La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il nuovo CCNL del comparto Regioni-Autonomie Locali quadriennio 2002-2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il nuovo CCNL del comparto Regioni-Autonomie Locali quadriennio 2002-2005."— Transcript della presentazione:

1 1 Il nuovo CCNL del comparto Regioni-Autonomie Locali quadriennio

2 2 ART 1 : Campo di applicazione Il CCNL si applica tutto il personale dipendente con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e determinato. Riguardo i precedenti contratti presenta la novità della previsione della garanzia di continuità del trattamento contrattuale al personale delle IPAB e degli enti che sono soggetti a processi di mobilità in conseguenza a provvedimenti di soppressione, scorporo, trasformazione e riordino, ivi compresi i processi di privatizzazione, che abbiano riguardato gli stessi (vedi successivo art.3)

3 3 Con questo articolo viene confermato il precedente sistema delle relazioni sindacali, estendendolo: 1.alle associazioni ed unioni di più comuni territorialmente contigui tra loro; 2.per tutelare il personale nei processi di trasformazione ed esternalizzazione. In questultimo caso questa norma consente di applicare la disciplina contrattuale delle AA.LL al personale interessato fino alla definizione della nuova area negoziale. La relativa decisione è adottata previo confronto con le OO.SS ART 3 : conferma sistema relazioni sindacali

4 4 ART 4: tempi e procedure per la stipula dei contratti integrativi decentrati Si conferma la durata quadriennale dei contratti integrativi da svolgere in una unica sessione negoziale; la modalità di utilizzo delle risorse da determinarsi in sede di contrattazione decentrata integrativa con cadenza annuale

5 5 ART 5: contrattazione integrativa territoriale Riguarda enti territorialmente contigui, con un numero di dipendenti non superiore a 30. Occorre un preventivo protocollo dintesa tra Enti ed OO.SS Tali protocolli definiscono le delegazioni di parte pubblica e sindacale, il riconoscimento della rappresentanze delle RSU di ciascun ente, le procedure per la sottoscrizione degli accordi, gli adattamenti per consentire alle rappresentanze sindacali la fruizione delle tutele e dei permessi. Per le Camere di commercio contigue non vale il limite dei 30 dipendenti

6 6 ART 6 :La concertazione sostituisce lart 8 del CCNL la concertazione deve essere attivata entro 10 giorni dalla informazione mediante richiesta; in caso di urgenza entro 5 giorni; decorsi tali gli enti agiscono in piena autonomia. Per le materie oggetto di concertazione non è ammesso un diverso modello di relazione sindacale Gli Enti hanno lobbligo di designare la propria rappresentanza nella concertazione La concertazione deve concludersi entro 30 giorni dal suo avvio Vengono esclusi dallobbligo della concertazione i carichi di lavoro

7 7 ART 6 :La concertazione (segue) Le materie demandate alla concertazione sono quelle previste dallart.16 del CCNL e quelle riguardanti: 1. Articolazione dellorario di servizio 2. Calendari delle attività delle istituzioni scolastiche e degli asili nido 3. Criteri per il passaggio dei dipendenti per effetto di trasferimento di attività o di disposizioni legislative comportanti trasferimenti di funzioni e di personale ( vedi art 3 comma 2) 4. Andamento dei processi occupazionali 5. Criteri generali per la mobilità interna

8 8 ART 6: la concertazione (segue) ART 16 del CCNL ; materie oggetto di concertazione ( con integrazioni CCNL ): 1. Svolgimento selezioni per passaggi di qualifica 2. Valutazione necessità P.O. e relativa graduazione delle funzioni; criteri conferimento incarichi PO e loro valutazione periodica 3. Criteri di valutazione delle prestazioni e dei risultati del personale 4. Individuazione nuovi profili professionali 5. Individuazione risorse aggiuntive per finanziare la la progressione economica nelle categorie. 6. Aggiornamento e modificazione dei fondi per la progressione e per la posizione di risultato

9 9 ART 6: la concertazione (segue) 7. Individuazione fabbisogni personale per i rapporti di lavoro flessibile 8. criteri per il conferimento di mansioni superiori 9. Numero di dipendenti coordinati dagli specialisti di vigilanza della categoria D. Per il personale delle scuole : 1. Riduzione orario attività didattica /integrativa 2. Modalità attuative del calendario scolastico 3. Individuazione ulteriori attività rispetto il calendario scolastico

10 10 Art 7 : relazioni sindacali delle unioni dei comuni Le unioni dei comuni sono un soggetto istituzionale Autonomo Sono destinatari di tutte le disposizioni contrattuali, ivi comprese quelle sulle relazioni sindacali Sino alla elezione delle RSU la delegazione sindacale per la contrattazione decentrata è composta dalle organizzazioni territoriali firmatarie del CCNL e dai delegati delle RSU degli Enti che partecipano alla Unione

11 11 ART 8 : comitato paritetico sul mobbing Il contratto riconosce la necessità di intervenire contro il diffondersi del fenomeno del mobbing con riferimento alla circolare del Parlamento Europeo del 2001 In ogni ente è costituita una commissione paritetica che dura in carica 4 anni. Gli enti contigui territorialmente, con meno di 30 dipendenti, possono individuare una commissione comune. La commissione ha compiti propositivi e di conoscenza sul fenomeno del mobbing Non ha funzioni giudicanti e non decide sulle denunce Eventuali comportamenti sanzionabili devono essere ricondotti alle regole del procedimento disciplinare

12 12 ART 9: interpretazione autentica dei contratti collettivi Linterpretazione autentica spetta solo alle parti che hanno sottoscritto il CCNL o decentrato; LARAN si attiva autonomamente o su richiesta del Comitato di Settore. Per la richiesta dinterpretazione autentica non basta il solo dubbio interpretativo, è necessaria una condizione per la quale il problema interpretativo ed applicativo abbiano una rilevanza generale, e non per il singolo ente

13 13 ART 10: alte professionalità Questo articolo modifica la preesistente disciplina delle posizioni organizzative cui allart 8 del CCNL vengono valorizzate e specificate le posizioni e gli incarichi riferiti alle lettere b) e c) del citato art.8 Tali incarichi sono conferibili in tutti gli enti, anche in quelli privi di dirigenza Per la lettera b) specialisti portatori di competenze più elevate ed innovative con preparazione culturale correlata a titoli accademici (lauree specialistiche, master, dottorati di ricerca) ed eventuale iscrizione ad albi. Per la lettera c) assunzioni di particolari responsabilità nella ricerca, nella analisi e nella valutazione propositiva di problemi complessi e rilevanti per il programma di governo dellente.

14 14 ART 10: alte professionalità (segue) Gli Enti adottano atti di diritto comune per disciplinare le alte professionalità nel rispetto del sistema di relazioni sindacali vigente al fine di: 1. Determinare criteri e condizioni per lindividuazione delle responsabilità cui al comma 2 dellart Individuare criteri per la quantificazione dei valori della retribuzione di posizione e risultato 3. Criteri per la valutazione dei risultati e degli obiettivi nellambito del vigente sistema di controllo interno

15 15 ART 10: alte professionalità (segue) Glimporti della retribuzione di posizione relativi a tali incarichi sono compresi tra un minimo di 5.164,56 ed un massimo di La posizione di risultato può variare da un minimo dal 10% ad un massimo del 30% in più della retribuzione di posizione in godimento Il finanziamento dellart.10 è dato dallincremento pari al 0,2% delle risorse decentrate calcolate al secondo quanto previsto dallart..32 comma 7 del presente CCNL.

16 16 ART 11: posizioni organizzative a tempo parziale Ad integrazione dellart. 4 del CCNL , nei comuni privi di dirigenza, e sulla base di specifiche esigenze organizzative verificate in sede di concertazione, possono essere conferite le posizioni organizzative a dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale non inferiore al 50% del tempo pieno, anche in via temporanea. Il relativo trattamento economico, compresa la retribuzione di posizione, deve essere riproporzionato rispetto al tempo pieno.

17 17 ART 12: Commissione paritetica sul sistema di classificazione Entro trenta giorni dalla sigla definitiva del contratto è nominata una Commissione Paritetica che ha il compito dintervenire per : 1. adeguare il sistema di classificazione ai nuovi compiti assegnati agli Enti dai processi di riforma istituzionale 2. Rivisitare la collocazione dei profili sulla base delle indicazioni di legge per listituzione di nuovi profili professionali e dei titoli di studio richiesti per laccesso allimpiego. 3. Dare attuazione ai contenuti dellart.24 del CCNL Perfezionare la clausola delle selezioni verticali tra le categorie e chiarire i punti di accesso intermedi sulle posizioni D3 e B3

18 18 ART. 13: gestione delle risorse umane Le unioni dei comuni, gestiscono il rapporto di lavoro del proprio personale assunto, anche per mobilità, a tempo indeterminato o determinato; a tempo pieno o parziale sulla base delle disposizioni del CCNL e nel rispetto del vigente sistema di relazioni sindacali. Gli atti di gestione del personale temporaneamente assegnato sono adottati dallente titolare per tutti gli istituti giuridici ed economici ivi comprese le progressioni economiche orizzontali e verticali previa acquisizione degli elementi di conoscenza da parte dellunione. Per gli aspetti attinenti il salario accessorio si applica al personale temporaneamente assegnato la stessa disciplina del personale dipendente dellUnione

19 19 ART. 13: gestione delle risorse umane (segue) Le unioni determinano lentità delle proprie risorse secondo la disciplina contrattuale vigente per la determinazione dello straordinario e delle risorse destinate alle politiche di sviluppo delle risorse umane e della produttività cui agli artt. 14 e 15 del CCNL , nonché degli art. 31 e 32 del presente CCNL Tali risorse finanziarie sono determinate in sede di prima applicazione, relativamente al personale assunto direttamente, anche in mobilità, sulla base dei valori medi pro-capite vigenti presso gli enti costituenti lunione, per la quota di risorse aventi carattere di stabilità e continuità ( punto a) comma 4). Lammontare degli stanziamenti ed i loro utilizzo è deciso sulla base di quanto disposto dal vigente sistema di relazioni sindacali

20 20 ART. 13: gestione delle risorse umane (segue) Relativamente al personale temporaneamente messo a disposizione dagli enti aderenti, mediante trasferimento delle risorse relative al solo finanziamento degli istituti tipici del salario accessorio da parte degli enti in rapporto alla classificazione dei lavoratori interessati ed alla durata temporale della stessa assegnazione ; lentità delle risorse viene periodicamente aggiornata in relazione alle variazioni conseguenti ai successivi rinnovi contrattuali (punto b) del comma 4).

21 21 ART. 13: gestione delle risorse umane (segue) La contrattazione decentrata può destinare parte delle risorse del fondo per incentivare il personale assegnato temporaneamente con: 1. un compenso massimo di 25 mensili,variabile in base alla categoria di appartenenza ed alle mansioni affidate, strettamente correlato alla prestazione lavorativa 2. Lerogazione di un compenso per particolari responsabilità (ex art 17,comma 2, lettera f CCNL ) nel valore massimo di 2000 con possibilità di cumulo con quella analoga già riconosciuta dallente di appartenenza.

22 22 ART. 13: gestione delle risorse umane (segue) Le unioni dei comuni applicano la disciplina degli artt. 8, 9, 10, 11 del CCNL possono pertanto individuare posizioni organizzative che, nel caso di unioni prive di dirigenza, coincidono con gli apicali; le posizioni di alta professionalità ove ne ricorrano le condizioni. La retribuzione di posizione è correlata alla natura dellincarico ed alla durata della prestazione (se temporanea o parziale) Il valore economico si può cumulare con quello già acquisito per analogo incarico nellente di provenienza, valore che deve essere riproporzionato con riferimento alla ridotta prestazione di lavoro

23 23 ART. 13: gestione delle risorse umane (segue) Il valore complessivo della retribuzione di posizione che si può percepire varia da un minimo di 5.164,56 ad un massimo di La retribuzione di risultato da un minimo del 10% ad un massimo del 30% in più della complessiva retribuzione di posizione attribuita I valori sono utili anche per il solo incarico nellunione conferito al personale utilizzato a tempo parziale ; il compenso deve essere rapportato alla durata della prestazione lavorativa dobbligo Per il finanziamento delle eventuali PO in unioni prive di dirigenza trova applicazione la disciplina dellart 11 del CCNL

24 24 ART.14 : personale utilizzato a tempo parziale e servizi in convenzione vedi dichiarazione congiunta n.10 Gli enti utilizzano il personale messo a disposizione da altri enti del comparto per periodi determinati e per una parte del tempo di lavoro ( giornaliero, settimanale..) Occorre il consenso del lavoratore e dellente di appartenenza La convenzione tra gli enti chiarisce il tempo di lavoro in assegnazione, la ripartizione degli oneri, ogni altro elemento utile. Lutilizzo parziale dello stesso lavoratore da parte dei due enti non si configura come rapporto di lavoro a tempo parziale, restando unica la prestazione dobbligo.

25 25 ART.14 : personale utilizzato a tempo parziale e servizi in convenzione (segue) Il rapporto di lavoro, in tutte le sue parti applicative, sono di competenza dellente di provenienza che rimane titolare del rapporto stesso, previa acquisizione dei necessari elementi da parte dellente utilizzatore. La contrattazione decentrata dellente utilizzatore può prevedere forme dincentivazione economica per il personale assegnato a tempo parziale secondo la disciplina generale dellart.17 del CCNL , utilizzando le risorse disponibili secondo il successivo art.31 Per la gestione del salario accessorio e delle prestazioni straordinarie i relativi atti sono emessi dallente utilizzatore

26 26 ART.14 : personale utilizzato a tempo parziale e servizi in convenzione (segue) I lavoratori utilizzati a tempo parziale possono essere incaricati di P.O. nellente di utilizzazione o nei servizi in convenzione ; limporto annuo varia complessivamente da un minimo di 5.164,56 ad un max di per la retribuzione di posizione e di un min del 10% ad un max del 30% in più della retribuzione in godimento. Limporto è riproporzionato in base al tempo di lavoro e si cumula con quello eventualmente in godimento per lo stesso titolo nellente di appartenenza che, a sua volta, subisce un corrispondente riproporzionamento. Lente utilizzatore, con propri fondi, corrisponde la personale utilizzato a tempo parziale il rimborso delle spese di trasferta (comma 6) vedi dichiarazione congiunta n 11

27 27 ART.15 : Posizioni organizzative apicali In tutti gli Enti del Comparto privi di dirigenza il personale cui siano stati affidati gli incarichi di responsabilità delle strutture apicali dellente è anche titolare di posizione organizzativa disciplinata dallart 8 e seguenti (ART.11) del CCNL vedi dichiarazione congiunta n 12

28 28 PREMESSA POLITICA Con questa premessa si riconosce la rilevanza e la specificità del ruolo della polizia locale in un contesto di modifica del titolo V della costituzione e delle modifiche della legislazione corrente in materia di polizia locale. In particolare si sottolinea lesigenza di modelli organizzativi che sanciscano lautonomia funzionale del corpo; la diretta dipendenza funzionale del responsabile del corpo o del servizio dal sindaco; la necessità di continui processi formativi e sviluppo professionale che consentano una migliore valorizzazione di questa figura ; la definizione delle problematiche legate alla copertura assicurativa dei vigili urbani

29 29 ART 16: indennità del personale dellarea della vigilanza A decorrere dall è incrementata di 25 al mese ( x 12 mesi) lindennità del personale dellarea di vigilanza cui allart 37 comma 1 lettera b – primo periodo del CCNL , ivi compresi i custodi delle carceri mandamentali che esercita le funzioni cui allart 5 della legge 65/86 per un importo complessivo annuo di 1.110,84 lordi Anche per il personale dellarea della vigilanza che non svolge le funzioni cui allart 5 della citata legge 65 è aumentata lindennità cui allart 37 comma 1 lettera b) secondo periodo di 25 per dodici mesi per un importo complessivo di 780,30 annui lordi

30 30 ART 17: prestazioni assistenziali e previdenziali Con questo articolo si disciplina lutilizzo dei proventi delle sanzioni emesse in violazione delle norme del codice della strada ai sensi dellart. 208 dello stesso codice, finalizzando queste risorse a prestazioni assistenziali e previdenziali destinate al solo personale della polizia locale. La gestione di queste risorse è affidata ad organismi formati dai rappresentanti dei dipendenti così come previsto dal richiamato art 11 della legge 300

31 31 ART 18: permessi per lespletamento di funzioni di pubblico ministero Il personale della polizia locale cui sono state affidate funzioni di pubblico ministero presso il tribunale ordinario per delega della Procura della Repubblica ha diritto alla fruizione di permessi retribuiti per il tempo necessario allespletamento dellincarico affidato

32 32 ART 19: partecipazione comandati e distaccati alle progressioni orizzontali e verticali vedi dichiarazione congiunta n 13 Il lavoratore, anche se distaccato o comandato, ha diritto a partecipare alle selezioni per le progressioni orizzontali e verticali effettuate nellente di appartenenza. Per realizzare tale diritto lente di appartenenza chiede a quello utilizzatore le informazioni e le valutazioni ritenute necessarie dalla propria disciplina. Gli oneri del trattamento fondamentale ed accessorio, del personale distaccato o comandato, sono a carico dellente utilizzatore che, sulla base di specifici accordi di collaborazione possono essere direttamente o periodicamente rimborsati allente titolare Per gli istituti del salario accessorio trova invece applicazione la disciplina vigente dellente utilizzatore

33 33 ART 20: assenze per lesercizio di funzioni di giudice onorario o di vice procuratore onorario ART 20: assenze per lesercizio di funzioni di giudice onorario o di vice procuratore onorario Il dipendente autorizzato a svolgere le funzioni di giudice onorario o di vice-procuratore onorario (non per motivi di ufficio come nel caso del precedente art.18) ha diritto di assentarsi dal lavoro per espletare il suo incarico. Lassenza non è retribuita e non è utile ai fini dellanzianità di servizio e per gli altri istituti contrattuali. Il periodo di assenza non concorre al cumulo delle aspettative cui allart.14 del CCNL

34 34 ART 21: cause di cessazione del rapporto di lavoro La norma stabilisce che la risoluzione del rapporto di lavoro avviene quando si raggiunge non solo il limite massimo delletà ma anche di servizio quando tale ultima ipotesi sia espressamente prevista come obbligatoria dalle fonti legislative e regolamentari applicate presso lente

35 35 ARTICOLI dal 22 al 28 Questi articoli riscrivono le disposizioni disciplinari in base alla necessità di aggiornare linsieme dei doveri, degli obblighi, delle tutele dei lavoratori tenendo conto delle novità introdotte dal nuovo codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni adottato, ai sensi dellart. 54 del dlgs 165/2000, con decreto dal ministro della Funzione Pubblica il lart 1 di tale decreto rimanda ai CCNL il compito di recepire dette indicazioni

36 36 ART 29: stipendio tabellare vedi dichiarazione congiunta 15 e 16 Gli stipendi tabellari prevedono due aumenti economici mensili, con decorrenza e , con il conglobamento da questultima data della indennità integrativa speciale. Le maggiori somme di iis percepite dal personale della categoria B e D vengono conservate come assegno ad personam non riassorbibile. Tali importi entrano a fare parte del trattamento economico previsto allart.52, comma 2, lettera b) del CCNL Viene confermata la retribuzione individuale di anzianità (Ria) e gli assegni personali a carattere continuativo e non riassorbibile.

37 37 ART 29: stipendio tabellare (segue) vedi dichiarazione coingiunta n 14 Gli aumenti stipendiali attribuiti al personale in servizio collocato nelle diverse posizioni economiche delle categorie sono a carico dei bilanci degli enti. I maggiori incrementi stipendiali spettanti al personale contribuiscono ad implementare il valore della parte del fondo relativo alla progressione economica Ciò significa che in caso di cessazione dal servizio o di progressione verticale si possono recuperare alle risorse decentrate stabili tutti gli importi della progressione economica

38 38 ART 30: effetti dei nuovi stipendi Gli effetti dei nuovi stipendi si estendono al personale collocato a riposo nel biennio e, con le stesse decorrenze, ai fini della determinazione della pensione Per il trattamento di fine servizio e dellindennità di preavviso si considerano solo glincrementi maturati alla data della cessazione dal servizio. Sono anche utili, con effetto gennaio 2002 e 2003, per rivalutare la base di calcolo dei compensi per tutte le prestazioni svolte nel periodo che prendono a riferimento lo stipendio ( turni, staordinario, compenso orario notturno, …)

39 39 ART 30: effetti dei nuovi stipendi (segue) Glincrementi previsti devono essere corrisposti con le medesime decorrenze anche al personale che ha prestato servizio nel biennio con rapporto di lavoro flessibile disciplinato dal CCNL Il conglobamento sullo stipendio tabellare della i.i.s cui allart.29 comma 3 del presente CCNL non modifica le modalità di determinazione della base di calcolo in atto per il trattamento pensionistico

40 40 ART 31: disciplina delle risorse decentrate Dallanno 2004 le risorse destinate alla produttività ed allo sviluppo professionale del personale (art 15 CCNL ) devono essere calcolate secondo la nuova disciplina che individua due tipologie di risorse: 1. Quelle stabili aventi carattere di stabilità, certezza e continuità 2. Quelle variabili con caratteristica di eventualità e variabilità

41 41 ART 31: disciplina delle risorse decentrate (segue) Al comma 2, per risorse stabili sintendono quelle calcolate dagli Enti nel 2003 con riferimento alle seguenti disposizioni: 1. CCNL : art 14, comma 4; art 15 comma 1, lettere a) b) c) f) g) h) i) j) l), comma 5 ( anche per quanto attiene lincremento delle dotazioni organiche ) 2. CCNL : art 4, commi 1 e 2 A ciò si aggiungono glincrementi previsti dall art 32, comma 1 (0,62%), comma 2 (0,50%) a decorrere dal 2003

42 42 ART 31: disciplina delle risorse decentrate (segue) Nel comma 3 le risorse stabili sono integrate annualmente con importi aventi caratteristica di variabilità conseguenti alla applicazione della seguente disciplina contrattuale : 1. CCNL : art 15, comma 1 lettere d) e) k) m) n), comma 2 e comma 4 (relativi allincremento del 1,2%), comma 5 per gli effetti correlati al miglioramento ed allincremento dei servizi 2. CCNL art CCNL art.4 commi 3 e 4

43 43 ART 31: disciplina delle risorse decentrate (segue) vedi anche le dichiarazioni congiunte 18 e 19 Si conferma la disciplina dellart 17 del CCNL (le somme non utilizzate del fondo sono portate in aumento delle risorse dellanno successivo) Per i problemi interpretativi che possono sorgere in fase di prima applicazione del presente articolo è importante tenere presente la Dichiarazione congiunta n.17: qualora prima della sottoscrizione del presente CCNL siano stati sottoscritti contratti integrativi che definiscono criteri e condizioni per applicare lart.5 del CCNL questi devono essere onorati dando conseguenza piena applicazione degli accordi stipulati

44 44 ART 31: disciplina delle risorse decentrate (segue) E necessario tenere presente che per la costituzione del fondo, il pro-quota delle risorse che sono considerate stabili è così determinato : 1. Le somme destinate a corrispondere glincrementi per le progressioni economiche e che, fino al avrebbero dovuto costituire il relativo fondo previsto dallart 17 del CCNL Le somme destinate al pagamento delle posizioni organizzative negli enti con dirigenza 3. Le risorse utilizzate per la prima riclassificazione di alcune categorie di lavoratori ( ad es. area della vigilanza) 4. Le somme utilizzate per corrispondere lincremento delle indennità per il personale educativo scolastico e degli asili nido 5. Le somme utilizzate per completare il finanziamento della indennità di comparto.

45 45 ART 32: incrementi delle risorse decentrate vedi dichiarazioni congiunte 20 e 21 Le risorse previste dallart 31 sono incrementate per tutti gli enti, dal 2003, per un importo pari allo 0,62% del monte salari 2001, esclusa la quota della dirigenza Sempre dal 2003 gli enti (Regioni, Enti Locali, Camere di Commercio) incrementano le risorse decentrate stabili di un ulteriore importo pari allo 0,50% del monte salari del 2001 se nei limiti del rapporto spesa personale ed entrate correnti stabilito nellarticolo 32. Gli altri enti del comparto possono disporre un incremento fino al 50% ove sia accertata la necessaria capacità di spesa Gli Enti in possesso dei requisiti prescritti per lo 0.50% possono incrementare le risorse decentrate di un ulteriore 0,20%o per finanziare gli incarichi delle alte professionalità ( vedi dichiarazione CGIL-CISL-UIL)

46 46 ART 32: incrementi delle risorse decentrate (segue) Gli Enti Locali dissestati o strutturalmente deficitari non possono disporre degli incrementi delle risorse dello 0.50% e dello 0,20%. Con effetto dalla data di sottoscrizione del CCNL viene disapplicata la disciplina dellart 5 del CCNL (parametri virtuosi) E confermata lindennità di 64,56 al personale per il personale assunto o classificato nella categoria A, B che si trovano nelle condizioni di cui allart.4 comma 3 del CCNL

47 47 FONDO INCENTIVAZIONE FONDO INCENTIVAZIONE risorse stabili quelle storiche riferite alla applicazione delle ( calcolate al 2003) apposite lettere artt 14/15 del CCNL ed art.4 CCNL ,62% a carico del CCNL sul monte salari ,50% a carico Enti nel rispetto del rapporto costo personale / entrate sul monte salari ,20% come sopra per finanziare le alte professionalità risorse variabili sono quelle cui artt 15 CCNL 4.99; art 54 CCNL ;art.4 CCNL ; vanno discusse ogni anno

48 48 ART 33: Istituzione della indennità di comparto Questa nuova voce retributiva risponde alla esigenza di perequazione ed omogeneizzazione con gli altri comparti pubblici Decorre dal e spetta a tutto il personale in servizio, ivi compresi i lavoratori assunti con i contratti di lavoro flessibile disciplinati dal CCNL Ha carattere di generalità e natura fissa e ricorrente ; è corrisposta per 12 mensilità; può essere ridotta o sospesa per gli stessi casi previsti per la riduzione dello stipendio tabellare. Le quote dindennità vengono recuperate al fondo in caso di cessazione dal servizio del personale interessato

49 49 ART 33: Istituzione della indennità di comparto (segue) Lindennità di comparto non è utile ai fini del trattamento di fine servizio Non è utile ai fini del calcolo del TFR Poiché non vengono modificate le attuali modalità di calcolo della pensione le somme riferite alla indennità di comparto continuano ad essere ricomprese in quota B. Pertanto, per la sua natura, deve essere ricompresa nella nozione di retribuzione di cui alla lettera d) dellart 52 del CCNL (salario di fatto)

50 50 INDENNITA DI COMPARTO TABELLA D CATEGORIAQuota Quota Quota Tolale D4,957,9539,0051,90 C 4,347,0134,4545,80 B 3,736,0029,5839,31 A 3,094,9324,3832,40

51 51 ART 34: Finanziamento delle progressioni orizzontali Si conferma che gli oneri delle progressioni orizzontali sono a carico delle risorse decentrate stabili; queste vengono ridotte dei relativi importi dalla data della decorrenza delle stesse. Gli oneri sono calcolati su base annua e sono comprensivi della 13 mensilità. Dal momento della cessazione dal servizio o a seguito di progressione verticale glimporti fruiti per la progressione economica sono recuperati alla disponibilità delle risorse decentrate stabili

52 52 ART 34: Finanziamento delle progressioni orizzontali (segue) Con questo articolo viene disapplicata la disciplina dellart 16, comma 2 del CCNL ; tale norma stabiliva per le progressioni economiche che il costo medio ponderato del personale collocato in ciascun percorso economico di sviluppo non poteva superare il valore medio del percorso. Ora, con il nuovo CCNL, lunico limite per le progressioni economiche è la disponibilità delle risorse del fondo ( vedi dichiarazione congiunta n 22)

53 53 ART 35:integrazione delle posizioni economiche Con decorrenza si istituisce per ogni categoria una nuova posizione economica finale denominata A5 – B7 – C5 – D6 I criteri da utilizzare per le selezioni alle posizioni di sviluppo indicate sono quelli cui allart 5 del CCNL , in particolare le lettera a) per il passaggio ad A5; lettera d) per le posizioni B7 - C5 - D6

54 54 ART 36: modifiche allart. 17 del CCNL Il compenso per lesercizio dei compiti che comportano le specifiche responsabilità cui allart 17, comma 2 lettera f) del CCNL 99 può essere determinato in sede di decentrata entro i nuovi valori lordi compresi tra 1000 e Dopo la lettera f) del comma 2 è aggiunta una nuova lettera i) che attribuisce il compenso massimo di 300 annui lordi a responsabilità relative a: archivista informatico; addetti agli URP: formatori professionali;funzioni di ufficiale giudiziario dei messi notificatori; personale della protezione civile; ufficiali di stato civile ed anagrafe, ed ufficiale elettorale; responsabile dei tributi stabiliti dalle leggi

55 55 ART 37: compensi per la produttività Sostituisce lart 18 del CCNL ; ribadendo che la produttività è legata alleffettivo incremento quali- quantitativo dei servizi da intendersi entrambi come risultato aggiuntivo apprezzabile rispetto il risultato atteso dalla normale prestazione lavorativa. I compensi per la produttività sono corrisposti a conclusione di periodici momenti di verifica e di valutazione,sia sulla base delle prestazioni e dei risultati che degli obietti conseguiti.

56 56 ART 37: compensi per la produttività (segue) La produttività non può essere attribuita sulla base di automatismi comunque denominati La valutazione delle prestazioni viene effettuata sulla base del sistema permanente di valutazione i cui criteri vanno ridiscussi con il sindacato, in sede di nuovo contratto decentrato, secondo le modalità previste dal sistema di relazioni sindacali vigente Per le Camere di Commercio eventuali ulteriori risorse conseguenti alla applicazione dellart.15, lettera n) e comma 5 sono destinate a compensare il risultato e la prestazione previa valutazione dellincidenza economica di tali costi sulle iniziative di ampliamento e miglioramento dei servizi

57 57 ART 38 : personale distaccato alle associazioni degli enti Per il personale distaccato presso gli organismi nazionali e regionali delle autonomie locali i relativi oneri riferiti al trattamento fisso e ricorrente cui allart 52, punto 2-lettera c) del CCNL , ivi compresa la tredicesima mensilità e lindennità di comparto, sono a carico dellente di appartenenza

58 58 ART 39: dipendenti in distacco sindacale La tutela del trattamento economico viene completata mediante la conservazione sia della 13 mensilità che della nuova indennità di comparto La contrattazione decentrata dovrà considerare anche il personale in distacco sindacale sia per la produttività che per quanto riguarda le progressioni orizzontali

59 59 ART 40: straordinario per calamità naturali le risorse assegnate agli enti per fare fronte alle emergenze naturali per remunerare le prestazioni straordinarie del personale possono essere assegnate, per le medesime finalità anche ai titolari di posizioni organizzative.

60 60 ART 41: indennità di rischio Lindennità di rischio di cui allart 37 del CCNL di 20,65 mensili è rideterminata in 30 mensili con decorrenza ed è a carico delle disponibilità del fondo.

61 61 ART 42: benefici economici per gli invalidi per servizio Qualora il riconoscimento formale dellinvalidità intervenga dopo il collocamento a riposo il soggetto interessato, o i suoi eredi, può presentare la richiesta del beneficio economico entro 60 giorni successivi al riconoscimento Il trattamento economico viene calcolato prendendo a riferimento la retribuzione spettante lultimo mese di servizio

62 62 ART 43: tredicesima mensilità In caso di cessazione dal servizio per un periodo inferiore allanno la tredicesima si calcola in ragione di un dodicesimo per ogni mese di servizio prestato, nel caso delle frazioni di mese in ragione di un trecentossentacinquesimo per ogni giorno di servizio prestato nel mese. Il valore dellimporto spettante è calcolato in riferimento al trattamento del mese contiguo al periodo lavorato

63 63 ART 45: conferma discipline precedenti Vengono confermate tutte le discipline dei precedenti contratti ove non disapplicate. Sono confermate in particolare le disposizioni relative allorario ed alle sue articolazioni, le disposizioni in materia di lavoro flessibile del CCNL

64 64 Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni In questa parte del CCNL si recepisce la legislazione corrente attinente i comportamenti che devono essere osservati dai pubblici dipendenti nellespletamento della loro attività, così come stabilito dallart.54 del dlgs 165/2001, coerentemente a tutti gli altri CCNL del pubblico impiego.


Scaricare ppt "1 Il nuovo CCNL del comparto Regioni-Autonomie Locali quadriennio 2002-2005."

Presentazioni simili


Annunci Google