progetti integrati Azioni indirette Azioni dirette SCHEMA DI RIFERIMENTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAESAGGIO Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

20 20 Dimensione patrimoniale Dimensione progettuale UN DIVERSO MODELLO DI GESTIONE DEL PAESAGGIO Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli

21 21Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli delineare una “POLITICA PER IL PAESAGGIO” intesa come insieme di obiettivi, azioni, strumenti, progetti e soggetti, in grado di rendere più incisiva e diffusa l’azione paesaggistica finalizzandola al miglioramento del territorio; orientando le trasformazioni verso un progetto consapevole di paesaggio contemporaneo e prospettando processi di sviluppo, condivisi e di qualità, a partire dal riconoscimento del patrimonio identitario regionale e dalla valorizzazione delle specificità locali. LA NECESSITA’ DI AGGIORNAMENTO DELLA DISCIPLINA E DI ADEGUAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA occasione per

22 22 Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli 1. LA REGIONE ESERCITA LE PROPRIE FUNZIONI DI TUTELA, VALORIZZAZIONE E VIGILANZA DEL PAESAGGIO SULLA BASE DI LEGGI E NORME OPERANDO PER UNA POLITICA UNITARIA E CONDIVISA 2. LA POLITICA PER IL PAESAGGIO HA L’OBIETTIVO DI MIGLIORARE LA QUALITÀ DEI PAESAGGI REGIONALI TRAMITE LA SALVAGUARDIA E IL RAFFORZAMENTO DEI VALORI IDENTITARI E LA GESTIONE SOSTENIBILE DEL PAESAGGIO Art. 40 ter (stralci) Compiti della Regione e politica per il paesaggio L. R. 30 NOVEMBRE 2009 “NORME IN MATERIA DI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO”

23 23Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici - Giancarlo Poli LA POLITICA PER IL PAESAGGIO SI SVILUPPA ATTRAVERSO TRE AZIONI PRINCIPALI : Art. 40 ter (stralci) Principi generali per la tutela e valorizzazione del paesaggio TUTELA DEL PAESAGGIO 1.LA TUTELA DEL PAESAGGIO, ATTUATA DAL PTPR, IL QUALE, ASSIEME AGLI ALTRI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE, HA IL COMPITO DI GOVERNARE E INDIRIZZARE LE AZIONI DI TUTELA MEDIANTE LA DEFINIZIONE DELLE REGOLE E DEGLI OBIETTIVI DI QUALITÀ DEL PAESAGGIO REGIONALE VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO 2.LA VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO, ATTRAVERSO PROGETTI DI TUTELA, RECUPERO E VALORIZZAZIONE, FINALIZZATI ALL’ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DELLE POLITICHE DI MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ PAESAGGISTICA FISSATI DAL P.T.P.R. VIGILANZA SUL PAESAGGIO 3.LA VIGILANZA SUL PAESAGGIO, SULL’ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI PAESAGGIO, NONCHE’ IL MONITORAGGIO, MEDIANTE L’OSSERVATORIO REGIONALE PER LA QUALITA’ DEL PAESAGGIO, DELL’ATTUAZIONE DELLA PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA E DELLE TRASFORMAZIONI DEI PAESAGGI REGIONALI L. R. 30 NOVEMBRE 2009 “NORME IN MATERIA DI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO”


Scaricare ppt "ASSESSORATO ALLA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO TERRITORIALE Servizio Valorizzazione e Tutela del Paesaggio e degli Insediamenti Storici POLITICA PER IL PAESAGGIO."

Presentazioni simili


Annunci Google