La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come cambia un software quando cambia l’utenza per cui si progetta Aziz Rouame - GLIC e Ausilioteca ASL, Bologna - Ivana Sacchi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come cambia un software quando cambia l’utenza per cui si progetta Aziz Rouame - GLIC e Ausilioteca ASL, Bologna - Ivana Sacchi."— Transcript della presentazione:

1 Come cambia un software quando cambia l’utenza per cui si progetta Aziz Rouame - GLIC e Ausilioteca ASL, Bologna - Ivana Sacchi – Qualisoft, Gussago - Valutare e costruire l’accessibilità e l’usabilità del software didattico

2 Metodologia di lavoro ➔ Analisi di alcuni software esistenti per verificare in quale modo sia possibile migliorarne l'usabilità / accessibilità ➔ Progettare software per tutti, dalle situazioni di disagio alle situazioni di eccellenza ➔ Intervento di diverse competenze ➔ Applicazione dei requisiti di accessibilità individuati nel documento Qualisoft ➔ Difficoltà nel prevedere tutti i potenziali utilizzatori in fase di progettazione

3 Un esempio: “Pagliacci” Prima analisi del software: come era

4 Il menù occupa solo una parte dello schermo.

5 E' previsto solo l'utilizzo con il mouse.

6 In realtà si riescono a selezionare i pulsanti utilizzando la tastiera, ma il pulsante selezionato è poco evidente e la selezione 'salta' casualmente da un pulsante all'altro.

7 I pulsanti per la scelta dell'esercizio contengono solo testo: questo non permette l'autonomia nella scelta a chi non sa leggere o lo fa con fatica, mentre alcuni esercizi potrebbero essere eseguiti anche senza questa competenza.

8 Il 'facile – difficile' non è selezionabile da tastiera. Oltre a ciò è poco significativo per i bambini ed assume un significato diverso nei vari esercizi.

9 Il pulsante 'Informazioni' non ha alcuna utilità per gli alunni, quindi risulta in questa posizione solo di disturbo.

10 All'interno degli esercizi vengono riproposti tutti i problemi evidenziati nella pagina del menu.

11 Inoltre la barra del menù è sovraffollata. Sono presenti molte voci che non hanno utilità per il bambino (sono rivolte all'insegnante)

12 Dopo l'attività del gruppo: come è diventato

13 Non un punto di arrivo, ma un momento del processo di un'attività di riflessione. Non un software terminato, ma un software che può essere ulteriormente modificato e trasformato per rispondere a nuove esigenze: è infatti impossibile prevedere in fase di progettazione tutti i possibili utilizzatori.

14 Il 'cerchio dell'accessibilità': una prima informazione sui requisiti di accessibilità che sono stati presi in considerazione. Utilizzabile da tastiera Utilizzabile a scansione Sintesi vocale Alcune strategie per ipovedenti

15 Il menù si apre a tutto schermo, indipendentemente dalla risoluzione adottata

16 Accanto al testo vi sono anche le immagini, per aiutare nella scelta. La parte non destinata al bambino (configurazione e informazioni) è poco visibile.

17 Il colore rende evidente la scelta del pulsante. Il pulsante si colora anche se il cursore è posizionato sull'immagine corrispondente.

18 L'area dello schermo è interamente destinata agli elementi utili per l'esecuzione dell'esercizio, in modo che non siano presenti elementi distraenti. Le faccine per il feedback sono spostate in basso.

19 Possibilità di utilizzare la sintesi vocale per la lettura delle consegne.

20 Selezionando livelli diversi è possibile personalizzare l'attività. La struttura dei vari livelli è descritta nel file di documentazione allegato al programma

21 Le configurazioni

22 Possibilità di modificare le impostazioni dell'utente predefinito oppure di creare nuovi utenti

23 Possibilità di modificare i colori della grafica

24 Scelta del tipo di scrittura Attivazione passaggio automatico da livello a livello

25 Scelta del font e dei colori da utilizzare.

26 Possibilità di ● Attivare/disattivare i suoni di rinforzo ● Attivare/disattivare la sintesi vocale ● Scegliere il personaggio

27 Modalità diverse di input Disabilitazione dei cursori interni al programma

28 Le scelte operate per le configurazioni sono presenti anche in altri software. Il software è in libera distribuzione sul sito


Scaricare ppt "Come cambia un software quando cambia l’utenza per cui si progetta Aziz Rouame - GLIC e Ausilioteca ASL, Bologna - Ivana Sacchi."

Presentazioni simili


Annunci Google