La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Made in Torino?. Il caso Fiat-Chrysler Automobiles Il progetto Fiat-Chrysler era stato concepito sin dall'inizio come un’operazione di profonda integrazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Made in Torino?. Il caso Fiat-Chrysler Automobiles Il progetto Fiat-Chrysler era stato concepito sin dall'inizio come un’operazione di profonda integrazione."— Transcript della presentazione:

1 Made in Torino?

2 Il caso Fiat-Chrysler Automobiles Il progetto Fiat-Chrysler era stato concepito sin dall'inizio come un’operazione di profonda integrazione di tecnologie, impianti produttivi, forza lavoro e mercati. Lo scopo di questo libro è precisamente quello di spiegare perché i mercati, le imprese e le geografie globali si intrecciano tra loro.

3 Che domande si pone? Come dovrebbe operare un'impresa quando nel mercato di riferimento c'è un eccesso di offerta? Cosa succede ad un impresa che opera in un solo settore economico, se questo va in crisi? Come si può migliorare la qualità dei prodotti senza aumentare i costi?

4 Come si propone di rispondere? La Fiat trovandosi davanti ad una scelta per la sopravvivenza ha deciso di ampliare il suo mercato in Nord-America. Viene messo in risalto il diverso contributo fornito dal governo Americano e Canadese al rilancio delle grandi imprese. Parla delle diverse strategie adottate, spiega i concetti di offerta standardizzata e di differenziazione.

5 Descrizione schematica del libro Capitolo I: Costruire automobili Capitolo II: Competere nel mercato globale Capitolo III : Razionalità delle scelte e integrazione delle diversità Capitolo IV: La fabbrica contemporanea: Lavoro, automazione e competitività Capitolo V : Made in Torino e la politica economica.

6 Approfondimento I e II capitolo Il primo capitolo spiega come essere più competitivi simultaneamente ottenendo economie di scala nelle attività produttive. Il secondo capitolo descrive come competere nei mercati mondiali, come scomporre il processo produttivo, dove produrre e dove vendere.

7 Approfondimento III, IV e V capitolo Nel terzo capitolo l'autore illustra come una strategia razionale abbia permesso di integrare tecnologie e stili di management molto lontani tra di loro. Il capitolo quarto espone come oggi funziona una fabbrica contemporanea di automobili. L'ultimo capitolo del manuale interpreta il ruolo della politica economica mettendo a confronto le attività svolte dal governo Americano e Canadese con quello Italiano.

8 Cosa ci insegna questo libro? Questo libro ci insegna che : La complessità del contesto in cui operano le imprese globali; La competitività aziendale dipende anche dal sistema paese in cui opera; Ci insegna il ruolo che i sindacati devono svolgere affinché le imprese possano essere competitive a livello mondiale.

9 Aspetti positivi e negativi Aspetti positivi: La fusione FCA offre l'opportunità di sopravvivenza ad entrambe le case automobilistiche; La rete di vendita Chrysler ha permesso alla Fiat di raggiungere nuovi mercati. Aspetti negativi: Tra gli aspetti negativi troviamo la diversità delle ricadute economiche per i territori interessati; In Italia non si riescono a creare le giuste sinergie tra governo e sindacati.

10 Conclusioni In conclusione possiamo dire che siamo in linea con le decisioni assunte dalla direzione della FCA poiché era una delle possibilità che il gruppo poteva esercitare per non soccombere.


Scaricare ppt "Made in Torino?. Il caso Fiat-Chrysler Automobiles Il progetto Fiat-Chrysler era stato concepito sin dall'inizio come un’operazione di profonda integrazione."

Presentazioni simili


Annunci Google