La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elementi di Psicologia sociale Prof. Barbara Pojaghi

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elementi di Psicologia sociale Prof. Barbara Pojaghi"— Transcript della presentazione:

1 Elementi di Psicologia sociale Prof. Barbara Pojaghi

2 Cos’è la psicologia sociale? Lo studio sistematico dei fenomeni sociali centrato sul comportamento di una collettività organizzataLo studio sistematico dei fenomeni sociali centrato sul comportamento di una collettività organizzata Il rapporto quindi tra dimensione sociale e dimensione individuale nella determinazione di ciò che le persone concretamente pensano e fannoIl rapporto quindi tra dimensione sociale e dimensione individuale nella determinazione di ciò che le persone concretamente pensano e fanno

3 Il compito della psicologia sociale è quello di contribuire insieme ad altre discipline, alla comprensione del comportamento umano, avendo come proprio oggetto di studio una serie di fenomeni specifici che risultano generati dall’intersezione fra processi psicologici e dinamiche sociali

4 COMPORTAMENTISMO J.B.Watson ( ) fonda nel 1913 il comportamentismo negli Stati UnitiJ.B.Watson ( ) fonda nel 1913 il comportamentismo negli Stati Uniti Esclude dal campo di ricerca ogni fattore che non sia oggettivo e misurabile, quindi i sentimenti e i processi mentaliEsclude dal campo di ricerca ogni fattore che non sia oggettivo e misurabile, quindi i sentimenti e i processi mentali Sperimentazione in laboratorioSperimentazione in laboratorio Paradigma S-RParadigma S-R Riflesso Condizionato (Pavlov)Riflesso Condizionato (Pavlov) comportamentismo→neocomportamenticomportamentismo→neocomportamentismo→cognitivismo

5 Cognitivismo Nasce nel 1967 con la pubblicazione di U. Neisser Psicologia cognitivistaNasce nel 1967 con la pubblicazione di U. Neisser Psicologia cognitivista Si contrappone al paradigma S-R del ComportamentismoSi contrappone al paradigma S-R del Comportamentismo Oggetto di studio: la mente umana come elaboratore di informazioniOggetto di studio: la mente umana come elaboratore di informazioni Cibernetica: modelli del funzionamento mentale mutuati dall’informaticaCibernetica: modelli del funzionamento mentale mutuati dall’informatica J. Piaget precursore del cognitivismoJ. Piaget precursore del cognitivismo

6 Psicologia della Gestalt Corrente psicologica che si sviluppa in Germania intorno ai primi del ‘900 ( nel 1912 Wertheimer pubblica la sua ricerca sul movimento stroboscopico)Corrente psicologica che si sviluppa in Germania intorno ai primi del ‘900 ( nel 1912 Wertheimer pubblica la sua ricerca sul movimento stroboscopico) Scuola di Berlino: M. Wertheimer, W. Köhler, J.K. KoffkaScuola di Berlino: M. Wertheimer, W. Köhler, J.K. Koffka Studio della percezione visiva come processo psichico primario della conoscenzaStudio della percezione visiva come processo psichico primario della conoscenza

7 Psicologia della Gestalt Il tutto è qualcosa di diverso dalla somma delle partiIl tutto è qualcosa di diverso dalla somma delle parti Possibile discrepanza tra realtà fisica e realtà fenomenicaPossibile discrepanza tra realtà fisica e realtà fenomenica Realismo ingenuo e realismo criticoRealismo ingenuo e realismo critico

8

9 Kurt Lewin Nasce in Prussia nel 1880Nasce in Prussia nel 1880 Da famiglia ebreaDa famiglia ebrea Si forma a Berlino alla Scuola della GestaltSi forma a Berlino alla Scuola della Gestalt E’ costretto a rifugiarsi Negli Stati Uniti durante le persecuzioni nazisteE’ costretto a rifugiarsi Negli Stati Uniti durante le persecuzioni naziste

10 Elementi principali della ricerca di K. Lewin Il metodo in PsicologiaIl metodo in Psicologia La Teoria del campo psicologicoLa Teoria del campo psicologico Il gruppo e le sue dinamicheIl gruppo e le sue dinamiche La ricerca-azioneLa ricerca-azione

11 IL METODO Da una concezione aristotelica ad una concezione galileiana Concezione aristotelica Opera sulla base di classificazioni dicotomicheOpera sulla base di classificazioni dicotomiche Concettualmente intelligibili i fenomeni ripetibili e frequentiConcettualmente intelligibili i fenomeni ripetibili e frequenti Evento individuale fortuito, irrilevante, senza valore per la scienzaEvento individuale fortuito, irrilevante, senza valore per la scienza Concezione galileiana Opera sulla base di gradazioni continueOpera sulla base di gradazioni continue Concettualmente intelligibili tutti i fenomeni sia rari che frequentiConcettualmente intelligibili tutti i fenomeni sia rari che frequenti Evento indivividuale rilevante, così come l’eccezione come prova contraria interamente validaEvento indivividuale rilevante, così come l’eccezione come prova contraria interamente valida

12 Metodo Rivalutazione del caso individuale come non antitetico al concetto di leggeRivalutazione del caso individuale come non antitetico al concetto di legge Progressivo distanziamento e poi rifiuto dell’ipotesi di poter cogliere l’essenza di un fenomeno isolandolo dagli altriProgressivo distanziamento e poi rifiuto dell’ipotesi di poter cogliere l’essenza di un fenomeno isolandolo dagli altri Importanza che riveste la descrizione delle relazioni tra i vari aspetti di un fenomeno psicologico per la comprensioneImportanza che riveste la descrizione delle relazioni tra i vari aspetti di un fenomeno psicologico per la comprensione METODO DESCRITTIVO O PIUTTOSTO FENOMENOLOGICO

13 METODO Aver presente alla mente che la validità generale della legge e la concretezza del caso individuale non costituiscono delle antitesi. La situazione concreta nel suo insieme deve prendere il posto della raccolta di eventi ripetuti con frequenza ▼ Un fenomeno psicologico va studiato non isolando i singoli aspetti che lo influenzano ma includendoli nell’analisi; le reciproche relazioni tra gli aspetti costituiscono una struttura unitaria ▼ Teoria del campo psicologico

14 Campo psicologico ▼ Totalità di fatti coesistenti nella loro interdipendenza ▼ Spazio di vita ▼ C= f (P,A,)

15

16 Le dinamiche di gruppo Il gruppo è una totalità dinamica in cui, essendo le parti in stretta interdipendenza, un cambiamento di stato in una interessa lo stato di tutte le altreIl gruppo è una totalità dinamica in cui, essendo le parti in stretta interdipendenza, un cambiamento di stato in una interessa lo stato di tutte le altre Concetto di totalitàConcetto di totalità Concetto di dinamicaConcetto di dinamica Concetto di interdipendenzaConcetto di interdipendenza Concetto di equilibrioConcetto di equilibrio

17 Lev S. Vygotskij ( ) Molto importante il rapporto di Vigotskij con il pensiero di K. LewinMolto importante il rapporto di Vigotskij con il pensiero di K. Lewin 1.Lo sviluppo non può essere studiato indipendentemente dalle situazioni educative e di apprendimento da cui ha origine - i processi costitutivi delle funzioni mentali superiori vengono spiegati mediante modelli tripolari che riguardano le interazioni individuo- oggetto-contesto sociale - rottura con le prospettive maturazionistiche

18 Vygotskij 2. L’attività umana è socialmente mediata, è cioè messa in atto e trasformata mediante delle procedure socialmente elaborate (linguaggio/sistemi di segni derivanti da un’eredità storico/culturale 3. Movimento dall’interpsichico all’intrapsichico - Tutte le funzioni superiori hanno le loro origini nelle relazioni reali fra individui umani - Natura sociale del linguaggio e sociogenesi della mente (G. Mead)

19 La conoscenza sociale Le prospettive più significative La prospettiva cognitivista (Social Cognition)La prospettiva cognitivista (Social Cognition) Psicologia socio-culturalePsicologia socio-culturale La prospettiva socio-costruttivistaLa prospettiva socio-costruttivista

20 Social Cognition studia -Come si strutturano gli elementi cognitivi, come sono utilizzati dall’individuo nella vita quotidiana e come avviene la loro evoluzione -Alcuni elementi propri del processo di elaborazione della mente (schemi percettivi, memoria, organizzazioni categoriali, euristiche) propone - Un uomo mosso da istanze cognitive che usa strategie tese ad economizzare le energie della mente per controllare la realtà

21 Social Cognition -ritiene la psicologia sociale un’estensione della psicologia generale -è totalmente indifferente all’ambiente inteso come sociale organizzato in rapporti significativi e progetti d’azione guidati da idee e credenze -all’ambiente non viene riconosciuta alcuna partecipazione nei processi di costruzione della conoscenza

22 Prospettiva socio-culturale Trae origine dalla scuola storico/culturale russaTrae origine dalla scuola storico/culturale russa(Vygotskij) La mente è creata in e attaverso il medium dellaLa mente è creata in e attaverso il medium dellaCULTURA Interdipendenza traInterdipendenza tra –sistemi culturali –funzionamento psicologico MENTE E CULTURA SI COSTRUISCONO RECIPROCAMENTE

23 CULTURA (Zingarelli)CULTURA (Zingarelli) “Complesso di cognizioni, tradizioni, procedimenti tecnici, tipi di comportamenti e simili, trasmessi ed usati sistematicamente, caratteristico di un dato gruppo sociale, di un popolo, di un gruppo di popoli e dell’intera umanità”

24 Prospettiva socio-culturale Adottare la prospettiva culturale significa pensare al sociale come all’intreccio di interazioni tra individui, ma anche come all’ordine simbolico – la cultura – che tiene insieme gli individui in un certo modo, che fa sì che essi abbiano obiettivi, risorse, modi di concepire il mondo e gli altri comprensibili e condivisi (Mantovani G., 1996, p.20)

25 CULTURA 1.Non un contesto in cui … (contesto = qualcosa che sta attorno/che sta fuori/che può essere separata), ma un medium, ciò che si intreccia. È il luogo in cui le relazioni psicologiche e sociali si verificano 2.Culture come sistemi dinamici e aperti (non come entità globali e uniformi) 3.La cultura è la fonte della maggior parte delle rappresentazioni condivise e delle procedure mediante cui pensiamo; non sono costruzioni individuali, sono costruite collettivamente e mantenute in maniera condivisa

26 Socio-costruttivismo  Interazionismo simbolico (rapporti e confini tra psicologia – psicologia sociale – sociologia) gli esseri umani agiscono sugli oggetti sulla base del significato che gli attribuiscono Tale significato è il prodotto dell’interazione fra individui I significati si modificano in un processo incessante di interpretazione dei dati di realtà  Lev S. Vygotskij, George Mead, William James, Charles Cooley

27 Socio- costruttivismo  Psicologia sociale sociologica  Paradigma socio-costruttivismo centrato su Processi di costruzione sociale della conoscenza nell’ambito delle interazioni e degli scambi comunicativi (Gergen) Henri Tajfel, Serge Moscovici, Harré Augusto Palmonari, Willem Doise

28 Stereotipo -insieme delle caratteristiche che si associano a una certa categoria di oggetti -Insieme coerente e abbastanza rigido di credenze negative che un certo gruppo condivide rispetto a un altro gruppo o categoria sociale 3 variabili -Condivisione sociale -Generalizzazione -rigidità NUCLEO COGNITIVO DEL PREGIUDIZIO

29 Pregiudizio Il pregiudizio viene definito come la tendenza a pensare (o ad agire) in modo sfavorevole nei confronti di un gruppo; tale disposizione sfavorevole poggia sulla convinzione che quel gruppo o categoria possieda in maniera abbastanza omogenea tratti che si giudicano negativi

30 Lo stereotipo etnico Nel razzismo nazifascista verso gli ebrei (gli ebrei sono avidi ed avari - Sam è ebreo quindi è …..) Razzismo americano verso la popolazione nera (i neri, anzi i negri, sono poco affidabili e pigri – Sam è nero quindi è …)

31 Attualmente, in un clima politically correct il pregiudizio ha assunto forme più mascherate ma è sempre vivo (specialmente verso l’universo tutto degli extracomunitari) Oltre al pregiudizio etnico Verso le donne/verso gli omosessuali Verso gli italiani Verso i meridionali

32 Stereotipi e pregiudizi 1.Livello di specificità di questi due concetti 2.Nocciolo di verità/esagerazione generalizzazione 3.Rapporto tra stereotipi e pregiudizi in quanto fenomeni psicoculturali e il complesso delle variabili di tipo sociale, economico,storico e politico

33 Stereotipo e pregiudizio da una concettualizzazione individualizzante, che interpreta stereotipo e pregiudizio come un problema del funzionamento mentale dell’individuo a una posizione che considera centrali la cultura dei gruppi sociali e, al suo interno, le relazioni fra i gruppi Da una patologia del pensiero a giudizio erroneo e irrazionale, presa di posizione collettiva


Scaricare ppt "Elementi di Psicologia sociale Prof. Barbara Pojaghi"

Presentazioni simili


Annunci Google