La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2009 - Rag. Mario Frascarelli - 1 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche Parte I La mutualità.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2009 - Rag. Mario Frascarelli - 1 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche Parte I La mutualità."— Transcript della presentazione:

1 Rag. Mario Frascarelli - 1 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche Parte I La mutualità

2 Rag. Mario Frascarelli - 2 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. (Art. 45 Cost.) Scopo mutualistico Lo scopo prevalentemente mutualistico delle cooperative consiste nel fornire beni o servizi od occasioni di lavoro direttamente ai membri dell’organizzazione a condizioni più vantaggiose di quelle che otterrebbero dal mercato.

3 Rag. Mario Frascarelli - 3 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche Art Società cooperative Art Cooperativa a mutualità prevalente Art Criteri per la definizione della prevalenza Decreto sui regimi derogatori 30/12/2005 Art Requisiti delle cooperative a mutualità prevalente La mutualità

4 Rag. Mario Frascarelli - 4 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità IL GRADO MUTUALISTICO Mutualità esclusiva Cooperative che intrattengono rapporti esclusivamente con i soci Mutualità prevalente Cooperative che intrattengono rapporti in prevalenza con i soci Mutualità diversa (non prevalente) Cooperative che intrattengono rapporti in prevalenza con i terzi

5 Rag. Mario Frascarelli - 5 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità I BENEFICIARI DELLA MUTUALITA’ Soci Mutualità interna Enti e organismi di sistema Mutualità esterna Collettività Mutualità esterna

6 Rag. Mario Frascarelli - 6 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità LA MUTUALITA’ INTERNA Cooperative di consumo utenza e servizi Offrire ai soci beni e servizi a prezzi più vantaggiosi rispetto a quelli del mercato Cooperative di produzione e lavoro Offrire ai soci migliori occasioni di lavoro rispetto a quelle del mercato Cooperative di conferimento Remunerare al meglio i beni conferiti e i servizi prestati dai soci

7 Rag. Mario Frascarelli - 7 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità GLI EFFETTI MUTUALISTICI A FAVORE DEI SOCI Valorizzazione del rapporto di scambio mutualistico Vantaggi economico patrimoniali Partecipazione attiva nell’impresa sociale

8 Rag. Mario Frascarelli - 8 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità I SEGNI DISTINTIVI Il principio generale di definizione delle società cooperative La prevalenza mutualist ica Le clausole mutualistiche La denominazione sociale Il principio di parità di trattamento I ristorni

9 Rag. Mario Frascarelli - 9 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – La prevalenza La cooperativa è a mutualità prevalente se possiede due tipologie di requisiti essenziali: Requisiti statutari Art cod. civ. Requisiti gestionali Condizioni generali di prevalenza (art. 2512); Rispetto dei parametri (art. 2513).

10 Rag. Mario Frascarelli - 10 Cooperative a mutualità prevalente – art c.c. Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità Sono società cooperative a mutualità prevalente, in ragione del tipo di scambio mutualistico, quelle che: 1) svolgono la loro attività prevalentemente in favore dei soci, consumatori o utenti di beni o servizi; 2) si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento della loro attività, delle prestazioni lavorative dei soci; 3) si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento della loro attività, degli apporti di beni o servizi da parte dei soci. Le società cooperative a mutualità prevalente si iscrivono in un apposito albo, presso il quale depositano annualmente i propri bilanci.

11 Rag. Mario Frascarelli - 11 Criteri per la definizione della prevalenza – art c.c. Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità Gli amministratori e i sindaci documentano la condizione di prevalenza nella nota integrativa al bilancio, evidenziando contabilmente i seguenti parametri: a) i ricavi dalle vendite dei beni e dalle prestazioni di servizi verso i soci sono superiori al 50% del totale dei ricavi delle vendite e delle prestazioni ai sensi dell'art. 2425, c. 1, punto A1 b) il costo del lavoro dei soci è superiore al 50% del totale del costo del lavoro di cui all'arti. 2425, c. 1, punto B9 computate le altre forme di lavoro inerenti lo scopo mutualistico; c) il costo della produzione per servizi ricevuti dai soci ovvero per beni conferiti dai soci è rispettivamente superiore al 50% del totale dei costi dei servizi di cui all'art. 2425, c. 1, punto B7, ovvero al costo delle merci o materie prime acquistate o conferite, di cui all'art. 2425, c. 1, punto B6. Quando si realizzano contestualmente più tipi di scambio mutualistico, la condizione di prevalenza è documentata facendo riferimento alla media ponderata delle percentuali delle lettere precedenti. Nelle cooperative agricole la condizione di prevalenza sussiste quando la quantità o il valore dei prodotti conferiti dai soci è superiore al cinquanta per cento della quantità o del valore totale dei prodotti.

12 Rag. Mario Frascarelli - 12 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità Criteri per la definizione della prevalenza – Decreto derogatorio (1) Cooperative di lavoro e miste Non si computa, ai fini del calcolo di prevalenza di cui all'art c.c., il costo del lavoro delle unità lavorative non socie assunte in forza di obbligo di legge o di contratto collettivo nazionale di lavoro o di convenzione con la pubblica amministrazione, né il costo del lavoro delle unità lavorative che per espressa disposizione di legge non possono acquisire la qualità di socio della cooperativa. Non si computa, altresì, il costo del lavoro delle unità lavorative non socie di nazionalità straniera impiegate in attività svolte dalla cooperativa fuori dai confini della Repubblica italiana. Cooperative per la produzione e la distribuzione di energia elettrica Non si computano tra i ricavi i corrispettivi derivanti dalla prestazione del servizio di fornitura di energia in base a rapporti obbligatori imposti.

13 Rag. Mario Frascarelli - 13 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità Criteri per la definizione della prevalenza – Decreto derogatorio (2) Cooperative agricole di allevamento e di conduzione Nelle cooperative di allevamento la condizione di prevalenza è rispettata quando dai terreni dei soci e delle cooperative sono ottenibili almeno un quarto dei mangimi necessari per l'allevamento stesso. Nelle cooperative agricole per la conduzione associata di terreni, la condizione di prevalenza è rispettata quando l'estensione dei terreni coltivati dai soci supera il 50% dell'estensione totale dei terreni condotti dalla cooperativa. Enti di formazione costituiti in forma cooperativa Non si computano, ai fini del calcolo del requisito della prevalenza mutualistica di cui all'art c.c., i finanziamenti erogati da pubbliche amministrazioni per lo svolgimento di attività di formazione in favore di utenti terzi. Cooperative per il commercio equo e solidale Sono considerate a mutualità prevalente indipendentemente dall'effettivo possesso dei requisiti di cui all'art c.c., le cooperative che operano prevalentemente nei settori di particolare rilevanza sociale, quali le attività di commercio equo e solidale. Per attività di commercio equo e solidale si intende la vendita, effettuata anche con l'impiego di attività volontaria dei soci della cooperativa, di prodotti che le cooperative o loro consorzi acquistano direttamente da imprese di Stati in via di sviluppo o da cooperative sociali di tipo b) ai sensi della legge 8 novembre 1991, n. 381 con garanzia di pagamento di un prezzo minimo indipendentemente dalle normali fluttuazioni delle condizioni di mercato.

14 Rag. Mario Frascarelli - 14 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità Criteri per la definizione della prevalenza – Decreto derogatorio (3) Società finanziarie Le società finanziarie, costituite in forma cooperativa ai sensi della legge 27 febbraio 1985, n. 49 e successive modificazioni ed integrazioni, sono considerate cooperative a mutualità prevalente qualora rispettino i requisiti di cui all'art del codice civile. Cooperative giornalistiche Nelle cooperative giornalistiche di cui alla legge 5 agosto 1981, n. 416 non si computa il costo del lavoro dei soggetti con i quali la cooperativa instaura, nei limiti e alle condizioni previste da disposizioni di legge, rapporti di lavoro occasionale. Cooperative di consumo operanti nei territori montani Le cooperative di consumo operanti esclusivamente nei comuni montani, come individuati dalla legislazione vigente e con popolazione non superiore a abitanti, si intendono a mutualità prevalente.

15 Rag. Mario Frascarelli - 15 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità Criteri per la definizione della prevalenza – Decreto derogatorio (4) Calamità naturali Nei casi in cui la cooperativa perda la condizione di prevalenza di cui all'art del codice civile a causa di calamità naturali o avversità atmosferiche di carattere eccezionale, dichiarate dalle autorità competenti, che abbiano provocato danni alle culture, alle infrastrutture e agli impianti produttivi, il periodo relativo ai due esercizi previsto dal comma 1 dell'art octies inizia a decorrere dal venir meno degli effetti degli eventi medesimi. Soci di enti giuridici Ai fini del calcolo della prevalenza di cui all'art. 2513, comma 1, lettera a), tra le cessioni di beni e prestazioni di servizi verso soci sono ricomprese quelle effettuate nei confronti di persone fisiche socie di enti giuridici aventi la qualità di soci della cooperativa. Cooperative di editori che gestiscono agenzie giornalistiche I ricavi derivanti dalle prestazioni di servizi di informazione sono assimilabili a quelli provenienti dall'attività con i soci, quando derivano dallo svolgimento di attività con le pubbliche amministrazioni per le quali il corrispettivo sia espressamente determinato in misura pari ai costi sostenuti per la produzione dei servizi medesimi o si riferisca a servizi acquistati, ai sensi dell'art. 55 comma 24, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per soddisfare l'interesse pubblico connesso alle esigenze istituzionali di informazione.

16 Rag. Mario Frascarelli - 16 Requisiti delle cooperative a mutualità prevalente – art c.c. Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità Le cooperative a mutualità prevalente devono prevedere nei propri statuti: a)il divieto di distribuire i dividendi in misura superiore all'interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato; b)il divieto di remunerare gli strumenti finanziari offerti in sottoscrizione ai soci cooperatori in misura superiore a due punti rispetto al limite massimo previsto per i dividendi; c)il divieto di distribuire le riserve fra i soci cooperatori; d)l'obbligo di devoluzione, in caso di scioglimento della società, dell'intero patrimonio sociale, dedotto soltanto il capitale sociale e i dividendi eventualmente maturati, ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione. Le cooperative deliberano l'introduzione e la soppressione delle clausole di cui al comma precedente con le maggioranze previste per l'assemblea straordinaria.

17 Rag. Mario Frascarelli - 17 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – La prevalenza Accertamento delle condizioni di prevalenza La prevalenza mutualistica è accertata sulla scorta dei requisiti statutari ex art cod. civ. e in base ai criteri e ai parametri previsti negli artt. 2512, Verificate le previsioni statutarie e la loro rispondenza alla realtà si procede al calcolo dei parametri in base all'art cod. civ. e al decreto derogatorio 30 dicembre 2005.

18 Rag. Mario Frascarelli - 18 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – La prevalenza FARE ATTENZIONE Il decreto derogatorio può influenzare i valori presi a base per calcolo della prevalenza mutualistica; pertanto per stabilire la ricorrenza della prevalenza occorre: individuare le voci di bilancio richiamate dall'art a seconda del gruppo cui la cooperativa appartiene; individuare i valori delle voci indicate nel decreto derogatorio; rettificare il valore delle voci richiamate dall'art I valori presi a base per il calcolo dei parametri devono risultare comprensivi dei valori dei ristorni attribuiti ai soci in base al rapporto di scambio mutualistico.

19 Rag. Mario Frascarelli - 19 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

20 Rag. Mario Frascarelli - 20 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

21 Rag. Mario Frascarelli - 21 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

22 Rag. Mario Frascarelli - 22 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

23 Rag. Mario Frascarelli - 23 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

24 Rag. Mario Frascarelli - 24 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

25 Rag. Mario Frascarelli - 25 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

26 Rag. Mario Frascarelli - 26 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza Informativa delle condizioni di cooperativa a mutualità prevalente A norma dell’art cod. civ., gli amministratori e i sindaci documentano la condizione di prevalenza mutualistica nella nota integrativa al bilancio Contenuti essenziali:  la qualificazione della cooperativa (a mutualità prevalente o a mutualità diversa;  una sintetica descrizione del rapporto di scambio mutualistico con i soci e l’oggetto dello scambio;  l’allocazione contabile (di bilancio) del rapporto di scambio mutualistico;  i valori richiesti dall’art cod. civ. in relazione al calcolo della prevalenza mutualistica.  riferimenti (eventuali) al decreto derogatorio

27 Rag. Mario Frascarelli - 27 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

28 Rag. Mario Frascarelli - 28 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

29 Rag. Mario Frascarelli - 29 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

30 Rag. Mario Frascarelli - 30 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Verifica della prevalenza

31 Rag. Mario Frascarelli - 31 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Perdita della prevalenza – art octes c.c. La qualifica di cooperativa a mutualità prevalente è persa quando: per due esercizi consecutivi non sia rispettata la condizione di prevalenza prevista nell’art. 2513; OVVERO siano modificate le previsioni statutarie rispetto ai requisiti di cui all’art In questo caso, sentito il parere del revisore esterno, ove presente, gli amministratori devono redigere un apposito bilancio, da notificarsi entro sessanta giorni dalla approvazione al Ministero delle attività produttive, al fine di determinare il valore effettivo dell'attivo patrimoniale da imputare alle riserve indivisibili. Il bilancio deve essere verificato senza rilievi da una società di revisione. (Art octies u.c.)

32 Rag. Mario Frascarelli - 32 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Perdita della prevalenza – art octes c.c. Effetti civilistici  Divieto di distribuzione del patrimonio netto mutualistico rilevato col bilancio straordinario.  In caso di perdita della prevalenza per esplicita volontà dell’assemblea obbligo di versamento del netto mutualistico ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione (circolare MAP).  Possibilità di ripartire utili e riserve conseguiti in regime di non prevalenza. Effetti tributari  Perdita delle agevolazioni; determinazione del reddito, calcolo delle imposte e versamento in base alla disciplina generale Ires  Possibilità di fruire di affrancamento da Ires nella misura del 20% dell’utile a condizione che lo stesso sia destinato a RISERVA INDIVISIBILE

33 Rag. Mario Frascarelli - 33 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Perdita della prevalenza – art octes c.c. Decorrenza degli effetti Per mancato rispetto dei parametri Dal 2° esercizio consecutivo di non prevalenza. Per soppressione volontaria delle clausole mutualistiche Dall’esercizio in cui è stata adottata la delibera assembleare. Data di riferimento del bilancio straordinario Per mancato rispetto dei parametri Data di chiusura del 2° esercizio consecutivo Per soppressione volontaria delle clausole mutualistiche Data di iscrizione della delibera nel registro delle imprese

34 Rag. Mario Frascarelli - 34 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche La mutualità – Rientro nel regime di prevalenza Decorrenza degli effetti Per mancato rispetto dei parametri Dall’esercizio di rispetto dei parametri mutualistici Per reinserimento volontario delle clausole mutualistiche Dall’esercizio in cui è stata adottata la delibera assembleare.


Scaricare ppt "2009 - Rag. Mario Frascarelli - 1 Le società cooperative – Disposizioni civilistiche Parte I La mutualità."

Presentazioni simili


Annunci Google