La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mutamenti del profilo epidemiologico e obiettivi prioritari Linee di indirizzo nazionale per la Salute Mentale Ministero della Salute.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mutamenti del profilo epidemiologico e obiettivi prioritari Linee di indirizzo nazionale per la Salute Mentale Ministero della Salute."— Transcript della presentazione:

1 Mutamenti del profilo epidemiologico e obiettivi prioritari Linee di indirizzo nazionale per la Salute Mentale Ministero della Salute

2 Piano dellopera PARTE PRIMA : introduzione, analisi e visione strategica; PARTE SECONDA : priorità strategiche nello sviluppo dei servizi 1. linee di sviluppo dei dipartimenti di salute mentale 1. linee di sviluppo dei dipartimenti di salute mentale a) situazione attuale e prospettive a) situazione attuale e prospettive b) percorsi di cura e nuovi LEA per la Salute Mentale b) percorsi di cura e nuovi LEA per la Salute Mentale c) indirizzi operativi per le Aziende Sanitarie c) indirizzi operativi per le Aziende Sanitarie d) Sostegno abitativo: residenzialità e domiciliarità d) Sostegno abitativo: residenzialità e domiciliarità e) inclusione sociale e lavorativa e) inclusione sociale e lavorativa f) Concertazione locale e partecipazione f) Concertazione locale e partecipazione g) sistema informativo Nazionale per la Salute mentale g) sistema informativo Nazionale per la Salute mentale

3 2. infanzia e adolescenza; 3. Carcere ed OPG; 4. Multiculturalità; 5. Formazione e Ricerca

4 Non cè salute senza salute mentale conferenza di Helsinki del 2005

5 Il tema della salute mentale è sempre più al centro delle politiche di salute pubblica; La salute mentale di una comunità è un fattore determinante della sua salute generale, delle sue capacità di sviluppo umano ed economico, del suo benessere individuale e collettivo.

6 Metodo Il lavoro si è sviluppato attraverso la collaborazione con le Regioni e percorsi condivisi con un ampio coinvolgimento di tutti i soggetti protagonisti dei bisogni e delle politiche atte a soddisfarle. Tale metodologia ha consentito una ampia analisi dei punti di forza e delle criticità, nonché di raccogliere idee e proposte per valorizzarli ed affrontarli.

7 Libro verde Le indicazioni in esso contenute riservano particolare attenzione: Alla prevenzione e promozione della salute mentale A linclusione sociale A pratiche basate sui servizi territoriali e sulla volontarietà dei trattamenti A progressive riduzioni degli ambiti istituzionali tradizionali come gli ospedali psichiatrici.

8 Legislazione italiana La legge 180 successivamente succinta nella legge 833/ 1978 e i succesivi provvedimenti legislativi del settore della disabilità nellinfanzia: le leggi 118/1971, 517/1977, 517/1977, 104/ /1992 indirizzano listituzione scolastica al superamento delle classi differenziali e speciali e al consolidamento dei processi di integrazione dei minori in situazioni di handicap. indirizzano listituzione scolastica al superamento delle classi differenziali e speciali e al consolidamento dei processi di integrazione dei minori in situazioni di handicap.

9 I provvedimenti legislativi attuati dal 1971 al 1992 hanno: muatato il destino di migliaia di persone con lesperienza del disturbo mentale e dei loro familiari, avviato un cambiamento culturale nei confronti di ogni diversità, evidenziando la disuguaglianza e lesclusione sociale toppe volte a questa connessa.

10 Cambiamenti fondamentali Si è prodotto un nuovo scenario e fondametali cambiamenti etici e strutturali sulla base dei quali si è sviluppata lattività dei servizi di salute mentale lungo cinque assi principali 1. chiusura degli ospedali psichiatrici: ha consentito lelaborazione e il consolidamento di teorie e pratiche di deistituzionalizzazione che mantengono inalterato il loro valore e devono essere alla base anche dellattività dei servizi del futuro. 2.ingresso della psichiatria e della neuropsichiatria infantile allinterno del SSN con pari diritti e responsabilità rispetto a tutte le altre discipline. 3. lo sviluppo ex novo dei servizi di salute mentale e di neuropsichiatria infantile allinterno delle USL prima e Aziende poi per arrivare a: a) sistemi dipartimentali complessi e inclusivi del settore residenziale e semiresidenziale, a) sistemi dipartimentali complessi e inclusivi del settore residenziale e semiresidenziale, b) ravvicinamento e collegamento professionale e organizzativo b) ravvicinamento e collegamento professionale e organizzativo tra le U.O. di neuropsichiatria infantile e psichiatria delladulto tra le U.O. di neuropsichiatria infantile e psichiatria delladulto

11 4. Arricchimento progressivo degli obiettivi di intervento nei DSM includendo a)la prevenzione e il contrasto allle disabilità sociali, b)linclusione sociale effettiva, c) Il pieno riconoscimento dei diritti di cittadinanza, d) Il rilievo, soprattutto nellinfanzia che hanno assunto pratiche di prevenzione promozione della salute, valorizzando la collaborazione tra pediatri, mondo della salute e famiglie, e) Il protagonismo esercitato dalle associazioni dei familiari e degli utenti che hanno contribuito alla definizione di pratiche e politiche per la salute mentale su base nazionale e regionale

12 5. Dal punto di vista culturale esiste in Italia loccasione di realizzare e di valorizzare lintegrazione tra: a) gli strumenti delliniziale impostazione etico-politica, supportata da teorie e tecniche di derivazione fenomenologica e psicodinamica. b) strumenti propri delle discipline bio-mediche come, diagnosi, ricerca empirica, prove di efficacia, valutazione degli interventi, linee guida.

13 Perché nuovi indirizzi strategici? Criticità e difficoltà Segnali di arretramento rispetto a livelli di deistituzionalizzazione raggiunti, rendono necessario porre lenfasi sulla volontarietà e sulla perservazione dei contesti abituali di vita come linea di condotta principale dei servizi di salute mentale. Differenze tra indici di attività e di livelli di assistenza dei vari sistemi regionali configurano una reale disuguaglianza dei cittadini rispetto al diritto alla salute. Non sempre ed ovunque si è assistito ad una reale apertura dei processi di cura verso la dimensione sociale dei diritti di cittadinanza rendono necessario stabilire o ristabilire punti di incontro tra servizi e collettività locali. La domanda ed i bisogni di salute mentale si sono modificati e continuano a modificarsi rapidamente, più rapido in genere delle capacità di adattamento dei servizi.

14 Profilo epidemiologico Negli ultimi ventanni trasformazioni demografiche, economiche e sociali hanno mutato il volto delle nostre comunità, dei loro bisogni di salute,, quindi che il profilo epidemiologico sia profondamente cambiato 1.Necessità di dedicare una particolare attenzione ai disturbi che esordiscono nellinfanzia e nelladolescenza, legata: alle particolari carenze attualmente esistenti, ai mutamenti epidemiologici intervenuti, In particolare si sottolinea limportanza del disagio giovanile diffuso e della psicopatologia adolescenziale (disturbi della condotta, disturbi della personalità, dipendenze patologiche).

15 2. Aumento del numero complessivo delle persone affette da disturbi emotivi comuni che producendo secondo le stime dell OMS un alto carico di disabilità richiedono un impegno dei servizi psichiatrici in una rete di collaborazione con medici di base e altri servizi specialistici

16 3. In tutta Europa e anche in Italia si registra una costante crescita delluso e abuso di sostanze, tale fenomeno è di particolare gravità perché: a) ha un effetto disgregante sulle collettività e il loro capitale sociale, a) ha un effetto disgregante sulle collettività e il loro capitale sociale, b) producono complicante permanenti di tipo psichiatrico, b) producono complicante permanenti di tipo psichiatrico, c) labuso complica disturbi mentali eventualmente presenti peggiorandone il decorso clinico e psicosociale. c) labuso complica disturbi mentali eventualmente presenti peggiorandone il decorso clinico e psicosociale. Tutto ciò rende necessario pensare una collaborazione fra servizi per la Salute Mentale e servizi per le tossicodipendenze Tutto ciò rende necessario pensare una collaborazione fra servizi per la Salute Mentale e servizi per le tossicodipendenze

17 4. Il carcere e l OPG sono diventati ambiti prioritari di intervento e questo costituirà un impegno di particolare rilevanza per i servizi. 5. Il 6% della popolazione residenti in Italia non è nativa del nostro paese. Tale percentuale aumenta se si prende in considerazione la popolazione giovanile e i minori. Questa popolazione è a serio rischio di disuguaglianze del diritto alla salute, è quindi necessario programmare un intervento che tenga conto delle specificità culturali di diversi gruppi etnici Tale percentuale aumenta se si prende in considerazione la popolazione giovanile e i minori. Questa popolazione è a serio rischio di disuguaglianze del diritto alla salute, è quindi necessario programmare un intervento che tenga conto delle specificità culturali di diversi gruppi etnici

18 6. Rispetto alle persone affette da disturbi mentali gravi e persistenti è necessario definire strategie di miglioramento e consolidamento dei percorsi di presa in carico: a)tempestività e qualificazione di interventi allesordio, b)comprensività sanitaria sociale della presa in carico fin dalle prime fasi, c)sostegno alle famiglie e al contesto, d)puntualizzazione sul ruolo dei servizi sanitari in merito agli aspetti di controllo comportamentale e sociale.

19 La presenza di bisogni nuovi e di bisogni afferenti alla utenza più tradizionale costituita da persone affette da disturbi mentali gravi e persistenti porta in primo piano la necessità di porre enfasi su: Tempestività e qualificazione di interventi allesordio; Comprensività sanitaria e sociale della presa in carico sin dalle prime fasi; Sostegno alle famiglie e al contesto; Importanza del ruolo di cura ed assistenza dei servizi sanitari, aventi come missione la salute delle persone e la costruzione di contesti di vita positivi, ma mai titolari di un ruolo attivo di controllo comportamentale e sociale.

20 Promuovere i servizi finalizzati ai percorsi di ripresa E sempre più viva lesigenza di rilanciare gli obiettivi della presa in carico di persone con disturbo mentale sulla base dei criteri di : tempestività, Promozione e sviluppo delle potenzialità di vita, Continuità,empowerment

21 Ruolo del DSM luogo fisico e mentale, programmatico ed organizzativo, che realizza la propria mission attraverso la tessitura di una rete di agenzie pubbliche e private, sanitarie e sociali, economiche e culturali. queste dovranno imparare a dialogare tra loro e con le comunità di riferimento, attivando: queste dovranno imparare a dialogare tra loro e con le comunità di riferimento, attivando: - buone pratiche dal basso - buone pratiche dal basso -tavoli di concertazione con la pluralità dei soggetti che abitano quella specifica realtà locale interessata dal Dipartimento. -tavoli di concertazione con la pluralità dei soggetti che abitano quella specifica realtà locale interessata dal Dipartimento.

22 Ogni Dipartimento deve promuovere lattivazione un tavolo di concertazione locale per lattuazione delle politiche di salute mentale di cui è competente, per la definizione delle scelte di priorità e per la governance clinica dei progetti terapeutici individualizzati, per la definizione delle scelte di priorità e per la governance clinica dei progetti terapeutici individualizzati, per progettare la formazione specifica agli operatori interessati essendo responsabile del miglioramento continuo della qualità dellassistenza e della realizzazione di elevati standard di cura, per progettare la formazione specifica agli operatori interessati essendo responsabile del miglioramento continuo della qualità dellassistenza e della realizzazione di elevati standard di cura, la creazione di un ambiente che favorisca lespressione delleccellenza clinica. la creazione di un ambiente che favorisca lespressione delleccellenza clinica.

23 Ogni Dipartimento deve dotarsi di un proprio Piano Strategico Locale per la Salute Mentale Elaborato attraverso pratiche di concertazione con tutte le agenzie locali che valorizzi, da un lato, la specificità locale ma che sia fortemente collegato con il Piano Strategico Regionale e Nazionale Elaborato attraverso pratiche di concertazione con tutte le agenzie locali che valorizzi, da un lato, la specificità locale ma che sia fortemente collegato con il Piano Strategico Regionale e Nazionale Il Piano Strategico nellindividuare gli obiettivi dovrà indicare anche le priorità a breve e medio termine compatibili e adeguate con le dotazioni finanziarie disponibili, integrarsi con i Piani di Zona, e con i Piani Strategici delle città. Il Piano Strategico nellindividuare gli obiettivi dovrà indicare anche le priorità a breve e medio termine compatibili e adeguate con le dotazioni finanziarie disponibili, integrarsi con i Piani di Zona, e con i Piani Strategici delle città. Il Piano deve essere aggiornato ogni tre anni. Il Piano deve essere aggiornato ogni tre anni.

24 Priorità: centralità dei diritti sociali e di cittadinanza, sviluppare sistemi di monitoraggio dei processi e degli esiti, allinterno di una cultura della trasparenza,, sviluppando anche programmi di valutazione da parte dei cittadini; definire in modo più preciso i contenuti dei livelli essenziali di assistenza (LEA) in merito alla salute mentale, in modo da rendere i percorsi di cura effettivamente esigibili. porre una nuova attenzione al lavoro di équipe, sviluppare percorsi di formazione, ricerca ed intervento che sappiano utilizzare al meglio le conoscenze prodotte dalla ricerca scientifica, ma che siano anche effettivamente indipendenti sul piano della valutazione e del loro utilizzo nella pratica clinica, avendo ben presente il rischio di conflitto di interessi di varia natura.

25 Sostegno abitativo: residenzialità e domiciliarità Va riconosciuto come strategico il ricorso al sostegno di tipo domiciliare, con personale specializzato, negli abituali contesti abitativi dellutente, al fine di prevenire e ridurre il ricorso frequente alla residenzialità e favorire le dimissioni di quei pazienti che hanno riacquistato le capacità relazionali e di autonomia personale necessarie a vivere nella comunità locale. Il Dipartimento di salute mentale deve promuovere diverse forme di sostegno abitativo in integrazione con i Piani di Zona, in raccordo con gli Enti Locali, limpresa sociale, le reti associative.

26 Vanno riconosciute, valorizzate e promosse tutte quelle esperienze che si possono indicare come sostegno abitativo, ovvero gruppi-appartamento e case famiglia (prevedendo la presenza di personale per fasce orarie) che rispondono ai bisogni di inclusione sociale con una attenzione al reinserimento lavorativo. Vanni valorizzate le risorse (anche relazionali) messe a disposizione dallutente nella convivenza (da tre a cinque componenti), tese a riguadagnare la propria autonomia e la propria autodeterminazione. Va privilegiata la presenza di operatori qualificati a fascia oraria, flessibile e finalizzata ai bisogni individuali degli utenti.

27 Inclusione sociale e lavorativa Il DSM, consapevole della sua centralità, deve operare perché il diritto al lavoro trovi concreta realizzazione per tutti i fruitori dei propri Servizi. In tal senso si impegna costruttivamente a: attivare percorsi di formazione, di ricerca di opportunità lavorative e di sostegno nei percorsi di inserimento, allo scopo di promuovere una reale autonomia degli utenti; riconoscere il valore espresso dalle cooperative sociali attive nella comunità locale; contribuire alla realizzazione di vere e proprie imprese sociali che, attente al valore delle persone e alla fondamentale importanza, per la loro identità, di essere attivi protagonisti della propria vita, costruiscono progetti lavorativi che coniugano il diritto al lavoro con i principi di mutualità, solidarietà, sviluppo dellindividuo e del contesto sociale; attivare gruppi di auto-promozione delle capacità imprenditoriali e cooperativistiche degli utenti attraverso il ricorso alla metodologia e alla progettazione di esperienze di microcredito.

28 Sistema Informativo Nazionale per la Salute mentale monitoraggio dellattività dei servizi, con analisi del volume di prestazioni, e valutazioni epidemiologiche sulle caratteristiche dellutenza e sui pattern di trattamento supporto alle attività gestionali del DSM, per valutare il grado di efficienza e di utilizzo delle risorse supporto alla costruzione di indicatori di struttura, processo ed esito sia a livello regionale che nazionale supporto ai sistemi di finanziamento supporto alla ricerca e al Miglioramento Continuo di Qualità

29 2. Infanzia e adolescenza Promuovere il riconoscimento della salute mentale come una parte essenziale della salute dellinfanzia; Integrare i servizi di salute mentale per i bambini,gli adolescenti e le famiglie nella più ampia rete di tutela sanitaria e sociale dellinfanzia e delladolescenza; Diffondere e consolidare i Servizi di Neuropsichiatria dellinfanzia e delladolescenza/Salute mentale infanzia adolescenza e Riabilitazione allinterno della rete regionale, superando la disomogeneità della presenza dei servizi nei territori regionali, attraverso: il potenziamento dei servizi; il riordino/riorganizzazione delle risorse esistenti; lindividuazione di nuove risorse economiche.

30 Potenziare lintegrazione ospedale-territorio anche attraverso la sperimentazione di modelli organizzativi innovativi; Sviluppare un sistema informativo specifico; Garantire opportunità di cura uniformemente e omogeneamente distribuite su tutto il territorio nazionale;

31 Assicurare la continuità dei percorsi di presa in carico; Operare per il miglioramento continuo di qualità e della valutazione delle attività dei servizi; Incrementare i processi di formazione interistituzionale per il riconoscimento dei problemi di salute mentale nel mondo della scuola e per il miglioramento delle capacità di prevenzione e trattamento nella rete complessiva dei servizi

32 3 Carcere e OPG

33 4. Multiculturalità

34 5. Formazione e ricerca


Scaricare ppt "Mutamenti del profilo epidemiologico e obiettivi prioritari Linee di indirizzo nazionale per la Salute Mentale Ministero della Salute."

Presentazioni simili


Annunci Google