La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Destino delle sostanze azotate della dieta nel caso del ruminante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Destino delle sostanze azotate della dieta nel caso del ruminante."— Transcript della presentazione:

1 Destino delle sostanze azotate della dieta nel caso del ruminante

2 Una parte degli amminoacidi alimentari è incorporata direttamente nella proteina microbica.

3 Una parte degli amminoacidi alimentari è incorporata direttamente nella proteina microbica.

4 DIGERIBILITÀ DELLA PROTEINA MICROBICA80% (0,80) CONTENUTO IN AMMINOACIDI DELLA PROTEINA GREZZA MICROBICA80% (0,80) A

5 COME VALUTARE LE SOSTANZE AZOTATE DEGLI ALIMENTI NEL CASO DEI RUMINANTI PROTEINA GREZZA E PROTEINA DIGERIBILE POCO AFFIDABILI - NON PRENDONO IN CONSIDERAZIONE LA DEGRADABILITÀ - NON CONSIDERANO IL FABBISOGNO ENERGETICO DELLA MICROPOPOLAZIONE RUMINALE A

6 METODI UTILIZZATI - REGNO UNITO (ARC): PROTEINA DEGRADABILE E INDEGRADABILE NEL RUMINE - FRANCIA: SISTEMA PDI A

7 LA SINTESI DI PROTEINA MICROBICA A LIVELLO RUMINALE È FUNZIONE DI DUE FATTORI: - disponibilità di energia (glucidi fermentescibili, ovvero sostanza organica fermentescibile); - disponibilità di ammoniaca e di amminoacidi (sostanze azotate degradabili). A

8 Sostanze azotate dieta Sostanze azotate degradate e utilizzate dai microrganismi del rumine Sostanze azotate che oltrepassano il rumine

9 Sostanze azotate di origine alimentare che oltrepassano il rumine Frazione digeribile (PDIA) Frazione indigeribile eliminata con le feci

10 RUMINE AZOTO PROTEINA MICROBICA ENERGIA

11 PROTEINA MICROBICA DIGERIBILE A LIVELLO INTESTINALE (PDIM) PROTEINA MICROBICA ELIMINATA CON LE FECI

12 Sistema PDI Proteina Digeribile a livello Intestinale PDI = PDIA + PDIM

13 PDI PDIAPDIM

14 PDIA Proteina digeribile a livello intestinale di origine alimentare, ovvero proteina dellalimento che sfugge allattacco dei microrganismi e viene sottoposta ai processi digestivi del post- rumine.

15

16 PDIM Proteina digeribile a livello intestinale di origine microbica, ovvero proteina sintetizzata dai microrganismi a livello ruminale, utilizzando lenergia (ATP) resa disponibile dalla fermentazione dei glucidi dellalimento e lazoto (ammoniaca e amminoacidi) reso disponibile dalle sostanze azotate contenute nellalimento. La massa microbica (ovvero le proteine sintetizzate a livello ruminale), sottoposta ai processi digestivi post- ruminali, da luogo ad una frazione digeribile (PDIM) e ad una indigerita, che viene eliminata con le feci.

17

18 Ogni alimento o dieta può garantire a livello ruminale la sintesi di una quantità di proteina microbica in funzione del suo apporto di energia. Questa proteina sottoposta ai processi digestivi fornirà una quantità di proteina digeribile a livello intestinale, indicata con PDIME. PDIME = proteina digeribile a livello intestinale di origine microbica, sintetizzata a livello ruminale utilizzando lenergia apportata dallalimento.

19 PDIME SINTESI PROT. MIC. DIGERIBILE ENERGIA DISPON. RUMINE

20 Allo stesso modo ogni alimento o dieta può garantire a livello ruminale la sintesi di una quantità di proteina microbica in funzione del suo apporto di ammoniaca e di amminoacidi (sostanze azotate). Questa proteina sottoposta ai processi digestivi fornirà una quantità di proteina digeribile a livello intestinale, indicata con PDIMN. PDIMN = proteina digeribile a livello intestinale di origine microbica, la cui sintesi è stata resa possibile a livello ruminale dallammoniaca e dagli amminoacidi apportati dallalimento. A

21 PDIMN SINTESI PROT. MIC. DIG AZOTO DISPON. RUMINE

22 SI PUO COSI RIASSUMERE: PDI: PROTEINA DIGERIBILE A LIVELLO INTESTINALE PDIA: PROTEINA DI ORIGINE ALIMENTARE NON DEGRADATA NEL RUMINE (BY- PASS) E DIGERIBILE A LIVELLO INTESTINALE PDIMN: FRAZIONE DIGERIBILE DELLA PROTEINA MICROBICA SINTETIZZABILE A PARTIRE DAL CONTENUTO DI PROTEINA DEGRADABILE NEL RUMINE. PDIME: FRAZIONE DIGERIBILE DELLA PROTEINA MICROBICA SINTETIZZABILE A PARTIRE DAL CONTENUTO DI SOSTANZA ORGANICA FERMENTESCIBILE NEL RUMINE (OVVERO DALLA DISPONIBILITÀ DI ENERGIA). A

23 SI PUO ALLORA SUPPORRE CHE CIASCUN ALIMENTO O DIETA PRESENTI DUE VALORI POTENZIALI DI PDI: UNO IN FUNZIONE DELLE SOSTANZE AZOTATE CHE RENDE DISPONIBILI A LIVELLO RUMINALE PDIN UN ALTRO IN FUNZIONE DELLENERGIA (SOSTANZA ORGANICAFERMENTASCIBILE) CHE RENDE DISPONIBILE A LIVELLO RUMINALE PDIE PDIN: PDIA + PDIMN PDIE: PDIA + PDIME LA FRAZIONE PDIA, DERIVANTE DALLALIMENTO, CHE OLTREPASSA IL RUMINE INDEGRADATA SI RITROVA, OVVIAMENTE, IN ENTRAMBI I CASI. A

24 PDIE PDIAPDIME

25 PDIN PDIAPDIMN

26 VALORI POTENZIALI PDIE PDIN QUALE SARA IL VALORE REALE?

27 Fig. 1 Il contenuto di energia permetterebbe di sintetizzare una quantità di proteine microbiche superiore rispetto a quella consentita dal contenuto di sostanze azotate. Il valore reale è quello consentito dallazoto, perché quando questo si esaurisce termina la sintesi di proteina microbica, nonostante ci sia ancora disponibilità di energia. PDIMN ECCESSO ENERGIAAZOTO SINTESI PROTEICA PILOTATA DA AZOTO

28 Fig. 2 Il contenuto di azoto permetterebbe di sintetizzare una quantità di proteine microbiche superiore rispetto a quella consentita dalla disponibilità di energia. Il valore reale è quello consentito dallenergia, perché quando questa si esaurisce termina la sintesi di proteina microbica,nonostante ci sia ancora disponibilità di azoto. PDIME ENERGIAECCESSO AZOTO SINTESI PROTEICA PILOTATA DA ENERGIA

29

30 LA SITUAZIONE IDEALE SAREBBE QUELLA CHE RENDE DISPONIBILI A LIVELLO RUMINALE QUANTITA PROPORZIONALI DI ENERGIA E SOSTANZE AZOTATE IN MODO CHE ENTRAMBE SIANO UTILIZZATE COMPLETAMENTE. NOI, UTILIZZANDO APPROPRIATI ALIMENTI, CERCHIAMO DI FORMULARE DIETE CHE SI AVVICININO QUANTO PIU POSSIBILE A TALE SITUAZIONE. IN OGNI CASO AVREMO SEMPRE DIETE PIU O MENO SBILANCIATE PER LE QUALI SI VERIFICA: 1)PDIN > PDIE 2)PDIN < PDIE Quale sarà il valore reale di PDI? Sarà sempre il valore più basso. Nel primo caso: PDI = PDIE Nel secondo caso: PDI = PDIN

31 ESERCITAZIONE IN AULA

32 CALCOLO DELLE PDI NEL CASO DELLA SOIA f.e. PROTEINA GREZZA55% S.S. DEGRADABILITÀ RUMINALE PROTEINA GREZZA62% PROTEINA GREZZA INDEGRADABILE38% DIGERIBILITÀ POST- RUMINALE DELLA PROTEINA90% A

33 EFFICIENZA DI INCORPORAZIONE NELLA PROTEINA MICROBICA DELLAZOTO AMMONIACALE LIBERATO DALLA DEGRADAZIONE MICROBICA DELLA PROTEINA GREZZA = 90% CONTENUTO DI AMMINOACIDI NELLA PROTEINA GREZZA MICROBICA: 80% CONTENUTO DI ACIDI NUCLEICI NELLA PROTEINA GREZZA MICROBICA: 20% DIGERIBILITÀ POST-RUMINALE DELLA PROTEINA MICROBICA: 80% A

34 1kg SOIA f.e. (SS) 550g PG 550 x 0,38 = 209 PG INDEGRADABILE NEL RUMINE 209 x 0,90 = 188g PROTEINA DIGERIBILE A LIVELLO INTESTINALE DI ORIGINE ALIMENTARE (PDIA) 1 kg SOIA f.e. 188 g PDIA A

35 550 x 0,62 = 341g PROTEINA DEGRADABILE NEL RUMINE 341 x 0,90 = 307g PROTEINA GREZZA MICROBICA/kg SOIA f.e., OTTENIBILE IN BASE ALLA QUANTITA DI AZOTO CHE LA SOIA APPORTA A LIVELLO RUMINALE 307 x 0,80 = 245g PROTEINA DI ORIGINE MICROBICA CHE ARRIVA NELLINTESTINO/kg SOIA f.e. 245 x 0,80 = 196g PROTEINA DIGERIBILE INTESTINALE DI ORIGINE MICROBICA (PDIMN)/kg SOIA f.e. 1 kg SOIA f.e. 196g PDIMN A

36 SOIA f.e. CONTENUTO DI SOSTANZA ORGANICA FERMENTESCIBILE A LIVELLO RUMINALE (S.O.F.R.) = 65% 650 g/kg S.S. 1kg S.O.F.R. 145 g DI PROTEINA GREZZA MICROBICA 0,65 x 145 = 94g DI PROTEINA GREZZA MICROBICA/kg SOIA f.e. 94 x 0,80 = 75 g PROTEINA DI ORIGINE MICROBICA CHE ARRIVANO NELLINTESTINO/kg SOIA f.e. 75 x 0,80 = 60 g PROTEINA DIGERIBILE INTESTINALE DI ORIGINE MICROBICA OTTENIBILE IN BASE AL CONTENUTO DI ENERGIA (PDIME)/kg S.S. SOIA f.e. A

37 188 g PDIA 1 kg SOIA f.e. 196g PDIMN 60 g PDIME

38 PDIN = PDIA + PDIMN = = 384 g/kg S.S. SOIA f.e. PDIE = PDIA + PDIME = = 248 g/kg S.S. SOIA f.e. LA SOIA PRESENTA UN ECCESSO DI PDIN RISPETTO ALLE PDIE PARI A 136 g. IL SUO VALORE REALE DI PDI È PARI A QUELLO PIÙ BASSO OVVERO ALLE PDIE 248 g/kg S.S. A

39 I VALORI DI PDIE E PDIN DELLE DIETE SI OTTENGONO SOMMANDO RISPETTIVAMENTE I VALORI DEI VARI COMPONENTI. E POSSIBILE, COSI, FORMULARE MISCELE EQUILIBRATE PER QUANTO CONCERNE IL RAPPORTO ENERGIA/AZOTO.

40 POLPE SECCHE DI BARBABIETOLA PDIN 65 g/kg S.S. PDIE 98 g/kg S.S. MISCELA DI 4 kg DI POLPE E 1 kg DI SOIA f.e. kg PDIE (g) PDIN (g) SOIA f.e POLPE TOTALE A

41 SOF Sostanza Organica Fermentescibile SOD Sostanza Organica Digeribile PGInd. Proteina Grezza Indegradata nel rumine LG Lipidi Grezzi PFIns. Prodotti di Fermentazione degli Insilati SOF = SOD – PG Ind – LG – PF Ins

42


Scaricare ppt "Destino delle sostanze azotate della dieta nel caso del ruminante."

Presentazioni simili


Annunci Google