La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Vaccini - Vaccinazioni. VACCINI La vaccinazione è un fondamentale intervento di Sanità Pubblica, che si prefigge di proteggere sia l'individuo che la.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Vaccini - Vaccinazioni. VACCINI La vaccinazione è un fondamentale intervento di Sanità Pubblica, che si prefigge di proteggere sia l'individuo che la."— Transcript della presentazione:

1 Vaccini - Vaccinazioni

2 VACCINI La vaccinazione è un fondamentale intervento di Sanità Pubblica, che si prefigge di proteggere sia l'individuo che la comunità. Le vaccinazioni sono un presidio preventivo fondamentale per la salute, ed hanno permesso di ridurre in maniera estremamente rilevante sia il numero di patologie gravi, sia la mortalità dei bambini che le forme di disabilità nel mondo. (Wikipedia).

3 VACCINI Un vaccino è un prodotto costituito da una piccolissima quantità di microrganismi (virus o batteri) uccisi o attenuati, od una parte di essi, progettato in modo da stimolare nel corpo la naturale reazione immunitaria. I vaccini usano il meccanismo naturale di difesa del nostro corpo, il sistema immunitario, per costruire una specifica resistenza alle infezioni. Questa difesa immunitaria, simile a quella che sarebbe provocata dalla malattia spontanea, protegge selettivamente dallattacco di quel microorganismo specifico, presente nellambiente e nelle persone della nostra comunità, senza che si sviluppino oltremodo i sintomi clinici e le complicanze della malattia.

4 VACCINI vaccino DNA Il vaccino è un preparato contenente materiale costituito da proteine complesse a DNA eterologhe, cioè estranee, provenienti da microrganismi o parti di essi. Opportunamente trattato per non perdere le proprietà antigeniche, è finalizzato per essere utilizzato al conferimento di immunità attiva del soggetto cui viene somministrato. L'immunità deriva dalla stimolazione, nel soggetto ricevente, alla produzione di anticorpi specifici e neutralizzanti il microrganismo stesso.

5 VACCINI La distinzione tra vaccini è legata alle modalità di creazione, produzione, estrapolazione delle sostanze vaccinali (Wikipedia). Tipi di vaccini: vaccini da germi, attenuati vaccini da germi, attenuati (resi cioè meno virulenti) vaccini da anatossine vaccini da subunità vaccini da subunità (frazioni di microrganismi) vaccini da prodotti microbici vaccini da prodotti microbici.

6 VACCINI

7 VACCINI-ADIUVANTI Foto: Grillo Parlante

8 VACCINI-ADIUVANTI Nei vaccini sono presenti anche piccolissime quantità di sostanze necessarie per prevenire contaminazioni batteriche, evitare la perdita di efficacia nel tempo o potenziare la risposta immunitaria. Gli adiuvanti utilizzati più frequentemente sono: Antibiotici Antibiotici: sono utilizzati per prevenire la crescita batterica nelle culture vaccinali. La neomicina è uno degli antibiotici più frequentemente utilizzati a tale scopo. Alluminio Alluminio: sotto forma di sali di alluminio è utilizzato nei vaccini per aumentare la stimolazione immunitaria ed aumentare la produzione di anticorpi nei confronti della malattia. Formaldeide Formaldeide: è utilizzata per uccidere virus e batteri che possono trovarsi nelle colture usate per produrre vaccini.

9 VACCINI-ADIUVANTI Monossido di glutammato Monossido di glutammato (MSG): è utilizzato come stabilizzante in alcuni vaccini che in tal modo rimangono inalterati in situazioni quali cambiamenti di temperatura, umidità, ph ecc.. L'MSG viene utilizzato molto spesso nei cibi. Solfato Solfato: sotto forma di sodio metabisolfito è anch'esso uno stabilizzante. Si trova anche in alcuni cibi e bevande alcoliche. Thimerosal Thimerosal: è un conservante. Il thimerosal contiene mercurio è può trovarsi sotto forma di etilmercurio, acido tiosalicilico, idrossido di sodio ed etanolo. Si trova anche come conservante nei liquidi di pulizia delle lenti a contatto e negli spray orali.

10 VACCINI-ADIUVANTI INFANRIX HERA Nel vaccino INFANRIX HERA vi è un contenuto di mercurio pari a 10ppb anche se spacciato per libero da Sali di Mg. alluminio 935ng/fiala Nello stesso vaccino vi è contenuta una combinazione di alluminio, comprovata neurotossina cumulativa, pari a 935ng/fiala. Russel Blaylok 46 Ricerche indipendenti, tra cui quelle del prof. Russel Blaylok, come puntualizza Gianni lannes nel suo articolo Vaccini: lo Stato italiano avvelena i neonati, evidenziano che l Al. comporta il rischio di reazioni autoimmunitarie, infiammazioni cerebrali e complicanze neurologiche anche devastanti dellippocampo. In alcuni casi i bambini ricevono dosi di Al. 46 volte superiori a quelli cosiderati sicuri dalle varie Organizzazioni sanitarie.

11 Vaccini - Sistema immunitario Th 1 /Th 2 Th 1 /Th 2 LT LB N ella cornice dellautoregolazione del S.I., sono stati segnalati due sottoclassi di LT helper: Th 1 e Th 2, coinvolti in due modi diversi nell attivare la risposta immunitaria e nel produrre le diverse citochine Schematicamente: I Th 1 mettono in moto una risposta cellulo- mediata (attivando i LT citotossici), sostenuta dalla produzione di IL-2, IL-12 e INF- e con effetto protettivo nei confronti delle infezioni virali. I Th 2 mettono in moto una risposta umorale (attivando i LB), sostenuta dalla produzione di IL-4 e IL-3 e con effetto protettivo nei confronti delle infezioni batteriche.

12 Vaccini – Sistema immunitario Lequilibrio tra i fenotipi Th 1 e Th 2 gioca un ruolo fondamentale. Negli individui sani, le cellule Th 1 e Th 2 sono in un equlibrio altamente regolato. Dopo leliminazione dellantigene (virus, batterio o parassita) il sistema torna allequilibrio. virus Th 1 Quando penetra un virus, il sistema sviluppa una risposta Th 1. infezioni batteriche e parassitarie Th 2 Le infezioni batteriche e parassitarie, invece, sono eliminate da un aumento di Th 2. Le vaccinazioni pesanti aprono la strada allo squilibrio cronico dellequilibrio Th 1 /Th 2.

13 Vaccini – Sistema immunitario Sono state evidenziate correlazioni tra: malattie autoimmuniorgano specifiche allergeni allergiepatologie autoimmuni generalizzate come il LES una maggiore polarizzazione sulla risposta di tipo Th 1 e una maggiore predisposizione alle malattie autoimmuni, organo specifiche, per un indebolimento del controllo dei LT autoreattivi. una maggiore polarizzazione sulla risposta di tipo Th 2 che produce un eccesso di risposta anticorpale, soprattutto contro gli allergeni e una maggiore predisposizione alle allergie e alle patologie autoimmuni generalizzate come il LES (malattia autoimmune da immunocomplessi ).

14 Vaccini – Sistema immunitario Pazienti con malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sclerosi multipla, tiroidite di Hashimoto. ecc.) hanno uno squilibrio in favore delle cellule Th1. Th 1 C.I.Cr. Atrofizzante Laumento delle cellule Th 1 determina una condizione infiammatoria cronica che distrugge i tessuti del corpo. ( Th 1 C.I.Cr. Atrofizzante )

15 Vaccini – Sistema immunitario Laumento delle cellule Th2 Laumento delle cellule Th2 sopprime cronicamente la possibilità d imbastire una risposta immune efficace contro i/il tumore e/o i virus. Di fatto, pazienti con cancro avanzato o con malattie infettive come AIDS, epatite B o C oppure con malattie allergiche come asma, hanno uno squilibrio immune in favore delle cellule Th2.

16 Vaccini – Sistema immunitario immunomodulatori Le Terapie che mirano a ripristinare questo importantissimo equilibrio immunologico, con luso terapeutico dei così detti immunomodulatori, rappresentano una vera e nuova frontiera della ricerca. Attività Immunomodulante InfoErbe: Attività Immunomodulante – Ashwagandha – Ashwagandha (Withania sonnifera), Ashwagandha – Echinacea angustifolia – Echinacea angustifolia, Echinacea angustifolia Echinacea angustifolia – Echinacea purpurea – Echinacea purpurea, Echinacea purpurea Echinacea purpurea – Eleuterococco – Eleuterococco, Eleuterococco – Ginseng Ginseng

17 Vaccini – Sistema immunitario Attività Immunostimolante InfoErbe: Attività Immunostimolante – Aloe gel Aloe gel Aloe gel – Altea comune Altea comune Altea comune – Astragalo Astragalo – Baptisia (Baptisia tinctoria) Baptisia – Echinacea angustifolia ** Echinacea angustifolia Echinacea angustifolia – Echinacea purpurea ** Echinacea purpurea Echinacea purpurea – Fitolacca (Phytolacca) Fitolacca – Tabebuia (Lapacho) Tabebuia – Uncaria Uncaria

18 Vaccini – Sistema immunitario Piante immunomodulanti-stimolanti ed adattogene Azadirarachta Indaca - Neem Glycyrrhiza Glabra - Liquirizia Glycyrrhiza Glabra - Liquirizia Olivello Spinoso – Hippophae Schisandra Chinensis Whithania Sonnifera - Aswagandha Jaogulan - Gynostemma Pentaphyllum. Jaogulan - Gynostemma Pentaphyllum.

19 Vitamina D vit. D catelicidina defensina β di tipo 2 lipocalina gelatinasi neutrofila Degli studi recenti [ hanno suggerito che la vit. D potrebbe avere un ruolo nella regolazione della risposta immunitaria di tipo innato contro gli agenti microbici. Da esperimenti in vitro si è evidenziato come la Vit. D possa stimolare la produzione di catelicidina umana, un peptide con azione antimicrobica, in differenti culture cellulari. Secondo Wang e colleghi, l'1,25(OH)D è in grado di stimolare la produzione di altri peptidi antimicrobici quali la defensina β di tipo 2 e la lipocalina associata alla gelatinasi neutrofila. (Wikipedia).

20 Vitamina D CannelEdgar Hoper-Simpson minor esposizione alla luce solare Simili dati permettono di dare un sostegno, almeno iniziale, allo Studio di Cannel, già sostenuto di Edgar Hoper-Simpson (1981). Essi sostengono che i picchi invernali di sindrome influenzale potrebbero essere dovuti ad una carenza di vitamina D a seguito da una minor esposizione alla luce solare Mitsuyohi Urashima Uno Studio clinico condotto dal dott. Mitsuyohi Urashima, del Dipartimento di Pediatria di Tokyo, ha rilevato che la vit. D3 è estremamente efficace nel prevenire la comune influenza nei bambini. Lo studio è stato condotto su 334 bambini; la somministrazione di Vit. D3 è stata di 1.200UI/die per 4 mesi. Lo Studio ha dimostrato una riduzione dell8% (Gruppo placebo: 31 casi influenza/167 contro 18/168 nel gruppo Studio).

21 VITAMINA D "American Journal of Clinical Nutrition" L'8 giugno 2007 sulla rivista americana "American Journal of Clinical Nutrition" Joan Lappe sono stati pubblicati i risultati di una ricerca condotta da Joan Lappe, professore di medicina nella Creighton University, secondo la quale l'assunzione di vitamina D (1100 UI/die) e calcio ( mg/die) da parte di donne in menopausa ha determinato una diminuzione statisticamente significativa del rischio d'insorgenza di carcinomi.

22 Vaccinazioni - Reazioni Avverse

23 Vaccinazioni - Reazioni Avverse Terapia omeopatica

24 Vaccinazioni - Reazioni Avverse

25 Fine


Scaricare ppt "Vaccini - Vaccinazioni. VACCINI La vaccinazione è un fondamentale intervento di Sanità Pubblica, che si prefigge di proteggere sia l'individuo che la."

Presentazioni simili


Annunci Google