La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Antonella Bisceglie Azioni di Sistema in materia di Pari Opportunità tra uomini e donne ed inclusione sociale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Antonella Bisceglie Azioni di Sistema in materia di Pari Opportunità tra uomini e donne ed inclusione sociale."— Transcript della presentazione:

1 Antonella Bisceglie Azioni di Sistema in materia di Pari Opportunità tra uomini e donne ed inclusione sociale

2 Antonella Bisceglie Task Force Puglia Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Puglia – Area di Coordinamento Politiche Comunitarie Martina Franca, 7 Aprile 2005

3 Antonella Bisceglie INDICE 1.Introduzione al principio delle pari opportunità 1.La definizione 2.L’applicazione secondo la strategia quadro comunitaria 2.Le criticità di genere nel territorio del PIT n. 5 3.La Metodologia VISPO 4.I Fondi strutturali e l’uguaglianza di genere 5.Esempi di applicazione concreta 6.Le Buone Pratiche

4 Antonella Bisceglie INTRODUZIONE AL PRINCIPIO DI PARI OPPORTUNITA’ - 1 LA DEFINIZIONE PARI OPPORTUNITÀ TRA DONNE E UOMINI Assenza di barriera, basate sul sesso, alla partecipazione alla vita economica, politica e sociale. DISPARITÀ DI GENERE Divario tra donne e uomini per quello che riguarda partecipazione, accesso alle risorse, diritti, remunerazione o benefici. DISCRIMINAZIONE Costituisce discriminazione, ai sensi della legge 9 dicembre 1977, n. 903, qualsiasi atto o comportamento che produca un effetto pregiudizievole, discriminando anche in via indiretta i lavoratori in ragione del sesso.

5 Antonella Bisceglie INTRODUZIONE AL PRINCIPIO DI PARI OPPORTUNITA’ - 2 LA STRATEGIA QUADRO COMUNITARIA AZIONI POSITIVE Le azioni positive consistono in provvedimenti, misure o atti con l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli che impediscono la realizzazione del principio di pari opportunità. MAINSTREAMING (integrazione della dimensione delle pari opportunità) Concetto innovativo che tende ad inserire la prospettiva di genere - il punto di vista delle donne - in ogni scelta politica, di programmazione e in ogni azione di governo, al fine di eliminare gli ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale delle donne.

6 Antonella Bisceglie ANALISI DI CONTESTO IN CHIAVE DI GENERE

7 Antonella Bisceglie IL QUADRO DI RIFERIMENTO GENERALE Nonostante la condizione delle donne registri notevoli miglioramenti negli ultimi anni, permangono problemi di discriminazione in tutti gli aspetti della vita economica e sociale. In particolare, nel mercato del lavoro e nel sistema di welfare si registrano discriminazioni per: Assenza dal mercato del lavoro Difficoltà di accesso Difficoltà di permanenza Presenza in settori poco innovativi Basse qualifiche Contratti deboli Difficoltà di carriera

8 Antonella Bisceglie LA SITUAZIONE FEMMINILE NEL PIT n. 5 Tasso di attività modestissimo Situazione di forte svantaggio denunciata dal divario di genere nel tasso di occupazione presenza diffusa di disoccupazione femminile tra i laureati e le fasce della popolazione a più elevato livello di scolarizzazione. significativo fenomeno del lavoro sommerso, che vede una significativa presenza di lavoro femminile Scarsa presenza di iniziative sia pubbliche che private per la diffusione di servizi per facilitare l’accesso delle donne al mercato del lavoro, di iniziative di riconciliazione tra vita lavorativa e vita familiare delle donne, politiche sia pubbliche che d’impresa per la flessibilizzazione dei tempi lavoro delle donne, nonché di adeguate politiche formative.

9 Antonella Bisceglie LA METODOLOGIA VISPO

10 Antonella Bisceglie Le Linee Guida VISPO Obiettivi: Proporre priorità strategiche, indirizzi, metodologie, interventi ed azioni generali e specifiche relativamente al rispetto del principio di pari opportunità nel ciclo di programmazione dei fondi strutturali.

11 Antonella Bisceglie Il criterio di metodo Integrazione della dimensione di genere nella programmazione di ogni politica misura e intervento. Metodologia: Dual approach:  Politiche di pari opportunità (politiche dirette)  Politiche di mainstreaming (politiche indirette) Ridurre il divario economico – sociale delle aree del Mezzogiorno in modo sostenibile, ossia accrescendo la competitività di lungo periodo, creando condizioni di accesso pieno e libero al lavoro, nonché tutelando e facendo leva sui valori ambientali e di pari opportunità

12 Antonella Bisceglie Le aree prioritarie  Miglioramento delle infrastrutture sociali  L’accesso all’occupazione, ai servizi e alle strutture  La possibilità di conciliare la vita professionale con quella familiare  La promozione dell’imprenditorialità femminile

13 Antonella Bisceglie I macro – obiettivi VISPO  Obiettivo 1: Miglioramento delle condizioni di vita al fine di rispondere meglio ai bisogni delle donne e degli uomini;  Obiettivo 2: : Miglioramento dell’accessibilità delle donne al mercato del lavoro e alla formazione;  Obiettivo 3: Miglioramento della situazione lavorativa delle donne sul posto di lavoro e redistribuzione del lavoro di cura;  Obiettivo 4: Promozione della partecipazione delle donne alla creazione di attività socio-economiche.

14 Antonella Bisceglie I FONDI STRUTTURALI E L’UGUAGLIANZA DI GENERE Il principio di pari opportunità è sicuramente più visibile nelle misure generali che riguardano le risorse umane, poiché si tratta di iniziative destinate alle persone. Tuttavia, l’intervento sui sistemi e sulle imprese è possibile e necessario per introdurre delle variazioni di contesto indispensabili per garantire una crescita equa e sostenibile dei territori.

15 Antonella Bisceglie Le pari opportunità nel POR Puglia La strategia del Programma Operativo è orientata al perseguimento delle pari opportunità di genere ed al contrasto della segregazione verticale ed orizzontale. Il Programma Operativo prevede, all’interno dei diversi assi di intervento, azioni mirate alle pari opportunità e allo sviluppo e sensibilizzazione ad una cultura di genere, quali ad esempio: garantire modalità accessibili di partecipazione dell’utenza femminile alle misure di intervento; garantire specifiche misure di intervento finalizzate allo sviluppo ed alla promozione di una partecipazione al mercato del lavoro delle donne (azioni di formazione, azioni di sostegno all’imprenditoria femminile, azioni orientate alla costruzione di reti a supporto delle donne in condizioni di svantaggio sociale, ecc..); promuovere una politica dei Centri di servizi per l’impiego attenta alle esigenze di una utenza femminile; tenere conto della variabile di genere in tutte le informazioni che si producono

16 Antonella Bisceglie FESR / FEOGA /SFOP Progetti di: infrastrutturazione, infrastrutturazione, potenziamento del settore dei servizipotenziamento del settore dei servizi sostegno al sistema produttivosostegno al sistema produttivo

17 Antonella Bisceglie FESR / FEOGA /SFOP- alcuni esempi Nidi, centri diurni per l’accoglienza, mense all’interno delle imprese o in prossimità Servizi alle famiglie e alle persone, in un quadro di redistribuzione del lavoro di cura Disponibilità di servizi sostitutivi del lavoro di cura (pasti a domicilio per persone non auto-sufficienti…) Servizi di trasporto accessibili, frequenti, veloci con tratte ed orari family friendly Sostegno a nuova imprenditoria nel settore dei servizi di cura alle persone e alle casa (micro-credito per micro-imprese) Creazione di attività imprenditoriale e/o di lavoro autonomo e consolidamento in particolare nei settori innovativi Creazione di infrastrutture di servizi alle imprese (fondi di garanzia, reti infrastrutturali, nuovi canali di commercializzazione…) Miglioramento dell’accessibilità telematica….

18 Antonella Bisceglie FSE Interventi rivolti nello specifico alle persone attraverso azioni di: orientamento, formazione, adeguamento delle competenze, qualificazione professionale

19 Antonella Bisceglie FSE – alcuni esempi Attività formative e forme di accompagnamento per l’inserimento/reinserimento lavorativo Sostegno a favore di donne occupate con modalità contrattuali atipiche e/o discontinue al fine di stabilizzare le condizioni di lavoro Iniziative volte a favorire l’emersione dal sommerso Percorsi integrati e individualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle donne, anche in condizione di disagio sociale Promozione di una cultura di mainstreaming per i funzionari dei nuovi servizi pubblici per l’impiego Rafforzamento e qualificazione dell’offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, “quali figure di sostituzione” per favorire le donne lavoratrici Azioni di accompagnamento quali: analisi e modalità di trasferimento delle buone prassi per la formazione continua; processi di flessibilizzazione degli orari di lavoro e dei modelli organizzativi;buone prassi e ricerche per l’applicazione delle pari opportunità nell’ambito lavorativo.

20 Antonella Bisceglie ESEMPI PER L’APPLICAZIONE DELLE PARI OPPORTUNITA’ NEI PROGETTI DEL PIT 5

21 Antonella Bisceglie Obiettivi dell’Intervento in relazione agli obiettivi del PIT n.5 Contribuire al miglioramento della competitività del sistema produttivo e dell’ampliamento delle opportunità di lavoro attraverso la capacità di incidere sui sistemi della formazione delle risorse umane; Garantire una infrastrutturazione delle aree destinate ad investimenti produttivi adeguate alle necessità espresse; Realizzare obiettivi di crescita integrata socio- economica del territorio in un’ottica di sviluppo sostenibile.

22 Antonella Bisceglie Valutazione ex ante

23 Antonella Bisceglie ESEMPI PER L’APPLICAZIONE DELLE PARI OPPORTUNITA’ NEI PROGETTI DEL PIT 5

24 Antonella Bisceglie Obiettivi prioritari e Misure di riferimento

25 Antonella Bisceglie L’ANIMAZIONE TERRITORIALE PER LE PARI OPPORTUNITA’

26 Antonella Bisceglie Le Agende Territoriali di Parità Attivazione di un processo concertativo formalizzato per l’attuazione del mainstreaming di genere e del principio di pari opportunità nei propri ambiti di intervento. I protocolli possono essere siglati tra i più rappresentativi attori chiave dello sviluppo socio-economico e della crescita culturale e civile del territorio, quali :  Università, enti di ricerca e formazione v Aziende del credito e della finanza v Camere di Commercio v Servizi pubblici e privati per l’impiego ed il lavoro temporaneo v Organismi della giustizia e della pubblica sicurezza v Organizzazioni di categoria datoriale e sindacale v Organi dell’informazione radiotelevisiva e giornalistica v Organizzazioni non governative per i diritti umani v Organizzazioni del Terzo settore v Aziende sanitarie locali

27 Antonella Bisceglie LE DOMANDE VALUTATIVE

28 Antonella Bisceglie Indicazioni per la valutazione di impatto

29 Antonella Bisceglie DOMANDE VALUTATIVE Obiettivo 1 – Miglioramento delle condizioni di vita Sono stati sviluppati servizi di cura, politiche family friendly, iniziative di trasporto, congedo parentale, Piano degli orari, servizi di prossimità? Vi sono stati miglioramenti urbani ed ambientali che favoriscono la mobilità, la sicurezza? E’ stato migliorato il sistema di welfare?

30 Antonella Bisceglie DOMANDE VALUTATIVE Obiettivo 2 – Accessibilità al mercato del lavoro e della formazione E’ stata incrementata l’occupazione femminile? E’ stato promosso un approccio di genere nell’insieme dei soggetti istituzionali e del partenariato economico e sociale? E’ migliorata la partecipazione delle donne nei settori in crescita? Sono state costruite azioni di supporto al lavoro di cura per incrementare l’occupazione? Sono state ridotte le disparità tra uomini e donne nei tassi di partecipazione alle attività di formazione continua e lungo tutto l’arco della vita?

31 Antonella Bisceglie DOMANDE VALUTATIVE Obiettivo 3 – Miglioramento della situazione lavorativa e redistribuzione del lavoro di cura E’ stata favorita la partecipazione delle donne a settori tradizionalmente maschili? Si è promossa la partecipazione delle donne nei settori della ricerca e sviluppo, tecnologia ed innovazione? E’ stata promossa la partecipazione di uomini nei settori dei servizi?

32 Antonella Bisceglie DOMANDE VALUTATIVE Obiettivo 3 – miglioramento della situazione lavorativa e redistribuzione del lavoro di cura - continua Sono stati favoriti interventi volti allo sviluppo delle carriere per le donne? E la loro partecipazione a posizione di vertice nelle organizzazioni del partenariato economico e sociale? Sono state sensibilizzate le parti sociali al fine di eliminare i divari retributivi? Sono state incrementate le dotazioni di strutture di servizio e di supporto alla cura? Sono stati adottati da aziende orari, tempi e organizzazione del lavoro family friendly?

33 Antonella Bisceglie DOMANDE VALUTATIVE Obiettivo 4 – Promozione della partecipazione delle donne alla creazione di attività socio- economiche Sono stati resi accessibili strumenti di incentivazione e sostegno alla creazione di impresa? In connessione con la promozione dell’imprenditorialità femminile sono stati previsti interventi di conciliazione? Sono migliorati i servizi finanziari? Si è favorito un riorientamento dei servizi di supporto alle PMI? Sono stati incentivati network e supportati quelli già esistenti? Sono state supportate le attività imprenditoriali femminili nei settori innovativi ad elevata base conoscitiva?

34 Antonella Bisceglie LE BUONE PRATICHE

35 Antonella Bisceglie Le Buone Pratiche Rif: Buone pratiche per le pari opportunità nelle azioni del FSE dell’Emilia Romagna a cura di CRAS; Conciliazione tra vita lavorativa e familiare. Integrazione delle politiche e problemi di valutazione in in Libri del FSE – ISFOL Roma 2005 ed. Rubettino

36 Antonella Bisceglie Fonti Linee Guida – Attuazione del principi di pari opportunità per uomini e donne e valutazione dell’impatto equitativo di genere nella programmazione operativa. VISPO – Fondi strutturali (DPO/ Giugno 1999) Obiettivo 1: Stato di attuazione delle linee guida VISPO. Indicazioni per la riprogrammazione (DPO/ Luglio 2003) Indirizzi operativi per l’attuazione delle Linee Guida VISPO. Indicazioni per il FSE in Libri del FSE – ISFOL Roma 2004 ed. Rubettino

37 Antonella Bisceglie Per Ulteriori Informazioni Autorità di Gestione del POR Puglia Rif.Giovanna Genchi - Tel Gruppo di Animazione delle Pari Opportunità nel POR Puglia Rif. Palma Mallardi – Tel Task Force Pari Opportunità Regione Puglia


Scaricare ppt "Antonella Bisceglie Azioni di Sistema in materia di Pari Opportunità tra uomini e donne ed inclusione sociale."

Presentazioni simili


Annunci Google