La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore 2009."— Transcript della presentazione:

1 1Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore 2009

2 Gerard Tortora, Brian Derrickson Conosciamo il corpo umano

3 3Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore 2009 Capitolo 1 L’organizzazione del corpo umano 1.Che cosa sono l’anatomia e la fisiologia 2.I livelli di organizzazione e gli apparati del corpo 3.I processi della vita 4.L’omeostasi: mantenere costanti le condizioni del corpo 5.I termini dell’anatomia 6.Le cavità corporee 7.La chimica di base del corpo umano 8.I composti organici nei processi della vita 9.Il lavoro degli enzimi

4 4Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore CHE COSA SONO L’ANATOMIA E LA FISIOLOGIA L’anatomia e la fisiologia sono fondamentali per comprendere le strutture e le funzioni del corpo umano. L’anatomia è la scienza che studia la struttura di un corpo e le relazioni tra le sue parti. La fisiologia è la scienza che studia come funzionano le parti di un organismo.

5 5Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE E GLI APPARATI DEL CORPO 1.Livello della chimica (o molecolare): include gli atomi e le molecole. 2.Livello cellulare: le cellule sono le unità strutturali e funzionali di base dell’organismo. 3.Livello dei tessuti: i tessuti sono costituiti da gruppi di cellule che svolgono una funzione particolare.

6 6Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE E GLI APPARATI DEL CORPO 4. Livello degli organi: i diversi tipi di tessuti si uniscono a formare gli organi. 5. Livello dei sistemi e degli apparati: i sistemi sono costituiti da organi con la medesima origine embriologica; gli apparati possono avere struttura o derivazione embriologica diversa. 6. Livello dell’organismo.

7 7Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE E GLI APPARATI DEL CORPO

8 8Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I PROCESSI DELLA VITA 1.Il metabolismo: l’insieme di tutti i processi chimici che avvengono nel corpo, tra cui la scissione di molecole grandi e complesse e la loro sintesi a partire da molecole più semplici. 2.La reattività: la capacità di rilevare e di rispondere ai cambiamenti dell’ambiente interno ed esterno. 3.Il movimento: include gli spostamenti di tutto il corpo, compresi gli organi, le cellule e gli organuli cellulari.

9 9Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I PROCESSI DELLA VITA 4. L’accrescimento: l’aumento delle dimensioni corporee. 5.La differenziazione: il processo per cui le cellule indifferenziate si specializzano. 6.La riproduzione: intesa come sintesi di nuove cellule e come generazione di un nuovo individuo.

10 10Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore L’OMEOSTASI: MANTENERE COSTANTI LE CONDIZIONI DEL CORPO L’omeostasi garantisce il mantenimento delle condizioni di stabilità necessarie per il corretto funzionamento cellulare; interviene per ripristinare tali condizioni di stabilità controbilanciando i cambiamenti interni ed esterni; varia entro un ristretto ambito compatibile con i processi vitali delle cellule.

11 11Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore L’OMEOSTASI: MANTENERE COSTANTI LE CONDIZIONI DEL CORPO Esistono sistemi di retroazione o a feed-back che consentono il mantenimento dell’omeostasi. Essi sono rappresentati da un ciclo di eventi in cui una data condizione del corpo viene costantemente monitorata, valutata, modificata e monitorata nuovamente. In tal modo si crea una condizione controllata che, però, può essere perturbata in qualsiasi momento da uno stimolo.

12 12Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore L’OMEOSTASI: MANTENERE COSTANTI LE CONDIZIONI DEL CORPO Un sistema di feed-back è costituito da: recettore: struttura che rileva i cambiamenti che avvengono in una condizione controllata e invia tale informazione o input a un centro di controllo. centro di controllo: valuta l’input ricevuto e invia comandi in uscita (output) all’effettore per il ripristino della condizione controllata. effettore: struttura che riceve l’output e produce una risposta che modifica la condizione controllata.

13 13Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore L’OMEOSTASI: MANTENERE COSTANTI LE CONDIZIONI DEL CORPO

14 14Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore L’OMEOSTASI: MANTENERE COSTANTI LE CONDIZIONI DEL CORPO I sistemi di retroazione possono essere a retroazione positiva, se il cambiamento prodotto in una condizione controllata viene rafforzato, a retroazione negativa, se il cambiamento prodotto in una condizione controllata viene invertito.

15 15Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore L’OMEOSTASI: MANTENERE COSTANTI LE CONDIZIONI DEL CORPO

16 16Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore L’OMEOSTASI: MANTENERE COSTANTI LE CONDIZIONI DEL CORPO In caso di uno squilibrio dell’omeostasi si possono produrre un disturbo o una malattia. Disturbo: qualsiasi deviazione dalla norma riscontrabile in una struttura e/o in una funzione. Malattia: un disturbo contraddistinto da sintomi e segnali riconoscibili.

17 17Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I TERMINI DELL’ANATOMIA Il linguaggio dell’anatomia e della fisiologia è molto preciso per cui è necessario l’utilizzo di una terminologia standard che consenta la collocazione inequivocabile di ciascuna parte del corpo e dei suoi collegamenti.

18 18Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I TERMINI DELL’ANATOMIA Il corpo umano è diviso convenzionalmente in: testa; collo; tronco; arti superiori; arti inferiori.

19 19Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I TERMINI DELL’ANATOMIA Le parti del corpo sono divise in 4 piani principali.

20 20Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LE CAVITÀ CORPOREE Sono gli spazi interni al corpo che contengono, proteggono, separano e sostengono gli organi.

21 21Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LE CAVITÀ CORPOREE

22 22Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LA CHIMICA DI BASE DEL CORPO UMANO Ione: un atomo che abbia ceduto o acquistato uno o più elettroni. Molecola: combinazione di due o più atomi che condividono i propri elettroni. Composto: sostanza contenente atomi di due o più elementi diversi. Radicale libero: ione o molecola dotato di carica con un elettrone spaiato nel guscio più esterno.

23 23Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LA CHIMICA DI BASE DEL CORPO UMANO Energia chimica: forma di energia utilizzabile immagazzinata nei legami delle molecole.

24 24Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LA CHIMICA DI BASE DEL CORPO UMANO Anabolismo: reazioni di sintesi che avvengono all’interno del corpo. Catabolismo: reazioni di scomposizione che hanno luogo nell’organismo. METABOLISMO +

25 25Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LA CHIMICA DI BASE DEL CORPO UMANO Acido sostanza che sciogliendosi in acqua rilascia uno o più ioni idrogeno (H + ). Base sostanza che sciogliendosi in acqua rilascia uno o più ioni idrossido (OH - ). Sali che sciogliendosi in acqua rilasciano anioni e cationi. +

26 26Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LA CHIMICA DI BASE DEL CORPO UMANO L’omeostasi mantiene il pH del sangue tra 7,35 e 7,45.

27 27Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore LA CHIMICA DI BASE DEL CORPO UMANO I composti inorganici sono generalmente privi di carbonio, con struttura semplice, uniti da legami ionici e covalenti. I composti organici contengono sempre carbonio, spesso idrogeno e hanno sempre legami covalenti.

28 28Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA carboidrati; lipidi; proteine; acidi nucleici; ATP.

29 29Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA I carboidrati in base alle dimensioni si distinguono in monosaccaridi, disaccaridi, polisaccaridi.

30 30Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA I lipidi contengono sempre carbonio, idrogeno e ossigeno, ma con meno legami covalenti rispetto ai carboidrati. Si distinguono in trigliceridi (grassi e oli), fosfolipidi, steroidi.

31 31Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA proteine amminoacidi peptide polipeptide denaturazione

32 32Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA

33 33Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA Gli acidi nucleici (DNA e RNA) sono costituiti da una base azotata, uno zucchero, un gruppo fosfato.

34 34Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA

35 35Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA L’RNA (acido ribonucleico) è costituito da una base azotata (adenina, guanina, citosina e uracile), e dallo zucchero ribosio. Ha un singolo filamento.

36 36Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore I COMPOSTI ORGANICI NEI PROCESSI DELLA VITA L’adenosintrifosfato (ATP) è la molecola usata per trasferire energia dalle cellule.

37 37Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore IL LAVORO DEGLI ENZIMI Gli enzimi sono proteine utilizzate dalle cellule per accelerare e ottimizzare le reazioni che avvengono al loro interno.

38 38Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore IL LAVORO DEGLI ENZIMI 1.Specificità: ogni enzima catalizza (cioè orienta e accelera) una determinata reazione che coinvolge specifici substrati e dà origine a specifici prodotti. 2.Efficienza: in condizioni ottimali un enzima può accelerare una reazione fino a miliardi di volte. 3.Controllo: la velocità di sintesi e la concentrazione degli enzimi sono costantemente monitorate dai geni della cellula.

39 39Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore IL LAVORO DEGLI ENZIMI


Scaricare ppt "1Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google