La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Incontro Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Incontro Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012."— Transcript della presentazione:

1 Incontro Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012

2 Apo ConerpoVillanova di Castenaso (Bo) ApofruitCesena (Fc) PempaCorerBagnacavallo (Ra) Orogel FrescoCesena (Fc) As.I.P.O.San Lazzaro parmense (Pr) AgribolognaBologna Il TricoloreTelgate (Bg) Apol IndustrialePiacenza UniprolediBias (Francia) FaroPortopalo di Capo Passero (Sr) CodmaFano (Pu) Verde IntesaGoito (Mn) ConapoFoggia AlpoTarquinia (Rm) Cooperativa Modenese Essiccazione FruttaSanta Maria di Mugnano (Mo) Funghi di RomagnaCoriano (Rn) Conserve GardNimes (Francia) ModernaCampogalliano (Mo) Terra di BariNoicattaro (Ba) OperaFerrara BIO OrtoApricena (Fg) AcomOstra (AN) Conserve FranceNimes UniprolediBias

3 PROGRAMMA OPERATIVO Esecutivo Annuale 2011 Esiti del collaudo Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012

4 PROGRAMMA OPERATIVO Esecutivo Annuale 2011 Esiti del collaudo Criticità: firme degli agricoltori nelle dichiarazioni assicurarsi della data delle fatture (AFN) investimenti produttori verifica comunicazione eventi verifica esattezza superfici corrispondenza con fascicolo aziendale corrispondenza compagine sociale Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012

5 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO Esecutivo Annuale Seconda Modifica Modalità di presentazione: Verifica del piano finanziario Compilazione delle richieste nellapplicativo Indispensabile la compilazione del Campo Note Verifica modifiche degli investimenti con superfici Tempistica: entro 29 agosto 2012

6 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO Esecutivo Annuale 2013 Modalità di presentazione: Scheda del VPC (anno di riferimento 2011) Scheda allegato 2 Richiesta degli investimenti e delle azioni Compilazione applicativo in tutte le sue parti Indispensabile la compilazione del Campo Note Tempistica: - VPC entro 20 agosto Azioni entro il 10 settembre 2012

7 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO Esecutivo Annuale 2013 Nuovo decreto e nuovo allegato – Elementi salienti (1) Personale delle cooperative Possibile continuare a rendicontarlo con le stesse modalità degli anni precedenti Imballaggi Rimane la possibilità di rendicontarli nelle misure ambientali con gli stessi parametri previsti Modifica del REG. CE 543/2011 Articolo 2 - Disposizioni transitorie Le azioni ambientali legate alla gestione degli imballaggi che sono inclusi in un programma operativo approvato prima dellentrata in vigore del presente Regolamento possono beneficiare del sostegno fino alla fine programma operativo, a condizione che siano conformi alle norme applicabili prima della data di entrata in vigore del presente Regolamento.

8 PROGRAMMA OPERATIVO Esecutivo Annuale 2013 Nuovo decreto e nuovo allegato – Elementi salienti (2) Modifiche (scostamenti -25%) Non rientrano tra le modifiche, eventuali scostamenti di spesa rispetto agli importi approvati in aumento, entro il limite del 25% di ciascun obiettivo, nel rispetto degli indicatori di equilibrio e fermo restando limporto massimo del Fondo di esercizio approvato. Siffatti scostamenti di spesa, non sono soggetti a preventiva approvazione, ma devono essere comunicati immediatamente e comunque entro il mese successivo a quello in cui sono stati realizzati o in cui lOP ne è venuta a conoscenza se trattasi di interventi realizzati da soci, allorganismo pagatore competente ed evidenziati in fase di rendicontazione finale. Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012

9 Comitato Tecnico PROGRAMMA OPERATIVO Esecutivo Annuale 2013 Nuovo decreto e nuovo allegato – Elementi salienti (3) Fatturazione delegata La delega alla fatturazione può essere concessa per un periodo massimo di tre anni. Per i soci già autorizzati, lautorizzazione cessa in ogni caso decorso il terzo anno a partire dal 1° gennaio Un socio che ha beneficiato della facoltà della delega alla fatturazione con una OP, non può beneficiare di tale possibilità se aderisce ad unaltra OP. Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012

10 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO 2013 Aspetti organizzativi / Amministrativi Valore Prodotto Commercializzato (VPC) Bilancio E opportuno che nei prossimi bilanci le O.P. socie inseriscano nella Relazione sulla gestione la tabella del calcolo del VPC, la stessa che verrà presentata alla RER e che il valore del VPC venga riportato nei conti dordine Le industrie di trasformazione debbono produrre una relazione descrittiva che contenga le modalità di estrazione dei valori riportati nel loro VPC.

11 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO 2013 Aspetti organizzativi / Amministrativi Rapporto delle OP con la AOP (1) Documentazione che deve essere presente presso la AOP per consentire alla RER alcune verifiche Statuto Riconoscimento Bilancio Delibere CdA e Assemblea per approvazione del PO Industrie di trasformazione - Relazione descrittiva che contenga le modalità di estrazione dei valori riportati nel loro VPC

12 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO 2013 Aspetti organizzativi / Amministrativi Rapporto delle OP con la AOP (2) Aspetti amministrativi Opportuno/necessario che le OP si dotino di un conto corrente dedicato Per le OP che delegano per intero la gestione del fondo di esercizio ad una AOP, la regione competente decide in merito allobbligo di tenuta di un conto corrente dedicato, fatta salva la tracciabilità dei flussi finanziari dellOP da e verso i propri soci e la AOP. Necessario che le OP rispettino le valute indicate dalla AOP nei versamenti degli anticipi e del saldo

13 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO 2013 Aspetti organizzativi / Amministrativi Rapporto delle OP con la AOP (3) Aspetti amministrativi Le spese generali saranno rendicontate dalle singole OP La AOP per il suo funzionamento fatturerà il costo del servizio come stabilito dal regolamento interno

14 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO 2013 Aspetti organizzativi / Amministrativi Anticipi Gli anticipi debbono trovare coerenza con il piano finanziario presentato Nel caso le spese sostenute siano inferiori a quelle previste da piano finanziario la richiesta di anticipo non si può avanzare Nel caso le spese sostenute siano superiori a quelle previste da piano finanziario la richiesta di anticipo per il quadrimestre successivo sarà diminuita del valore eccedente a quanto previsto.

15 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO 2013 Aspetti organizzativi / Amministrativi Compensazione allinterno di ogni singola OP Il rimborso delle spese sostenute dai soci, può essere sostituito con una compensazione, autorizzata in forma scritta dal socio e opportunamente documentata contabilmente, tra debiti contratti dal socio verso lOP NON E POSSIBILE COMPENSARE SPESE TRA OP Penale Se vengono riscontrate spese inammissibili per una percentuale uguale/maggiore del 3% delle spese rendicontate, verrà applicata una penale che raddoppia la percentuale riscontrata calcolata sullintero Fondo di Esercizio Attenzione anche alle spese relative allAFN

16 Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012 PROGRAMMA OPERATIVO 2013 Aspetti organizzativi / Amministrativi Misure ambientali E lasciata ad ogni singola OP la possibilità di aderire o meno alla NUOVA DISCIPLINA AMBIENTALE (previa approvazione da parte della RER) Rimane il vincolo delle 2 azioni o del 10% del Fondo di Esercizio

17 Materiale vivaistico o propagativo, deve essere garantito e certificato, o comunque controllato sotto il profilo sanitario da un organismo ufficiale. MATERIALE CERTIFICATO = VIRUS ESENTE (V.E.) ogni pianta deve avere il cartellino! Le drupacee accordo Bollino Blu, sono accettate se NON REPERIBILI piante V.E. – vedi elenco CRPV – Autoproduzione ammessa solo con marza e portainnesto entrambe V.E. (fare attenzione al DL 28/07/2009, lotta obbligatoria alla Sharka) Attenzione alle varietà in esclusiva! Materiale vivaistico o propagativo, deve essere garantito e certificato, o comunque controllato sotto il profilo sanitario da un organismo ufficiale. MATERIALE CERTIFICATO = VIRUS ESENTE (V.E.) ogni pianta deve avere il cartellino! Le drupacee accordo Bollino Blu, sono accettate se NON REPERIBILI piante V.E. – vedi elenco CRPV – Autoproduzione ammessa solo con marza e portainnesto entrambe V.E. (fare attenzione al DL 28/07/2009, lotta obbligatoria alla Sharka) Attenzione alle varietà in esclusiva! NUOVI IMPIANTI FRUTTICOLI materiale vivaistico Villanova di Castenaso 07 agosto 2012

18 Comitato Tecnico Problematiche derivanti dalla applicazione della Disciplina Ambientale ( Confronto 2011 – 2013) ( Confronto 2011 – 2013) Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012

19 FINAF, in continuità col P.O , ha scelto di mantenere per il 2012 la Disciplina Ambientale 2011 per tutte le OP aderenti. NellEsecutivo annuale 2013 vi è la possibilità per ogni OP di scegliere se mantenere la Disciplina Ambientale 2011 o applicare la nuova Disciplina del 2013, a condizione che siano mantenuti gli impegni assunti al momento della presentazione del P.O. e comunque previa approvazione da parte della Regione Emilia Romagna (2 azioni ambientali o 10% del Fondo di Esercizio) DISCIPLINA AMBIENTALE confronto Strategia Nazionale

20 Produzione Integrata Applicazione dei DPI regionali Per le singole Regioni, tenuto conto dei criteri di demarcazione, il massimo per la remunerazione di questo impegno corrisponde a quello stabilito nel PSR della Regione di riferimento. Qualora limpegno non sia stato definito a livello regionale, il valore massimo per la remunerazione corrisponde a quello stabilito nel PSN, pari a: Disp. Naz.: 600 /ha frutticole – 400 /ha orticole - fascicolo aziendale e scheda colturale - assistenza tecnica ed analisi residui Strategia Nazionale Attenzione alla demarcazione con il PSR misura 214 DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

21 Produzione Biologica Applicazione del Reg. CE 834/2007 Per le singole Regioni, tenuto conto dei criteri di demarcazione, il massimo per la remunerazione di questo impegno corrisponde a quello stabilito nel PSR della Regione di riferimento. Qualora limpegno non sia stato definito a livello regionale, il valore massimo per la remunerazione corrisponde a quello stabilito nel PSN, pari a: Disp. Naz.: 900 /ha frutticole – 600 /ha orticole - fascicolo aziendale e scheda colturale - certificazione biologica Strategia Nazionale Attenzione alla demarcazione con il PSR misura 214 Finanziamento solo nel PSR? DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

22 Taratura delle irroratrici euro 170 / taratura (valore massimo). Laiuto è riservato ai produttori che non aderiscono alle misure agroambientali nellambito del PSR o dei programmi operativi ed è corrisposto per ogni macchina sottoposta a taratura una sola volta nellarco del programma operativo. Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2013

23 Strategia Nazionale Gestione ecologica dei rifiuti ( rif. della Disciplina ambientale) Questo impegno è relativo al maggiore costo sostenuto dallazienda agricola per il trasporto verso la stazione di riutilizzo e/o riciclo ed è quantificato in 0,10 /Kg. Lattività deve essere dimostrata con la fattura del servizio reso e/o un documento che attesta la quantità di rifiuti avviata al riciclo. DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

24 Utilizzo macchine di precisione in agricoltura 35,14 /ettaro per macchine di distribuzione dei fitofarmaci con PC, 64,60 /ettaro per macchine di distribuzione dei fitofarmaci con PC e manica daria, 200,00 /ettaro per macchine di precisione (anche diverse da quelle impiegate per la distribuzione dei fitofarmaci) supportate da tecnologia informatica GPS, 164,33 /ettaro per atomizzatori ad aeroconvezione e per nebulizzatori pneumatici (KWH). Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2011

25 Utilizzo macchine di precisione in agricoltura In caso di utilizzo può essere finanziato: A) il costo di acquisto di una macchina agricola di precisione e/o di nuovi componenti o dispositivi elettronici per l'ammodernamento di macchine agricole pre-esistenti, B) Il costo supplementare (importo forfettario da definire a cura delle Regioni ) del noleggio (servizio conto terzi) della macchina di precisione, rispetto al noleggio di una macchina agricola tradizionale. Per essere ammissibili al sostegno nellambito della Disciplina ambientale, le macchine di precisione considerate, (sia in caso di acquisto della macchina o dei suoi componenti, sia in caso di noleggio) devono dimostrare il rispetto ex-ante delle condizioni di efficienza stabilite nella Disciplina ambientale. Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

26 Utilizzo di mezzi tecnici a basso impatto ambientale (solo impegno) 1) Bio telo, telo biodegradabile per pacciamatura: 262 euro/ettaro Telo per solarizzazione: 312 euro/ettaro 2) Mezzi tecnici e agenti per la confusione sessuale: 267 euro/ettaro 3) Prodotti di lotta biologica (feromoni e predatori) usati per la produzione biologica, integrata o tradizionale (agenti impollinatori, insetti utili, bombi, artropodi, funghi, batteri, virus e altri prodotti di origine biologica nella difesa: Anthocoris femoralis 48 euro/ettaro Nematodi (Steynernema spp.) 30 euro/ettaro Fitoseiulus persimilis 480 euro/ettaro Orius laevigatus 120 euro/ettaro Ambliseius cucumeris 420 euro/ettaro Macrolophus caliginosus 252 euro/ettaro Bombus terrestris 12 euro/ettaro Reti antisetto 480 euro/ettaro Trappole cromotropiche per colture orticole protette 240 euro/ettaro Trappole sessuali 42 euro/ettaro Macchine per pirodiserbo, raccoglitrici elettriche, muletti elettrici e a gas: a fattura. Strategia Nazionale Attenzione: 1) 2) 3) non compatibili con la Produzione Integrata e Biologica DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2011

27 Utilizzo di mezzi tecnici a basso impatto ambientale Sono possibili sei diversi tipi di interventi : a)Telo per pacciamatura costituito a partire da materiale biodegradabile certificato secondo la norma UNI 11183:2006, (404 /ha telo /ha impegno) b) telo per solarizzazione (0,09 /mq telo /ha impegno); c)mezzi tecnici e prodotti utilizzati per la confusione sessuale (145,14 dispenser – 275,75 liquida pom – 281,50 liquida drup – 48,25 xilofagi /ha feromone /ha impegno) ; d) prodotti e mezzi di lotta, quali feromoni, predatori (artropodi, funghi, batteri, virus) e altri prodotti di origine biologica, reti antinsetto (costo + impegno) e) insetti pronubi (bombus terrestris e apis mellifera) quando utilizzati in alternativa a prodotti chimici stimolanti la fecondazione - solo serra? - (costo + impegno) ; f)macchine per il diserbo con mezzi fisici (es. pirodiserbo). Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2013

28 Utilizzo di piante microinnestate Limporto massimo a piantina, per le specie considerate, è il seguente: - pomodoro da mensa: 0,46 - peperone: 0,41 - melanzana: 0,38 - melone: 0,53 - anguria: 0,85 (0,45 per piantine ottenute in alveolari a 40 fori) - cetriolo: 0,34 - zucchino: 0,25 Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

29 Gestione del suolo - analisi del terreno (costo fattura) + piano di concimazione (verificare se è un obbligo nei DPI regionali) -sovescio (massimale 230 /ha) -fascicolo aziendale e schede colturali -fattura Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2011

30 Gestione del suolo 1) Sovescio con piante biocide - analisi del terreno (costo fattura) (verificare se è un obbligo nei DPI regionali) -Impegno sovescio (massimale 250 /ha o riferimento PSR) -Costo fattura seme 2) Utilizzo preparati ad effetto biocida (660 /ha) 3) Utilizzo di ammendanti organici compostati (373 /ha) Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2013

31 Tutela e risparmio idrico Introduzione di impianti più efficienti ed efficaci, che possono riguardare anche gli investimenti effettuati per sostituire i sistemi di irrigazione esistenti. Miglioramento degli impianti d'irrigazione esistenti, tramite lintroduzione di sistemi e attrezzature (sonde, sonde umidometriche, fertilizzatori, pluviometri, centraline di controllo, contatori, acidificatori, miscelatori, evaporimetro, coefficienti di reintegrazione, tensiometri, software di gestione;…..) che mediante il miglioramento dell'efficacia dei sistemi di irrigazione esistenti permettono una riduzione del consumo idrico. Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

32 Tutela e risparmio idrico -tutela delle risorse idriche Importo della remunerazione dellimpegno Realizzazione di investimenti in sistemi di irrigazione: per frutticole ed orticole specializzate: 132,00 euro/ettaro. per frutticole ed orticole specializzate con impianto di fertirrigazione: 180,00 euro/ettaro. per orticole industriali: 96,00 euro/ettaro. per orticole industriali con fertirrigazione: 132,00 euro/ettaro. Investimenti finalizzati a migliorare l'utilizzazione e la gestione di sistemi di irrigazione esistenti: 132,63 euro/ettaro. Analisi delle acque, finalizzata a una corretta gestione della fertirrigazione: importo della fattura. Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2011

33 Strategia Nazionale Riduzione emissioni Lobiettivo degli interventi è finalizzato al miglioramento dellefficienza energetica e della riduzione delle emissioni in atmosfera. A tal fine sono ammissibili le spese per la riconversioni e/o la sostituzioni degli impianti di produzione dellenergia esistenti che utilizzano derivati del petrolio, con impianti che : a) utilizzano il gas naturale o altri combustibili e che contribuiscono a una riduzione delle emissioni in atmosfera di CO2 e/o di inquinanti dellaria. b) utilizzano energie rinnovabili nellambito dei loro cicli produttivi DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

34 Gestione ecologica imballaggi (plastica, legno, cartone) imballaggi per i prodotti freschi - carta 1,03 % del costo di ciascun imballaggio - legno 6,34 % del costo di ciascun imballaggio - plastica 3,55 % del costo di ciascun imballaggio imballaggi per prodotti trasformati - plastica 4,11 % del costo di ciascun imballaggio - carta e cartone 0,48 % del costo di ciascun imballaggio - vetro 2,72 % del costo di ciascun imballaggio - banda stagnata 0,15 % del costo di ciascun imballaggio DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

35 Gestione ecologica imballaggi (plastica, legno, cartone) -Cassetta in cartone: 0,099 per ogni cassetta in cartone acquistata che sia Bestack certificata. -Imballi riutilizzabili: 0,244 /movimento Trasporto combinato (gomma/ferrovia) : 0,03269 /ton/km Trasporto combinato (gomma/nave) : 24,52 /pedana DISCIPLINA AMBIENTALE confronto

36 Macchine compattatrici Lutilizzo di macchine compattatrici, che consentono una ridurre fino a 10 volte il volume degli imballaggi, determina una conseguente riduzione del numero di viaggi per il trasporto degli stessi ai centri di smaltimento, con una apprezzabile diminuzione dellimmissione di CO 2 nellatmosfera. Può essere finanziato lintero costo di acquisto. Realizzazione ed ammodernamento di impianti collettivi di distribuzione di fitofarmaci. Realizzazione ed ammodernamento di impianti collettivi di lavaggio delle attrezzature per la distribuzione dei fitofarmaci. Strategia Nazionale DISCIPLINA AMBIENTALE confronto solo 2013

37 Incontro Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012


Scaricare ppt "Incontro Comitato Tecnico Villanova di Castenaso, 7 agosto 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google