La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LECONOMIA CURTENSE E IL MONACHESIMO CAPITOLO TERZO PP.77-92.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LECONOMIA CURTENSE E IL MONACHESIMO CAPITOLO TERZO PP.77-92."— Transcript della presentazione:

1 LECONOMIA CURTENSE E IL MONACHESIMO CAPITOLO TERZO PP.77-92

2 IV-V secolo: due secoli di radicali trasformazioni 375: invasione dell Europa orientale da parte degli unni 375: invasione dell Europa orientale da parte degli unni 376: migrazione dei visigoti verso i Balcani 376: migrazione dei visigoti verso i Balcani : vandali, burgundi e alani oltre il Reno : vandali, burgundi e alani oltre il Reno 409: svevi in Spagna 409: svevi in Spagna : migrazione dei vandali in Africa : migrazione dei vandali in Africa V secolo: ostrogoti in Italia; franchi e visigoti in Gallia, visigoti in Spagna; angli, juti e sassoni in Britannia. V secolo: ostrogoti in Italia; franchi e visigoti in Gallia, visigoti in Spagna; angli, juti e sassoni in Britannia. I movimenti dei popoli del nord modificano profondamente la struttura etnica e geopolitica dellEuropa. Dall impero diviso (395) … … ai regni romano germanici (VI sec.)

3 Crollo demografico: tra il VI e il VII secolo, si riduce del % il numero di uomini e donne. Laccelerazione della crisi Disordini sociali Disordini sociali Pestilenze Pestilenze Guerre Guerre Tramonto dellimpero doccidente Tramonto dellimpero doccidente Degrado dellambiente: estensione di selva selva palude palude incolto incolto Rovina della piccola proprietà; Rovina della piccola proprietà; asservimento della popolazione asservimento della popolazione Spostamento della popolazione, del potere politico ed economico dalle città alle grandi proprietà terriere (le villae ) Diminuzione del numero degli abitanti e dell estensione delle città

4 La decadenza delle città Il fenomeno della contrazione della popolazione e della superficie urbana si verifica in Occidente, non in Oriente. Il grafico mette a confronto la superficie di tre città dellEuropa continentale rispetto alla capitale dellimpero romano dOriente, Costantinopoli. Queste erano le proporzioni nel X secolo. Lenorme divario dà unidea di quale fosse lo stato di decadenza delle città europee nellAlto medioevo. Il grafico mette a confronto la superficie di tre città dellEuropa continentale rispetto alla capitale dellimpero romano dOriente, Costantinopoli. Queste erano le proporzioni nel X secolo. Lenorme divario dà unidea di quale fosse lo stato di decadenza delle città europee nellAlto medioevo.

5 Uneconomia stagnante Contrazione dei mercati e delleconomia monetaria Autosufficienza economica Economia delle villae del VII-IX secolo (economia della curtis ) Tecnologia poco sviluppata e incapace di rinnovarsiTecnologia poco sviluppata e incapace di rinnovarsi Livelli produttivi minimi e finalizzati alla sussistenzaLivelli produttivi minimi e finalizzati alla sussistenza

6 La curtis Divisione della terra in: pars dominica pars dominica pars massaricia pars massaricia Evoluzione della condizione del lavoratore della terra: da schiavo a servo Prestazioni al signore: in natura corvées in denaro

7 La signoria territoriale e la formazione della servitù nellAlto Medioevo servi signore protezioneobblighi e corvé schiavi coloniliberi manomissione (emancipazione dalla schiavitù) accomandare (atto con cui un uomo si affida alla protezione di un altro uomo)

8 IL POTERE DI BANNO All'interno della propria signoria il signore deteneva il BANNO, una parola di origine germanica che significava "proclama" e che gli concedeva di "proclamare" ciò che più gli piaceva dandogli su tutti potere di vita e di morte. In cambio il suo onore gli imponeva la PROTEZIONE della propria gente da tutti i pericoli dell' epoca: invasori, cavalieri di altri feudi in cerca di bottino da razziare, lupi, cinghiali e altre minacce che richiedessero l'intervento di uomini bene armati e bene addestrati. Questa protezione implicava una serie di obblighi per i massari, come per esempio partecipare alla difesa del castello in occasione di un assedio o trasportare viveri e macchine da guerra. In più, oltre all'affitto sulla terra che coltivavano, dovevano pagare i diritti di banno per utilizzare le attrezzature della parte dominica (ripatico, focatico…). Dovevano anche sottostare alla TAGLIA, cioè al diritto con cui il signore poteva recarsi nella loro fattoria e requisire ciò che preferiva: grano, vino, un maiale e persino un figlio o una figlia. Le punizioni per chi non rispettava il banno erano molto severe.

9 Il MONACHESIMO

10 MONACHESIMO: ORIENTALE: -scelta di tipo personale; -totale rifiuto del mondo; -prime forme in Egitto tra III e IV sec. d.C.: EREMITI OCCIDENTALE: - inizialmente eremiti, poi cenobiti; -vita comunitaria: monasteri IRLANDA: - 1° paese esterno al mondo romano a convertirsi (S. Patrizio); -vita comunitaria; -abati con potere sul territorio.

11 SAN BENEDETTO DA NORCIA San Benedetto nasce a Norcia intorno al 480. Dopo i primi studi, crea una comunità con un gruppo di sacerdoti, poi si ritira in una grotta presso Subiaco, dove inizia una vita eremitica. I suoi primi novizi sono Mauro e Placido; quando i monaci diventano dodici decide di organizzare dodici monasteri da affidare loro, ognuno con dodici monaci. Egli raccoglie in un tredicesimo monastero i novizi più bisognosi. Tra il 525 e il 529 fonda, sullaltura di Cassino, il monastero di Montecassino. Muore il 21 marzo del 547, mentre è in preghiera dopo aver ricevuto lEucaristia.

12 IL MONASTERO DI MONTECASSINO

13 IMPORTANZA RELIGIOSA IMPORTANZA CULTURALE IMPORTANZA SOCIALE IL MONACHESIMO BENEDETTINO

14 Importanza religiosa Il Monachesimo ebbe grande rilevanza per: L evangelizzazione La testimonianza di vita cristiana dei monaci La preghiera

15 Importanza culturale Trasmissione della cultura greca e latina. Grande impulso alle scienze mediche attraverso lo studio dell erboristeria. scienze mediche scienze mediche Introduzione del minuscolo carolingio. minuscolo carolingio.minuscolo carolingio. Invenzione dell antecedente del rigo musicale, dando vita al canto gregoriano canto gregorianocanto gregoriano

16 Lo Scriptorium Uno dei luoghi più importanti del monastero era lo scriptorium. Era di solito un vasto ambiente esposto a sud e con molte vetrate per godere di tutta la luce possibile. Gli amanuensi trascrivevano i testi sacri ma anche opere di grandi autori latini e greci. San Benedetto voleva che i suoi monaci sapessero leggere e scrivere (cosa a quel tempo molto rara), per poter studiare e meditare la parola di Dio..

17 Il minuscolo carolingio

18 L antecedente del rigo musicale

19 Importanza sociale Importanza sociale Grande impulso all agricoltura e all economia. Bonifica di vasti territori. Costruzione di ospedali e scuole.

20 LA REGOLA La Regola Benedettina, dettata nel 534, è formata da un Prologo, che definisce i principi della vita religiosa, e 73 capitoli, riferiti ai doveri dell Abate, all adorazione di Dio, alla disciplina nel monastero ed alla sua amministrazione. San Benedetto organizza la vita monastica intorno a quattro grandi assi portanti che permettono di fare fronte alle tentazioni impegnando continuamente ed in vario modo il monaco: ORA ET LABORA 1. preghiera comune 2. preghiera personale 3. studio 4. lavoro

21 LA GIORNATA DEL MONACO

22 Un monastero è un edificio comune dove vive una comunità di monaci, sotto l'autorità di un abate. IL MONASTERO

23 CHIESA: solitamente domina in altezza il resto dell abbazia e la sua ricchezza indica l importanza dell ufficio divino nella vita del monaco. CHIOSTRO: dal latino claustrum luogo chiuso, è il luogo deputato alla meditazione. È sempre circondato da colonne e pilastri e si trova al centro della struttura. CAPITOLO: è il locale deputato alle riunioni della comunità monastica. Altri luoghi del monastero: -BIBLIOTECA; -SCUOLA; -NOVIZIATO; -LABORATORI; -REFETTORIO; -CUCINA; -DORMITORIO; -CIMITERO; -FORESTERIA; -INFERMERIA.


Scaricare ppt "LECONOMIA CURTENSE E IL MONACHESIMO CAPITOLO TERZO PP.77-92."

Presentazioni simili


Annunci Google