La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Master in Amministrazione e Gestione Risorse Umane 23°edizione Project work Lo stress da lavoro correlato in azienda: progettazione e gestione degli interventi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Master in Amministrazione e Gestione Risorse Umane 23°edizione Project work Lo stress da lavoro correlato in azienda: progettazione e gestione degli interventi."— Transcript della presentazione:

1 Master in Amministrazione e Gestione Risorse Umane 23°edizione Project work Lo stress da lavoro correlato in azienda: progettazione e gestione degli interventi Annalaura Basile Paola Di Nunzio Graziana Epifani Marco Lo Iacono Anna Maria Pietrantonio Maura Ricciardi Raffaele Sarno Alisia Toscano Francesca Vaccarelli

2 Proposta NorthgateArinso 2

3 Obiettivi del progetto: 1. Analizzare e valutare lo stress da lavoro correlato in azienda 2. Progettare gli interventi formativi 3

4 Indice 1.Obiettivi specifici 2.Benchmarking su piani di intervento: confronto con altre realtà 3.Possibili piani di intervento 4.Prevenzione 5.Monitoraggio e valutazione dei risultati 6.Conclusioni 4

5 OBIETTIVI SPECIFICI 5

6 Obiettivi specifici Progettare gli interventi formativi e comunicativi al fine di ridurre/eliminare e prevenire lo stress lavoro-correlato Valutare il risultato e leventuale rischio residuo 6

7 Benchmarking 7

8 Ernst & Young Ad agosto 2010 si è adeguata alla normativa 81/08 Nelleffettuare la valutazione si sono attenuti al protocollo ISPESL. Il metodo proposto si articola in 3 fasi: FASE 1: inquadramento dei fattori oggettivi, verificabili, che è possibile associare a condizioni di stress da lavoro, attraverso la compilazione della check list di indicatori verificabili (compilata dal datore di lavoro in collaborazione con il Responsabile e i componenti del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Medico Competente e il RLS) FASE 2: individuazione del livello di rischio stress lavoro-correlato che viene valutato in modo graduale (BASSO, MEDIO, ALTO). In questa fase devono essere ipotizzate e pianificate azioni di miglioramento 8

9 FASE 3: misura della percezione dello stress dei lavoratori, attraverso lutilizzo di strumenti specifici (interviste-questionari) che verranno analizzati in modo aggregato, nel senso che non saranno considerate le singole condizioni di stress occupazionale, bensì quelle dellorganizzazione. Attualmente sono fermi alla fase 2 in attesa di una valutazione più nel dettaglio e tenendo conto di alcune variabili quali: sede, genere (uomo/donna),mansioni ecc. Ernst & Young 9

10 Accenture Si sono adeguati alla normativa Pricewaterhouse Cooper Si stanno adeguando alla normativa (questionario di 10 domande) 10

11 Abbott Sta valutando la possibilità di effettuare unopera di sensibilizzazione cui seguirà la somministrazione di un questionario attualmente in fase di definizione. 11

12 Possibili piani di intervento 12

13 I fattori oggetto di analisi Ruoli e responsabilità Comunicazione interna Formazione per lo sviluppo personale Autonomia/controllo Relazioni interpersonali Diversity management Relazione con il cliente esterno Ambiente di lavoro Carichi di lavoro/ritmi/pressione Interfaccia lavoro/vita privata 13

14 Ruoli e responsabilità Se dovesse risultare che: –Lorganigramma ha una bassa diffusione –La definizione e/o distinzione dei ruoli è bassa –La conoscenza dei compiti e delle responsabilità è bassa Allora: Valore Costo Diffusione dellorganigramma Riesame e/o comunicazione delle job description 14

15 Comunicazione interna Se dovesse risultare che: –La conoscenza dei cambiamenti che riguardano mission,obiettivi e strategie aziendali è bassa –La conoscenza delleffetto dei cambiamenti sul lavoro quotidiano è bassa –La gestione delle riunioni è di bassa efficacia Allora: Costo Valore Bacheca delle buone notizie Newsletter Mail BLOG Forum Riunioni a cascata per diffondere e condividere gli obiettivi Social Network web 2.0 /intranet Formazione in Gestione riunioni (Metodi e comportamenti) WELLBOX: Cassetta delle idee con premi 15

16 Esempio: La cassetta delle idee Traendo ispirazione dal modello giapponese Kaizen, la cassetta delle idee è un ottimo strumento di coinvolgimento. Permette al dipendente di esprimere le proprie idee a favore dellazienda affinché essa migliori. Essa può essere realizzata sia in una versione 2.0 che in modo classico. È previsto un regolamento, che determina i tempi e il premio per le migliori idee. 16

17 WELLBOX Concorso: Your idea is wellcome Le idee servono a capire cosa è il benessere e come in azienda si può incrementare. Tutte le idee saranno esaminate da un Comitato del concorso e le migliori saranno premiate con un week end in un centro benessere Il programma offre a tutti i dipendenti lopportunità di partecipare in maniera attiva a migliorare il contesto lavorativo, affinché lazienda sia sempre in continuo miglioramento. 17

18 Versione 2.0 Presentazione iniziativa Regolamento Premio AutoreIdea 18

19 Esempio: Social network web 2.0 Intranet aziendale (1/3) Obiettivo: –Incentivare luso dellintranet aziendale esistente –Consolidare lidentità aziendale –Condividere i valori 19

20 Esempio: Social network web 2.0 Intranet aziendale (2/3) Tools per la intranet: –Gruppi di lavoro virtuali –Forum tecnici –Blog di progetto –Wikipedia aziendale –Brainstorming collettivo –Possibilità di personalizzazioni Il lancio dei Tools: –Operazione di Marketing interno (mail,poster,post-it) –Coinvolgimento dei dipendenti nella implementazione prima delle utility e poi dei contenuti 20

21 Esempio: Social network web 2.0 Intranet aziendale (3/3) Vantaggi: Favorire la auto-formazione bottom/up: –Condividere il sapere diffuso –Mettere a fattor comune linnovazione locale Creare community: –Supportare la collaborazione informale –Facilitare le relazioni professionali Velocizzare i processi interni ed organizzativi 21

22 Formazione per lo sviluppo personale Allora:Se dovesse risultare che: –Vi è bassa presenza di un piano formativo individuale per lo sviluppo dei lavoratori Formazione per lo sviluppo delle soft skills (leadership, negoziazione, teamworking, time management, ecc.) Formazione per lo sviluppo delle competenze tecnico- professionali altre Costo Valore Coaching interno Mentoring Job Enlargment Job Rotation Talent Management 22

23 Esempio di Formazione: Time Management (1/2) Obiettivi: Fornire metodologie e strumenti di pianificazione della propria attività Sviluppare le capacità necessarie a tradurre in pratica la pianificazione del tempo con coerenza e flessibilità Migliorare lefficacia personale ed organizzativa Destinatari: I dipendenti 23

24 Esempio di Formazione: Time Management (2/2) Contenuti: La percezione del Tempo: - La programmazione - Le scatole del tempo: lavorativo, individuale, sociale - Da prigionieri del tempo a padroni del tempo - Il giusto equilibrio nella gestione del tempo: adattarsi/pianificare Gli strumenti e le tattiche per gestire le azioni nel tempo - Il tempo davvio - I ladri del tempo: cause e rimedi - La Matrice per la gestione del tempo - I must per utilizzare bene il tempo: priorità e focus La gestione dello stress - Le dimensioni temporali: mentale ed emozionale - Lescalation emozionale di fronte alle difficoltà - I costi fisici e psicologici di una errata gestione del tempo - La gestione dello stress sui livelli: emotivo, fisico, cognitivo, comportamentale 24

25 Autonomia/Controllo Se dovesse risultare che i dipendenti: –Hanno bassa autonomia delle decisioni –Hanno bassa autonomia nellesecuzione dei compiti Formazione in: problem solving e decision making Costo Valore Chat/Forum con colleghi esperti Affiancamento del superiore o collega esperto Allora: 25

26 Autonomia/Controllo - I responsabili hanno bassa propensione alla delega Se dovesse risultare che: Formazione ai capi: Gestione dei collaboratori (comunicare, motivare, delegare) Attività esperienziale cooking day Stili di Leadership Team building Costo Valore Allora: 26

27 Esempio: Formazione Esperienziale Cooking Day (1/2) Questa metodologia utilizza le attività in cucina come mezzo per lavorare in gruppo, ovvero sulle competenze relazionali ed organizzative Il cucinare diventa la metafora della propria attività, che può essere svolta per alimentarsi oppure per raggiungere obiettivi altri, come stupire e coinvolgere Il risultato è particolarmente motivante e piacevole, ciò sollecita i partecipanti a porsi obiettivi ambiziosi, sviluppando competenze di teamworking 27

28 Esempio: Formazione Esperienziale Cooking Day (2/2) Obiettivo: Sviluppare –Collaborazione –Coordinamento e Comunicazione –Leadership –Delega e Responsabilizzazione –Creatività e Innovazione Destinatari: I dirigenti 28

29 Relazioni interpersonali Se dovesse risultare che: –La distanza gerarchica è alta (bassa disponibilità da parte dei responsabili) –I responsabili hanno bassa disponibilità allascolto –I colleghi hanno bassa disponibilità a collaborare Costo Valore Tornei sportivi Luoghi di relax condivisi Convention Team Building/working Cene di reparto Allora: 29

30 Diversity management Allora : Se dovesse risultare che : –Le informazioni sulle country sono basse –Vi è alta difficoltà ad interfacciarsi con le altre country Costo Valore Workshop di formazione tra persone appartenenti a country diverse job assignments internazionali 30

31 Diversity management Cosè? Strumento di condivisione della conoscenza a tutela della diversità culturale e individuale. Scopo: valorizzare le risorse di differenti culture consentire lo sviluppo delle competenze specialistiche mirate alle esigenze del mercato migliorare il clima lavorativo favorire lo scambio di esperienze e lo sviluppo professionale tra le varie sedi. 31

32 Relazione con il cliente esterno Se dovesse risultare che: –Le informazioni per gestire le richieste dei clienti sono basse –Le persone hanno bassa possibilità di autogestione delle trasferte Allora: Costo Valore Coaching interno dei team leader Customer care Applicato a web 2.0 Possibilità autogestione trasferte 32

33 Ambiente di lavoro Se dovesse risultare che vi è: –Temperatura e illuminazione hanno alto impatto negativo. –Alto sovraffollamento personale –Mancanza di privacy –Alto rumore/confusione Allora: Costo Maggiore numero di ricambi daria Inserimento dei pannelli modulari Possibilità di controllo diretto delle variabili ambientali (temperatura ed illuminazione da parte degli individui che vi soggiornano) Migliore suddivisione degli spazi comuni Accurata manutenzione degli impianti Valore 33

34 Ambiente di lavoro Allora : Se dovesse risultare che: –Le pause dal lavoro al videoterminale sono basse –I disturbi oculo-visivi, o muscolo scheletrici da parte dei dipendenti sono alti Costo Valore Pause più frequenti per riposo della vista Lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria periodica (D.Lgs 626/94) Posizionamento corretto dei monitor (distanza occhi- schermo circa 50-70cm e schermi laterali alle finestre) 34

35 Carichi di lavoro/ritmi/pressioni Se dovesse risultare che: –La flessibilità dellorario di lavoro è bassa –Vi è alta propensione a trascurare alcuni compiti Allora: Costo Valore Glide time (Il dipendente puo scegliere di essere presente nelle ore centrali), oppure di entrare a lavoro tra le 8 e le 10 e di uscire da lavoro Tra le 16 e le 18. Software per Pianificazione Attivita (Gantt) 35

36 Carichi di lavoro/ritmi/pressioni Se dovesse risultare che: –La gestione delle scadenze rende bassa la possibilità di pausa per i dipendenti –Vi è alta necessità di lavorare oltre lorario fissato –Vi è alta pressione per portare a termine il lavoro Allora: Costo Valore mentoring Coaching interno Riunioni tra capi dei Team leader 36

37 Carichi di lavoro/ritmi/pressioni Se dovesse risultare che: – Il carico di lavoro risulta alto –Vi è alta richiesta di svolgere contemporaneamente lavori diversi –Luso del telefono è un ostacolo alto al lavoro –Luso delle mail è un ostacolo alto al lavoro Allora: Costo Valore Job sharing Due lavoratori condividono le stesse mansioni e Si organizzano in modo autonomo Formazione: Time management netiquette 37

38 Interfaccia lavoro/vita privata Se dovesse risultare che : - Il bilanciamento tra vita di lavoro e vita privata è basso Allora: Costo Valore Parcheggio rosa 2 ore di permesso nel giorno del compleanno o da godere nel mese successivo allo stesso Job sharing Telelavoro Concierge aziendale Carrello bar Spesa on line Convenzioni Entertaintment Bus navetta Baby parking Premi viaggi famiglia 38

39 Esempio: Work Life Balance Cosè? Uno strumento di motivazione e retention del personale che persegue lobiettivo di migliorare l equilibrio tra attività professionale e vita privata. 39

40 Minore stress Prestazioni più elevate Miglioramento immagine Morale più alto Miglioramento qualità vita personale Assenteismo ridotto Riduzione turn over Maggiore engagement I principali benefici del Work Life Balance in azienda 40

41 Servizi esistenti Assicurazione medica integrativa Convenzione con negozi ed enti per organizzare viaggi e tempo libero Convenzione con Happy Child (solo per la sede di Milano) 41

42 Job Sharing Finalità: –consentire un ulteriore grado di flessibilità –condivisione dellattività lavorativa –permettere al lavoratore maggiore autonomia nellorganizzazione dellorario di lavoro senza perdere in efficienza e produttività 42

43 Concierge aziendale È un servizio che si occupa di ogni scadenza e impegno fornendo un supporto organizzativo. Vantaggi : Aiuta i dipendenti a gestire meglio il loro tempo permettendogli di recuperare concentrazione e continuità al lavoro Assiste le persone nella soluzione delle incombenze di tutti i giorni con efficienza ed efficacia 43

44 Concierge aziendale Servizi previsti : pagamento bollette, certificati, abbonamenti servizi per la casa noleggio del servizio autista entertainment elettricista idraulico baby sitter 44

45 Convenzioni Sono agevolazioni economiche che vengono stipulate tra lazienda interessata e quella detentrice del servizio Vantaggi: Erogano un servizio ad hoc Permettono un risparmio economico ai lavoratori Sono facilmente reperibili attraverso lintranet aziendale, che mette in contatto i dipendenti con la società erogatrice del servizio 45

46 Convenzioni I costi sono pressoché pari a zero, ossia lazienda che richiede il servizio deve garantire un volume minimo di richieste alla società erogatrice. Servizi previsti: Assistenza auto/moto Lavanderia, sartoria Abbigliamento e articoli sportivi Dischi e libri Foto ottica Gioiellerie Parrucchieri, estetiste Traslochi 46

47 Dare la parola ai dipendenti Per individuare fra i servizi proposti quelli che riscontrerebbero un maggior gradimento, suggeriamo di coinvolgere i dipendenti attraverso uno o più Focus Group, composto da 8/10 volontari 47

48 Prevenzione 48

49 Prevenzione: un vademecum Obiettivo: fornire un vademecum sui comportamenti da adottare per prevenire lo stress lavoro-correlato Destinatari: tutti idipendenti Erogazione intervento: affissione in uffici (formato poster) 49

50 Esempio di Vademecum Prevedere ed effettuare riunioni con regolarità Informarsi ed attuare le procedure aziendali Chiedere informazioni se non sono chiari i propri compiti Organizzare il lavoro in funzione delle scadenze e delle priorità Dare lopportunità e ASCOLTARE il parere dei colleghi Partecipare a corsi di formazione 50

51 Monitoraggio e valutazione dei risultati 51

52 Obiettivo: monitorare i risultati per verificare lefficacia dellintervento Modalità: sarà utilizzato il questionario di valutazione impiegato nella fase iniziale del progetto Tempi: il questionario verrà somministrato successivamente alla realizzazione della proposta di intervento sullarea risultata critica. Diffusione: la comunicazione dei risultati in maniera chiara e tempestiva avverrà tramite pubblicazione sulla intranet aziendale e la bacheca. Saranno previste delle giornate (Wellness day) per informare e coinvolgere i lavoratori sulla tematica. Monitoraggio e valutazione dei risultati 52

53 Valutazione rischio residuo Lo scostamento dei valori tra i risultati del questionario rilevati nella fase iniziale e quelli rilevati nella fase post intervento, ci permetteranno di valutare non solo lefficacia dellintervento stesso ma anche lentità delleventuale rischio residuo. 53

54 Wellness day 54

55 Obiettivo Scopo Wellness day : ottenere il meglio da ciascuno creando la consapevolezza e lequilibrio del sé creare un ambiente piacevole e motivazionale in cui si promuove unattitudine positiva 55

56 Tematiche da approfondire nella giornata Ergonomia Gestione dello stress, tecniche di rilassamento Attività fisica e fitness Pianificazione alimentare Fumo 56

57 Adesione dipendenti Ladesione alla giornata da parte dellazienda dà ad ogni dipendente lopportunità di partecipare a qualunque attività che meglio rispecchi le sue esigenze. 57

58 Possibile programma della giornata Mattina Tavola rotonda sul tema dello stress da lavoro correlato con esperto ispesl, psicologo. Break : degustazione di tisane antistress come valida alternativa al caffè. Convention con Enrico Bertolino, entertainer ed esperto di sviluppo risorse umane e formatore nellambito eventi aziendali. Pausa pranzo 58

59 Pomeriggio Corso di training autogeno Corso di riflessologia Incontro con nutrizionista per la prescrizione di un piano alimentare corretto Incontro con personal trainer Incontro antifumo respirare meglio per vivere meglio 59

60 Gadget dellevento È prevista una shopping bag con allinterno: Palline antistress a forma di mouse Brochure della giornata Vademecum di regole antistress Vademecum di regole ergonomiche Bustine tisane antistress Gadget antistress 60

61 Brochure: Prevenire lo stress Obiettivo: –Rispondere al bisogno di informazione suscitato dal questionario di valutazione –Fornire anche strumenti per riconoscere e gestire le circostanze stressanti –Contribuire al Wellness Day Destinatari: Tutti i dipendenti 61

62 Brochure: Prevenire lo stress Esempio di indice 62

63 Conclusioni 63

64 Conclusioni Obiettivo: analizzare e valutare lo stress lavoro-correlato, progettando dei possibili piani di intervento Struttura Fase 1: preparazione di un questionario in funzione di alcune aree di indagine (contesto, contenuto) individuate anche attraverso una ricerca preliminare in azienda. Fase 2 : esame dei possibili piani di intervento formativo e comunicativo. Fase 3: valutazione e monitoraggio dei risultati e dei benefici degli interventi adottati 64

65 Conclusioni Il contributo di efficacia della valutazione dello stress lavoro correlato Migliora la soddisfazione del personale Employee attraction & Retention (Employer Branding) Aumento della redditività Riduce il turnover /assenteismo 65

66 Grazie per lattenzione 66


Scaricare ppt "Master in Amministrazione e Gestione Risorse Umane 23°edizione Project work Lo stress da lavoro correlato in azienda: progettazione e gestione degli interventi."

Presentazioni simili


Annunci Google