La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alimentazione conigli. Mangimi utilizzati nella pratica In genere 4 tipi: -Mangime fattrice dal parto (giorno zero) a circa 21 giorni di lattazione; -Mangime.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alimentazione conigli. Mangimi utilizzati nella pratica In genere 4 tipi: -Mangime fattrice dal parto (giorno zero) a circa 21 giorni di lattazione; -Mangime."— Transcript della presentazione:

1 Alimentazione conigli

2 Mangimi utilizzati nella pratica In genere 4 tipi: -Mangime fattrice dal parto (giorno zero) a circa 21 giorni di lattazione; -Mangime pre-svezzamento da 22 giorni di lattazione allo svezzamento dei coniglietti (28 – 38 giorni); -Mangime svezzamento: dallo svezzamento a 56 – 60 giorni; -Mangime finissaggio: da giorni alla macellazione.

3 Scelta di un piano alimentare Ladozione di unalimentazione mirata per ogni categoria di animali è legata principalmente alle dimensioni dellallevamento, ma anche alle capacità professionali dellallevatore

4 Dimensioni dellallevamento e consumo di mangime Per stimare il fabbisogno annuo di mangime di un allevamento è sufficiente conoscere i kg di conigli venduti/anno Esempio con 100 coniglie in riproduzione –4000 conigli prodotti x 2,5 kg = kg di peso vivo –Mediamente si stima che per ogni kg di coniglio prodotto siano necessari 8 kg di mangime complessivamente ( quota madre + maschi in ripr. + conigli in accrescimento ) –Pertanto il mangime necessario per un anno ammonta a circa kg

5 Dimensioni dellallevamento e consumo di mangime kg di mangime andrebbero suddivise per categoria I maschi riproduttori necessitano di circa 5-6 q.li di mangime 10 maschi X 0,15 kg x 365 = 547 kg/anno

6 Utilizzazione di uno o più mangimi Anche in allevamenti di discrete dimensioni ( fattrici) spesso non vengono utilizzati tutti i mangimi che le diverse categorie di animali richiederebbero Il motivo è da ricercare nella scarsa professionalità dellallevatore e nella brevità del ciclo biologico del coniglio

7 Le fattrici in rimonta mangiano in genere il mangime presvezzamento. I maschi riproduttori vengono alimentati con il mangime presvezzamento o con quello di svezzamento.

8 Popolazione batterica del cieco Totale /g; Bacteroides: /g; Bifidobacterium; Clostridium; Streptococcus; Enterobacter. Mancano i lattobacilli; importante lac. Butirrico che, tra laltro, è un inibitore della crescita del Cl. difficile.

9 Effetto dellalto livello di carboidrati solubili Composizione dietaControlloAlti CHO PG % FG % ADF % CHO sol % Amido % Cieco AGV tot mmol/kg Acetico % Propionico %6.9 Butirrico % pH Ammoniaca mmol/kg

10 Effetto dellalto livello di carboidrati strutturali Composizione dietaControlloAlta fibra PG % FG % ADF % CHO sol % Amido % Cieco AGV tot mmol/kg Acetico % Propionico % Butirrico % pH Ammoniaca mmol/kg

11 Effetti della fibra La fibra indigeribile fa massa e stimola la motilità del cieco-colon. Lipomotilità determina prolungata ritenzione degli alimenti, modifiche del pH e della produzione di AGV. + fibra – amido. La presenza di glucosio è indispensabile per la produzione di tossine del Cl. spiroforme.

12 FattricePresvezzam.Svezzam.Accrescim. ED, Kcal/kg> PG % FG %> ADF %> ADL % Amido % Lisina> >0.70 Met+Cist> >0.55 Ca % P %

13 Principali ingredienti Erba medica disidratata: fino al 30-35%; Farina di orzo Farine di estrazione (soia, girasole) Polpe di barbabietola

14 In coniglicoltura i costi di alimentazione incidono in maniera più significativa che in altri allevamenti sui costi di produzione (circa il doppio rispetto ai polli e il 25 – 35 % in più rispetto ai suini), superando negli ultimi anni il 70 % È fondamentale trovare strategie per ridurre lindice di conversione alimentare che, in Italia, è tra i più alti (3.82 vs e 3.63 di Francia e Spagna).

15 In generale, in unazienda cunicola il 50 – 60 % del mangime viene consumato nel settore accrescimento-ingrasso, il resto nel settore riproduzione-rimonta. Gestire correttamente lalimentazione della riproduzione-rimonta può determinare importanti riduzioni nel consumo di mangime. In unazienda cunicola commerciale, lICA è calcolato dividendo il totale dellalimento consumato durante laccrescimento per il peso dei conigli venduti meno quello dei conigli svezzati.

16 La fibra solubile È quella parte della parete cellulare che si solubilizza nel trattamento NDF ma che non può essere digerita dai monogastrici. Si tratta di pectine (principalmente) ma anche beta glucani, fruttosani e altri polisaccaridi non amilacei che vengono fermentati nel cieco determinando produzione di acetato.

17 Le polpe di barbabietola sono ricche di pectine. Secondo recenti ricerche le pectine potrebbero rimpiazzare in parte lamido determinando significativi miglioramenti nellambiente ciecale. Polpe di barbabietola in parziale sostituzione dellorzo. Attenzione allo stato sanitario dei conigli per lelevato potere igroscopico delle polpe (enteropatia mucoide o costipazione del coniglio).

18 Altri alimenti ricchi di pectine sono le piante delle leguminose, i frutti, le polpe di agrumi. Le polpe di barbabietola contengono circa il 25 % di pectine, le leguminose (come lerba medica) tra il 5 e il 10 %. La popolazione batterica pectinolitica ha unelevata concentrazione nel cieco ( CFU/g)

19 Luso di antibiotici Vietati come auxinici dallUE dal 1° gennaio In coniglicoltura: possono essere utilizzati nelle aziende con anamnesi positiva per enterocolite enzootica a scopo profilattico. Sono inclusi nei mangimi svezzamento Norme più restrittive in futuro

20 Alternative agli antibiotici Probiotici: risultati non incoraggianti (basso pH dello stomaco?) Prebiotici: testate varie molecole, sembrano promettenti i mannano- oligosaccaridi (MOS) Sono zuccheri che agiscono bloccando i mannano-recettori presenti sulle fimbrie di tipo 1 di alcuni patogeni intestinali (E. coli, S. enteritidis)

21 I MOS In allevamenti con ottime condizioni sanitarie non ci sono differenze rispetto agli antibiotici; Dove le condizioni igieniche sono più carenti sembrano avere un effetto positivo sullo stato sanitario dellapparato digerente. Dosi consigliate: 1 – 2 g/kg.

22 Alimentazione ingrasso In questa fase che inizia intorno al 42-50° d (età svezzamento, età macellazione, ecc.) lalimentazione ha come obiettivo quello di: –Favorire lincremento giornaliero con ICA contenuti –Ottenere carcasse idonee per la commercializzazione –Contenere i costi di alimentazione –Ottenere buone rese alla macellazione (i conigli vengono pagati in funzione della resa)

23 Alimentazione ingrasso In questa fase lalimentazione viene effettuata ad libitum In effetti nelle produzione del coniglio pesante (2,7-2,8 kg) una moderata alimentazione razionata può essere effettuata (migliora lICA e riduce il contenuto in grasso)

24 Alimentazione ingrasso Nei soggetti macellati a pesi inferiori (2,3-2,4 kg) lalimentazione viene effettuata ad libitum con diete ad alto contenuto energetico In alcuni casi si può prevedere anche una leggera grassatura delle diete (2-6%) La grassatura deve rimanere a livelli bassi per mantenere buona la qualità del pellet e per non peggiorare le caratteristiche della carcassa

25 alimentazione e qualità della carne Lalimentazione può influenzare –ladiposità della carcassa –La quantità e la qualità dei lipidi intramuscolari –La stabilità del grasso –La conservabilità della carne –Il contenuto proteico e aminoacidico –Il contenuto in minerali

26 Influenza del livello alimentare Un ritmo di crescita lento (dovuto ad una ingestione energetica pari a circa l85%) favorisce lo sviluppo dei tessuti a maturità precoce (pelle, apparato digerente, ossa) e ritarda quello dei più tardivi. I muscoli e soprattutto il tessuto adiposo che sono a maturazione tardiva risultano al contrario meno sviluppati

27 Influenza della grassatura sulla qualità della carcassa Una modesta grassatura sembra non influenzare le caratteristiche della carcassa Quando la grassatura è più spinta (8-9%) aumenta ladiposità della carcassa e secondo alcuni autori variano anche altri parametri –Riduzione del rapporto lunghezza/circonferenza della carcassa –Aumento del tenore lipidico intramuscolare dellarto posteriore

28 Influenza della grassatura sulla qualità della carne La natura del grasso aggiunto alla dieta influenza la composizione acidica della carne, il suo sapore e le caratteristiche tecnologiche La composizione insatura degli acidi grassi della carne di coniglio deriva in maggior misura dalla dieta ed in particolare dallacido linoleico (C18:2), presente in cereali e farine di estrazione, e dallacido linolenico (C18:3), presente nellerba medica. Da non sottovalutare comunque lazione svolta dalla microflora del cieco

29 Gli acidi grassi endogeni, che possono essere sintetizzati dai carboidrati sono principalmente: palmitico (C16:0), oleico (C18:1) e stearico (C18:0). La flora batterica del cieco è capace di saturare/desaturare alcuni acidi organici. Le diete che modificano significativamente la flora batterica del cieco possono indurre anche cambiamenti nel profilo acidico delle carni dei conigli.

30 Influenza della grassatura sulla qualità della carne Normalmente gli acidi grassi a breve e media catena carbossilica vengono catabolizzati per scopi energetici Quelli a lunga catena vengono direttamente depositati nel tessuto adiposo gli acidi grassi esogeni possono modificare lattività degli enzimi lipolitici. Per tale motivo il profilo acidico della carne di coniglio non rispecchia esattamente quello delle fonti alimentari

31 Influenza della grassatura sulla qualità della carne Tuttavia diete arricchite con acidi grassi polinsaturi forniscono carni con contenuti più elevati dei suddetti AG. Particolare interesse è stato attribuito allarricchimento della carne con PUFA n-3 Da ricordare comunque che un elevato livello di insaturazione può pregiudicare la stabilità ossidativa della carne se non si ricorre ad una contemporanea integrazione di antiossidanti Inoltre la presenta di acidi grassi insaturi rende il grasso può untuoso


Scaricare ppt "Alimentazione conigli. Mangimi utilizzati nella pratica In genere 4 tipi: -Mangime fattrice dal parto (giorno zero) a circa 21 giorni di lattazione; -Mangime."

Presentazioni simili


Annunci Google