La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ELETTROCARDIOGRAMMA: basi fisiologiche; disposizione degli elettrodi nelle derivazioni standard; onde ECG. Cosa dice e cosa non dice l'ECG.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ELETTROCARDIOGRAMMA: basi fisiologiche; disposizione degli elettrodi nelle derivazioni standard; onde ECG. Cosa dice e cosa non dice l'ECG."— Transcript della presentazione:

1 ELETTROCARDIOGRAMMA: basi fisiologiche; disposizione degli elettrodi nelle derivazioni standard; onde ECG. Cosa dice e cosa non dice l'ECG

2 Il “dipolo”: Consideriamo una strisciolina di miocardio distesa su di un piano (in un mezzo conduttore – liquido extracellulare), a riposo e durante la propagazione dell’eccitamento da sinistra a destra

3 mv

4 depolarizzazione ripolarizzazione plateau Riposo (isoelettrica)

5

6 IL TRIANGOLO DI EINTHOVEN

7

8

9

10

11

12 Asse elettrico cardiaco; vettorcardiografia

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34 aritmia sinusale; extrasistoli (foci ectopici); ritmo nodale, ritmo idioventricolare, tachicardia ventricolare, flutter e fibrillazione atriali e ventricolari. Funzione di "valvola" del nodo AV; protezione dai rientri. Principali disturbi del ritmo:

35 normale Blocco conduzione Effetto valvola: conduzione rallentata e rientro Spiegazione del probabile meccanismo di « rientro », responsabile di aritmie, tachicardia ventricolare e fibrillazione. La pallina rappresenta il PdA che si propaga; gli scalini rappresentano una riduzione graduale di eccitabilità: da sx a dx la conduzione è bloccata, ma da dx a sx è ancora possibile


Scaricare ppt "ELETTROCARDIOGRAMMA: basi fisiologiche; disposizione degli elettrodi nelle derivazioni standard; onde ECG. Cosa dice e cosa non dice l'ECG."

Presentazioni simili


Annunci Google